Escherichia (Escherichia coli): caratteristiche, sintomi, test, trattamento

Escherichia - E. coli, l'abitante della normale microflora intestinale di una persona sana. L'escherichia cresce e si moltiplica nell'intestino crasso degli animali a sangue caldo. La maggior parte di questi sono innocui e alcuni ceppi causano gravi malattie infettive nell'uomo - escherichiosi. L'escherichiosi è un'antroponosi batterica causata da Escherichia coli patogeno e manifestata da segni clinici di intossicazione e sindrome dispeptica.

Escherichia coli (Escherihia coli) fu isolata per la prima volta dall'escreto umano dal batteriologo tedesco Escherich nel tardo XIX secolo. GNGurbichevsky scoprì per la prima volta la capacità di produrre tossine in E. coli e confermò il suo ruolo nello sviluppo di una patologia infettiva dell'intestino. Già nel 20 ° secolo, A. Adam ha studiato in dettaglio le proprietà di Escherichia e le ha divise in tipi. Nel 1945, F. Kaufman sviluppò la classificazione sierologica di E. coli, che è ancora attuale.

E. coli - saprofiti che vivono in un organismo vivente e non causano lo sviluppo di malattie. Questi microorganismi avvantaggiano l'ospite: sintetizzano la vitamina K e B, impediscono la riproduzione e inibiscono la crescita della flora patogena nell'intestino, abbattono parzialmente la cellulosa e gli zuccheri di processo, sintetizzano sostanze simili agli antibiotici - le coliche che combattono gli agenti patogeni, rafforzano il sistema immunitario. Se la quantità di E.coli va oltre l'ordinario, la persona si sentirà sicuramente male.

Funzioni di Escherichia nel corpo umano:

  • Una delle funzioni principali e molto importanti dell'Escherichia è antagonistica. Gli Escherichia sono antagonisti contro Shigella, Salmonella e germi putrefattivi. A causa di ciò, la crescita di microrganismi appartenenti a questi generi e specie è soppressa. L'antagonismo di Escherichia contro Shigella e Salmonella è dovuto alla competizione per una fonte di carbonio.
  • Funzione immunizzante: i microrganismi assicurano la prontezza del sistema immunitario per le reazioni ai successivi stimoli antigenici.
  • La formazione di vitamine - sono coinvolte nella sintesi enterale delle vitamine K, B, acido nicotinico e folico.
  • Partecipa al metabolismo dei lipidi e dei sali d'acqua.
  • Partecipano alla disgregazione enzimatica dei carboidrati ad alto peso molecolare.
  • Migliora la motilità intestinale e l'assorbimento dei nutrienti nel tratto intestinale.

Escherichia vive non solo nel tratto digestivo umano. Sono in grado di sopravvivere su oggetti ambientali. La loro individuazione nell'ambiente indica una contaminazione fecale. Ecco perché Escherichia è chiamata un microrganismo indicatore. L'escherichiosi è diffusa. Stagionalità della patologia autunno-estate.

Attualmente, ci sono molte varietà di Escherichia:

  1. Laktozopozitivnye,
  2. lactosonegative,
  3. Emolitico, che dovrebbe normalmente essere assente.

Tutti loro sono uniti in un genere Escherichia e appartengono alla famiglia degli Enterobatteri. Alcuni serovar di Escherihia coli possono causare infezioni da coli - escherichiosi. Queste sono enterite acuta e enterocolite, che sono spesso manifestate da sintomi extraintestinali. L'infezione è diffusa principalmente dal meccanismo fecale-orale, che viene attuato dai mezzi alimentari e domestici. Il trattamento della patologia è etiotropico e sintomatico.

Escherichia sono divisi in patogeni, tossigenici, invasivi, emorragici.

Secondo la classificazione clinica della colibacillosi sono:

  • gastroenterite,
  • Enterokoliticheskie,
  • Gastroenterokoliticheskie,
  • Generalizzato.

Per gravità, ci sono tre forme di colibacillosi:

eziologia

Morfologia. L'agente eziologico della colibacillosi è Escherichia coli enteropatogeno. Questo breve batterio a forma di bastoncello con estremità leggermente arrotondate è Gram-negativo. E. coli è un anaerobico facoltativo che non forma una spora. Alcuni ceppi hanno flagelli e sono in grado di muoversi, altri formano una capsula.

Proprietà culturali Nello studio delle feci di una persona sana sull'ambiente Endo di solito coltiva colonie di lattosio-positivi rosse di bastoncini intestinali, spesso con una lucentezza metallica. Le colture negative al lattosio formano colonie rosa pallido. Nei bambini di età inferiore a 3 anni sono studiati in relazione all'appartenenza a ceppi patogeni. L'E. coli emolitico non dovrebbe essere normalmente rilevato.

Patogenicità. Tutti gli Escherichia che prendono in considerazione le loro proprietà patogene sono divisi in tre grandi gruppi:

  • I batteri non patogeni colonizzano il colon per tutta la vita e svolgono le sue funzioni benefiche.
  • Condizionalmente patogeni sono anche normali abitanti dell'intestino, ma quando rilasciati in un altro ambiente acquisiscono proprietà patogene e causano varie malattie.
  • Escherichia patogena - agenti patogeni di infezione intestinale acuta.
  1. Hanno bevuto e fimbria, fornendo adesione e colonizzazione della mucosa intestinale,
  2. Plasmidi che promuovono la penetrazione del microbo nelle cellule dell'epitelio intestinale,
  3. citotossina
  4. emolisina,
  5. L'endotossina termostabile ha un effetto enteropatogeno,
  6. L'esotossina termolabile si distrugge facilmente nell'aria, ha un effetto neurotropico ed enterotropico.

Escherichia condizionatamente patogena in gran numero colonizza l'intestino di una persona sana. Quando rilasciati in altri loci del corpo, causano varie patologie: nella cavità addominale, nella peritonite, nella vagina, nella colpite, nella ghiandola prostatica, nella prostatite. Ad esempio, nelle persone sane nelle urine, l'Escherichia tipica può essere trovata in una quantità inferiore a 10 o 3 gradi di unità formanti colonia. Quando l'indicatore è di 10 o 4 gradi, gli esperti sospettano che il paziente abbia la pielonefrite. Nelle donne con patologia ginecologica, lo scherichia può essere rilevato in uno striscio dal canale cervicale. La penetrazione del patogeno contribuisce al mancato rispetto delle regole di igiene intima, contatti anale-vaginali. Quando si rileva E. coli in un tampone faringeo, viene eseguita una terapia antibiotica.

epidemiologia

La fonte dell'infezione è una persona malata, convalescente o una portatrice batterica. Il meccanismo fecale-orale di trasmissione e diffusione dell'infezione è implementato nei seguenti modi:

  • La via del cibo viene svolta con l'uso di alimenti contaminati: latte, piatti a base di carne, insalate, piatti culinari poco elaborati, hamburger.
  • Il modo di contatto domestico viene effettuato tramite mani infette e articoli per la casa. Chi è in una squadra chiusa e chi non segue le regole dell'igiene personale è più suscettibile alle infezioni.
  • Acqua - l'infezione si diffonde bevendo acqua potabile inquinata dalle fognature o utilizzandola per irrigare le colture.

La suscettibilità alle infezioni intestinali acute causate da Escherichia è determinata dall'età della persona, dallo stato del sistema immunitario, dalla patogenicità del patogeno, dalle sue proprietà biochimiche e dall'effetto sull'epitelio del tratto gastrointestinale. I bambini di età inferiore a uno, indeboliti da malattie croniche del volto e gli anziani hanno la maggiore suscettibilità a vari processi infettivi.

patogenesi

L'escherichia nell'intestino secerne un fattore di colonizzazione, attraverso il quale si attaccano agli enterociti. Dopo l'adesione dei microbi sull'epitelio intestinale, i microvilli sono danneggiati. Nella colibacillosi simile a quella dissenziente, i batteri invadono le cellule intestinali e, nel caso di infezioni colero-intestinali, questa capacità è assente.

Il principale fattore patogeno è l'enterotossina. Questa è una proteina che ha un effetto speciale sui processi biochimici nell'intestino. Stimola la secrezione di acqua ed elettroliti, che porta allo sviluppo di diarrea acquosa e alterazione del metabolismo del sale marino. La mucosa intestinale è infiammata e su di essa si formano erosioni. L'endotossina viene assorbita nel sangue attraverso l'epitelio danneggiato. Ischemia e necrosi dell'intestino si manifestano con muco e sangue nelle feci. Nel corpo del paziente si sviluppa la disidratazione, l'ipossia, l'acidosi metabolica.

Le fasi di sviluppo di colibacillosis:

  1. L'agente patogeno entra nel corpo umano per via orale,
  2. Raggiunge l'intestino,
  3. Il microbo interagisce con le cellule della mucosa intestinale,
  4. Gli enterociti si infiammano e si rifiutano,
  5. Le tossine vengono rilasciate,
  6. La funzione intestinale è compromessa.

sintomatologia

Nei bambini piccoli, la malattia si manifesta:

  • Sintomi dispeptic - vomito, diarrea, brontolio nell'addome, meteorismo,
  • Sintomi di intossicazione e disidratazione in colibacillosi - febbre, brividi, debolezza, malessere, mancanza di appetito, pelle pallida, malumore, disturbi del sonno.

Con la progressione della patologia, il dolore addominale diventa insopportabile, le feci diventano sanguinarie purulente. Nei pazienti indeboliti la tossicosi si sviluppa rapidamente, il peso corporeo diminuisce. Possibile processo di generalizzazione.

Negli adulti, questa forma di patologia procede secondo il tipo di salmonellosi. I pazienti compaiono per primi segni di intossicazione - stanchezza, mal di testa, febbre, mialgia, artralgia. Quindi unisci i sintomi dispeptici - un dolore acuto e angosciante nell'addome, nausea, vomito, feci verdastre.

La colibacillosi simile a dissenteria ha un esordio acuto ed è caratterizzata da lievi segni di intossicazione. In rari casi, la temperatura può salire a 38 ° C. I pazienti di solito hanno mal di testa, vertigini, debolezza, dolore cramping intorno all'ombelico, tenesmo, diarrea. Le feci molli si ripetono fino a 5 volte al giorno. Nelle feci rilevare muco e sangue.

L'escherichiosi del colera si manifesta con malessere, debolezza, nausea, dolore epigastrico e vomito. A volte questa forma è indolore. Le feci sono acquose, senza muco e sangue. Di solito la febbre è assente.

In assenza di una terapia tempestiva e adeguata, si sviluppano gravi complicanze della colibacillosi: shock tossico, disidratazione, sepsi, infiammazione dei polmoni, reni, cistifellea, meningi, cervello.

diagnostica

Escherichia e infezioni intestinali acute causate da loro sono uno dei problemi urgenti e complessi della medicina moderna. L'attuazione di un'efficace sorveglianza epidemiologica, un'efficace prevenzione e trattamento delle infezioni intestinali richiede una comprensione oggettiva della struttura eziologica, che attualmente non è sufficientemente decifrata. Nella pratica quotidiana, vi è un approccio semplificato alla diagnosi eziologica delle infezioni intestinali acute causate da Escherichia. Quando la diagnosi viene fatta sulla base del solo fatto che uno qualsiasi di questi batteri è stato espulso dalle feci. Una tale decifrazione disorienta clinici ed epidemiologi senza contribuire a una corretta comprensione della materia.

Tra gli importanti criteri di laboratorio nella diagnosi di colibacillosi sono i seguenti:

  1. Risultati negativi dell'esame batteriologico delle feci su microrganismi patogeni, eseguiti in modo tempestivo e qualitativamente in accordo con i metodi esistenti.
  2. Esclusione di Escherichia isolata a causa di disbiosi. La rilevazione di batteri in fase di convalescenza è considerata come una disbiosi intestinale.
  3. Isolamento di E. coli nei primi giorni della malattia, prima dell'inizio della terapia etiotropica.
  4. L'uso di indicatori quantitativi, l'assegnazione di Escherichia se da 1 g di feci in una concentrazione di 10 5.
  5. Il metodo quantitativo di esame batteriologico delle feci, mediante semina dosata, deve essere utilizzato in tutti i bambini di età inferiore a 1 anno che sono stati ricoverati in ospedale per casi sporadici di AII.
  6. Utilizzando una valutazione quantitativa dell'esame batteriologico con il metodo settoriale per tutti i bambini di età superiore a 1 anno e gli adulti per determinare l'eziologia della malattia. Normalmente, il numero di Escherichia tipica in 1 grammo di feci negli adulti e nei bambini è 107 - 108.

Il materiale per lo studio è feci, che viene raccolto dopo la defecazione dalla nave, vaso, pannolino con una spatola sterile o rete metallica. Un campione viene prelevato dalla parte liquida delle ultime porzioni con l'inclusione obbligatoria di impurità patologiche in una quantità di almeno 1 grammo e inviato al laboratorio, dove il serbatoio viene seminato per mezzo selettivo e differenziale. Dopo l'isolamento e l'accumulo di una coltura pura, vengono studiate le proprietà morfologiche, biochimiche e sierologiche del patogeno, e quindi viene determinata la sua sensibilità agli antibiotici.

Attualmente, un altro metodo diagnostico promettente è la PCR. Con esso, il DNA di vari ceppi di Escherichia coli patogeno è determinato nelle feci del DNA.

trattamento

Il trattamento dei polmoni e delle forme secondarie di colibacillosi viene effettuato su base ambulatoriale e tutti gli altri sono ospedalizzati nel reparto di malattie infettive dell'ospedale. Il regime terapeutico e protettivo comprende il riposo a letto o il riposo a mezzo letto, il sonno fisiologico prolungato e la dieta.

  • La terapia dietetica - la base degli interventi terapeutici con l'escherichiosi. Si consiglia ai pazienti di limitare l'assunzione di grassi, sale e carboidrati facilmente digeribili e di mantenere il tasso di assunzione di proteine. Bandito tutti i prodotti che irritano il tratto digestivo.
  • Trattamento antimicrobico - nitrofurani "Furazolidone", fluorochinoloni "Ciprofloxacina". Dovrebbero essere presi 5-7 giorni. Nei casi più gravi vengono prescritte cefalosporine del 2 °: "Cefuroxime", "Cefaclor", "Ceftriaxone", "Cefoperazone", "Ceftazidime".
  • Per il trattamento di forme gravi di colibacillosi, vengono utilizzate grandi dosi di glucocorticosteroidi "Prednisolone" e "Idrocortisone", plasmaferesi ed emodialisi.
  • Terapia di disidratazione - somministrazione orale di "Rehydron", "Hemodez", soluzione di cloruro di potassio e glucosio, somministrazione endovenosa di soluzioni colloidali e cristalloidi.
  • Enzimatico significa normalizzare la digestione - Festol, Penzital, degistal, enterol adsorbitori enterol, poliphepam, polysorb.
  • Gli eubiotici sono usati per correggere la dysbacteriosis dopo terapia antibiotica - "Bifidumbacterin", "Linex", "Atsipol", "Bifiform".

La prognosi per adulti e bambini è favorevole. Le forme di colibacillosi avviate e l'infezione generalizzata nei bambini del primo anno di vita possono portare alla morte del paziente.

prevenzione

Misure preventive per evitare lo sviluppo di escherichiosi:

  1. Lavarsi le mani regolarmente e accuratamente, soprattutto prima di mangiare e dopo aver visitato la strada, luoghi pubblici,
  2. L'uso di cibo sicuro e provato,
  3. Cucina completa di piatti della cucina con l'obbligo di "bollire-in", "fare-arrostire", "cuocere",
  4. Conservazione corretta del cibo, tenendo conto della shelf life,
  5. Pulizia e disinfezione regolare e accurata della cucina o della camera di cottura,
  6. Combattere insetti e roditori,
  7. Usare per bere solo acqua pulita e di qualità,
  8. Igiene personale,
  9. Lavaggio accurato di frutta e verdura prima del consumo.

Escherichiosi: sintomi e trattamento

Esherikhiosi: i sintomi principali:

  • mal di testa
  • debolezza
  • Dolore alle articolazioni
  • temperatura elevata
  • nausea
  • Muco nelle feci
  • Dolore addominale inferiore
  • vomito
  • distensione addominale
  • Sangue nelle feci
  • diarrea
  • Pus nelle feci
  • Disturbo del ritmo cardiaco
  • Rumbling nello stomaco
  • pianto
  • Dolore muscolare
  • Bassa pressione sanguigna
  • Pallore della pelle
  • Rifiuto del cibo
  • Feci acquose

L'escherichiosi è una malattia contagiosa caratterizzata da danni al tratto intestinale. Nella maggior parte dei casi, procede in forma acuta. È interessante notare che non tutti i tipi di E. coli possono portare allo sviluppo di un processo infettivo. L'agente eziologico della malattia è un batterio specifico, la cui fonte è solo una persona malata. Inoltre, ci sono diversi modi di penetrazione del microrganismo nel corpo umano.

Il quadro clinico della malattia non è specifico, poiché include i sintomi che si verificano in quasi tutte le infezioni intestinali. Questo dovrebbe includere il disturbo dell'atto di defecazione, gonfiore, nausea e vomito. Inoltre, sono note forme extraintestinali del decorso della malattia.

Poiché è possibile identificare il batterio nei fluidi biologici del paziente, i test di laboratorio sono la base delle misure diagnostiche. Inoltre, la diagnosi deve necessariamente includere un esame di un gastroenterologo.

L'eliminazione della patologia negli adulti e nei bambini viene spesso effettuata con metodi conservativi, tra cui i farmaci e il rispetto di una dieta moderata.

Nella Classificazione Internazionale delle Malattie della decima revisione, una tale malattia ha il suo cifrario. Pertanto, il codice per ICD-10 sarà - A 04.0.

eziologia

L'escherichiosi può essere scatenata solo da Escherichia coli, che è Escherichia coli, che ha l'aspetto di un breve bacillo polimorfico gram-negativo. Vale la pena notare che i ceppi non patogeni che non possono causare lo sviluppo di infezione sono normalmente presenti nella microflora intestinale.

Questo microrganismo ha le seguenti caratteristiche:

  • estremamente resistente all'ambiente esterno;
  • può esistere per lungo tempo nel terreno, nell'acqua e nelle feci;
  • alleva nei prodotti alimentari, in particolare nei prodotti lattiero-caseari, che crea grandi colonie;
  • tollera facilmente l'essiccazione;
  • può morire durante l'ebollizione, così come sotto l'influenza di disinfettanti.

La particolarità dell'agente patogeno è il fatto che ha diversi batteriofagi, vale a dire, EPKP, EKKP, EIKP, EKKP ed EAKP, ognuno dei quali ha le sue caratteristiche peculiari.

Il serbatoio e la fonte di questo tipo di E. coli è in tutti i casi una persona, come un paziente, che è stato diagnosticato, e un portatore batterico asintomatico che potrebbe non essere nemmeno consapevole della sua presenza. I malati sono i più pericolosi nei primi giorni della malattia, ma il rilascio di una fonte infettiva dura circa 3 settimane dopo il recupero, più spesso nei bambini.

Attualmente, gli specialisti nel campo della gastroenterologia conoscono diversi modi di penetrazione di Escherichia coli patogeno in un organismo sano:

  • fecale-orale - questo meccanismo di infezione è più caratteristico della variante enterotossigenica ed entero-invasiva del decorso della malattia;
  • famiglia - spesso si verifica quando escherichiosi enteropatogenica;
  • l'acqua - è la più rara;
  • cibo - nella maggior parte dei casi, l'infezione si verifica quando si consumano latticini, piatti a base di carne, verdure cotte, così come quando si bevono bevande come kvas e composta;
  • contatto-famiglia - comune nei gruppi di bambini. E. coli può essere su mani contaminate, giocattoli e altri piccoli oggetti. La prevalenza è dovuta al fatto che i bambini molto spesso non seguono le regole igieniche e hanno l'abitudine di mettere in bocca varie cose.

La suscettibilità a tale malattia aumenta sullo sfondo del trasferimento in un paese con una diversa situazione climaterica, così come quando cambia la natura della dieta. È per questo motivo che l'infezione è anche comune sotto il nome di "diarrea dei viaggiatori".

classificazione

Esistono diverse forme principali di tale malattia, che sono dettate dai suoi batteriofagi, cioè gruppi di agenti patogeni. Pertanto, tali gruppi sono distinti:

  • EPKP - escherichiosi enteropatogenica. I pazienti più frequentemente trattati sono neonati, nei quali l'intestino tenue è coinvolto nel processo patologico;
  • EKP - escherichiosi enterotossigenica. Il batterio produce enterotossine che avvelenano il corpo umano, il che porta a una vivida manifestazione di segni di intossicazione;
  • EICP - escherichiosi enteroinvasiva. Coinvolge l'epitelio intestinale nella malattia, motivo per cui il suo corso è molto simile al decorso della shigellosi;
  • EHEC - escherichiosi enteroemorragica. Provoca lo sviluppo di colite emorragica nel corpo;
  • EAK - enteroadzsche escherichiosis.

Varianti del decorso della malattia, a seconda del quadro clinico:

  • gastroenterite;
  • enterokolitichesky;
  • gastroenterokolitichesky;
  • generalizzato - ha l'aspetto di coli-sepsi e colpisce un gran numero di organi interni e sistemi.

L'escherichiosi nei bambini e negli adulti, secondo la gravità del corso, è:

Separatamente, è necessario evidenziare una tale forma di malattia, come l'escherichiosi cancellata o latente - caratterizzata da una completa assenza di sintomi o dalla loro manifestazione minore, che nella maggior parte dei casi viene ignorata dalle persone o attribuita ad avvelenamento banale. In tali situazioni, la persona è solo una portatrice di E. coli.

sintomatologia

I segni che compongono il quadro clinico della colibacillosi e la loro gravità saranno leggermente diversi a seconda del batteriofago.

La forma entero-invasiva più frequentemente diagnosticata in cui soffre non solo il piccolo ma anche l'intestino crasso. Il periodo di incubazione varierà da 6 ore a tre giorni e verranno presentati i sintomi:

  • un forte aumento della temperatura corporea a 39 gradi;
  • nausea, che porta a soffocare, che praticamente non portano sollievo al paziente;
  • mal di testa di varia intensità;
  • debolezza generale e malessere generale;
  • dolore muscolare e articolare;
  • diarrea persistente - il numero di impulsi per svuotare l'intestino può raggiungere 10 volte al giorno;
  • presenza di inclusioni estranee nelle feci - spesso muco, meno sangue.

Alcuni giorni dopo la fine del periodo di incubazione, la temperatura ritorna normale e la sedia diventa decorata.

I sintomi della forma enterotossigenica della colibacillosi includono:

  • vomito violento;
  • feci acquose e sciolte che non hanno odore fecale. La frequenza degli impulsi raramente supera 10 volte al giorno;
  • un leggero aumento della temperatura - alcuni pazienti non si lamentano affatto del suo aumento.

Il periodo dal momento della penetrazione del patogeno nel corpo fino alla comparsa dei primi segni è inferiore a due giorni. La durata totale della malattia è in media una settimana. Il recupero può verificarsi anche senza trattamento, ma questo non si applica ai neonati.

Quando escherichiosi enteroemorragica, i sintomi saranno i seguenti:

  • feci acquose senza sangue;
  • la ripetizione del desiderio di svuotarsi raggiunge 5 volte al giorno;
  • dolore intenso e crampi nell'addome inferiore;
  • un aumento delle dimensioni della parete addominale anteriore;
  • comparsa di rombo caratteristico.

Il periodo di incubazione varia da 2 a 4 giorni, le manifestazioni di intossicazione sono assenti, la temperatura corporea non aumenta.

L'escherichiosi nei bambini ha i seguenti segni:

  • frequenza di feci molli fino a 20 volte al giorno;
  • la temperatura sale a 40 gradi;
  • le feci sono acquose e hanno un colore giallo o arancio;
  • violazione della frequenza cardiaca;
  • abbassare la pressione sanguigna;
  • cadere molle nei neonati;
  • ventre gonfio e morbido;
  • frequente rigurgito;
  • rifiuto di mangiare;
  • aumento di capricciosità e pianto;
  • pallore della pelle;
  • un leggero aumento del volume del fegato e della milza;
  • impurità di pus e sangue nelle feci.

La probabilità di morte in un bambino con la presenza di tali sintomi è del 5%.

diagnostica

A causa del fatto che la colibacillosi ha segni clinici aspecifici, il gastroenterologo sarà in grado di fare la diagnosi corretta solo dopo aver preso tutta una serie di misure diagnostiche. Prima di tutto, il medico dovrebbe:

  • leggere la casistica del paziente;
  • raccogliere e analizzare la storia della vita - aiuterà a stabilire i percorsi di trasmissione dei batteri patogeni;
  • esaminare attentamente una persona - palpazione e percussione della parete addominale anteriore, deve essere inclusa la misurazione della temperatura e del tono del sangue;
  • Interrogare dettagliatamente il paziente oi suoi genitori - è molto importante stabilire la frequenza delle feci molli e l'intensità dei sintomi negli adulti e nei bambini.

Le basi della diagnosi sono i seguenti test di laboratorio:

  • Semina batterica di feci, masse emetiche, urine, sangue e altri fluidi biologici biologici - questo è necessario non solo per identificare la colibacillosi, ma anche per valutare la sensibilità alle sostanze antibatteriche;
  • test sierologici - per rilevare gli anticorpi nel sangue;
  • analisi clinica generale di urina;
  • Diagnostica PCR - per differenziare ceppo di batteriofagi o di Escherichia coli;
  • lo studio delle masse fecali per la disbatteriosi - consente di effettuare la diagnosi corretta quando il decorso della malattia viene cancellato o il trasporto asintomatico di batteri.

La diagnosi strumentale di colibacillosi non viene eseguita perché non ha valore diagnostico.

trattamento

L'eliminazione della malattia viene eseguita su base ambulatoriale, l'ospedalizzazione è necessaria se l'infezione è grave e anche se il paziente è un bambino o ad alto rischio di sviluppare complicanze.

In generale, il trattamento della colibacillosi è conservativo e consiste nei seguenti metodi:

  • rispetto di una dieta moderata - durante le manifestazioni cliniche acute, viene mostrata la dieta numero 4 e, quando i sintomi scompaiono, viene mostrata la dieta numero 13;
  • regime di bere abbondante;
  • somministrazione orale di miscele di reidratazione e con una marcata manifestazione di disidratazione - iniezione;
  • l'uso di agenti antibatterici - è condotto da corsi, non più di 10 giorni;
  • L'uso di probiotici e enterosorbenti, sostanze enzimatiche ed eubiotica è necessario per la normalizzazione della digestione e il ripristino della microflora intestinale.

L'intervento chirurgico e la medicina popolare tradizionale non è consigliabile eseguire con colibacillosi.

Possibili complicazioni

Molto spesso, la patologia è benigna, cioè non implica la formazione di gravi conseguenze. Tuttavia, in alcuni casi, ad esempio, nelle forme gravi, in un corpo eccessivamente indebolito o nei bambini, possono presentarsi tali complicazioni:

Prevenzione e prognosi

A causa della varietà di modi di trasmissione di Escherichia coli, la prevenzione specifica di escherichiosi include le seguenti raccomandazioni:

  • rispetto delle regole di igiene personale;
  • evitare il contatto con una persona infetta;
  • rifiuto di mangiare verdure e frutta non lavati, latticini discutibili e carne che non ha subito un trattamento termico completo e di non bere acqua non depurata;
  • durante i focolai di malattia nei gruppi di bambini, la quarantena è obbligatoria;
  • osservanza delle norme sanitarie e igieniche presso le imprese collegate alla ristorazione pubblica e alla fornitura di acqua.

Le misure preventive generali sono volte a sottoporsi regolarmente a un esame completo in un istituto medico con visite a tutti i medici.

L'esito della colibacillosi è spesso favorevole, ma ignorare i sintomi, la diagnosi tardiva o il rifiuto di un aiuto qualificato porta quasi sempre allo sviluppo di complicazioni che possono causare un esito fatale.

Se pensi di avere l'escherichiosi e i sintomi caratteristici di questa malattia, i medici possono aiutarti: specialista in malattie infettive, gastroenterologo.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

L'intossicazione alimentare è un disturbo non contagioso che si verifica dopo l'ingestione di alimenti contenenti sostanze tossiche, microrganismi nocivi, virus o parassiti. Tutti i prodotti contengono una piccola quantità di batteri e in piccole quantità non rappresentano una minaccia per un adulto o un bambino. Ma se sono memorizzati in modo errato, il numero di agenti patogeni inizia ad aumentare rapidamente. Dopo essere entrati nel corpo, iniziano a moltiplicarsi e a diffondersi per tutto il tratto gastrointestinale, che causa processi infiammatori, irritazione e intossicazione nell'uomo.

La salmonellosi è una malattia infettiva acuta provocata dall'esposizione ai batteri della Salmonella, che, di fatto, ne determina il nome. La salmonellosi, i cui sintomi nei portatori di questa infezione sono assenti, nonostante la sua riproduzione attiva, è trasmessa principalmente attraverso il cibo contaminato da Salmonella, così come attraverso acqua inquinata. Le principali manifestazioni della malattia in forma attiva sono manifestazioni di intossicazione e disidratazione.

La gastroenterocolite (toxicoinfection di origine alimentare) è una malattia infiammatoria che porta alla sconfitta del tratto gastrointestinale, localizzata principalmente nell'intestino tenue o crasso. Rappresenta un grande pericolo causato da una possibile disidratazione del corpo in assenza di controllo sufficiente. È caratterizzato da un avvio rapido e una corrente veloce. Di norma, per 3-4 giorni se vengono seguite le raccomandazioni del medico, oltre a prescrivere un trattamento adeguato, i sintomi della malattia regrediscono.

I processi infiammatori che si verificano nella mucosa intestinale sono una grave malattia del tratto digerente, che viene indicato come enterocolite. L'infiammazione può interessare sia l'intestino tenue (enterite) che il colon (colite), e quindi, se non vengono prese misure terapeutiche, l'intera membrana intestinale è interessata. La enterocolite più comune nei bambini, ma anche gli adulti conoscono i sintomi di questa malattia, che viene comunemente chiamata "indigestione".

La balantidiasi o la dissenteria infusoriale è una malattia gastroenterologica parassitaria, la cui clinica è caratterizzata da sintomi di intossicazione generale del corpo e da ulcere dell'intestino crasso. La malattia è scatenata da un microbo come il balantidia o l'infusoria delle cigliate.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Escherichiosi: agente eziologico, eziologia e clinica, trattamento di Escherichia coli

Collettivamente, il termine "colibacillosi" si riferisce a un intero gruppo di malattie antroponotiche infettive causate da E. coli (Escherichia) con significative somiglianze esterne e allo stesso tempo con molte differenze eziologiche, epidemiologiche, cliniche e immunologiche.

L'escherichiosi ha un gran numero di sinonimi: si chiama infezione da coli, diarrea del viaggiatore, infezione da colibacillosi, enterite da colite. In alcune fonti mediche, la colibacillosi è descritta come una malattia simile alla dissenteria.

L'escherichiosi, che si manifesta con lesioni agli organi del tratto gastrointestinale e sintomi di intossicazione generale, è estremamente comune nelle regioni con un clima caldo che presentano condizioni ottimali per lo sviluppo di queste infezioni intestinali acute.

Agente causale

L'agente eziologico della colibacillosi è Escherichia coli (Escherichia coli), descritto per la prima volta nel 1885 dal batteriologo e pediatra tedesco Theodor Escherich e attualmente attribuibile al genere Escherichia, dal nome di questo scienziato.

I colpevoli della colibacillosi diventano ceppi patogeni (sono chiamati diarrea) di Escherichia coli, che, a seconda della presenza di determinati antigeni sulla loro superficie, possono essere suddivisi in cinque categorie.

Escherichia patogena può essere:

  • Entero-invasivo, causando l'infiammazione delle mucose dell'intestino crasso. Le loro proprietà sono simili all'azione di Shigella. I bacilli intestinali del gruppo entero-invasivo, trasmessi da cibo e acqua, sono i colpevoli della presenza di enterocolite, che si verificano come dissenteria negli adulti e nei bambini di età superiore a un anno. Per l'escherichiosi di questo tipo, comune nei paesi in via di sviluppo, la stagione estate-autunno è caratteristica.
  • Enteroadhesive, attaccandosi alla mucosa intestinale e rivestendo il lume intestinale, interrompendo in tal modo i processi di assorbimento.
  • Enteropatogeni, che causano la diarrea nei bambini. La base della patogenesi è la capacità di questo tipo di batteri di attaccarsi ai tessuti epiteliali dell'intestino, danneggiando i microvilli che li ricoprono. I bacilli intestinali del gruppo enteropatogeno sono per la maggior parte agenti causativi della colibacillosi in bambini piccoli (di solito il primo anno di vita). I focolai di infezioni (gastroenterite e enterite), scatenate da questo tipo di E. coli trasmessi attraverso percorsi di contatto-famiglia, sono caratteristici di asili nido, asili nido, case di maternità e reparti pediatrici di ospedali medici. Il picco nell'incidenza di queste infezioni si verifica nei mesi invernali e primaverili.
  • Enteroemorragico, che sono responsabili per la comparsa di diarrea emorragica, producendo citotossina, che è un analogo completo di tossina dysenteric. A causa della mancanza di dati epidemiologici riguardanti i bacilli intestinali del gruppo enteroemorragico, non esiste ancora una descrizione dettagliata della colibacillosi eccitata da essi nella letteratura medica.
  • Enterotoxigenic, causando la diarrea simile al colera e producendo un enterotossina molto resistente, la cui struttura è quasi identica alla struttura del coleragen - tossina prodotta dal colera vibrio. Le infezioni intestinali simili al colera colpiscono adulti e bambini di età superiore a due anni. L'incidenza delle infezioni enterotossigeniche trasmesse dall'acqua e dal cibo è estremamente elevata nelle regioni con un clima caldo caratterizzato da un basso livello di cultura igienica della popolazione.

Le differenze morfologiche tra E. coli patogeni e non patogeni sono completamente assenti.

Una volta nell'ambiente esterno, Escherichia rimane vitale per lungo tempo.

L'aspettativa di vita dei bastoncini intestinali intrappolati nell'acqua del fiume o in terreno umido è di almeno dodici settimane; su vestiti, articoli per la casa e come parte di liquidi di depurazione vivono fino a quarantacinque giorni; su lino, macchiato di feci di una persona malata - circa tre settimane. Sulla superficie contaminata di giocattoli e fasciatoi, bastoni intestinali durano oltre cento giorni.

Una volta nel cibo (specialmente nel latte), l'Escherichia si moltiplica rapidamente, creando numerose colonie. Asciugando portano molto facilmente.

E. coli rapidamente (entro 5 minuti) muore quando esposto a agenti sterilizzanti e disinfettanti (ad esempio, soluzione al 5% di lisolo o soluzione all'1% di cloramina) e dopo 15 secondi di ebollizione.

motivi

La fonte di infezione e un serbatoio per lo sviluppo di microrganismi patogeni sono:

  • malati;
  • vettori di batteri sani;
  • animali domestici infetti (soprattutto giovani).

Il più grande pericolo nella diffusione di agenti patogeni sono i pazienti infetti da colibacillosi causati da bastoncelli enteropatogeni ed entero-invasivi intestinali, dal momento che sono questi gruppi che possono essere espulsi dal corpo entro due o tre settimane.

Il processo di isolamento dei patogeni dell'infezione intestinale nei bambini può essere particolarmente lungo.

Per quanto riguarda i pazienti affetti da infezione da colibacillosi, causata dalla penetrazione dei batteri enterotossigeni ed enteroemorragici, essi sono contagiosi (infettivi) solo nei primi giorni della malattia.

La contaminazione alimentare è più spesso osservata quando viene consumata:

  • latticini;
  • piatti a base di carne;
  • bevande fatte in casa (più spesso composte e kvas);
  • insalate fatte con verdure bollite.

Ci sono stati diversi focolai di infezioni da colibacillosi innescate dall'uso di hamburger poco cotti.

Il percorso di contatto domestico comporta il trasferimento di E. coli attraverso mani sporche, giocattoli e oggetti domestici. Molto spesso ciò avviene nei collettivi di scuole materne e scolastiche, così come tra le persone che ignorano le regole dell'igiene personale.

L'infezione da E. coli enteroemorragico può verificarsi a causa del consumo di latte, non pastorizzato e di carne cruda che non è stata cotta.

Esiste un'altra via d'acqua per l'infezione da colibacillosi, in cui l'E. coli patogeno penetra nei corpi idrici aperti come conseguenza del riversamento di acque reflue domestiche in esse, che non sono state sottoposte a neutralizzazione preliminare.

Particolarmente pericolose sono le acque reflue di ospedali infettivi e istituzioni per bambini.

La suscettibilità delle persone (specialmente i bambini indeboliti e i neonati) alle infezioni da colibacillosi è estremamente alta. Più di un terzo dei bambini che hanno avuto contatti con la fonte dell'infezione diventano portatori di batteri.

La suscettibilità degli adulti può aumentare come conseguenza del trasferimento in un'altra regione climatica, con un cambiamento nella natura del cibo (per questo motivo, la colibacillosi viene definita "diarrea dei viaggiatori"). Dopo il loro trasferimento, si osserva la formazione di un'immunità specifica del gruppo instabile a breve termine.

patogenesi

Bastoncini intestinali entrano nel corpo umano attraverso la bocca e, bypassando la barriera muco-bicarbonato dello stomaco, hanno un effetto patogeno su di esso, corrispondente alla loro affiliazione di tipo.

  • Il meccanismo di patogenicità dei ceppi enterotossigenici di Escherichia coli si basa sulla loro capacità di produrre enterotossine, nonché sul fattore di colonizzazione mediante il quale i batteri si attaccano agli enterociti (cellule epiteliali intestinali), colonizzando l'intestino tenue. Le enterotossine sono proteine ​​termostabili o termolabili, il cui impatto sulle funzioni biochimiche dei tessuti epiteliali delle ghiandole intestinali (cripte) non porta a cambiamenti morfologici visibili. Sotto l'influenza delle enterotossine, vengono attivati ​​enzimi (guanilato ciclasi e adenilato ciclasi) che, insieme alle prostaglandine (sostanze lipidiche fisiologicamente attive), contribuiscono ad aumentare la produzione di strutture di segnalazione intracellulare (cAMP). Come risultato di questi processi nel lume intestinale vi è una quantità eccessiva di elettroliti e acqua che non hanno il tempo di essere assorbiti (riassorbiti) nel tessuto del colon, in conseguenza del quale il paziente sviluppa diarrea acquosa, che nel tempo provoca disturbi nell'equilibrio idrico-elettrolitico.
  • I ceppi entero-invasivi di Escherichia coli sono dotati della capacità di invadere i tessuti epiteliali dell'intestino crasso, provocando la comparsa di una reazione infiammatoria con la successiva erosione delle pareti intestinali. Il danno alle cellule epiteliali promuove l'assorbimento delle endotossine nel sangue. Nelle masse fecali di pazienti si trovano granulociti polimorfonucleati, sangue e muco.
  • Il meccanismo di patogenicità del gruppo enteropatogeno di Escherichia non è stato studiato a sufficienza. È noto solo che alcuni dei loro ceppi possiedono un fattore di adesione alle cellule epiteliali dell'epitelio Hep-2, a causa del quale i batteri colonizzano l'intestino tenue, mentre non è stato possibile rilevarlo in altri ceppi.
  • I bacilli intestinali del gruppo enteroemorragico producono una citotossina che distrugge le cellule endoteliali che rivestono i vasi sanguigni che penetrano nelle pareti del colon. L'eccesso di fibrina e i coaguli di sangue formati durante questo processo interrompono l'afflusso di sangue all'intestino, a seguito del quale il sangue appare nelle feci del paziente e, nel tempo, si sviluppa ischemia (e in alcuni casi necrosi) della parete intestinale interessata.
  • La patogenesi dei ceppi enterici di Escherichia è ridotta alla colonizzazione dei tessuti epiteliali dell'intestino tenue. Questo tipo di colibacillosi è caratterizzato - da un lato - dalla durata del corso e dall'altro - dalla facilità delle manifestazioni cliniche. Ciò è dovuto alla forza di attaccamento dei batteri alla superficie dell'epitelio.
  • Figli di escherichiosi enteropatogenica precoce (più spesso da 3 a 12 mesi). I bambini piccoli, di regola, sono indeboliti, avendo malattie associate. Tra questi, ci sono spesso bambini che vengono allattati artificialmente. L'infezione intestinale può essere diagnosticata anche nei neonati, in particolare i bambini prematuri. I casi di infezione enteropatogena possono essere sporadici e possono avere il carattere di un focolaio.
  • L'escherichiosi entero-invasiva può colpire un bambino di qualsiasi età, anche se il più delle volte colpisce bambini di età compresa tra i due ei sei anni.

Esherikhiosi nei bambini

Nelle infezioni intestinali, i bambini vengono infettati dalla via di contatto-cibo dalla madre, così come dal personale di servizio o medico. I portatori di E. coli sono spesso bambini malati, il contatto con cui è particolarmente pericoloso nelle malattie acute.

  • In alcuni casi, l'infezione da colibacillosi avviene per via endogena, in cui Escherichia coli del gruppo enteropatogeno penetra nelle sezioni superiori dell'intestino tenue. Questa variante della patologia colpisce i bambini con un sistema immunitario indebolito, così come i bambini affetti da disbiosi.

sintomi

I sintomi clinici della colibacillosi sono determinati dal tipo di E. coli, dall'età del paziente e dallo stato del suo sistema immunitario.

  • L'escherichiosi enteropatogenica di classe I, che colpisce i bambini piccoli, è caratterizzata da un periodo di incubazione di diversi giorni. Tra le sue manifestazioni caratteristiche:
    • vomito;
    • feci acquose, allentate arancione o giallo;
    • disidratazione (violazione dell'equilibrio idrico ed elettrolitico nel corpo umano, accompagnata da parziale disidratazione);
    • grave intossicazione;
    • rapida perdita di peso.

Nei casi più gravi, la malattia può assumere una forma settica generalizzata. Negli adulti, viene diagnosticata la classe II di esoferichiosi enteropatogenica, che si presenta come un tipo di salmonellosi.

  • L'escherichiosi entero-invasiva si sviluppa come shigellosi o dissenteria e ha sempre esordio acuto. I sintomi clinici includono:
    • intossicazione moderata, manifestata da debolezza e mal di testa;
    • febbre, caratterizzata da improvvisi cambiamenti della temperatura corporea, che durano da uno a due o tre o quattro giorni;
    • brividi;
    • dolore all'addome localizzato nell'ombelico;
    • falsa voglia di defecare, accompagnata da tenesmo;
    • feci molli con muco e strisce di sangue che hanno un carattere fecale (se la malattia è più grave, le feci diventano "sputo rettale").

Alla palpazione dello specialista dell'addome si identifica il dolore che si estende lungo l'intestino crasso. L'infezione intestinale di questa specie può verificarsi in due forme: lieve e moderata. La durata della patologia è di solito limitata a pochi giorni.

  • Il decorso clinico di escherichiosi enterotossigenica è simile alla toxicoinfection alimentare, una forma lieve di colera o salmonellosi. Nella lista delle manifestazioni cliniche presenza:
    • lieve intossicazione;
    • temperature che raramente superano il livello dei valori subfebrilari;
    • nausea;
    • vomito ripetuto;
    • frequenti (fino a 15 volte al giorno), feci abbondanti, acquose e sciolte che sembrano acqua di riso;
    • aumentando gradualmente la disidratazione;
    • una brusca diminuzione della quantità di urina escreta dai reni (oliguria);
    • dolore crampi allo stomaco.

L'addome del paziente è gonfio e con la palpazione brontola e si diffonde un leggero dolore. La gravità del decorso clinico dipende dal grado di disidratazione.

  • L'escherichiosi enteroemorragica colpisce più spesso i bambini. Quando viene osservata la presenza di:
    • sintomi di lieve intossicazione;
    • bassa temperatura corporea;
    • nausea e vomito;
    • feci liquide acquose.
  • Per una malattia grave, è caratteristico:
    • la comparsa di forti dolori addominali che si verificano tre o quattro giorni dopo l'infezione;
    • aumento della diarrea;
    • l'aspetto di una mescolanza di pus e sangue nelle feci del paziente, perdendo gradualmente il carattere fecale.

Nella maggior parte dei casi, questo tipo di patologia è in grado di risolvere autonomamente entro la fine del settimo giorno, però, nei neonati e gravi dopo sette-dieci giorni (dopo la scomparsa diarrea) possono sviluppare la sindrome emolitica uremica, caratterizzata da una combinazione di insufficienza renale acuta, emolitica anemia e trombocitopenia (diminuzione del numero di piastrine nel plasma sanguigno). Nella letteratura medica, questa condizione è chiamata sindrome di Hasser.

Abbastanza spesso, i pazienti hanno sintomi di regolazione del cervello compromessa, manifestata:

  • Crampi agli arti.
  • La rigidità muscolare è una condizione dolorosa caratterizzata da un aumento del tono e della resistenza quando si cerca di eseguire qualsiasi tipo di movimento passivo. È anche impossibile il pieno rilassamento dei muscoli.
  • Disturbo della coscienza (fino alla confluenza del coma). Il tasso di mortalità all'inizio di questo sintomo è dal 3 al 7%.

classificazione

Infectiologists e gastroenterologists domestici usano la classificazione clinica di Yu. Ya. Vengerov e N. D. Yushchuk, secondo cui, a seconda dei segni eziologici dell'ercherichiosi, ci sono:

  • enteropatogeni;
  • enteroadgezivnymi;
  • enterotossigeni;
  • enteromorragica;
  • Enteroinvasive.

A seconda della gravità delle infezioni intestinali può essere:

L'escherichiosi può assumere le seguenti forme:

  • enterokoliticheskuyu;
  • gastroenterokoliticheskuyu;
  • gastroenteriticheskuyu;
  • generalizzata.

enteropathogenes

Colibacillosi enteropatogenica causata da colibacilli di classe I si verifica nei bambini sotto forma di enterocolite e enterite di diversa gravità.

I bambini prematuri e neonati settici neonatale prende la forma accompagnata da sintomi gravi di intossicazione (vomito, rigurgito, anoressia, ad alta temperatura del corpo) e l'insorgenza di focolai multipli settico.

enterotossigeni

Il periodo di incubazione della malattia causata dall'escherichia enterotossigenica può durare da 16 a 72 ore. È questo tipo di colibacillosi che viene chiamata la "malattia dei viaggiatori", che colpisce le persone che sono andate in vacanza o in viaggio d'affari in una regione con un clima tropicale.

La specificità delle condizioni climatiche in ogni modo possibile contribuisce alla comparsa di una febbre straziante, accompagnata da forti brividi, sintomi di intossicazione e intensa disidratazione.

enteroinvasive

La malattia, provocata da bastoncelli intestinali entero-invasivi, ha un periodo di incubazione da sei a quarantotto ore ed è accompagnata da sintomi di intossicazione generale e danno da intestino crasso.

La durata dell'infezione è di 5-7 giorni. La normalizzazione delle feci avviene entro uno o due giorni e il dolore e lo spasmo dell'intestino crasso vengono osservati per tutta la settimana, alla fine dei quali vengono ripristinate le mucose.

enteromorragica

Se interessa enterohaemorrhagic periodo varia Escherichia incubazione del corpo da un giorno a una settimana, e la malattia si manifesta sindrome di intossicazione generale e una varietà di alterazioni patologiche nel colon prossimale (contenenti cieco, colon ascendente e prossimale intestini trasversale del colon).

L'esame endoscopico di tali pazienti rivela la presenza di colite emorragica fibrino-ulcerativa o catarrale.

diagnostica

  • Nella prima fase della diagnosi, il medico analizza la storia e le lamentele del paziente. Scopre quando il paziente ha iniziato a provare dolore addominale, ha posto domande sulla frequenza e sulla natura della sedia, sulla presenza di vomito, ecc.
  • È obbligatorio compilare una storia epidemiologica. Sono stati registrati focolai di infezioni da colibacillosi che si sono verificati nelle istituzioni (asili, scuole), ospedali medici e case di cura.
  • Il metodo diagnostico batteriologico consiste nel posizionare fluidi biologici (urina, liquido cerebrospinale, sangue, vomito e feci) di persone malate su speciali terreni nutrienti. Le colonie coltivate di microrganismi vengono quindi sottoposte a un esame microscopico approfondito. La diagnosi di "colibacillosi" viene effettuata se i ceppi patogeni dei batteri colibacillus sono aumentati. Allo stesso tempo, la loro sensibilità a diversi tipi di antibiotici è determinata al fine di prescrivere immediatamente un trattamento adeguato.
  • Un esame del sangue in pazienti affetti da escherichiosi enteroemorragica indicherà la presenza di anemia emolitica e una maggiore concentrazione di creatinina e urea.
  • La diagnosi sierologica prevede la rilevazione di anticorpi (proteine ​​specifiche del sistema immunitario progettate per riconoscere ed eliminare i patogeni) nel sangue del paziente.
  • La diagnosi mediante PCR (polymerase chain reaction) aiuta a identificare i ceppi patogeni di E. coli nelle masse fecali del DNA di un paziente.
  • Lo studio delle feci per la disbatteriosi consente non solo di rilevare la violazione della microflora intestinale, ma anche di stabilire se una persona è portatrice di batteri pericolosi. Il pericolo di un baciorocarrier è che una persona che non ha alcuna manifestazione clinica della malattia e si sente completamente in buona salute, rilascia agenti infettivi nell'ambiente esterno, infettando le persone che lo circondano.
  • Le tecniche diagnostiche strumentali (colonscopia o rectoromanoscopy) per le infezioni da colibacillosi sono poco informative e quindi non vengono praticamente utilizzate.

Trattamento di E. coli

Il trattamento della colibacillosi viene di solito eseguito su base ambulatoriale. I pazienti affetti da forme gravi della malattia, che sono irto dello sviluppo di complicanze, vengono inviati ad un ospedale medico.

Durante il periodo di trattamento, i pazienti devono seguire una dieta rigorosa. Durante un periodo acuto caratterizzato dalla presenza di diarrea, viene prescritto il numero di tabella 4, dopo la normalizzazione delle feci, numero di tabella 2. I pazienti vengono trasferiti al numero di tavolo 13 durante il periodo di recupero (recupero).

disidratazione moderata con forme lievi esherihioznyh infezioni corretti da soluzioni orali di reidratazione (per esempio, rehydron) e acqua, la quantità di cui dovrebbe superare 1,5 volte il volume del liquido prelevato dal corpo insieme con le feci.

Con l'aumento di disidratazione (disidratazione di II o III grado) vai a infusione endovenosa di soluzioni crystalloid ("Acesol", "Chlosol").

La tattica del trattamento patogenetico viene scelta in base a quale ceppo di Escherichia coli patogeno è diventato l'agente eziologico dell'infezione:

  • La terapia antimicrobica è effettuata con preparazioni del gruppo nitrofuran (per esempio, furazolidone). Le infezioni gravi causate da Escherichia enteroinvasiva sono trattate con flu-chinoloni (il più delle volte con ciprofloxacina). Durata dell'uso di farmaci - da cinque a sette giorni.
  • Il trattamento di colibacillosis enteropathogenic in bambini è effettuato con antibiotici e una combinazione di medicine «Sulfamethoxazole» e «Trimethoprim». Per il trattamento di forme generalizzate usate cefalosporine di II e III generazioni.
  • La complessa terapia per il protratto decorso dell'infezione da colibacillosi comprende l'uso di eubiotici e preparati enzimatici che aiutano a normalizzare la digestione ea ripristinare la biocenosi (composizione quantitativa e qualitativa) dell'intestino.
  • Per il trattamento dell'ercherichiosi enteroemorragica, si ricorre a misure terapeutiche antitossiche (adsorbimento extracorporeo di anticorpi e uso di sieri).

complicazioni

Nella maggior parte dei casi, la colibacillosi è benigna (senza gravi conseguenze e complicanze), ma a volte può causare:

  • Insufficienza renale acuta - una condizione patologica caratterizzata da compromissione della funzionalità renale, che porta alla rottura di tutti i tipi di metabolismo (azotato, acqua, elettrolita, ecc.). Questa complicazione è reversibile. Casi di decessi nella sindrome di Gasser causati da insufficienza renale acuta sono riportati nel 3-5% dei casi nei bambini sotto i cinque anni di età.
  • Shock tossico-infettivo (un forte calo della pressione arteriosa causato dall'esposizione a tossine prodotte da bastoncini intestinali sul corpo del paziente) con il probabile sviluppo di coma.
  • shock ipovolemico (condizione patologica acuta causata da una rapida diminuzione del volume di sangue a causa di perdita di acqua ed elettroliti durante la diarrea profusa o vomito incontrollato) disidratazione III o IV grado.
  • Sepsi.
  • Encefalite (danno purulento al cervello).
  • Meningoencefalite (una malattia infettiva che è una complicazione di encefalite o meningite).
  • Polmonite (polmonite).
  • Pyelonephritis (malattia infiammatoria dei reni, con conseguente danneggiamento della pelvi renale, tazze e strutture parenchimali).
  • Pyelocystitis (malattia infiammatoria della pelvi renale e della parete della vescica).
  • La comparsa di porpora trombocitopenica (malattia grave caratterizzata da una diminuzione del numero di piastrine e dallo sviluppo di un'emorragia massiccia).
  • Colecistite (infiammazione della cistifellea).
  • Colangite (malattia infiammatoria dei dotti biliari).

Prognosi e prevenzione

  • Per i pazienti adulti e i bambini più grandi, la prognosi è favorevole. Sono noti casi di recupero spontaneo di pazienti con una forma lieve di infezione.
  • Nei bambini piccoli, la colibacillosi può manifestarsi in forma molto grave, peggiorando la prognosi. Anche la generalizzazione del processo infettivo e l'insorgenza di complicazioni ostacolano in modo significativo il recupero.
  • Quando vengono fornite cure mediche intempestive, le forme più gravi di infezioni da colibacillosi possono essere fatali.

Escherichiosi appartengono alla categoria di malattie causate da bassa cultura igienica della popolazione.

  • La prevenzione personale di queste patologie consiste nell'osservanza delle norme igieniche (questo è particolarmente vero per il contatto con i bambini piccoli). Tutti dovrebbero lavarsi accuratamente le mani, cibo, oggetti per la casa e giocattoli.
  • La prevenzione generale consiste nell'organizzazione di uno stretto controllo sull'osservanza delle norme sanitarie e igieniche negli istituti di ristorazione, nelle istituzioni per la prevenzione dei bambini e dei medici.
  • Di grande importanza è il controllo sullo stato dei sistemi fognari e delle fonti di acqua potabile.

Un bambino che è stato in contatto con un paziente è ammesso nella squadra dei bambini anche dopo aver eseguito test batteriologici che confermano la completa assenza di escrezione di E. coli patogeno. I portatori batterici devono essere isolati per l'intero periodo durante il quale sono contagiosi per gli altri.

Le persone che lavorano nelle imprese del settore alimentare dovrebbero sottoporsi a regolari esami volti ad identificare gli agenti causali di escherichiosi. Quando ricevono un risultato positivo, sono esclusi dal lavoro.