Adenocarcinoma dell'utero

Un tipo di cancro è l'adenocarcinoma dell'utero. Questo è un tumore ghiandolare che può verificarsi in uno qualsiasi degli organi del sistema riproduttivo femminile, ma più spesso appare nell'utero, sulle sue pareti interne. Spesso, l'adenocarcinoma è accompagnato da polipi o altri infetti

Questo tumore è caratterizzato da una membrana mucosa e secerne anche un fluido secretorio.

Cause della manifestazione

Le cause del carcinoma uterino non sono ancora note. È noto solo che una lunga permanenza nella zona radioattiva e l'irradiazione iperattiva catalizzano rapidamente la nucleazione e la crescita dei tumori nel corpo. Ecco perché non è permesso sottoporsi a radiografie più spesso di una volta all'anno.

Tuttavia, insieme a questo, i medici identificano anche una serie di ragioni che sono probabilmente catalizzatori per l'insorgenza di tumori:

  • abuso di cibi grassi e carne (in particolare, carne di maiale);
  • spuntini frequenti in fast food;
  • dieta malsana;
  • frequente esposizione alle radiazioni;
  • predisposizione genetica, ereditarietà;
  • frequente esposizione a sostanze chimiche dannose;
  • il fumo;
  • abuso di alcool.

Inoltre, i medici identificano alcuni fattori di rischio che possono portare ad adenocarcinoma uterino:

  • varie malattie endometriali;
  • ereditarietà, predisposizione al cancro delle ghiandole;
  • ipertensione;
  • diabete mellito;
  • riabilitazione dopo il cancro, in particolare, assunzione di alcuni farmaci tossici;
  • formazioni ovariche benigne;
  • policistico;
  • abuso di farmaci ormonali;
  • l'obesità;
  • abbandono del parto;
  • inizio precoce delle mestruazioni fino a 12 anni;
  • insufficienza ormonale con elevati livelli di estrogeni;
  • infertilità, che ha causato le condizioni patologiche del sistema riproduttivo.

Sintomi di adenocarcinoma uterino

Di solito, l'adenocarcinoma uterino non si manifesta. Il paziente può scoprire la sua posizione solo sulla sedia ginecologica o negli ultimi stadi dello sviluppo del cancro, quando il danno al corpo sta già diventando sistemico.

Tuttavia, ci sono una serie di segni che aiuteranno ad orientare e consultare un medico in modo tempestivo:

  • aumento irragionevole dell'addome;
  • dolore dolorante frequente nella parte bassa della schiena;
  • interruzioni costanti con mensile.

A rischio sono le donne che dovrebbero avere la menopausa o che è già passata. Di conseguenza, l'età di tali pazienti è di circa 50 anni.

Nella maggior parte dei casi, è difficile ipotizzare l'adenocarcinoma nell'utero, di solito un tumore viene rilevato solo ad una ricezione ginecologica, quando il ginecologo prende delle sbavature.

Classificazione della malattia

I medici la dividono nei seguenti tipi:

  • Altamente differenziato;
  • Moderatamente differenziato;
  • Scarsamente differenziato;
  • Adenocarcinoma endometrioide.

La maggior parte delle cellule sullo striscio si distinguono per le seguenti caratteristiche:

  • se lo striscio contiene gruppi eterogenei di cellule, ma in generale il cancro è simile ai tessuti sani, allora stiamo parlando di adenocarcinoma differenziato;
  • se i tessuti cancerosi differiscono significativamente da quelli sani, allora stiamo parlando di un cancro a bassa differenziazione, cioè di tumori maligni.

Classificazione delle cellule tumorali

  • 1. Adenocarcinoma altamente differenziato. I nuclei di cellule anormali sono allungati e ingranditi.

Questo adenocarcinoma è diviso in diversi tipi:

  • Tipo papillare È caratterizzato dalla presenza di sottili steli vascolari, che invadono solo superficialmente il miometrio. Quando rilevato nelle prime fasi di sviluppo nei pazienti, vi sono tutte le possibilità di recupero. Tuttavia, è importante essere in grado di distinguere questo tipo dal cancro sieroso, che è caratterizzato dalla presenza di ciuffi di capezzoli. Il cancro sieroso è scarsamente differenziato.
  • Carcinoma ciliare È estremamente raro. È caratterizzato da lesione delle cellule ciliari e metaplasia. Ha anche buone previsioni.
  • Adenocarcinoma secretorio. Ha buone possibilità di sopravvivenza quando si applica la chirurgia allo stadio 1. È accompagnato da metaplasia uterina e squamosa.
  • 2. Adenocarcinoma moderatamente differenziato. Questo tipo di cancro si sviluppa moderatamente, principalmente nell'endometrio, può migrare al miometrio. È caratterizzato da cellule squamose. È questo tipo di cancro che viene diagnosticato più frequentemente nei pazienti.
  • 3. Carcinoma a basso grado. In uno striscio preso nel processo di esame ginecologico, contiene un numero record di cellule malate. Questo indica una bassa differenziazione del cancro e la natura maligna del tumore. La prognosi dipende dallo stadio in cui è stata rilevata la formazione.
  • 4. Adenocarcinoma endometrioide dell'utero. Questo è il tipo più comune di cancro. Si verifica nel 75% di tutti i casi. È caratterizzato da una struttura mucosa e dalla crescita di diverse cellule epiteliali. Questo tipo di cancro è attivato anche dalla stimolazione degli estrogeni.

È diviso in diverse varietà:

  • adenocarcinoma secretivo. Ha una prognosi positiva, ma questo tipo di cancro è molto raro;
  • carcinoma a cellule chiare. Di norma, le previsioni sono deludenti, poiché questo tipo è caratterizzato dalla tendenza a lanciare metastasi nella cavità addominale nelle prime fasi dello sviluppo;
  • carcinoma sieroso. È il tipo più aggressivo di cancro. Si manifesta principalmente nelle donne anziane e nel 7-10% dei casi.

Fasi del cancro ghiandolare

La maggior parte delle malattie oncologiche si sviluppa gradualmente e si articola in 4 fasi principali:

  • Fase 1 Il tumore è di piccole dimensioni e non si estende ancora oltre la mucosa;
  • Fase 2 L'istruzione penetra nella cervice, ma non si è ancora diffusa in altri organi;
  • Fase 3 Il cancro si diffonde agli organi e ai linfonodi adiacenti;
  • Fase 4. È caratterizzato da un danno sistemico all'organismo e dalla diffusione di metastasi.

Diagnosi ed esame

Un allarme per una donna che ha già superato il periodo della menopausa sta sanguinando dall'utero. In questo caso, è necessario consultare immediatamente un medico.

Un ginecologo esperto può determinare un tumore uterino utilizzando la palpazione manuale. Tuttavia, in questo caso, la dimensione della neoplasia e la costituzione di una materia femminile (le donne obese sono più difficili da esaminare a causa della presenza di uno spesso strato di grasso).

Anche nel processo di controllo necessariamente ha preso le sbavature, compreso - per istologia. Di norma, questo metodo aiuta perfettamente a stabilire la presenza o l'assenza di cellule atipiche.

Se il ginecologo ha il sospetto di una neoplasia nell'utero, prescrive anche il curettage ginecologico dell'utero, che aiuta a prelevare campioni del tessuto epiteliale uterino ed esaminarlo correttamente in laboratorio.

Spesso, nel processo di esame ginecologico, viene utilizzata la diagnosi ecografica, che aiuta a stabilire se vi sia un ispessimento delle mucose, che indica una neoplasia. Gli ultrasuoni aiutano anche a rilevare la presenza di eventuali metastasi.

Come trattare l'adenocarcinoma uterino

Al momento, la medicina moderna ha diversi metodi per trattare il cancro. Diamo un'occhiata ai metodi di trattamento più popolari e usati.

Pratica del trattamento

  • Intervento chirurgico A causa del fatto che è spesso impossibile stabilire i confini della diffusione del cancro, i medici preferiscono rimuovere completamente l'utero, le ovaie e le tube di Falloppio. L'operazione stessa è chiamata isterectomia. Isterectomia completa, bilaterale e radicale separata.
  • Radioterapia Infatti, uccide le cellule tumorali e inibisce la loro crescita. Tuttavia, con questo parzialmente uccide le cellule sane. Prima della terapia, si raccomanda di eliminare completamente le malattie infettive, poiché questa procedura uccide il sistema immunitario, il che porta al fatto che in caso di infezione mancata, il corpo del paziente semplicemente non lo combatterà.
  • La chemioterapia. È una somministrazione endovenosa o orale di farmaci nel corpo del paziente. Hanno lo scopo di sopprimere la crescita delle cellule tumorali e fermare la loro divisione. Tuttavia, la chemioterapia è un veleno, quindi insieme a causare danni alle cellule tumorali, viene fatto un sacco di danno e salute.
  • Terapia ormonale È noto che in ogni organismo, a causa della partecipazione dell'ipotalamo, situato nel cervello, una certa dose di ormoni viene secreta e agisce. In particolare, l'ormone della crescita. La terapia ormonale può fermare o sopprimere la secrezione di alcuni ormoni che stimolano la crescita delle cellule tumorali. Questa terapia ha una serie di effetti collaterali spiacevoli e gravi.
  • Terapia biologica Basato sullo studio del corpo del paziente e sulla selezione di una sostanza sviluppata in laboratorio. Tale farmaco aiuterà a ripristinare l'immunità del corpo, che avvierà a sua volta la lotta contro le cellule tumorali attraverso la produzione record di anticorpi.
  • Terapia mirata. È un farmaco sviluppato per una particolare categoria di cancro. Hanno lo scopo di combattere esclusivamente contro le cellule tumorali. Allo stesso tempo il danno alle cellule sane non è causato.

Gli ultimi due modi sono considerati i più giustificati e umani. Aiutano a combattere seriamente il cancro senza causare danni distruttivi ad altri organi. Anche considerato la chirurgia è giustificata. Tuttavia, nella lotta contro il cancro, tutti i metodi sono buoni, ed è consigliabile in questo caso obbedire e seguire tutte le istruzioni del medico curante.

Trattamento di adenocarcinoma

In questo caso, lo stadio di sviluppo dell'adenocarcinoma è significativo. Quanto prima viene rilevato il tumore, maggiori sono le probabilità di successo del trattamento.

Il trattamento più efficace per il cancro è la chirurgia. Allo stesso tempo, i medici preferiscono sempre fare laparoscopia o endoscopia, cioè operazioni senza grandi incisioni.

Inoltre, è necessaria la chemioterapia o la radioterapia, così come un certo numero di farmaci. In particolare:

Inoltre, sulla base della decisione del medico curante, può essere prescritta la terapia ormonale, che consiste nel ricevere una dose di ormoni. Inoltre, i pazienti ricorrono spesso a metodi di trattamento tradizionali, tuttavia è estremamente importante consultare il proprio medico in primo luogo sull'opportunità di tale trattamento.

Prevenzione delle malattie

Sfortunatamente, è impossibile stabilire le cause esatte dell'adenocarcinoma dell'utero e può essere identificato solo mediante un esame pelvico e i relativi metodi diagnostici, pertanto un esame medico regolare dovrebbe essere considerato la principale misura preventiva contro il cancro.

Non ignorare il fatto che il gruppo a rischio include donne la cui età è di circa 50 anni. A questa età, è importante visitare periodicamente il ginecologo, che permetterà di prevenire in anticipo qualsiasi malattia del sistema riproduttivo.

È anche auspicabile escludere i fattori comuni che portano al cancro:

  • il fumo;
  • abuso di cibi grassi;
  • dieta malsana;
  • lavorare con condizioni dannose;
  • esposizione a radiazioni radioattive.

È anche auspicabile eliminare l'obesità, se ce n'è uno - gli studi confermano che questo è uno dei fattori più convincenti e significativi che portano all'adenocarcinoma dell'utero.

prospettiva

In oncologia, esiste una regola: i pazienti affetti da cancro dovrebbero visitare regolarmente il proprio medico per 5 anni per individuare la recidiva o per confermare il recupero. Se durante questo periodo il tumore non ritorna, tale persona può essere considerata sana e viene rimosso dal registro dell'oncologo.

In molti modi, la prognosi per l'adenocarcinoma uterino dipende dal tipo di differenziazione della malattia, dal tipo di cancro, dallo stadio della malattia e dall'immunità del paziente. È noto che un organismo giovane e mai indossato combatte i tumori del cancro più di uno anziano.

Tuttavia, in oncologia con adenocarcinoma nei primi 5 anni dopo il trattamento, a seconda dello stadio della malattia, sono indicate le seguenti possibilità:

  • Fase 1 - fino al 90%;
  • Fase 2: fino al 76%;
  • Stadio 3 - fino al 50%;
  • Fase 4 - fino al 30%.

È difficile dire che un paziente sopravvissuto al cancro in stadio 1 sopravviverà in ogni caso. Dipende dalla sua età, dalla forza dell'immunità, dal tipo di cancro. Lo stesso vale per i pazienti nelle fasi successive dello sviluppo.

Adenocarcinoma dell'utero

L'adenocarcinoma dell'utero è un tumore maligno dell'endometrio. Si verifica dal tessuto ghiandolare, spesso colpisce il fondo dell'utero. Può essere asintomatico per lungo tempo. Nelle donne in post-menopausa, il sanguinamento è possibile, nei giovani pazienti - mestruazioni insolitamente pesanti. Con la diffusione dell'Adenocarcinoma uterino, il dolore nella parte bassa della schiena, un aumento dell'addome, delle perdite vaginali e dei sintomi del cancro non specifici (debolezza, perdita di peso e appetito) compaiono. La diagnosi viene stabilita sulla base di dati di ispezione, studi di laboratorio e strumentali. Trattamento - chirurgia, chemioterapia, radioterapia, terapia ormonale.

Adenocarcinoma dell'utero

L'adenocarcinoma uterino (carcinoma dell'endometrio) è un tumore maligno proveniente da cellule ghiandolari endometriali. È un tipo più comune di cancro uterino rispetto al leiomiosarcoma (un tumore originato da tessuto muscolare), diagnosticato nel 70% dei tumori uterini. È al secondo posto tra i tumori maligni nelle donne dopo il cancro al seno. Più spesso diagnosticato all'età di 40-65 anni. Attualmente, vi è un aumento dell'incidenza di adenocarcinoma uterino e una tendenza a ringiovanire questo tipo di cancro. Il 40% dei pazienti sono donne in età riproduttiva.

Oltre un quarto di secolo, l'incidenza nel gruppo di donne di 40-49 anni è aumentata del 30%, nel gruppo di donne di 50-59 anni - del 45%. In questo caso, l'incidenza tra le donne di età inferiore ai 29 anni solo negli ultimi 10 anni è aumentata del 50%. L'adenocarcinoma dell'utero risponde bene al trattamento nelle sue fasi iniziali, con la progressione del processo che la prognosi peggiora. Tutto quanto sopra determina l'importanza di esami diagnostici regolari e la necessità di vigilanza oncologica dei ginecologi in relazione a questa malattia. Il trattamento dell'Adenocarcinoma uterino è effettuato da specialisti nel campo della ginecologia e dell'oncologia.

Cause di adenocarcinoma uterino

L'adenocarcinoma dell'utero è un tumore ormono-dipendente. Lo stato del tessuto ghiandolare dell'endometrio cambia ciclicamente sotto l'influenza degli ormoni steroidei sessuali. L'aumento della quantità di estrogeni provoca un aumento della proliferazione delle cellule endometriali e aumenta la probabilità di sviluppo del tumore. Tra i fattori di rischio per l'adenocarcinoma uterino associati a cambiamenti ormonali, gli esperti indicano l'esordio precoce delle mestruazioni, la menopausa tardiva, la sindrome dell'ovaio policistico, i tumori ovarici che producono ormoni, l'obesità (il tessuto adiposo sintetizza gli estrogeni) e l'assunzione a lungo termine di grandi dosi di farmaci contenenti estrogeni.

La probabilità di sviluppare adenocarcinoma dell'utero aumenta in presenza di alcune malattie, in particolare l'ipertensione e il diabete mellito. Va notato che i disturbi ormonali e metabolici sono un fattore frequente, ma non necessario, che precede lo sviluppo dell'Adenocarcinoma uterino. Nel 30% dei pazienti, i disturbi di cui sopra sono assenti. Tra gli altri fattori di rischio, gli oncologi fanno riferimento all'assenza di sessualità, gravidanze e parto, nonché alla presenza di carcinoma mammario ed endometriale in parenti stretti. Un tumore maligno si sviluppa spesso sullo sfondo di adenomatosi e poliposi uterina.

Classificazione dell'Adenocarcinoma uterino

Dato il livello di differenziazione cellulare, ci sono tre tipi di cancro dell'endometrio:

  • Adenocarcinoma altamente differenziato dell'utero - la maggior parte delle cellule mantiene una struttura normale. Viene rilevato un piccolo numero di cellule con struttura alterata (con nuclei allungati allungati o ingranditi).
  • Adenocarcinoma uterino moderatamente differenziato - il polimorfismo cellulare è più pronunciato, si osserva una maggiore divisione cellulare.
  • Adenocarcinoma scarsamente differenziato dell'utero - c'è un pronunciato polimorfismo cellulare, ha rivelato molteplici segni di un cambiamento patologico nella struttura delle cellule.

Tenendo conto della direzione della crescita del tumore, si distinguono tre tipi di adenocarcinoma uterino: con crescita prevalentemente esofitica (il tumore cresce nell'utero), con crescita prevalentemente endofitica (il tumore germina i tessuti sottostanti) e mista. Più spesso hanno rivelato neoplasie maligne con crescita esofitica.

Data la prevalenza del processo, si distinguono quattro fasi di adenocarcinoma uterino:

  • Stadio I - il tumore è localizzato nel corpo dell'utero, i tessuti circostanti non sono coinvolti.
  • Stadio II: il tumore si diffonde alla cervice.
  • Stadio III - l'adenocarcinoma dell'utero si estende al tessuto circostante, possono essere rilevate metastasi nella vagina e linfonodi regionali.
  • Stadio IV - l'adenocarcinoma uterino si estende oltre il bacino, cresce nel retto o nella vescica, si possono rilevare metastasi distanti.

Sintomi di adenocarcinoma uterino

La malattia può essere asintomatica per lungo tempo. Nelle donne in post-menopausa, il sanguinamento uterino è un segnale di avvertimento. Nelle donne in età riproduttiva sono possibili periodi troppo lunghi e troppo lunghi. Il sanguinamento non è un segno patognomonico di adenocarcinoma uterino, dal momento che questo sintomo può comparire in una serie di altre patologie ginecologiche (ad esempio, adenomiosi e mioma uterino), ma la presenza di questo sintomo dovrebbe causare la vigilanza oncologica e servire come motivo per un esame approfondito. Ciò è particolarmente vero per l'aspetto del sanguinamento uterino nel periodo della menopausa consolidata.

Le giovani donne che soffrono di adenocarcinoma uterino spesso si rivolgono a un ginecologo in relazione a disfunzione ovarica, infertilità, mestruazioni irregolari e perdite vaginali. I pazienti anziani possono lamentare scariche sierose di varia consistenza. Con lo sviluppo di adenocarcinoma uterino, la leucorrea diventa abbondante, acquosa. La presenza di secrezioni fetide è un segno prognosticamente sfavorevole, indicando una significativa diffusione e rottura dell'Adenocarcinoma uterino.

Il dolore di solito si verifica durante la diffusione del processo tumorale, localizzato nella regione lombare e nell'addome inferiore, può essere costante o parossistico. Alcuni pazienti vanno dal medico solo allo stadio di germinazione e metastasi. Tra le possibili lamentele nelle fasi successive dell'adenocarcinoma uterino vi sono debolezza, mancanza di appetito, perdita di peso, ipertermia ed edema degli arti inferiori. Quando germinazione della parete intestinale e della vescica, ci sono violazioni del movimento intestinale e la minzione. Alcune donne mostrano un aumento delle dimensioni dell'addome. Nelle fasi avanzate, l'ascite è possibile.

Diagnosi di adenocarcinoma uterino

La diagnosi è stabilita sulla base di dati di esame ginecologico, i risultati della ricerca strumentale e di laboratorio. Il metodo più semplice di diagnosi di laboratorio di adenocarcinoma dell'utero è una biopsia di aspirazione, che può essere ripetutamente eseguita su base ambulatoriale. Lo svantaggio della tecnica è un basso contenuto informativo nelle fasi iniziali dell'adenocarcinoma uterino. Anche con studi ripetuti, la probabilità di rilevare lo stadio iniziale del cancro analizzando il contenuto di aspirazione è solo del 50% circa.

Durante l'esame di screening e con la comparsa di sintomi sospetti, viene prescritta l'ecografia degli organi pelvici. Questo metodo di diagnostica strumentale consente di identificare i processi volumetrici e i cambiamenti patologici nella struttura dell'endometrio. Il ruolo principale nella diagnosi di adenocarcinoma dell'utero è l'isteroscopia. Durante la procedura, il ginecologo non solo esamina la superficie interna dell'utero, ma esegue anche una biopsia mirata delle aree modificate, l'UFD dell'utero e il canale cervicale.

Un metodo diagnostico promettente per l'adenocarcinoma uterino è la diagnostica a fluorescenza - esame endoscopico dell'utero dopo l'introduzione di fotosensibilizzatori nel corpo, che si accumulano selettivamente nei tessuti alterati. La tecnica consente di visualizzare formazioni volumetriche con un diametro fino a 1 mm. Dopo la diagnosi di isteroscopia e fluorescenza, viene eseguito un esame istologico della biopsia. La TC e la RM sono utilizzate per valutare la prevalenza di adenocarcinoma uterino, identificare i linfonodi colpiti e le metastasi a distanza.

Trattamento dell'Adenocarcinoma uterino

I migliori tassi di sopravvivenza a cinque anni per l'adenocarcinoma uterino sono stati osservati dopo la terapia complessa, tra cui chirurgia, radioterapia e terapia farmacologica. Le tattiche terapeutiche, l'intensità e il tempo di utilizzo di ciascun componente della terapia complessa dei ginecologi oncologici sono determinati individualmente. Le indicazioni per la chirurgia sono lo stadio I e II dell'Adenocarcinoma uterino. La fattibilità dell'intervento chirurgico nello stadio III è determinata sulla base del numero di fattori prognostici sfavorevoli.

Nel carcinoma endometriale, nell'isterectomia, nella panisterectomia o nella rimozione prolungata dell'utero con annessectomia, possono essere eseguiti la rimozione dei linfonodi regionali e della fibra pelvica). La radioterapia per l'adenocarcinoma uterino viene utilizzata nella fase di preparazione preoperatoria e nel periodo postoperatorio. Vengono utilizzati l'irradiazione remota e la brachiterapia (irradiazione con un cilindro inserito nell'utero o nella vagina).

La chemioterapia e la terapia ormonale per l'adenocarcinoma uterino sono tecniche ausiliarie volte a ridurre il rischio di recidiva e correzione dei livelli ormonali. I citostatici sono usati nel corso della chemioterapia. Durante la terapia ormonale farmaci prescritti che influenzano il progesterone e i recettori degli estrogeni situati nell'area delle neoplasie maligne. Quando l'adenocarcinoma dell'intervento chirurgico di IV grado dell'utero non viene mostrato, il trattamento viene effettuato utilizzando la chemioterapia e la radioterapia.

Prognosi e prevenzione dell'Adenocarcinoma uterino

La prognosi è determinata dallo stadio del cancro dell'endometrio, dall'età e dallo stato generale di salute del paziente. La sopravvivenza a 5 anni nello stadio I e II dell'adenocarcinoma uterino è del 98-70%, nello stadio III - 60-10%, nello stadio IV - circa il 5%. Nel 75% dei casi, le recidive si verificano nei primi tre anni dopo la fine della terapia. In quasi la metà dei casi, i tumori si trovano nella vagina, nel 30% nei linfonodi regionali e nel 28% negli organi distanti.

Le misure preventive per la prevenzione e la rilevazione tempestiva di adenocarcinoma uterino includono controlli regolari del ginecologo, ecografia periodica degli organi pelvici, trattamento tempestivo delle malattie dell'utero precanceroso, correzione dei disturbi endocrini, una dieta equilibrata ed esercizio fisico per mantenere un peso normale, misure di perdita di peso per l'obesità, adeguati terapia del diabete e ipertensione.

Adenocarcinoma dell'utero

L'adenocarcinoma dell'utero è una delle varietà di tumori maligni dell'utero. Questo tumore è caratterizzato dal fatto che colpisce principalmente lo strato più superficiale, l'endometrio dell'utero.

Le manifestazioni cliniche del cancro dell'endometrio si verificano sotto forma di sanguinamento, che, con il progredire della malattia, viene integrato da sintomi del dolore nell'addome inferiore. Ci può essere una tendenza ad aumentare o diminuire le dimensioni dell'utero. Lo sviluppo di processi patologici nella maggior parte dei casi copre direttamente il corpo dell'utero.

Codice ICD-10

Cause di adenocarcinoma uterino

Le cause esatte del cancro uterino (così come molte altre forme di cancro) sono sconosciute. Secondo alcuni studi, il rischio di cancro uterino aumenta:

Proprio come è attualmente impossibile affermare con assoluta certezza ciò che effettivamente causa il cancro nelle sue varie forme, le cause dell'utenocarcinoma uterino possono essere ridotte a un elenco di fattori che possono scatenare o contribuire allo sviluppo di questa malattia maligna.

L'intervallo di età in cui vi è la maggiore probabilità di formazione di un tale tumore, copre un periodo nella vita di una donna tra i 50 ei 65 anni.

Come evidenziato dai risultati di alcuni studi, le donne sono particolarmente a rischio quando hanno un disturbo metabolico e sono sovrappeso e obesi. Soprattutto con obesità 2-3 gradi, con un eccesso significativo della norma di indice di massa corporea.

C'è un'alta probabilità di adenocarcinoma uterino in donne che non hanno mai partorito.

aumenta il rischio di questa malattia dopo la menopausa, se la menopausa femminile si è verificata all'età di 52 anni.

Le cause di adenocarcinoma uterino includono anche la presenza di sindrome dell'ovaio policistico in una donna.

Aumenta la possibilità di sviluppo di questo tumore maligno e cancro al seno sofferto da una donna, e inoltre, se è direttamente correlata a coloro che hanno avuto il cancro uterino, sua madre o sua sorella.

Sintomi di adenocarcinoma uterino

La neoplasia ha l'aspetto di un nodo tumorale, il cui processo di crescita avviene secondo il tipo esofitico, con possibilità di successiva diffusione al miometrio. Ma, di regola, questa tendenza si verifica in casi eccezionali, principalmente il tumore ha una certa localizzazione specifica, non espande l'area della lesione sull'endometrio su tutta la sua superficie e non penetra nel miometrio e nei parametri.

I sintomi di adenocarcinoma uterino nello stadio precedente al suo aspetto si manifestano come le seguenti patologie precancerose e di fondo che colpiscono l'endometrio.

Un polipo endometriale è caratterizzato dalla comparsa di un ispessimento limitato sul rivestimento interno dell'utero, che si estende come escrescenza nella cavità uterina.

Un altro precursore di un neoplasma maligno che inizia nell'utero può essere un numero significativamente maggiore di ghiandole endometriali, che è noto come adenomatosi endometriale.

Sulla condizione precancerosa o l'inizio dello sviluppo del cancro, tali fenomeni come la presenza di sintomi dolorosi prolungati di un tipo doloroso nel segnale della regione lombare; sanguinamento prolungato con un alto grado di perdita di sangue durante il ciclo mestruale nelle donne in età riproduttiva; sanguinamento nell'utero, che può essere attivato durante l'inizio della menopausa, come la ripresa di sanguinamento dopo un lungo periodo di tempo.

Una misura preventiva semplice ed efficace può essere visite regolari dal ginecologo. Lo specialista è in grado di identificare con competenza i sintomi dell'Adenocarcinoma uterino e di prescrivere un trattamento tempestivo e appropriato per prevenire il passaggio della malattia a una fase più seria e la possibile comparsa di ogni sorta di complicanze.

Adenocarcinoma della cervice

Il cancro cervicale è una malattia maligna che nella maggior parte dei casi si sviluppa nelle cellule epiteliali piatte che costituiscono il rivestimento interno della cervice. Un adenocarcinoma cervicale, che ha come origine una cellula che produce muco, può essere molto meno probabile.

Un tumore canceroso localizzato nella cervice può essere una forma esofitica o endofitica di diffusione. Nel primo caso, la direzione della crescita del tumore è diretta all'interno della vagina, mentre l'altra è caratterizzata dall'espansione delle aree interessate a causa dell'approfondimento nel canale cervicale, verso l'utero.

Va notato anche l'esistenza di una terza varietà - cancro cervicale di tipo papillare. Con esso, il tumore è formato da una combinazione di qualcosa di simile a piccole papille, simile in apparenza ai cavoletti di Bruxelles.

L'adenocarcinoma della cervice viene diagnosticato con un metodo che consiste nel rilevare la presenza di cellule tumorali in strisci prelevati nella cervice o, al contrario, nel dichiararne l'assenza. Questo metodo diagnostico è chiamato Pap test o Pap test. Spesso i tumori del collo dell'utero possono essere asintomatici, il che rende particolarmente importante la diagnosi tempestiva e l'inizio del trattamento.

Adenocarcinoma dell'utero

L'adenocarcinoma dell'utero è una neoplasia di natura maligna, che origina dai tessuti della membrana muscolare o mucosa dell'utero.

Sulla base del fatto che l'endometrio esibisce una significativa sensibilità agli effetti degli ormoni sessuali, in particolare degli estrogeni, questa oncologia è un tumore ormono-dipendente.

In circa la metà dei casi, il tumore si trova nell'area del fondo dell'utero, la lesione dell'istmo può essere meno comune o può coprire l'intera cavità uterina.

Con il progredire della malattia, le cellule anormali tendono ad espandere l'area delle aree colpite diffondendosi alle cellule vicine. Coinvolti nel processo di metastasi possono essere la cervice, le ovaie con le tube di Falloppio e il tessuto, circondati dall'utero, così come i linfonodi e la via linfatica verso tutti gli altri organi.

L'adenocarcinoma del corpo dell'utero si trova più spesso nelle donne prima dell'inizio della menopausa. Diagnosticato raschiando dal canale cervicale per il successivo esame istologico. Un fattore negativo che impedisce la diagnosi è la sua presenza negli strati profondi del tessuto.

Metodi di trattamento per vari tipi di adenocarcinoma uterino

Recentemente, i medici hanno notato un aumento dello sviluppo di malattie dell'utero di natura maligna. Molte ricerche sono state dedicate a questo problema, i metodi di diagnostica e trattamento sono costantemente migliorati. Nell'80% dei casi viene diagnosticato l'adenocarcinoma endometrioide dell'utero. Ha un basso rischio di recidiva e una prognosi favorevole per il recupero con il giusto approccio al trattamento. Ma ci sono rare forme di cancro endometriale, che si manifestano in modo molto più aggressivo, e quindi richiedono non meno attenzione.

Il principio di classificazione dei tumori maligni del corpo dell'utero

Per selezionare la strategia di trattamento ottimale, è importante determinare la categoria della malattia, valutare i rischi e la prognosi. Nel carcinoma endometriale, l'adenocarcinoma dell'utero è localizzato prevalentemente nella regione del suo fondo, a volte sull'istmo, ma può diffondersi in tutta la cavità. Non è accettato dividere i carcinomi in specie in base alla loro posizione nell'endometrio. Il decorso della malattia è fortemente influenzato dal tipo di tessuto interessato e dalla natura della neoplasia.

Nella letteratura medica, è possibile trovare diversi nomi e divisioni delle lesioni oncologiche dell'endometrio. L'Organizzazione Mondiale della Sanità ha adottato una classificazione unificata che separa i tipi di tumori in base alla loro struttura istologica. L'adenocarcinoma endometriale è chiamato un tumore che colpisce la parte ghiandolare dello stroma (tessuto connettivo) dell'utero.

Il grado di differenziazione del carcinoma endometriale

Le neoplasie sul corpo dell'utero possono influenzare diversi strati e tessuti: connettivo, muscolare e mucoso. L'epitelio dell'utero e dello stroma contenente cellule ghiandolari sono più suscettibili a questo. Tali carcinomi sono chiamati endometrioidi. Possono avere un diverso grado di differenziazione (a seconda dei tipi di cellule prevalenti nel neoplasma).

Maggiore è la differenziazione delle cellule tumorali, più simili sono alla normalità e persino in grado di svolgere le funzioni di cellule sane. L'adenocarcinoma altamente differenziato è caratterizzato da una crescita lenta. Il rischio di metastasi è molto basso. Ma la diagnosi è complicata dalla lenta progressione e dalla grande somiglianza tra cellule cancerose e sane.

L'adenocarcinoma uterino di basso grado si distingue per la sua manifestazione aggressiva:

  • crescita rapida;
  • propensione a metastatizzare;
  • compromissione del funzionamento dell'organo interessato

Ci sono tumori indifferenziati in cui non ci sono strutture e segni di separazione funzionale.

Tipi non endometrioidi di adenocarcinoma

Lo strato muscolare più profondo viene colpito meno frequentemente ed è difficile rilevarlo a causa delle difficoltà nel prelevare campioni di tessuto. Con la sconfitta del muscolo e altri strati del corpo dell'utero, ci sono tipi non-endometriali di carcinomi:

  • Lo sviluppo di adenocarcinoma sieroso non è associato ad un eccesso di ormone sessuale femminile - estrogeno. Lei è molto aggressiva e maligna. Cattura strutture papillari e ghiandolari. Le cellule atipiche hanno una forma arrotondata con uno o più nuclei grandi. Incline alla rapida riproduzione
  • L'adenocarcinoma a cellule chiare colpisce i glandulociti (cellule contenenti glicogeno) e le strutture ghiandolari. Secondo il tipo di cambiamento (differenziazione) delle cellule, determinano il grado di malignità e fanno una previsione del possibile esito della malattia. La percentuale di sopravvivenza a cinque anni varia dal 34 al 75%.
  • L'adenocarcinoma mucinoso è caratterizzato dalla presenza di una grande quantità di mucina (muco) nelle cellule e più cavità cistiche. È costituito da nodi con bordi sfocati sfocati. Questo tipo di adenocarcinoma non è curabile con la radioterapia. La probabilità di recidiva e metastasi ai linfonodi regionali è molto alta.
  • Il carcinoma a cellule squamose dell'utero è piuttosto raro, spesso sullo sfondo del cancro cervicale dell'endometrio.
  • Il carcinoma misto viene diagnosticato quando vengono rilevati diversi tipi di cellule di un tumore.

Tutti questi tipi di cancro sono rari, ma rappresentano un grave pericolo per la salute delle donne. Maggiore è l'aggressività dell'adenocarcinoma, più rapido e radicale dovrebbe essere il trattamento.

Cosa sviluppa il cancro uterino

È impossibile nominare con precisione i motivi per cui le cellule del corpo umano iniziano a svilupparsi in modo errato. Per questo motivo, ci sono solo ipotesi scientifiche che possono fare una lista di fattori che contribuiscono allo sviluppo di tumori maligni dell'endometrio. Questo elenco include:

  • l'età del paziente (il più delle volte la malattia si trova nelle donne dai 45 ai 65 anni);
  • disordini metabolici;
  • alto tasso di indice di massa corporea (obesità 2 e 3 gradi);
  • disturbi ormonali;
  • ritardo nella comparsa della menopausa (oltre 50 anni).

Le probabilità di sviluppare adenocarcinoma sono aumentate nelle donne non donatrici che hanno raggiunto l'età di 40-45 anni, così come nei pazienti che hanno avuto un tumore al seno, affetti da sindrome dell'ovaio policistico, che hanno parenti con malattie simili.

Segni di cancro dell'endometrio

I sintomi del cancro uterino sono numerosi. Una donna non può essere allertata da tali manifestazioni come:

  • dolori doloranti nella regione lombare e negli organi della piccola pelvi;
  • grande perdita di sangue durante le mestruazioni;
  • abbondante secrezione sierosa con un odore sgradevole;
  • sanguinamento dal tratto genitale dopo la menopausa;
  • dolore alle gambe e alla schiena;
  • rapida perdita di peso;
  • dolore durante il rapporto.

Ma la malattia inizia a svilupparsi molto prima della comparsa di questi segni. L'adenocarcinoma altamente differenziato potrebbe non manifestarsi affatto.

Un ginecologo è in grado di identificare questa malattia molto prima di quanto sia percepito, dalla presenza di malattie di fondo e condizioni precancerose dell'endometrio che precedono la comparsa di adenocarcinoma. Questi includono:

  • polipo endometriale;
  • adenomatosi (aumento del numero di ghiandole).

Pertanto, la principale prevenzione dello sviluppo delle complicanze è una visita regolare al ginecologo.

Metodi diagnostici per l'adenocarcinoma uterino

Per il successo del trattamento, è importante non solo stabilire la presenza della malattia, ma anche fare una diagnosi accurata. Pertanto, un elenco obbligatorio di studi include:

  • esame ginecologico;
  • biopsia dell'utero;
  • isteroscopia;
  • Ultrasuoni dello spazio retroperitoneale, cavità addominale e organi pelvici;
  • analisi generale e analisi del sangue biochimiche.

Inoltre, potrebbe essere necessario:

  • Risonanza magnetica del bacino;
  • TC dello spazio retroperitoneale (in caso di rilevazione di metastasi).

Lo scopo di questi esami è identificare il tipo di tumore, il grado di differenziazione e lo stadio di sviluppo. In futuro, questo ti permetterà di fare una previsione accurata e scegliere il metodo di trattamento ottimale.

Fasi di adenocarcinoma endometriale

Nello sviluppo del cancro, si distinguono 4 fasi. Le caratteristiche di ciascuna di esse sono abbastanza arbitrarie e dipendono da molti fattori. Si distingue per la loro previsione e il tasso di sopravvivenza per 5 anni.

  1. Nella fase I, è circa 85-90%. La diffusione del tumore nel corpo dell'utero è insignificante. Se un adenocarcinoma ben differenziato viene rilevato nel primo stadio, allora questa cifra è piuttosto alta. Per forme di cancro a bassa differenziazione caratterizzate da una soglia inferiore di questi valori. E l'adenocarcinoma a cellule chiare è solo allo stadio I ed è curabile.
  2. Allo stadio II, la cervice può essere coinvolta nel processo, la prognosi è compresa tra il 70 e il 72%.
  3. Nello stadio III sono interessati i linfonodi e gli organi adiacenti all'utero. La probabilità di un esito favorevole è molto più bassa e ammonta al 32-35%;
  4. Lo stadio IV più pesante e avanzato è caratterizzato dalla diffusione delle metastasi. La probabilità di recupero è inferiore al 30%.

A seconda del tipo e dello stadio del tumore, è necessaria la radioterapia, i farmaci o più misure radicali: l'escissione chirurgica dell'organo interessato o parte di esso.

Trattamento del cancro endometriale

Molti tipi di tumori uterini sono ormono-dipendenti e sono soggetti a metastasi, specialmente nel periodo postmenopausale. Pertanto, nella maggior parte dei casi, il trattamento dell'adenocarcinoma viene effettuato mediante la completa rimozione dell'utero, nonché le sue appendici e il metodo della terapia ormonale.

A seconda della fase e del tipo di tumore, è necessario un trattamento diverso. L'adenocarcinoma a cellule chiare, caratterizzato da un decorso aggressivo, deve essere rimosso nella prima fase del suo sviluppo e, successivamente, al paziente viene prescritta la chemioterapia o radioterapia.

Adenocarcinoma altamente differenziato dell'utero con diagnosi precoce viene trattato radicalmente, con il metodo chirurgico. Ciò è dovuto al fatto che tali tumori raramente si diffondono nelle aree vicine, quasi non influenzano i linfonodi e sono caratterizzati dall'assenza di metastasi. Se necessario, ritaglia la cervice e parte della vagina, delle ovaie e delle tube di Falloppio. Nelle situazioni più difficili devono essere rimossi i linfonodi regionali. Dopo l'intervento, il periodo di recupero dura da 4 a 8 settimane.

Nella seconda fase, oltre all'isterectomia (rimozione chirurgica del corpo dell'utero), è indicata la radioterapia. È un'irradiazione misurata delle aree interessate dell'endometrio con i raggi X. Ciò porta a una completa rottura delle cellule della lesione tumorale e il tumore scompare.

Il trattamento di adenocarcinoma da chemioterapia comporta l'impatto di farmaci dannosi sulle cellule tumorali al fine di distruggerli. A tale scopo vengono utilizzati cisplatino, carboplatinn, doxorubicina e altri farmaci.

Le conseguenze del trattamento possono includere debolezza, disagio, nausea, squilibrio ormonale. Questo è corretto da appropriati farmaci ormonali e passa nel tempo.

Metodi per la prevenzione del cancro dell'endometrio

Per prevenire lo sviluppo di adenocarcinoma è impossibile. Ma è possibile ridurre al minimo il rischio di complicanze e aumentare le probabilità di un esito favorevole. Per fare questo, le donne hanno bisogno di:

  • mantenere il peso corporeo normale;
  • condurre uno stile di vita attivo e sano;
  • mangiare bene;
  • mangiare cibi vegetali ricchi di antiossidanti;
  • minimizzare il contatto con fattori ambientali dannosi;
  • visita regolarmente il ginecologo per un esame di routine.

Grazie a queste semplici misure, è possibile ridurre il rischio di rapida progressione della malattia, se si verifica. Il cancro trovato nelle prime fasi è più facile da trattare e non è complicato dalle ricadute.

La prognosi per l'adenocarcinoma uterino è influenzata dallo stadio della malattia, dalla profondità di penetrazione del tumore nello strato muscolare, dalla diffusione negli organi e appendici vicini, dai linfonodi e dall'età del paziente. Di grande importanza è il fattore istologico. Gli effetti previsti dipendono dal tipo di cellule tumorali. L'adenocarcinoma sieroso delle mucose e delle cellule chiare avrà un esito positivo solo se rilevato allo stadio I e inizierà immediatamente il trattamento. E le forme altamente differenziate di tumori sono suscettibili di terapia nelle fasi successive.

Il rispetto di semplici misure preventive, l'accesso tempestivo a un medico, controlli regolari e un approccio competente al trattamento possono dare speranza di un completo recupero anche con forme di cancro mal differenziate e indifferenziate. Pertanto, la salute di una donna dipende in gran parte da lei.

Informazioni utili

La causa della maggior parte delle malattie sessualmente trasmissibili sono le infezioni virali, che si manifestano a causa dell'immunità indebolita! La causa più comune di immunosoppressione è parassiti! È stato scientificamente provato che ci sono parassiti in ogni persona e questo si manifesta con i seguenti sintomi:

  • costante affaticamento generale;
  • sonnolenza;
  • malessere generale;
  • dolore periodico senza causa negli organi interni;
  • stato depressivo

Se hai almeno 2 di questi sintomi, potresti avere parassiti nel tuo corpo! Ti consigliamo di bere un tè antiparassitario, almeno come misura preventiva.

Ecco perché abbiamo deciso di pubblicare un'intervista esclusiva con Elena Malysheva, in cui ha rivelato il segreto per sbarazzarsi dei parassiti. Leggi l'articolo >>

Cos'è l'adenocarcinoma uterino e la sua classificazione

La salute riproduttiva di una donna è soggetta a molti problemi. Risponde allo stress e alle condizioni ambientali avverse. Le malattie che colpiscono gli organi del sistema riproduttivo, purtroppo, stanno diventando più comuni. L'adenocarcinoma uterino è il processo di formazione di tumori maligni nel sistema riproduttivo. La malattia colpisce lo strato superiore dell'utero - l'endometrio. Il pericolo della patologia è che le prime fasi del suo sviluppo procedono senza sintomi visibili. Le donne di tutte le età sono a rischio, ma il più delle volte la patologia viene diagnosticata in coloro che hanno superato la soglia del 40-60esimo anniversario.

cause di

L'adenocarcinoma dell'utero è una neoplasia ormono-dipendente. Lo strato uterino interno rinasce in un tumore maligno a causa del fatto che il livello degli ormoni steroidei cambia nel corpo. Un aumento della quantità di estrogeni provoca una rapida proliferazione del tessuto endometriale e il rischio di sviluppare una neoplasia maligna aumenta significativamente.

Gli esperti hanno identificato altre ragioni per lo sviluppo della patologia:

  1. Fallimento del ciclo mestruale, che è associato alla soppressione del processo di ovulazione. Allo stesso tempo c'è una diminuzione del livello di progesterone nel corpo, un aumento del livello di estrogeni.
  2. L'obesità. Il tessuto lipoide è in grado di produrre ormoni estrogeni.
  3. Funzione riproduttiva non realizzata Nelle donne che non hanno partorito, il rischio di sviluppare patologie aumenta significativamente.
  4. Trattamento a lungo termine con preparati ormonali. Il rischio di sviluppare un tumore maligno dipende dalla durata della terapia e dalla dose degli ormoni prelevati.
  5. Il diabete mellito.
  6. Ipertensione.
  7. L'anovulazione è una condizione in cui un uovo maturo non viene fuori nel mezzo di un ciclo.
  8. Ovaio policistico.
  9. La ricezione di Tamoxifen per molto tempo. Il farmaco, prescritto per il trattamento di tumori maligni nel tessuto mammario, può causare lo sviluppo di adenocarcinoma uterino.
  10. Una nuova crescita si verifica se le donne hanno altre malattie dell'utero.
  11. La predisposizione ereditaria è un altro fattore che può causare lo sviluppo della patologia.
  12. Neoplasmi ormonali benigni nelle ovaie.
  13. Le prime mestruazioni e la menopausa tardiva. Più lungo è il periodo mestruale nella vita di una donna, più a lungo il suo corpo subisce l'effetto degli estrogeni sullo strato endometriale uterino interno. Ciò aumenta il rischio di sviluppare processi oncologici.

È impossibile negare il fatto che la possibilità di sviluppare una patologia aumenta significativamente se una donna è in condizioni sfavorevoli da molto tempo (lavorando in un sito produttivo con effetti avversi, vivendo in un'area inquinata dall'ambiente). Pochi sanno che la malnutrizione, la dipendenza può anche diventare fattori, a causa dei quali l'adenocarcinoma dell'utero.

classificazione

La patologia ha una classificazione che differisce dal grado di differenziazione:

  1. L'adenocarcinoma uterino altamente differenziato è una forma di patologia in cui le cellule maligne e anormali sono molto simili alle cellule del tessuto uterino sane. La malattia è di natura superficiale, localizzata nello strato miometriale. Una patologia che non va al di là di questo strato ha solo l'1% di probabilità che si formino metastasi.
  2. Adenocarcinoma uterino moderatamente differenziato - questa patologia è accompagnata da un gran numero di cellule uterine alterate in modo anormale. La malattia ha un più alto grado di danno, può causare lo sviluppo di complicanze. Le piccole frazioni linfonodali sono affette dal cancro, che si diffonde insieme al flusso linfatico. Le metastasi in donne più giovani che 30 anni, di regola, non sono osservate. In altri casi, appare nel 9% dello sviluppo della patologia.
  3. Adenocarcinoma scarsamente differenziato dell'utero - la patologia è caratterizzata da un alto grado di malignità cellulare, a cui inizia la formazione su larga scala di tessuti anormali. Questa forma di patologia ha un esito favorevole minimo. Con esso, le metastasi linfonodali regionali sono quasi inevitabili.

C'è anche una divisione della patologia in diversi tipi:

  • adenocarcinoma endometrioide dell'utero - il tumore cresce superficialmente negli strati del miometrio. Con una diagnosi tempestiva, la malattia viene trattata con successo, gli esperti danno alte probabilità di un completo recupero. L'adenocarcinoma endometriale si verifica nel 75% dei casi di cancro dell'utero;
  • adenocarcinoma squamoso (carcinoma a cellule squamose della cervice uterina) - le strutture cellulari squamose diventano la sua base. La patologia, di regola, diventa una conseguenza del cancro del canale cervicale, è piuttosto rara;
  • forma papillare di adenocarcinoma - una combinazione di polipi diventa la base di un tumore.

Adenocarcinoma della cervice

L'adenocarcinoma della cervice è considerato una malattia relativamente rara che si verifica solo nel 10% dei casi di sviluppo di neoplasie maligne degli organi riproduttivi. Le basi della formazione del tumore sono le cellule che producono il muco. La patologia ha una natura diversa di flusso:

  1. carattere endofitico - in questo caso, il tumore cresce, andando in profondità nel canale cervicale verso il corpo uterino;
  2. carattere esofitico - una neoplasia si sviluppa verso la vagina.

La diagnosi di adenocarcinoma della cervice viene eseguita utilizzando il Pap test. Nel processo, viene esaminato uno striscio prelevato dalla cervice. Lo scopo dell'analisi è di rilevare la presenza o l'assenza di cellule tumorali. Il pericolo della patologia è che il suo sviluppo può avvenire nascosto. Un test tempestivo aiuta a diagnosticare la malattia nelle sue fasi iniziali, il che aumenta notevolmente le possibilità di successo della terapia.

Adenocarcinoma dell'utero

Una neoplasia maligna che si forma dai tessuti uterini muscolari e mucosi è l'adrenocortoma del corpo uterino. Il tumore è intrinsecamente dipendente dall'ormone. Molto spesso, il tumore si trova sul pavimento uterino, molto meno spesso l'educazione può svilupparsi sull'istmo dell'utero, l'organo stesso.

La patologia colpisce una vasta area di tessuto, si diffonde rapidamente alle strutture cellulari vicine. Per questo motivo, l'oncoprocesso può avere contemporaneamente diversi punti focali di sviluppo. Può essere interessato:

  • sistema linfatico;
  • strutture linfonodali;
  • tube di Falloppio;
  • le ovaie;
  • i tessuti che circondano l'utero;
  • il corpo dell'utero;
  • la cervice.

La malattia è più spesso diagnosticata nelle donne che hanno raggiunto l'età pre-menopausa. Per la diagnosi di patologia, è necessario condurre un esame istologico di uno striscio prelevato dalla cervice.

Fasi di sviluppo

La patologia ha 4 fasi di sviluppo. L'affiliazione di un'educazione a un particolare stadio si basa sulla dimensione della neoplasia. Tiene conto anche della misura in cui i muscoli dell'utero sono coinvolti nel processo oncologico e se ci sono metastasi. Gli esperti considerano i segni generali dello sviluppo della malattia.

  • Fase I Patologicamente, le cellule si trovano esclusivamente nella cavità uterina. L'endometrio è interessato, il miometrio potrebbe già essere coinvolto nel processo. Danni ad altri organi, linfonodi n. I medici danno una buona prognosi per il completo recupero in questa fase.
  • Fase II Nel processo patologico già coinvolto cervice uterina. Il miometrio è influenzato più profondamente. I linfonodi e altri organi non sono interessati in questa fase.
  • Fase III. Osservato la progressione dei tumori. Germina per tutto lo spessore dell'endometrio. La patologia colpisce i linfonodi, che si trovano nelle vicinanze. Anche il processo oncologico può interessare la vescica, il retto, gli organi vicini.
  • Stadio IV. Sono state osservate metastasi attive. Le metastasi nelle ossa e nei polmoni possono essere rilevate.

La prognosi per il futuro dipende direttamente dalla fase in cui è stata scoperta la patologia.

Quanto manifesto

L'adenocarcinoma dell'utero può essere diagnosticato rapidamente, ma sfortunatamente non tutte le donne vanno dal medico quando si manifestano i sintomi dell'ansia. Sono spesso confusi dai loro segni della menopausa, giustificano lo stress, lo sforzo fisico. Gli esperti hanno identificato le ragioni per le quali viene diagnosticata la patologia nelle ultime fasi avanzate:

  • con adenocarcinoma, ci sono sintomi simili con malattie endometriali. Una donna può essere trattata per iperplasia, polipi. Metodi diagnostici eseguiti in modo errato fanno progredire il tumore mentre il medico cura un'altra malattia;
  • l'abbandono della malattia può essere colpa della donna. Molti non cercano aiuto, notando che il flusso mestruale è diventato più abbondante, prolungato. Le donne associano questo con la menopausa. Il dolore, localizzato nella regione lombare, spiega i carichi.

Gli esperti hanno identificato i principali sintomi dell'Adenocarcinoma uterino, che non possono essere ignorati e dovrebbero chiamare immediatamente un medico, essere diagnosticati per identificare le cause del deterioramento.

  1. Mestruazioni abbondanti, durante le quali ci sono grossi coaguli. Questo sintomo dovrebbe allertare la donna a qualsiasi età.
  2. Sanguinamento di intensità diversa nel periodo tra le mestruazioni. In alcuni casi potrebbe esserci sanguinamento. Alcune donne che hanno la menopausa, semplicemente credono di aver iniziato di nuovo le mestruazioni, non vanno dal dottore. Non prestano attenzione alle piccole perdite di sangue.
  3. Scarico abbondante abbondante dal tratto genitale, con consistenza mucosa o acquosa. Questo sintomo può indicare che una donna ha un adenocarcinoma sieroso, che è considerato una forma aggressiva di patologia.

Ci sono molti altri sintomi non specifici che possono apparire se c'è un processo oncologico nel corpo.

  1. Dolore di umore, localizzato nella regione lombare, nell'addome inferiore, nella regione sacrale. Disagio, il dolore si verifica durante il sesso.
  2. Debolezza generale del corpo, febbre senza motivo apparente, aumento della sudorazione, letargia.
  3. Una forte perdita di peso senza una ragione oggettiva in poco tempo.
  4. Si può osservare un aumento della circonferenza dell'addome, dovuto al fatto che il fluido si accumula nella cavità addominale e si forma l'ascite.

L'aspetto di questi segni dovrebbe fare in modo che una donna consulti un medico. La diagnosi tempestiva aumenta le possibilità di un esito positivo nel trattamento della patologia.

diagnostica

I metodi di diagnosi di adenocarcinoma non presentano differenze significative rispetto alla rilevazione delle patologie dell'endometrio. Questi includono:

  • Esame locale da parte di un ginecologo. Questo metodo consente di rilevare violazioni delle dimensioni dell'utero, del sistema linfatico e di altri tumori patologici.
  • L'ultrasuono è il metodo migliore per rilevare le lesioni. Se sono presenti nuove escrescenze, un'ecografia le mostrerà sicuramente.
  • Strisci oncologici, con una cervice interessata.
  • Isteroscopia, curettage diagnostico separato. Lo specialista effettua una raccolta di tessuti inviati per esame istologico.
  • CT, MRI da solo e modi accurati per diagnosticare patologie.
  • Se necessario, spendi urografia, colonscopia, linfografia.

Come trattare

Il trattamento terapeutico dell'adenocarcinoma uterino ha un leggero effetto, che comporta la rimozione dell'utero, appendici e radio successiva, la chemioterapia. Le terapie chirurgiche sono prescritte nelle fasi 1-2 dello sviluppo patologico. Nella terza fase, è necessario prendere in considerazione vari fattori individuali che influenzano la scelta della terapia.

Per il trattamento di questa patologia ricorrere alla pan-isterectomia, l'estirpazione. Il periodo postoperatorio dura circa 2 mesi. I primi giorni dopo l'intervento chirurgico, una donna può provare un lieve disagio, dolore, debolezza costante, affaticamento, feci disturbate, nausea, vomito. Il trattamento dell'Adenocarcinoma uterino con i rimedi popolari è possibile solo dopo aver consultato il medico, esclusivamente come terapia aggiuntiva per eliminare i sintomi postoperatori.

La radioterapia può essere prescritta sia prima che dopo l'intervento chirurgico. L'irradiazione può essere eseguita usando la brachiterapia o da lontano. Nei casi in cui l'adenocarcinoma assume una forma inoperabile, la chemioterapia diventa il principale metodo di trattamento. Questa patologia è ormono-dipendente, quindi i farmaci ormonali vengono spesso prescritti per il suo trattamento, in particolare riducendo il livello di estrogeni.

Qual è la previsione

Le previsioni di questa patologia sono le più positive, soprattutto con una diagnosi tempestiva. Inoltre, uno dei meno pericolosi per la vita è l'adenocarcinoma di natura altamente differenziata, in particolare con un intervento chirurgico tempestivo, l'assenza del processo di metastasi.

  1. Più spesso, il tasso di sopravvivenza dopo l'intervento chirurgico nelle prime fasi della malattia è estremamente alto, anche con ulteriori radio e chemioterapia. Gli esperti danno una probabilità del 90% di recupero completo di una donna. Se vengono seguite tutte le raccomandazioni, la riabilitazione richiederà circa 1 anno, dopodiché la donna tornerà alla sua vita normale.
  2. La sopravvivenza dei patologi di stadio II si riduce al 75%, perché la patologia ha una rotta complicata. Dopo la rimozione dell'utero, la donna non è in grado di realizzare la funzione riproduttiva. Il recupero postoperatorio richiede molto tempo, ma in condizioni normali di salute, la donna ritorna alla vita normale.
  3. Nel cancro in stadio III, la possibilità di cura diminuisce al 50%. Le cellule maligne infettano i tessuti al di fuori dell'utero, durante l'intervento chirurgico può richiedere la rimozione dell'intera vagina o di una parte separata di esso.
  4. La fase IV ha previsioni estremamente negative. Le metastasi a questo stadio si stanno diffondendo attivamente non solo agli organi vicini, ma in tutto il corpo, il paziente diventa inutilizzabile, è necessario ricorrere a mezzi di radioterapia, che possono aiutare a distruggere le cellule maligne. Quante persone vivono con l'adenocarcinoma uterino nella fase 4, nessuno lo dirà con certezza. Tuttavia, le statistiche mostrano che, dopo aver diagnosticato questo stadio, la probabilità di sopravvivenza durante i primi 5 anni è del 10-20%, tutto dipende dalle caratteristiche individuali, sia dalla patologia che dal corpo del paziente.

Oggi non esistono metodi per prevenire l'adenocarcinoma, il che aumenta notevolmente lo sviluppo del cancro uterino. Per una diagnosi tempestiva della patologia, una donna deve attenersi a semplici regole:

  1. Ogni sei mesi visita un ginecologo per un esame di routine
  2. Effettuare periodicamente l'ecografia degli organi pelvici.
  3. Eliminare tempestivamente le violazioni del sistema endocrino.
  4. Quando si rileva una patologia precancerosa, ricorrere al trattamento tempestivo.
  5. Abbandona le cattive abitudini, guida uno stile di vita sano e attivo.
  6. Tieni il peso sotto controllo.
  7. Tempestivamente, trattare adeguatamente il diabete, l'ipertensione.

Una donna nella cui famiglia ci sono stati casi di cancro degli organi genitali dovrebbe essere particolarmente attenta alle sue condizioni. C'è un'alta probabilità di predisposizione oncologica.

L'adenocarcinoma è una patologia da cancro che può essere trattata. Una donna dovrebbe monitorare attentamente la sua salute, consultare un medico se appaiono sintomi spiacevoli e fastidiosi.