Edema cerebrale

L'edema cerebrale è un accumulo di fluido nelle cellule e nello spazio intercellulare del cervello, che causa un aumento del volume e dell'ipertensione endocranica. Questa è una patologia secondaria, che è caratterizzata da un rapido sviluppo. Senza un tempestivo intervento medico, la conseguenza di un edema cerebrale può essere fatale.

Cause di edema cerebrale

L'edema cerebrale si verifica come una risposta del corpo a lesioni, infezioni o malattie associate a funzioni cerebrali compromesse.

Nelle lesioni cerebrali traumatiche, il danno meccanico può essere complicato dall'ingresso di frammenti dell'osso craniale nel tessuto cerebrale. Di conseguenza, il normale flusso di liquidi viene interrotto. Questo è possibile dopo una caduta da un'altezza, un colpo alla testa o un incidente. I neonati sono probabilmente traumi alla nascita.

Le seguenti malattie infettive e infiammatorie possono causare edema cerebrale:

  • Meningite - infiammazione della dura madre a causa di infezioni virali o farmaci incontrollati;
  • L'encefalite è un'infiammazione virale che si verifica più spesso dopo il morso di vari insetti;
  • Empyema subduralny - complicazione purulenta di infezioni;
  • La toxoplasmosi è un'infezione causata dal toxoplasma che viene trasmesso da animali domestici.

L'ictus ischemico è una causa diretta di edema cerebrale: la circolazione sanguigna è disturbata a causa di un blocco della nave con un coagulo di sangue. Le cellule sperimentano la fame di ossigeno e gradualmente si estinguono, provocando l'accumulo di liquidi.

In presenza di un tumore, l'edema cerebrale è un evento frequente, poiché le cellule tumorali si espandono rapidamente e fanno pressione su quelle sane.

In alcuni casi, lo sviluppo di questa patologia può essere associato ad attività professionali o sportive. Ad esempio, gli scalatori hanno spesso il cosiddetto edema del cervello di montagna associato a una netta differenza di elevazione.

Sintomi di edema cerebrale

I sintomi di edema cerebrale includono:

  • Respirazione irregolare;
  • vertigini;
  • Nausea e vomito;
  • Forte mal di testa;
  • Perdita parziale della vista;
  • Disorientamento nello spazio;
  • Menomazione della parola;
  • La memoria decade;
  • Cadendo in uno stato di torpore;
  • Crampi periodici;
  • Svenimento.

Quando compaiono questi segni, è necessaria un'assistenza medica di emergenza.

A seconda della gravità e della posizione della malattia di base, gli effetti dell'edema cerebrale saranno varie complicazioni:

  • Aumento della pressione intracranica. Accompagnato da inibizione di reazioni, sonnolenza, disturbi della coscienza, perdita di capacità di comunicazione sociale;
  • Violazione della respirazione e afflusso di sangue. Appare con lesioni del midollo allungato, in cui si trovano tutti i principali centri di supporto vitale;
  • Astenizzazione del sistema nervoso, epilessia. Accade dopo una terapia intensiva di riabilitazione, in quanto vi sono aderenze negli spazi del liquido cerebrospinale, nei ventricoli e nelle membrane;
  • Corteccia errata È causato da un edema prolungato del cervello, influenza il processo del pensiero, porta allo sviluppo della decorticazione;
  • Tetraparesi, paralisi. Si verifica con l'inserimento e lo spostamento del tronco cerebrale;
  • Smetti di respirare, morte. Possibile violazione delle funzioni vitali a causa della violazione del tronco cerebrale nell'apertura della tenda cerebellare o con un aumento irregolare del volume degli emisferi.

Trattamento dell'edema cerebrale

Il trattamento dell'edema cerebrale è quello di eliminare la sua causa, ridurre la pressione intracranica e fornire al cervello la quantità necessaria di ossigeno. I farmaci vengono selezionati in base alla malattia di base e alla gravità dei sintomi. Ad esempio, l'ossigenoterapia viene utilizzata per lesioni cerebrali traumatiche, durante le quali l'ossigeno viene introdotto artificialmente nel corpo. Con eccessivo accumulo di liquido nei ventricoli, viene rimosso utilizzando un catetere speciale, che contribuisce ad alleviare l'alta pressione.

Il metodo più difficile di trattamento dell'edema cerebrale è la chirurgia, ma a volte è l'unico modo per salvare la vita del paziente. Le operazioni sono necessarie per tumori, danni al tessuto cerebrale delle ossa del cranio, così come il ripristino dei vasi sanguigni danneggiati.

A volte il gonfiore del cervello può scomparire da solo - dopo un piccolo incidente o una leggera commozione cerebrale, ma per la maggior parte delle persone l'accumulo di liquidi in eccesso nel cervello non passa senza lasciare traccia. Pertanto, il medico dovrebbe sempre determinare il grado di pericolo e la diagnostica è necessaria anche con lesioni lievi.

Sintomi, trattamento ed effetti dell'edema cerebrale

Gonfiore del cervello sono violazioni gravi e rappresentano una seria minaccia per la vita. Considera questa malattia in dettaglio.

L'edema è il processo patologico, che è il verificarsi di impregnazione diffusa del tessuto cerebrale con il fluido contenuto nello spazio vascolare.

L'inizio del processo è dovuto alla comparsa di qualche tipo di irritante, come un'infezione, intossicazione o ferite alla testa. Questo porta alla formazione di eccesso di liquido nelle cellule cerebrali, con conseguente gonfiore.

Se un paziente con edema cerebrale non ha ricevuto un'assistenza medica tempestiva, spesso porta a gravi conseguenze, spesso a morte.

Questo processo è la risposta del corpo umano a stress eccessivo, traumi o malattie infettive.

Lo sviluppo del processo è abbastanza veloce, l'eccesso di liquido si accumula nelle cellule e nello spazio intercellulare, a seguito del quale le dimensioni del cervello iniziano ad aumentare. Ciò porta ad un aumento della pressione intracranica, a una cattiva circolazione del sangue e alla morte delle cellule cerebrali.

Con lo sviluppo di questo processo patologico è difficile dare una previsione, tutto dipende dalla tempestività delle cure mediche. Se l'assistenza è stata fornita immediatamente, riduce significativamente il rischio di gravi conseguenze.

Fattori - provocatori

Molti fattori possono causare gonfiore del cervello, le cause più comuni di questa condizione:

  • in malattie infettive come l'encefalite e la meningite;
  • a causa di trauma cranico;
  • in condizioni pre-ictus e in ictus ischemico;
  • durante il periodo postoperatorio, quando il tessuto cerebrale è danneggiato durante l'operazione;
  • in presenza di tumori cerebrali, indipendentemente dal fatto che siano benigni o maligni;
  • nel processo di emorragia intracranica, ad esempio, a causa della rottura dell'aneurisma;
  • a seguito di un lungo decorso di ipertensione arteriosa;
  • con l'epilessia;
  • a causa di gravi malattie del sangue;
  • a seguito di lesioni tossiche del tessuto cerebrale nell'alcoolismo e nella tossicodipendenza.

Primi segni

Lo sviluppo di edema cerebrale si verifica in fasi, all'inizio di questo processo, si possono osservare i seguenti sintomi:

  • inarcando mal di testa, spesso accompagnato da vomito;
  • l'emergere di una costante nausea;
  • la manifestazione di uno stato stordito o irrequieto, con questo orientamento spesso interrotto nello spazio e nel tempo;
  • sonnolenza;
  • insufficienza respiratoria;
  • alunni costretti;
  • ipertensione;
  • la comparsa di aritmie.

Mentre il processo progredisce, compaiono sintomi e disturbi più gravi.

Caratteristiche del quadro clinico

La sintomatologia dipende da quanto dura la malattia e qual è la localizzazione delle lesioni delle strutture cerebrali. Ci sono tre gruppi di sintomi.

Sintomi neurologici causati da gonfiore nella corteccia con penetrazione nella regione subcorticale. Questi includono:

  • aumento della pressione intracranica;
  • convulsioni;
  • stato eccitato;
  • aumento del tono muscolare;
  • la comparsa di riflessi patologici.

Nei casi in cui il gonfiore del cervello provoca un forte aumento della pressione intracranica, ha le seguenti manifestazioni:

  • nausea e vomito;
  • frequente cambio di depressione per agitazione psicomotoria;
  • mal di testa;
  • disturbo del movimento dei bulbi oculari;
  • la comparsa di crampi.

Le convulsioni possono verificarsi nei muscoli e negli arti facciali e possono anche essere più prolungate, caratterizzate da una posizione del corpo innaturale.

Con edema progressivo, a causa del quale si verifica uno spostamento e una compromissione delle strutture cerebrali, si verificano i seguenti sintomi:

  • aumento della temperatura corporea a 40 gradi o più, che non può essere ridotto;
  • la risposta della pupilla alla luce è debole o assente;
  • appaiono paresi unilaterali (paralisi) e convulsioni;
  • ritmo del cuore spezzato;
  • non ci sono riflessi del dolore e dei tendini;
  • coma.

Se il paziente è in ventilazione artificiale dei polmoni, allora gli indicatori della frequenza e della profondità della respirazione crescono prima, dopo di che si verifica la cessazione dell'attività respiratoria e cardiaca.

Pronto soccorso per sospetto gonfiore

In caso di edema cerebrale, le cure mediche tempestive e adeguate svolgono un ruolo importante. Il paziente è soggetto a ricovero immediato, dove gli verranno date le seguenti misure di pronto soccorso:

  • assicurare il passaggio dei polmoni fornendo ossigeno attraverso una maschera o cateteri nasali;
  • l'introduzione di mannitolo per via endovenosa 3-4 volte al giorno;
  • dopo il mannitolo viene somministrata la furosemide;
  • con alta pressione intracranica, si utilizza il solfato di magnesio.

Nei casi in cui l'edema è accompagnato da convulsioni e insufficienza respiratoria, si consiglia di utilizzare:

Trental può essere somministrato per via endovenosa per stimolare il cervello e Piracetam viene somministrato dopo 2-3 giorni.

Fare una diagnosi

Nei neurologi, il sospetto edema cerebrale può causare una condizione di peggioramento costante di una persona, accompagnata da una compromissione della coscienza e dalla presenza di sintomi meningei.

È possibile confermare o smentire la diagnosi preliminare utilizzando la TC o la risonanza magnetica, nonché valutando lo stato neurologico, l'analisi del sangue e la ricerca e stabilendo le possibili cause della condizione.

A causa del fatto che l'edema cerebrale sta sviluppando rapidamente processi, la diagnosi primaria deve essere eseguita il prima possibile, mentre il paziente è meglio posizionato in ospedale.

Il complesso di interventi terapeutici

In rari casi, la malattia scompare in pochi giorni, ad esempio, se l'edema è dovuto a una leggera commozione cerebrale. I casi rimanenti richiedono cure mediche immediate.

L'obiettivo principale del trattamento è di normalizzare i processi metabolici delle cellule cerebrali, con conseguente riduzione dell'edema. Il trattamento consiste nel combinare il trattamento medico e chirurgico del problema.

In tali casi, è necessario garantire una nutrizione adeguata del cervello con ossigeno, con questo scopo l'introduzione artificiale di ossigeno è effettuata attraverso inalatori o altri dispositivi. Il risultato di queste misure è la saturazione del sangue e del cervello con l'ossigeno, che contribuisce al rapido recupero.

Al fine di mantenere gli indicatori di pressione intracranica e combattere le infezioni, vengono utilizzati metodi di somministrazione di farmaci attraverso una IV.

Se il gonfiore del cervello è accompagnato da febbre, è necessario prendere misure per ridurlo. Questo aiuta a ridurre il gonfiore.

La scelta dei farmaci in questo caso dipende dalle caratteristiche del paziente, dai sintomi e dalle cause dell'edema.

Casi particolarmente gravi richiedono le seguenti misure:

  • rimozione del liquido in eccesso nei ventricoli del cervello utilizzando un catetere, che riduce la pressione intracranica;
  • ripristino del vaso sanguigno danneggiato o rimozione di tumori in caso di rilevamento;
  • rimozione dei frammenti dell'osso craniale per ridurre la pressione intracranica.

Gonfiore del cervello sono patologie imprevedibili, quindi non vi è alcuna garanzia che il trattamento sarà efficace.

Molto pericoloso e imprevedibile

Gonfiore del cervello sono condizioni critiche e spesso provocano la morte di una persona. Il danno al tessuto cerebrale causato da questa condizione porta a gravi cambiamenti nello stato del corpo o è completamente incompatibile con la vita.

Ci sono solo tre opzioni per lo sviluppo di eventi:

  1. Nessuna conseguenza e pieno recupero del paziente. Questo accade molto raramente, nei casi in cui l'edema è sorto in una persona giovane e sana, ad esempio, in caso di alcol o altro avvelenamento. Se le cure mediche sono fornite in modo tempestivo, la violazione non porterà a conseguenze gravi.
  2. Sollievo dall'edema con recupero parziale e invalidità. Questa opzione è molto più comune quando la meningite, l'encefalite o le lesioni traumatiche al cervello sono diventate la causa dell'edema. Ci sono casi in cui i difetti acquisiti a seguito di una malattia sono minimi e non interferiscono con l'intera vita di un paziente.
  3. La morte del paziente, causata dalla progressione della violazione. Un tale risultato è possibile in circa il 50 percento dei casi. Il liquido si accumula nei tessuti, che porta alla compressione del cervello e alla sua deformazione, e quindi a interrompere la respirazione e il battito del cuore.

Il pericolo di una violazione sta nel fatto che è quasi impossibile prevedere quali conseguenze porterà in un caso particolare.

Attenzione speciale ai bambini

Il tessuto cerebrale e il sistema nervoso nei neonati sono in fase di sviluppo, per questo motivo, l'edema cerebrale procede diversamente da loro che negli adulti. Si sviluppa in pochi minuti e le ragioni possono essere i seguenti fattori:

  • la conseguenza del trauma della nascita;
  • la presenza di infezioni intrauterine;
  • infezione da meningite o meningoencefalite durante il parto o dopo;
  • patologie congenite del cervello e del sistema nervoso.

Il sospetto sviluppo di edema può derivare dai seguenti sintomi:

  • comparsa di vomito;
  • stato inibito;
  • comportamento irrequieto e pianto continuo;
  • arresto del seno;
  • convulsioni;
  • una grande primavera gonfia, anche quando il bambino è calmo.

Prevenire non morire

Al fine di prevenire il verificarsi di gonfiore nel cervello, è necessario osservare le seguenti misure di sicurezza:

  • rinunciare a cattive abitudini: fumo e abuso di alcool;
  • evitare lesioni alla testa (indossare una cintura di sicurezza in auto, indossare un casco quando si va in bicicletta e pattini a rotelle, ecc.);
  • monitorare la pressione sanguigna;
  • adottare misure per prevenire malattie infettive del cervello;
  • normalizza il peso e mangia bene;
  • trattare tempestivamente le malattie associate al sistema circolatorio.

La conformità a queste semplici regole contribuirà a ridurre il rischio di patologie pericolose.

Edema cerebrale

L'edema cerebrale è un accumulo di liquidi in rapida crescita nei tessuti cerebrali, che porta alla morte senza un'adeguata assistenza medica. La base del quadro clinico è un deterioramento graduale o in rapido aumento delle condizioni del paziente e l'approfondimento dei disturbi della coscienza, accompagnato da segni meningei e atonia muscolare. La diagnosi è confermata dai dati di risonanza magnetica o TC del cervello. Viene effettuato un ulteriore esame per trovare la causa dell'edema. La terapia inizia con la disidratazione e il mantenimento del metabolismo dei tessuti cerebrali, combinato con il trattamento della malattia causativa e la nomina di farmaci sintomatici. Secondo le indicazioni, è possibile avere un trattamento chirurgico urgente (trapanazione di decompressione, ventricolostomia) o ritardato (rimozione di una formazione di massa, intervento chirurgico di bypass).

Edema cerebrale

Il gonfiore del cervello fu descritto già nel 1865 da N.I. Pirogov. Ad oggi è diventato chiaro che l'edema cerebrale nosologica non un'unità indipendente ma è un processo patologico secondaria sviluppo che si verifica come complicazione di una varietà di malattie. Va notato che il gonfiore di altri tessuti del corpo - abbastanza comune fenomeno non è legato alle condizioni urgenti. Nel caso di edema cerebrale è una condizione pericolosa per la vita, perché, mentre nello spazio chiuso del cranio, tessuto cerebrale non ha la capacità di aumentare di volume e appaiono occlusione. Polyetiology causa rigonfiamento del cervello, nella mia pratica in quanto si incontra come esperti nel campo della neurologia e neurochirurgia, e chirurghi traumi, neonatologi, oncologi, tossicologi.

Cause di edema cerebrale

Molto spesso, l'edema cerebrale si sviluppa con lesioni o danni organici ai suoi tessuti. Tali condizioni comprendono: grave trauma cranico (lesione cerebrale, base frattura del cranio ematoma intracerebrale, ematoma subdurale, danno assonale diffuso, chirurgia cerebrale), estesa ictus ischemico, ictus emorragico, emorragia subaracnoidea e sanguinamento nei ventricoli, tumori cerebrali primari (medulloblastoma, emangioblastoma, astrocitoma, glioma et al.) e delle sue metastasi. Edema tessuti cerebrali come una possibile complicanza di malattie infettive (encefalite, meningite) e processi purulento nel cervello (empiema subdurale).

Insieme a fattori intracraniche per edema cerebrale può portare anasarca derivanti da insufficienza cardiaca congestizia, reazioni allergiche (edema angioneurotico, shock anafilattico), infezioni acute (toxoplasmosi, la scarlattina, l'influenza suina, il morbillo, la parotite), intossicazione endogena (per il diabete grave, insufficienza renale acuta, insufficienza epatica), l'avvelenamento da varie tossine e alcuni farmaci.

In alcuni casi, il gonfiore del cervello è osservato nell'alcolismo, che è associato ad una permeabilità vascolare bruscamente aumentata. Nei neonati, l'edema cerebrale è causato da grave tossicosi della donna incinta, danno alla nascita intracranico, intrappolamento del cordone ombelicale e lavoro prolungato. Tra gli amanti degli sport alpini trovato t. N. "Montagna" gonfiore del cervello, che è il risultato di una salita troppo brusca senza la necessaria acclimatazione.

Patogenesi dell'edema cerebrale

Il collegamento principale per lo sviluppo di edema cerebrale sono i disturbi del microcircolo. Inizialmente, essi tendono a verificarsi nel tessuto cerebrale della lesione (sito di ischemia, infiammazioni, traumi, emorragie, tumori). Si sviluppa edema cerebrale periferico locale. In casi di gravi danni cerebrali, il trattamento non tempestiva o assenza di effetto desiderato di quest'ultima, v'è un disturbo della regolazione vascolare, determinando una dilatazione totale dei vasi sanguigni cerebrali e sollevando intravascolare pressione idrostatica. Come risultato, la porzione liquida del sangue trasudava attraverso le pareti dei vasi ed infiltrazione dei tessuti cerebrali. Sviluppato gonfiore generalizzato del cervello e del suo gonfiore.

Nel processo sopra descritto, i principali componenti sono vascolare, circolatorio e tessuti. componente iperpermeabilità vascolare agisce pareti dei vasi sanguigni cerebrali, circolatorio - ipertensione arteriosa e vasodilatazione che comportano multiplo aumento della pressione nei capillari cerebrali. fattore tissutale è la tendenza del tessuto cerebrale con insufficiente apporto di sangue di accumulare fluido.

Nello spazio ristretto del cranio, i tessuti cerebrali rappresentano l'80-85% del volume, dal 5 al 15% al ​​liquido cerebrospinale (CSF) e circa il 6% è occupato dal sangue. In un adulto, la normale pressione intracranica in posizione orizzontale varia tra 3-15 mm Hg. Art. Durante lo starnuto o la tosse, sale brevemente a 50 mm Hg. Art., Che non causa disturbi del funzionamento del sistema nervoso centrale. L'edema cerebrale è accompagnato da un aumento rapidamente crescente della pressione intracranica dovuto ad un aumento del volume dei tessuti cerebrali. C'è una compressione dei vasi, che aggrava i disturbi del microcircolo e l'ischemia cerebrale. A causa di disturbi metabolici, principalmente l'ipossia, si verifica la morte dei neuroni di massa.

Inoltre, l'ipertensione intracranica grave può portare alla dislocazione delle strutture cerebrali sottostanti e alla compromissione del tronco cerebrale nel grande forame occipitale. La disfunzione dei centri respiratori, cardiovascolari e termoregolatori nel tronco è la causa di molte morti.

classificazione

A causa delle peculiarità della patogenesi, l'edema cerebrale è diviso in 4 tipi: vasogenico, citotossico, osmotico e interstiziale. Il tipo più comune è l'edema vasogenico del cervello, che si basa su un aumento della permeabilità della barriera emato-encefalica. Nella patogenesi del ruolo principale vi è il trasferimento di fluido dai vasi nel midollo bianco. L'edema vasogenico si verifica perifocal nell'area del tumore, ascesso, ischemia, chirurgia, ecc.

Gonfiore citotossico del cervello è il risultato di disfunzione di cellule gliali e disturbi nell'osmoregolazione delle membrane neuronali. Si sviluppa principalmente nel midollo grigio. Le sue cause possono essere: intossicazione (tra cui avvelenamento da cianuro e monossido di carbonio), ictus ischemico, ipossia, infezioni virali.

Il gonfiore osmotico del cervello si verifica quando l'osmolarità dei tessuti cerebrali aumenta senza interrompere la barriera emato-encefalica. Si manifesta con ipervolemia, polidipsia, annegamento, encefalopatia metabolica, emodialisi inadeguata. L'edema interstiziale appare intorno ai ventricoli cerebrali quando sudano attraverso le pareti della parte liquida del liquido cerebrospinale.

Sintomi di edema cerebrale

Il principale segno di edema cerebrale è un disturbo della coscienza che può variare da lieve stupore a coma. L'aumento della profondità della coscienza alterata indica la progressione dell'edema. È possibile che il debutto delle manifestazioni cliniche sia la perdita di coscienza, che differisce dalla solita sincope per la sua durata. Spesso, la progressione dell'edema è accompagnata da crampi, che dopo un breve periodo vengono sostituiti da atonia muscolare. All'esame, vengono rilevati sintomi di taglio caratteristici della meningite.

Nei casi in cui l'edema cerebrale si verifica sullo sfondo di patologia cerebrale acuta cronica o gradualmente in via di sviluppo, la coscienza dei pazienti nel periodo iniziale può essere mantenuta. Quindi la principale lamentela è un intenso mal di testa con nausea e vomito, menomazione motoria, disturbi visivi, disordinazione dei movimenti, disartria, sindrome allucinatoria.

I segni minacciosi che indicano una compressione del tronco cerebrale sono: respirazione paradossale (respiri profondi e respiri superficiali, variabilità degli intervalli di tempo tra gli atti respiratori), ipotensione grave, instabilità delle pulsazioni, ipertermia oltre i 40 ° C. La presenza di strabismo divergente e bulbi oculari "fluttuanti" indica la separazione delle strutture sottocorticali dalla corteccia cerebrale.

Diagnosi di edema cerebrale

Il sospetto neurologo dell'edema cerebrale consente il progressivo deterioramento delle condizioni del paziente e la crescita della coscienza compromessa, accompagnata da sintomi meningei. La conferma della diagnosi è possibile con TC o MRI del cervello. La perforazione diagnostica della puntura lombare è una pericolosa dislocazione delle strutture cerebrali con compressione del tronco cerebrale nel grande forame occipitale. La raccolta di dati anamnestici, la valutazione dello stato neurologico, l'analisi clinica e biochimica del sangue, l'analisi dei risultati della ricerca di neurovisualizzazione ci permettono di trarre una conclusione sulla causa dell'edema cerebrale.

Poiché l'edema cerebrale è una condizione acuta che richiede cure mediche di emergenza, la sua diagnosi primaria dovrebbe richiedere un minimo di tempo ed essere eseguita in condizioni stazionarie sullo sfondo delle misure terapeutiche. A seconda della situazione, viene eseguito in un'unità di terapia intensiva o unità di terapia intensiva.

Trattamento dell'edema cerebrale

Le direzioni prioritarie nel trattamento dell'edema cerebrale sono: disidratazione, miglioramento del metabolismo cerebrale, eliminazione della causa principale dell'edema e trattamento dei sintomi associati. La terapia di disidratazione è finalizzata alla rimozione del fluido in eccesso dai tessuti cerebrali. È effettuato da infusione endovenosa di mannitol o altri diuretici osmotici, seguiti dall'appuntamento di diuretici di ciclo (un torasemide, un furosemide). L'aggiunta del 25% di p-ra di magnesio solfato e il 40% di p-ra glucosio potenzia l'azione dei diuretici e fornisce ai neuroni cerebrali nutrienti. Forse l'uso di L-lisina escina, che ha la capacità di rimuovere il liquido, anche se non è un farmaco diuretico.

Al fine di migliorare il metabolismo cerebrale, viene eseguita l'ossigenoterapia (se necessario, ventilazione meccanica), l'ipotermia locale della testa, l'introduzione di metaboliti (Mexidol, Cortexin, Citicoline). I glucocorticosteroidi (prednisone, idrocortisone) sono usati per rafforzare la parete vascolare e stabilizzare le membrane cellulari.

A seconda dell'eziologia dell'edema cerebrale, il suo complesso trattamento comprende misure di disintossicazione, terapia antibiotica, rimozione di tumori, eliminazione di ematomi e aree di schiacciamento traumatico del cervello, operazioni di smistamento (drenaggio ventricolo-peritoneale, ventricolocistomia, ecc.). Il trattamento chirurgico di Etiotropny, di regola, è effettuato solo sullo sfondo di stabilizzazione delle condizioni del paziente.

La terapia sintomatica finalizzato ad arrestare le singole manifestazioni della malattia, è fatto da antiemetici assegnando, anticonvulsivanti, farmaci anestetici, ecc N. Con indicazioni in ordine urgente di ridurre neurochirurgo pressione intracranica può essere effettuata craniotomia decompressiva, drenaggio ventricolare esterno, rimozione endoscopica di ematoma.

Predizione di edema cerebrale

Nella fase iniziale, l'edema cerebrale è un processo reversibile, mentre progredisce, porta a cambiamenti irreversibili nelle strutture cerebrali - la morte dei neuroni e la distruzione delle fibre di mielina. Il rapido sviluppo di questi disturbi porta al fatto che l'eliminazione completa dell'edema con recupero del 100% delle funzioni cerebrali può essere ottenuta solo con la sua genesi tossica in pazienti giovani e sani che sono stati consegnati in un reparto specializzato in tempo. Regressione indipendente dei sintomi è osservata solo in caso di edema montuoso del cervello, se il trasporto tempestivo del paziente dall'altezza in cui si è sviluppato ha avuto successo.

Tuttavia, nella stragrande maggioranza dei casi, i pazienti sopravvissuti mostrano effetti residui di edema cerebrale trasferito. Possono variare significativamente dai sintomi sottili (mal di testa, aumento della pressione intracranica, distrazione, dimenticanza, disturbi del sonno, depressione) a disturbi invalidanti pronunciati delle funzioni cognitive e motorie, la sfera mentale.

Edema cerebrale: cause, sintomi, trattamento

L'edema cerebrale è il risultato del lavoro di processi fisico-biochimici interconnessi che si verificano nel corpo a causa di malattie o condizioni patologiche.

Questa complicazione, a seconda del grado della sua gravità, può passare quasi inosservata, ad esempio con una leggera commozione cerebrale. Ma il più delle volte gli effetti dell'edema cerebrale sono gravi complicazioni:

cambiamenti nell'attività mentale e mentale;

disturbi del movimento;

funzioni di coordinamento, che porta alla disabilità del paziente;

abbastanza spesso il gonfiore del cervello causa la morte.

Cos'è il gonfiore del cervello?

L'essenza della definizione di questa condizione risiede nella risposta non specifica dell'intero organismo agli effetti di gravi fattori dannosi. Quest'ultima potrebbe essere la causa:

cambiamenti nella pressione del plasma proteico (oncotico) e elettrolitico (osmotico);

violazioni dello stato acido-base (pH) del sangue;

violazione degli scambi di energia, proteine ​​e acqua-elettrolita e accumulo nelle fibre nervose dell'acido lattico;

carenza di ossigeno nel tessuto cerebrale, specialmente se combinato con un eccessivo accumulo di anidride carbonica nel sangue;

violazione della microcircolazione del sangue nei tessuti cerebrali.

Tutte queste cause provocano lo sviluppo di gonfiore e gonfiore del cervello. L'edema provoca una violazione della permeabilità delle pareti dei capillari e l'uscita nei tessuti circostanti della parte liquida del sangue. Quando si gonfia a causa della differenza di pressione oncotica, le molecole d'acqua iniziano a fluire direttamente nelle cellule nervose attraverso la membrana. Qui interagiscono con le proteine ​​intracellulari, di conseguenza, le cellule aumentano di volume.

Tuttavia, la maggior parte degli autori di studi scientifici di gonfiore è considerata una delle fasi dell'edema, che porta ad un aumento del volume cerebrale. Questa situazione provoca il suo spostamento attorno al suo asse in uno spazio chiuso, che è limitato alle ossa del cranio.

La diffusione di edema cerebrale è la causa della violazione del midollo allungato e di altre strutture sottostanti nel grande forame occipitale. In questa zona si trovano centri di regolazione vitale che controllano la termoregolazione, l'attività cardiovascolare e la respirazione.

Segni di edema cerebrale si manifestano con il funzionamento alterato dei centri cerebrali e delle cellule nervose prima dell'inizio del danno completo alle strutture di quest'ultimo, che è determinato solo utilizzando metodi diagnostici moderni.

Tipi e cause di edema cerebrale

Esistono 2 tipi di edema cerebrale:

edema regionale o locale - limitato a un'area specifica che circonda la formazione anormale nei tessuti cerebrali; cisti, ematomi, tumori, ascessi;

comune o generalizzato - copre l'intero cervello. Si sviluppa a causa della perdita di una grande quantità di proteine ​​nelle urine in caso di avvelenamento e varie malattie, intossicazione, annegamento, asfissia, lesione cerebrale traumatica, nell'encefalopatia ipertensiva, che si verifica sullo sfondo di forme gravi di aumento della pressione sanguigna e altri disturbi.

In molti casi, escludendo l'asfissia e la lesione cerebrale traumatica, il rilevamento di edema cerebrale è un compito difficile sullo sfondo delle manifestazioni cliniche di altre condizioni patologiche e malattie. L'insorgenza di edema può essere sospettata quando, sullo sfondo di una mancanza di progresso o di riduzione dei sintomi della malattia di base, i sintomi neurologici iniziano ad aumentare e progredire.

Le principali cause di edema cerebrale:

trauma cranico, stenosi laringea in presenza di infezione respiratoria acuta in un bambino, asfissia da vomito dopo coma alcolico, contusione cerebrale;

emorragia subaracnoidea, che si verifica a seguito di un ictus in presenza di ipertensione;

tumori cerebrali;

ematoma subdurale, che si forma sotto la dura madre come risultato di fattori meccanici senza disturbare l'integrità delle ossa del cranio;

edema cerebrale nei neonati a causa di lesioni alla nascita del bambino, grave gestosi nella madre, prolungamento del travaglio, invasione del cordone ombelicale;

avvelenamento con droghe, gas, veleni chimici;

gravi reazioni allergiche, shock anafilattico;

diabete mellito grave, specialmente se si manifesta con episodi di stato ipoglicemico, insufficienza epato-renale o epatica di forma cronica o acuta;

malattie che sono accompagnate da sindrome convulsiva - epilessia, colpo di calore, ipertermia nei bambini in presenza di malattie infettive;

preeclampsia nella seconda metà della gravidanza - eclampsia, preeclampsia, grave nefropatia;

malattie infettive acute - encefalite, meningite, influenza, comprese gravi infezioni infantili attuali - varicella, scarlattina, morbillo e parotite epidemica.

Inoltre, quasi sempre c'è un gonfiore del cervello dopo l'intervento chirurgico sul cranio. In alcuni casi, dopo operazioni eseguite in anestesia epidurale o cerebrospinale o accompagnate da significativa perdita ematica a causa di una prolungata e pronunciata riduzione della pressione sanguigna, somministrazione endovenosa di un eccesso di soluzioni ipotoniche o saline durante l'operazione, a seguito di difficoltà con l'intubazione tracheale di fornire ventilazione artificiale polmone o inadeguatezza dell'anestesia, ventilazione dei polmoni.

Sintomi di edema cerebrale

A seconda della durata della malattia, della posizione della lesione, del tasso di crescita e della prevalenza del processo, le manifestazioni cliniche dell'edema cerebrale possono differire. Edema limitato (locale) si manifesta come sintomi cerebrali, molto meno spesso questi sono segni che sono caratteristici di una parte specifica del cervello. Con l'aumento o la presenza di edema inizialmente generalizzato, ma lentamente in aumento, si verifica un graduale aumento del numero di sintomi, il che significa la sconfitta di diverse parti del cervello. Tutti i sintomi possono essere divisi in gruppi.

Segni di aumento della pressione intracranica:

letargia e sonnolenza;

il graduale aumento della depressione della coscienza con la comparsa di nausea e vomito;

pericolose convulsioni - cloniche (a breve termine spazzamento della contrazione dei muscoli del viso e delle estremità), tonico (contrazione prolungata dei muscoli, a seguito del quale le singole parti del corpo acquisiscono una posizione insolita), clonico-tonico, che provoca un aumento dell'edema cerebrale;

il rapido aumento della pressione intracranica provoca lo sviluppo di mal di testa arcuati, movimenti disturbati dei bulbi oculari, vomito ripetuto;

gonfiore del cervello nei neonati (bambini sotto 1) provoca un aumento della circonferenza della testa, dopo aver chiuso le molle della fontana - la loro rivelazione si sviluppa a causa dello spostamento delle ossa.

La comparsa di sintomi diffusi (diffusi) di natura neurologica

Il fenomeno si riflette in un aumento del processo patologico, che comporta il rischio di sviluppare coma in presenza di edema cerebrale. Ciò è provocato dal coinvolgimento della corteccia cerebrale nel processo iniziale, dopo il quale sono coinvolte anche le strutture subcorticali. Oltre al disturbo della coscienza e al passaggio del paziente in coma, si sviluppa quanto segue:

afferramento patologico e riflessi protettivi;

agitazione psicomotoria negli intervalli tra attacchi di convulsioni, i secondi hanno un tipo epilettico e procedono con una predominanza di ipertonicità dei muscoli;

convulsioni ripetute comuni (generalizzate).

Il gruppo dei sintomi più pericolosi

Sono associati alla continuazione del rigonfiamento del cervello e alla dislocazione delle sue strutture, seguito da incuneamenti o pizzicotti nell'area del grande forame occipitale. Le caratteristiche includono:

Coma (vari gradi).

Ipertermia (oltre i 40 gradi), non può essere fermata da antipiretici e vasodilatatori. In alcuni casi, una leggera diminuzione della temperatura può essere raggiunta solo quando il freddo è esposto a parti di vasi di grandi dimensioni o viene eseguita un'ipotermia generale.

Ha osservato una dimensione diversa delle pupille e una scarsa risposta alla luce, bulbi oculari fluttuanti, strabismo, contrazione unilaterale convulsiva dei muscoli estensori e paresi unilaterale, mancanza di riflessi tendinei e dolorosi, disturbi del ritmo cardiaco, una tendenza a ridurre il numero di battiti cardiaci.

Se il paziente non è sottoposto a ventilazione artificiale dei polmoni, la profondità degli atti respiratori e la frequenza aumentano prima, il ritmo respiratorio viene ulteriormente disturbato e, di conseguenza, l'attività respiratoria e cardiaca si interrompe.

diagnostica

A livello ambulatoriale, è piuttosto difficile diagnosticare l'edema cerebrale, poiché il fenomeno non presenta particolari sintomi neurologici. Nelle fasi iniziali, la complicazione può essere asintomatica o asintomatica. La diagnosi viene effettuata sulla base dei sintomi della malattia o del danno di base, che era la causa dell'edema, e il fondo è anche informativo.

Se si sospetta che la presenza di gonfiore del cervello del paziente debba essere lasciata in neurochirurgia o unità di terapia intensiva. In un contesto ospedaliero, vengono prese decisioni sulla necessità di eseguire la puntura lombare, l'angiografia. Nel processo di diagnosi, TC e MRI sono anche informativi, che aiutano a diagnosticare l'edema e determinarne la prevalenza e la gravità.

Conseguenze dell'edema cerebrale nei bambini e negli adulti

Prima viene diagnosticata questa condizione patologica e viene fornita un'assistenza medica intensiva, maggiori sono le possibilità di un completo recupero. Nelle condizioni dell'unità di terapia intensiva, vengono eseguiti il ​​ripristino dell'afflusso di sangue al cervello, la terapia di disidratazione e il recupero della liquodinodinamica, la prognosi dipende dalla gravità della patologia.

In presenza di un piccolo edema perifocale, è possibile un completo recupero, mentre con lo sviluppo di processi cistico-atrofici nel tessuto cerebrale, è possibile ottenere solo un parziale ripristino della funzionalità. Con il trattamento della sola patologia principale, che è accompagnata da gonfiore del cervello, il recupero non è sempre possibile, mentre c'è un alto rischio di morte.

Il successo della terapia e le conseguenze per il paziente dipendono dalla gravità della patologia che ha provocato lo sviluppo di una condizione così grave e il grado di edema stesso, che in alcuni casi termina in completa guarigione. Nei casi più gravi, ci sono:

Quando l'edema è localizzato nel midollo allungato, la posizione dei principali centri di supporto vitale, la conseguenza di un edema cerebrale può essere interruzione del flusso sanguigno, epilessia, convulsioni, insufficienza respiratoria.

Anche dopo il trattamento appropriato, il paziente può sperimentare un aumento della pressione intracranica, compromettendo notevolmente la qualità della vita del paziente, poiché è accompagnato da mal di testa, sonnolenza, manifestazione di inibizione, ridotta capacità di comunicazione sociale, perdita di orientamento del paziente nel tempo e disordine di coscienza.

Particolarmente pericolosa è la violazione del tronco cerebrale, il suo spostamento è anche pericoloso, che minaccia lo sviluppo di paralisi e insufficienza respiratoria.

Dopo la terapia e un corso di riabilitazione, molti pazienti hanno aderenze residue tra le meningi, negli spazi del liquido cerebrospinale o nei ventricoli del cervello. Provoca anche lo sviluppo di mal di testa, depressioni, disturbi dell'attività neuropsichica.

Con il prolungato rigonfiamento del cervello senza una terapia appropriata in futuro può essere una violazione delle funzioni cerebrali, che si manifestano con una diminuzione delle capacità mentali umane.

I bambini possono anche sperimentare il recupero completo o:

ritardo mentale e instabilità neuropsichiatrica;

violazione della coordinazione e del discorso motorio;

disfunzione di organi interni ed epilessia;

sviluppo di idrocefalo e paralisi cerebrale.

L'edema cerebrale è una patologia grave, in molti casi estremamente difficile, che richiede una diagnosi immediata, un trattamento adeguato e l'osservazione degli adulti da parte del neuropsicologo e neuropatologo e nei bambini da parte del neuropatologo e del pediatra. La durata dell'osservazione e della terapia dopo il trasferimento dell'edema cerebrale dipende dalla gravità della patologia residua.

Edema cerebrale: cause e forme, sintomi, trattamento, complicanze e prognosi

L'edema cerebrale (GM) è una condizione patologica che si forma a seguito dell'esposizione a vari fattori che danneggiano il cervello: lesioni traumatiche, compressione da un tumore, penetrazione di un agente infettivo. L'effetto avverso porta rapidamente a un eccessivo accumulo di liquidi, a una maggiore pressione intracranica, che porta allo sviluppo di gravi complicanze, che in assenza di misure terapeutiche di emergenza possono portare alle conseguenze più disastrose per il paziente e i suoi parenti.

Cause di gonfiore GM

Normalmente, la pressione intracranica (ICP) negli adulti è compresa tra 3 e 15 mm. Hg. Art. In certe situazioni, la pressione all'interno del cranio inizia a salire e crea condizioni inadatte al normale funzionamento del sistema nervoso centrale (SNC). Un aumento a breve termine della ICP, che è possibile quando tosse, starnutire, sollevare peso, aumentare la pressione intra-addominale, di regola, non ha il tempo di influenzare negativamente il cervello in un così breve periodo di tempo, quindi, non può causare edema cerebrale.

È un'altra questione se i fattori dannosi per lungo tempo lasciano la loro influenza sulle strutture cerebrali e poi diventano le cause di un persistente aumento della pressione intracranica e la formazione di una tale patologia come il gonfiore del cervello. Pertanto, le cause dell'edema e della compressione del GM possono essere:

  • Penetrazione di veleni neurotrofici, infezioni virali e batteriche nella sostanza di GM, che si verificano in caso di avvelenamento o di vari tipi di malattie infettive e infiammatorie (encefalite, meningite, ascessi cerebrali), che può essere una complicazione dell'influenza e processi purulenti localizzati negli organi nelle immediate vicinanze al cervello (mal di gola, otite media, sinusite);
  • Danni alla sostanza del cervello e altre strutture a seguito di un'azione meccanica (lesioni alla testa - TBI, in particolare con fratture della volta o della base del cranio, emorragia e ematomi intracranici);
  • Nei neonati - trauma alla nascita, così come patologia dello sviluppo intrauterino, la cui causa erano le malattie che la madre ha sofferto durante la gravidanza;
  • Le cisti, i tumori primitivi del GM o le metastasi da altri organi che comprimono il tessuto nervoso, interferiscono con il normale flusso del sangue e del liquido cerebrospinale e contribuiscono così all'accumulo di liquidi nei tessuti cerebrali e aumentano l'ICP;
  • Operazioni eseguite sul tessuto cerebrale;
  • Incidente cerebrovascolare acuto (ictus) in infarto ischemico (infarto cerebrale) ed emorragico (emorragico);
  • Reazioni anafilattiche (allergiche);
  • Arrampicata ad alta quota (oltre un km e mezzo) - edema montano in alpinismo;
  • Insufficienza epatica e renale (nella fase di scompenso);
  • Sindrome da astinenza da alcol (avvelenamento da alcol).

Una qualsiasi delle condizioni sopra elencate può causare edema cerebrale, il cui meccanismo di formazione è, in tutti i casi, in linea di principio lo stesso, e l'unica differenza è che l'edema colpisce solo una singola area o si estende a tutta la materia cerebrale.

Lo scenario pesante dello sviluppo di OGM con trasformazione in gonfiore cerebrale minaccia la morte del paziente e assomiglia a questo: ogni cellula del tessuto nervoso è piena di liquido e si estende fino a dimensioni senza precedenti, l'intero cervello aumenta di volume. In definitiva, il cervello limitato al cranio non si adatta allo spazio previsto (gonfiore del cervello) - esercita una pressione sulle ossa del cranio, che lo fa spremere, poiché il cranio solido non ha la capacità di allungarsi parallelamente all'aumento del tessuto cerebrale, che fa sì che quest'ultimo infortunio (compressione del GM). Allo stesso tempo, la pressione intracranica aumenta naturalmente, il flusso sanguigno è disturbato e i processi metabolici sono rallentati. L'edema cerebrale si sviluppa rapidamente e senza un intervento urgente dei farmaci e, a volte, la chirurgia, può tornare alla normalità solo in alcuni casi (non gravi), ad esempio quando si sale ad un'altezza.

Tipi di edema cerebrale derivanti da cause

aumento della pressione intracranica a causa di ematoma

A seconda delle ragioni per l'accumulo di liquido nel tessuto cerebrale, si forma uno o un altro tipo di edema.

La forma più comune di gonfiore del cervello è vasogenica. Deriva da una disfunzione della funzionalità della barriera emato-encefalica. Questo tipo si forma aumentando la dimensione della sostanza bianca - con TBI, tale edema è già in grado di dichiararsi prima della scadenza del primo giorno. I luoghi preferiti per l'accumulo di liquidi sono i tessuti nervosi, i tumori circostanti, le aree operative e i processi infiammatori, i focolai ischemici, i siti traumatologici. Tale edema può rapidamente trasformarsi in compressione GM.

La causa della formazione di edema citotossico più spesso sono condizioni patologiche quali l'ipossia (avvelenamento da monossido di carbonio, per esempio), l'ischemia (infarto cerebrale) causata dall'ostruzione del vaso cerebrale, intossicazione, che si sviluppa a seguito dell'ingestione di globuli rossi distruttivi (globuli rossi) sostanze (veleni emolitici), nonché altri composti chimici. L'edema cerebrale in questo caso si verifica principalmente a causa della sostanza grigia del GM.

La variante osmotica dell'edema cerebrale deriva dall'aumentata osmolarità del tessuto nervoso, la cui causa potrebbe essere rappresentata dalle seguenti circostanze:

  1. Affogando nelle acque dolci;
  2. Encefalopatia, che si sviluppa sulla base di disordini metabolici (metabolica e.);
  3. Procedura di purificazione del sangue errata (emodialisi);
  4. Sete inestinguibile, che solo per un breve periodo può essere soddisfatta con una quantità innaturalmente enorme di acqua (polidipsia);
  5. Un aumento di BCC (volume ematico circolante) - ipervolemia.

Tipo interstiziale di edema - la sua causa è la penetrazione del fluido attraverso le pareti dei ventricoli (laterali) nel tessuto circostante.

Inoltre, a seconda della scala della diffusione dell'edema, questa patologia è suddivisa in locale e generalizzata. L'OGM locale è limitato all'accumulo di fluido in una piccola area del midollo allungato e pertanto non rappresenta un tale pericolo per la salute del sistema nervoso centrale come gonfiore generalizzato del cervello quando entrambi gli emisferi sono coinvolti nel processo.

Video: conferenza sulle opzioni di edema cerebrale

Come può manifestarsi l'accumulo di fluido nel tessuto cerebrale

Probabilmente la caratteristica più tipica, sebbene lontana dallo specifico, che caratterizza il grado di accumulo di liquidi nella sostanza cerebrale è un forte mal di testa, che quasi nessun analgesico allevia spesso (e se lo fa, quindi solo per un breve periodo). Un tale sintomo dovrebbe apparire particolarmente sospetto se si è recentemente verificato un trauma cranico e il mal di testa è accompagnato da nausea con vomito (anche segni tipici di TBI).

Quindi, i sintomi dell'OGM sono facili da riconoscere, specialmente se ci sono dei prerequisiti per questo (vedi sopra):

  • Intenso mal di testa, vertigini, nausea, vomito;
  • Distrazione, attenzione ridotta, incapacità di concentrazione, dimenticanza, diminuzione delle capacità comunicative (individuali) di percepire le informazioni;
  • Disturbi del sonno (insonnia o sonnolenza);
  • Fatica, diminuzione dell'attività fisica, costante desiderio di sdraiarsi e astrarre dal mondo esterno;
  • Depressione, stato di depressione ("non bella luce bianca");
  • Compromissione visiva (strabismo, bulbi oculari fluttuanti), disordine di orientamento nello spazio e nel tempo;
  • Incertezza nel movimento, cambiamento nell'andatura;
  • Discorso e difficoltà di contatto;
  • Paralisi e paresi degli arti;
  • La comparsa di segni meningei;
  • Abbassare la pressione sanguigna;
  • Disturbo del ritmo cardiaco;
  • Le convulsioni sono possibili;
  • Nei casi più gravi: annebbiamento della coscienza, disturbi dell'attività respiratoria e cardiaca, coma.

Con il gonfiore del cervello e la mancanza di un trattamento adeguato, il paziente può aspettarsi le conseguenze più tristi - il paziente può cadere in uno stato di torpore, e poi in coma, dove la probabilità di insufficienza respiratoria è molto alta e, di conseguenza, una persona muore di conseguenza.

Va notato che in ogni periodo di progressione di aumento della pressione intracranica (sviluppo di ipertensione endocranica) viene attivato un certo meccanismo di protezione. Le capacità del complesso dei meccanismi compensatori sono determinate dalla capacità di adattarsi all'accumulo di fluido nel sistema craniospinale e all'aumento del volume cerebrale.

La diagnosi e la determinazione delle cause di gonfiore e gonfiore del cervello, nonché il grado di pericolo per il paziente, vengono eseguite mediante esami neurologici, esami del sangue biochimici e metodi strumentali (in pratica tutte le speranze per una risonanza magnetica o tomografia computerizzata e laboratorio).

Come recuperare?

L'edema del cervello, che era formato da un alpinista a causa del desiderio di prendere rapidamente l'altezza, o l'accumulo di liquido in una sezione separata del GM (edema locale), che si è manifestato per un altro motivo, potrebbe non richiedere un trattamento in ospedale e andare per 2-3 giorni. È vero, la persona che mostra una particolare attività preverrà i sintomi dell'OGM, che sarà comunque presente (mal di testa, vertigini, nausea). In questa situazione, alcuni giorni dovranno sdraiarsi e bere pillole (diuretici, analgesici, antiemetici). Ma nei casi più gravi, il trattamento non può nemmeno essere limitato a metodi conservativi - a volte è necessario un intervento chirurgico.

Per il trattamento dell'edema cerebrale da metodi conservativi usare:

  1. Diuretici osmotici (mannitolo) e diuretici dell'ansa (lasix, furosemide);
  2. Terapia ormonale, in cui i corticosteroidi (ad esempio il desametasone) impediscono l'espansione della zona edema. Nel frattempo, va tenuto presente che gli ormoni sono efficaci solo nel caso di danni locali, ma non aiutano con una forma generalizzata;
  3. Anticonvulsivi (barbiturici);
  4. I farmaci che sopprimono l'eccitazione, hanno un rilassante muscolare, sedativi e altri effetti (diazepam, Relanium);
  5. Vascolare significa migliorare l'apporto di sangue e la nutrizione del cervello (trental, carillon);
  6. Inibitori di enzimi proteolitici che riducono la permeabilità delle pareti vascolari (contrykal, acido aminocaproico);
  7. Farmaci che normalizzano i processi metabolici in GM (nootropics - piracetam, nootropil, cerebrolysin);
  8. Ossigenoterapia (trattamento con ossigeno).

Con una mancanza di efficacia della terapia conservativa, il paziente, a seconda della forma di edema, è seguito da un intervento chirurgico

  • Ventricolostomia, che è una piccola operazione, che consiste nel prendere il liquido cerebrospinale dai ventricoli del GM con una cannula e un catetere;
  • Trepanation del cranio, che è prodotto con tumori ed ematomi (elimina la causa di OGM).

È chiaro che per un trattamento di questo tipo, in cui non è esclusa un'operazione chirurgica, al paziente viene mostrato il ricovero ospedaliero obbligatorio. Nei casi più gravi, il paziente deve essere generalmente trattato nell'unità di terapia intensiva, poiché potrebbe essere necessario mantenere le funzioni di base del corpo con l'ausilio di attrezzature speciali, ad esempio, se una persona non può respirare autonomamente, sarà collegato a un ventilatore.

Quali potrebbero essere le conseguenze?

All'inizio dello sviluppo del processo patologico, è prematuro parlare della prognosi - dipende dalla causa dell'edema dell'edema, dal tipo, dalla localizzazione, dal tasso di progressione, dalle condizioni generali del paziente, dall'efficacia delle misure terapeutiche (o chirurgiche) e, possibilmente, da altre circostanze che sono immediatamente difficili. da notare. Nel frattempo, lo sviluppo dell'OGM può andare in direzioni diverse, e le previsioni, e quindi le conseguenze, dipenderanno da esso.

Nessuna conseguenza

Con un edema relativamente piccolo o un danno locale da GM e una terapia efficace, il processo patologico potrebbe non avere alcuna conseguenza. I giovani sani che non sono gravati da patologie croniche hanno una tale possibilità, tuttavia, per caso o di propria iniziativa, hanno ricevuto un lieve TBI, che è stato complicato da edema, e ha anche assunto bevande alcoliche in grandi dosi o altri veleni neurotropici.

Possibile gruppo di disabilità

L'edema di moderata gravità, che si è sviluppato a seguito di TBI o un processo infiammatorio infettivo (meningite, encefalite) ed è stato prontamente eliminato con metodi o chirurgia conservativa, ha una prognosi abbastanza favorevole, i sintomi neurologici sono spesso assenti dopo il trattamento, ma a volte è per un gruppo di disabili. Le conseguenze più frequenti di tale OGM possono essere considerate ricorrenti mal di testa, affaticamento, stati depressivi e sindrome convulsiva.

Quando la previsione è estremamente seria

Le conseguenze più terribili attendono il paziente con gonfiore e compressione del cervello. Qui la previsione è seria. Lo spostamento delle strutture cerebrali (dislocazione) porta spesso alla cessazione dell'attività respiratoria e cardiaca, cioè alla morte del paziente.

OGM nei neonati

Nella maggior parte dei casi, una patologia simile nei neonati viene registrata, come risultato del trauma della nascita. L'accumulo di liquidi e un aumento nel cervello del volume porta ad un aumento della pressione intracranica e, quindi, al gonfiore del cervello. L'esito della malattia e la sua prognosi dipendono non solo dalla dimensione della lesione e dalla gravità della condizione, ma anche dall'efficienza dei medici nel fornire assistenza medica, che dovrebbe essere urgente ed efficace. Il lettore può trovare una descrizione più dettagliata delle lesioni alla nascita e delle loro conseguenze nel materiale sulle lesioni cerebrali traumatiche in generale. Tuttavia, qui vorrei soffermarmi un po 'su altri fattori che formano la patologia come OGM:

  1. Processi tumorali;
  2. Ipossia (fame di ossigeno);
  3. Malattie del cervello e delle sue membrane di natura infettiva-infiammatoria (meningite, encefalite, ascesso);
  4. Infezioni intrauterine (toxoplasmosi, citomegalovirus, ecc.);
  5. Gestazione tardiva durante la gravidanza;
  6. Emorragie ed ematomi

L'edema cerebrale nei neonati è diviso in:

  • Regionale (locale), che riguarda solo una parte specifica del GM;
  • OGM comune (generalizzato), che si sviluppa a seguito di annegamento, asfissia, intossicazione e intacca l'intero cervello.

I sintomi di aumento della ICP nei neonati del primo mese di vita determinano tali complicazioni come compromissione del midollo allungato, che è responsabile della termoregolazione, della funzione respiratoria e dell'attività cardiaca. Naturalmente, questi sistemi soffriranno in primo luogo, che manifesterà tali sintomi come un aumento della temperatura corporea, un grido quasi continuo, ansia, rigurgito costante, rigonfiamento di una molla, convulsioni. La cosa più terribile è che questa patologia durante questo periodo dovuta alla cessazione della respirazione può facilmente portare ad una morte improvvisa del bambino.

Le conseguenze dell'ipertensione endocranica trasferita possono ricordare se stesse mentre il bambino cresce e si sviluppa:

  1. Frequenti condizioni sincopali (svenimento);
  2. Sindrome convulsiva, epilessia;
  3. Aumento dell'eccitabilità del sistema nervoso;
  4. Crescita ritardata e sviluppo mentale (memoria alterata e attenzione, ritardo mentale);
  5. Paralisi cerebrale (paralisi cerebrale);
  6. Conseguenze della leucomalacia rilevate nei neonati (danno cerebrale causato da ischemia e ipossia), se accompagnate da gonfiore del cervello.

Il gonfiore del cervello nei neonati con diuretici, che favoriscono la rimozione dei liquidi indesiderati, i corticosteroidi che inibiscono l'ulteriore sviluppo di edema, i farmaci anticonvulsivanti, gli agenti vascolari e gli angioprotettori, che migliorano la circolazione cerebrale e rafforzano le pareti vascolari, vengono curati.

Infine, ancora una volta voglio ricordare al lettore che l'approccio al trattamento di qualsiasi patologia nei neonati, negli adolescenti e negli adulti, di regola, varia in modo significativo, quindi è meglio affidare una cosa del genere a uno specialista competente. Se negli adulti un piccolo edema cerebrale locale può a volte passare da solo, allora non vale la pena sperare nei neonati, nei neonati dei primi giorni di vita a causa dell'imperfezione del sistema craniospinale, l'edema cerebrale differisce in modo fulminante e può dare molto poco triste risultato. Nei bambini piccoli, è sempre una condizione che richiede cure urgenti e altamente qualificate. E prima arriva, più favorevole è la prognosi, maggiore è la speranza di una piena guarigione.