Micoplasmosi durante la gravidanza

Molti di noi affrontano varie malattie per tutta la vita. Alcuni di loro sono facilmente trattati e non causano gravi conseguenze. Per le donne incinte, tutte le malattie rappresentano una seria minaccia. Sono in rappresentanti del gentil sesso nella posizione di flusso molto più difficile. Gli effetti delle malattie possono influire negativamente sul feto o addirittura causarne la morte.

Di particolare pericolo sono i micoplasmi durante la gravidanza. Sono gli agenti causali della micoplasmosi. Per molte donne in gravidanza, una tale diagnosi è uno shock, perché la malattia non può assolutamente manifestarsi.

Mycoplasma durante la gravidanza: tipi di agenti patogeni, vie di trasmissione

La micoplasmosi è il nome convenzionale per i processi infiammatori nel corpo umano e causato da speciali microrganismi a singola cellula - micoplasmi, che occupano una posizione intermedia tra batteri e virus. Differiscono dai batteri in quanto non hanno una parete cellulare. Solo la membrana citoplasmatica li separa dall'ambiente esterno. I micoplasmi differiscono dai virus per la loro capacità di crescere su terreni liberi dalle cellule. I microrganismi non possono esistere senza un ospite. È da lui che ricevono i nutrienti necessari.

Per la prima volta microrganismi che causano la micoplasmosi, furono isolati dal gentil sesso nel 1937 durante l'esame al microscopio. Negli uomini, questi microrganismi sono stati scoperti molto più tardi - nel 1958. Nel 1979, gli scienziati hanno trovato prove che i micoplasmi possono causare alcune infiammazioni.

La micoplasmosi è pericolosa per l'uomo? Non c'è una risposta esatta a questa domanda. Alcuni ricercatori ritengono che questi microrganismi non influiscano negativamente sul corpo umano. Ne sono prova i casi in cui la micoplasmosi si trova in persone assolutamente sane. Un altro gruppo di scienziati tende alla risposta opposta. Secondo loro, la micoplasmosi può causare gravi malattie. Le persone sane possono non conoscere la micoplasmosi fino a quando il sistema immunitario non riesce.

In natura, ci sono un numero enorme di varietà di microrganismi che causano la micoplasmosi. Il pericolo per gli umani sono i seguenti tipi:

  • Mycoplasma genitalium;
  • Mycoplasma hominis.

I genitali di Mycoplasma durante la gravidanza hanno un potenziale patogeno pronunciato. È meno comune di mycoplasma hominis ed è meno patogeno. Questo tipo di microrganismo si trova molto spesso nei processi infettivi del sistema urogenitale.

Le specie di cui sopra sono parassite sulle cellule epiteliali, vale a dire sulla membrana mucosa del tratto urogenitale. Nelle donne, i microrganismi colonizzano la cervice, l'uretra, la vagina, causando un processo infiammatorio. I micoplasmi sono pericolosi per gli uomini. Colpiscono il prepuzio e l'uretra. I microrganismi riducono anche l'attività dello sperma. A volte causano persino la loro morte.

I patogeni della micoplasmosi sono trasmessi sessualmente. La malattia è più spesso diagnosticata nelle donne che hanno rapporti sessuali promiscui o che hanno avuto infezioni trasmesse sessualmente. È possibile essere infettati da questa infezione con stretti contatti familiari, ma questo è improbabile, poiché i micoplasmi si estinguono rapidamente fuori dal corpo dell'ospite. L'infezione da parte della famiglia può avvenire attraverso articoli per l'igiene personale (ad esempio, asciugamani, biancheria intima, costumi da bagno, biancheria da letto).

Sintomi e metodi per rilevare i micoplasmi durante la gravidanza

La malattia è pericolosa perché in circa il 40% dei casi è nascosta. Può essere assolutamente asintomatico e non causa alcun sospetto nella donna nella situazione. Molti scopriranno questa diagnosi già durante l'esame dal medico curante. Puoi leggere di questi casi nelle discussioni sul micoplasma durante la gravidanza sui forum.

Nel 60% dei casi, la malattia si fa sentire. I primi segni possono comparire diverse settimane dopo l'infezione. I sintomi della micoplasmosi sono gli stessi di altre infezioni urinarie. Quando la micoplasmosi appare scarica. Molto spesso sono leggeri, persino trasparenti. Può anche causare prurito nella zona genitale, disagio durante la minzione, dolore durante i rapporti sessuali. Spesso la micoplasmosi è mascherata da mughetto. Maggiori informazioni sul mughetto durante la gravidanza →

Una donna incinta dovrebbe essere attenta al suo partner. Forse soffre di micoplasmosi. Molto spesso la causa di prostatite, uretrite, potenza indebolita è precisamente micoplasmosi.

Il micoplasma durante la gravidanza non è così facile da determinare. In uno striscio convenzionale con microscopia, i microrganismi non sono visibili, poiché le dimensioni dei micoplasmi sono molto piccole.

Per rilevare la malattia è possibile solo con l'aiuto di metodi di laboratorio speciali:

  • semina;
  • immunofluorescenza (PIF);
  • reazione a catena della polimerasi (PCR);
  • lo studio di anticorpi specifici mediante saggio immunoenzimatico (ELISA).

La difficoltà della diagnosi sta nel fatto che per la coltivazione di micoplasmi è necessario uno speciale mezzo nutritivo per la semina. Inoltre, è necessario determinare non solo la presenza o l'assenza di microrganismi nell'organismo, ma anche il tipo e la quantità di micoplasmi, la loro influenza sull'organismo del paziente.

Il pericolo di micoplasmi durante la gravidanza

La micoplasmosi è un pericolo particolare per le donne nella situazione. Molto spesso, scopriranno di lui solo nella clinica prenatale al momento della registrazione. Dovrebbe essere controllato per le infezioni nascoste, compresi i micoplasmi, prima della gravidanza.

Cos'è la micoplasmosi pericolosa per la futura madre e il suo bambino? Questa malattia può essere la causa di una gravidanza scorretta. Le frequenti conseguenze della micoplasmosi nelle donne in gravidanza sono un attaccamento improprio della placenta, il polidramnios.

I microrganismi colpiscono le pareti della vagina, la cervice. Il processo infiammatorio può andare alla membrana amniotica. Nelle prime fasi della gravidanza può verificarsi un aborto spontaneo, in quanto il tono dell'utero può aumentare.

Nei periodi successivi, può iniziare il parto pretermine. La probabilità che si verifichino con micoplasmosi è 2-3 volte superiore. Ecco perché il trattamento tempestivo di micoplasma durante la gravidanza.

I microrganismi non influenzano il feto, in quanto è protetto dalla placenta. Naturalmente, si verificano casi di infezione intrauterina, ma queste sono solo eccezioni alla regola.

Durante il travaglio, c'è il rischio che il bambino venga infettato da micoplasmosi quando attraversa il canale del parto. Nei bambini nati da madri infette, non è il sistema urogenitale che viene colpito più spesso, ma l'albero bronco-polmonare. Alla nascita, i micoplasmi possono colpire i genitali solo nelle ragazze.

I bambini piccoli soffrono di infiammazione del naso, della faringe, dei bronchi e dei polmoni. La micoplasmosi è principalmente la causa di sepsi neonatale, meningite, polmonite congenita, congiuntivite. Più debole è il sistema immunitario nei bambini, più difficile sarà la malattia. Vale la pena notare che in un bambino la micoplasmosi dopo la nascita potrebbe non apparire. L'infezione può causare conseguenze spiacevoli in futuro.

La malattia può causare complicazioni postpartum. Il più pericoloso è l'endometrite, che è un'infiammazione dell'utero. La malattia nella vecchia letteratura era chiamata "febbre puerperale". Ci possono anche essere le seguenti complicazioni di micoplasmosi:

  • vaginite cronica - infiammazione della vagina;
  • annessite (lo sviluppo di processi infettivi e infiammatori cronici) - questa condizione può essere la causa dell'infertilità femminile;
  • sviluppo di pielonefrite - infiammazione che colpisce il sistema renale pelvi-pelvi.

Molto spesso, queste condizioni sono causate da infezione da micoplasma ominide durante la gravidanza.

Trattamento di micoplasmosi durante la gravidanza

Farmaci per micoplasmosi dovrebbero essere prescritti solo dal medico curante. I farmaci non sono richiesti solo se sono stati trovati meno di 100 CFU (unità formanti colonie) in 1 ml. In una tale situazione, i rischi associati alla malattia sono significativamente inferiori ai rischi derivanti dall'assunzione dei farmaci. Il medico deve scegliere attentamente i farmaci, perché molti di loro sono in grado di penetrare la placenta e influire negativamente sul feto, e il compito principale di uno specialista è quello di aiutare la gestante a far fronte alla malattia e non danneggiare il bambino.

La micoplasmosi viene curata in presenza di malattie causate da questo parassita, vale a dire:

  • vaginosi (una condizione caratterizzata da secrezione vaginale mucosa o purulenta, prurito nella zona genitale, dolore durante il rapporto sessuale);
  • processo infettivo e infiammatorio negli organi pelvici (dolore nell'addome inferiore, aggravamento durante i rapporti, febbre, intossicazione, leucocitosi);
  • uretrite (infiammazione dell'uretra, che si manifesta con prurito, taglio, bruciore e quando urina i sintomi aumentano);
  • cervicite (infiammazione del canale cervicale, caratterizzata da dolore nell'addome inferiore, scarico mucopurulento dal tratto genitale).

La micoplasmosi viene trattata con antibiotici. Più spesso, i medici scelgono farmaci dal gruppo di macrolidi. Sono molto efficaci. Il corso della loro ammissione è breve e sono più sicuri per una donna nella posizione e nel suo bambino rispetto agli antibiotici di altri gruppi. Questo trattamento è prescritto dal medico curante dopo 12 settimane di gravidanza.

Fino a questo punto, i farmaci non possono essere assunti, dal momento che gli organi del feto non sono ancora stati completamente formati. Nella maggior parte dei casi, il risultato del trattamento è il completo recupero del paziente. Il rischio di recidive di malattia è minimo.

Gli antibiotici non solo distruggono i micoplasmi durante la gravidanza, ma influenzano negativamente la microflora benefica nel corpo. Dovrebbe essere rifornito dall'esterno. A volte i medici prescrivono farmaci dal gruppo di dentisti per questo scopo.

Il trattamento della malattia non è completo senza l'assunzione di vitamine, immunomodulatori e vari additivi biologici. L'immunità alla micoplasmosi non viene prodotta, ma il successo del trattamento dipende dallo stato di immunità della donna incinta. L'accettazione di farmaci immunostimolanti, integratori alimentari e vitamine riduce la durata del trattamento.

Una donna incinta, dopo un ciclo di trattamento, dovrebbe visitare il suo medico. Per scoprire se la micoplasmosi è guarita o no, è necessario sottoporsi ad un esame clinico. Dopodiché, dovrai condurre studi sierologici o diagnosi di laboratorio tramite PCR. La diagnosi di laboratorio viene effettuata non prima di un mese dopo la fine del ciclo di trattamento.

È necessario essere trattati non solo per una donna incinta, ma anche per il suo partner, al fine di prevenire la reinfezione al prossimo contatto sessuale. Se una donna scopre di avere una micoplasmosi, dovrebbe informare il suo partner. È necessario convincerlo a recarsi dal medico, per essere esaminato, anche se nulla lo infastidisce.

Vale la pena notare che le raccomandazioni del medico curante devono essere rigorosamente seguite. Non dovresti prendere la decisione di aumentare o diminuire la dose del farmaco, iniziare a prendere un nuovo farmaco o cancellare quello vecchio, poiché questo potrebbe influenzare il risultato del trattamento.

Prevenzione della micoplasmosi

Per non avere micoplasmosi, segui queste regole. Innanzitutto, è necessario evitare le relazioni sessuali con partner occasionali.

In secondo luogo, durante la gravidanza è necessario usare contraccettivi di barriera (preservativi), che proteggeranno il corpo femminile vulnerabile da tutti i tipi di infezioni, compresi i micoplasmi.

In terzo luogo, è necessario rispettare uno stile di vita sano, mangiare bene, perché dipende dallo stato del sistema immunitario. Più debole è il sistema immunitario, più il corpo è suscettibile a varie infezioni.

In quarto luogo, è necessario visitare regolarmente un ginecologo. Il rilevamento tempestivo della malattia salverà te e il tuo nascituro dalle terribili conseguenze. In quinto luogo, dovresti seguire le regole di base dell'igiene personale. Sebbene i patogeni non vivano a lungo nell'ambiente senza un ospite, si verificano infezioni da biancheria da letto, asciugamani e biancheria intima.

L'implementazione di queste raccomandazioni proteggerà non solo la micoplasmosi, ma anche altre malattie trasmesse sessualmente.

In conclusione, vale la pena notare che la micoplasmosi per le donne durante la gravidanza è molto pericolosa. Mycoplasma hominis durante la gravidanza può causare molti effetti negativi, oltre a micoplasma genitalium. Ecco perché è necessario pianificare la gravidanza in anticipo, visitare regolarmente un ginecologo e sottoporsi a esami tempestivi.

Tuttavia, se la micoplasmosi si trova in una donna incinta, non dovresti preoccuparti e prenderti il ​​panico. Questa malattia è curabile. Seguendo le raccomandazioni del medico, è possibile prevenire le terribili conseguenze di questa malattia. Se segui le regole di base per la prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili, allora puoi proteggerti dalla micoplasmosi.

Micoplasmosi in gravidanza: sintomi, trattamento e pericolo per il feto

Nel periodo della gravidanza, qualsiasi, anche la più semplice delle malattie, può essere una vera minaccia per il feto e la madre. Per questo motivo, una donna ha bisogno di prendersi cura della propria salute con una vendetta - per due.

L'individuazione tempestiva delle malattie infettive aiuterà a salvare la vita nascente. È anche importante condurre esami completi prima della gravidanza - questo eliminerà tutti i rischi durante la gravidanza e il parto. Durante la gravidanza, viene spesso diagnosticata una "micoplasmosi". Cos'è ed è pericoloso? Capiremo e scopriremo se andare nel panico con una diagnosi del genere.

Cos'è la micoplasmosi?

La micoplasmosi è una malattia infettiva del sistema genito-urinario causata da batteri micoplasmatici.

Questa è una malattia infettiva dell'apparato urogenitale o respiratorio, causata da micoplasmi. Questi microrganismi sono divisi in diversi gruppi. Gli scienziati non hanno ancora studiato tutte le categorie di micoplasma e individuano solo quelli che sono ben studiati e suscettibili di analisi.

Per gli esseri umani, i microrganismi dei tipi Mycoplasma hominis, Mycoplasma genetalium e Mycoplasma sono pericolosi. Quest'ultimo tipo causa malattie del sistema respiratorio, i primi due causano malattie urogenitali. Infatti, i micoplasmi interrompono il funzionamento delle cellule sane del corpo. Di regola, vengono attivati ​​insieme ad altri virus, microbi o batteri. Di per sé, raramente provocano alcuna malattia.

Mycoplasma può essere nel corpo di una donna e non si manifesta. Tuttavia, non appena il corpo si indebolisce o "raccoglie" la malattia infettiva, i microrganismi vengono attivati. Le conseguenze possono essere disastrose. I micoplasmi sono abbastanza difficili da rilevare senza una ricerca mirata.

Si raccomanda a una donna di sottoporsi a un esame completo prima della gravidanza e di essere costantemente monitorata durante la gestazione.

La micoplasmosi viene spesso rilevata in combinazione con altre malattie infettive trasmesse sessualmente o attraverso oggetti di uso quotidiano.

Le cause della malattia

La micoplasmosi si riferisce alle malattie sessualmente trasmissibili

La causa principale della malattia è considerata una vita sessuale promiscua e non protetta. Poiché la micoplasmosi è attivata, di regola, sullo sfondo di altre infezioni, quasi tutte le malattie infettive del sistema riproduttivo possono essere attribuite alle cause. È molto importante usare l'equipaggiamento protettivo durante il contatto sessuale sia prima che durante la gravidanza. Quindi il rischio di attivazione dei micoplasmi diminuirà in modo significativo.

La causa dello sviluppo della malattia può essere una mancanza di igiene durante la gravidanza. Non utilizzare asciugamani, biancheria intima e altri articoli per l'igiene personale di qualcun altro. La donna deve avere le loro cose, che nessuno tranne lei usa. Questo è particolarmente vero per le donne che hanno un sistema immunitario molto debole.

La micoplasmosi può svilupparsi sullo sfondo di qualsiasi situazione stressante, motivo per cui i medici raccomandano sempre uno stile di vita calmo e misurato durante la gravidanza.

Nessun lampo di emozione. La malattia può farsi sentire a causa dell'ipotermia. In realtà, questo è anche stress. Vesti secondo il tempo in vestiti comodi.

La micoplasmosi è più spesso rilevata nelle donne che hanno un fallimento nel sistema immunitario. È molto importante bilanciare la dieta e assumere vitamine durante la gestazione. Ciò ridurrà significativamente il rischio di malattia.

sintomatologia

Dolori addominali inferiori, scarso scarico e bruciore durante la minzione sono possibili segni di micoplasmosi

Come tale, non ci sono sintomi specifici di micoplasmosi. È possibile determinare la malattia dalle manifestazioni accompagnatorie di malattie come la vaginite o l'uretrite.

I microrganismi agiscono sulla mucosa della vagina o dell'uretra. Cioè, i sintomi si manifestano come le conseguenze delle malattie infettive - vaginiti, uretrite.

I sintomi più comuni includono:

  • La combustione può verificarsi durante la minzione. Il prurito è anche caratteristico.
  • Le mucose vaginali possono essere trasparenti, giallastre o grigie. Possono essere scarse o abbondanti.
  • Potrebbe esserci infiammazione nell'uretra.
  • Caratterizzato da mal di schiena, come spesso accade durante il ciclo mestruale.
  • Ci può essere dolore doloroso e opaco nel basso addome a causa del processo di infiammazione dell'utero, appendici.
  • I rapporti sessuali spesso causano disagio o persino dolore. Si verificano a causa di infiammazione degli organi riproduttivi.

Quando compaiono questi segni, la donna dovrebbe consultare immediatamente un medico per determinare la causa. I sintomi non compaiono immediatamente dopo l'infezione. Potrebbero essere necessarie diverse settimane, in alcuni casi, la micoplasmosi si manifesta dopo 3-4 mesi.

Per le donne nella situazione è molto importante identificare la malattia in modo tempestivo. Altrimenti, potrebbe finire per perdere un figlio. Tuttavia, spesso la micoplasmosi viene osservata solo per il motivo che la malattia potrebbe non rappresentare una vera minaccia per il bambino o la madre. Il trattamento è prescritto solo nel caso in cui vi sia un processo patologico nel bambino.

Diagnosi di micoplasmosi

Bakposev - un metodo efficace per la diagnosi di micoplasmosi durante la gravidanza

L'ispezione regolare sulla sedia e la raccolta di strisci non è sufficiente per identificare la malattia. La difficoltà è che i microrganismi sono troppo piccoli ed è impossibile vederli al microscopio.

Per la diagnosi di micoplasmosi prescrivono una serie di studi, che includono:

  • Diagnosi genetica molecolare (PCR)
  • Semina batteriologica
  • Immunofluorescenza (RIF)
  • Saggio immunoassorbente legato all'enzima (ELISA)
  • Ultrasuoni dei reni, sistema urogenitale

Se è necessario ottenere rapidamente un'immagine, si ricorre alla diagnostica tramite RIF o ELISA. I risultati vengono emessi immediatamente dopo solo poche ore. Tuttavia, saranno inaccurate - fino al 70% di accuratezza.

I metodi più affidabili sono studi di PCR e coltura batteriologica.

Con l'aiuto dell'ultima micoplasmosi viene rilevato al 100%. L'esame ecografico viene eseguito per raccogliere informazioni sull'entità del danno al sistema genito-urinario.

Insieme alla rilevazione della micoplasmosi, vengono effettuate una serie di test per identificare altre malattie infettive. Studi su micoplasmosi sono raccomandati per tutte le donne che stanno pianificando una gravidanza. Anche il secondo partner dovrebbe essere sottoposto a screening. Il trattamento avviene nel futuro madre e padre.

La malattia è pericolosa durante la gravidanza?

L'opinione dei medici su questo argomento è diversa. Alcuni sostengono che la micoplasmosi sia una vera minaccia per il bambino, altri non sono d'accordo. L'infezione del feto si verifica molto raramente, poiché è protetta in modo affidabile dalla placenta.

Tuttavia, il processo infiammatorio nella micoplasmosi può influenzare le membrane. In questo caso, potrebbero rompersi. Di conseguenza, si verifica un parto prematuro, che è già una complicazione della malattia.

La malattia può causare:

  • Aborto spontaneo.
  • Acqua abbondante
  • Complicanze postpartum (febbre materna prima e dopo il parto).
  • Infezione del feto durante il parto.
  • Attaccamento non corretto della placenta.
  • Malattie del sistema genito-urinario.
  • Nascita prematura
  • Indicazioni per taglio cesareo.

Tutte queste complicazioni compaiono nel caso dell'attività dei micoplasmi. Se una donna è portatrice di microrganismi e non si manifestano, il suo medico la osserva e semina costantemente l'infezione.

Dire inequivocabilmente che la micoplasmosi è pericolosa per la salute è impossibile. Tutto dipenderà dalla situazione specifica. In alcuni casi, sorgono complicazioni, in alcuni, tutto ha successo, incluso il parto. Per la futura mamma, è importante visitare il medico in modo tempestivo e parlare di tutti i sintomi sospetti. Quindi il rischio di sviluppare disturbi pericolosi diminuirà molte volte.

Schema di trattamento delle infezioni

Solo un medico può prescrivere il trattamento sicuro della micoplasmosi in gravidanza senza rischi per il feto!

Il trattamento della malattia è prescritto nel caso in cui vi sia una vera minaccia per il feto e la madre. Se la donna è portatrice di microrganismi, il trattamento non viene eseguito. Lo schema comprende antibiotici, antimicrobici e trattamento topico con creme, supposte, pillole, doppi antisettici. Gli antibiotici tetracicline sono più comunemente usati, dal momento che il microrganismo è stato sensibile ad esso.

Oltre alla terapia con antibiotici, alle donne vengono prescritti corsi per assumere multivitaminici. È molto importante rafforzare le funzioni protettive del corpo in modo che combatta in modo indipendente l'infezione. Sono anche prescritti immunostimolanti e eubiotici. La selezione dei farmaci viene effettuata singolarmente e dipende in gran parte dal quadro clinico del paziente.

Anche il trattamento del partner sessuale è considerato necessario, altrimenti l'infezione nella donna si ripresenterà.

Il corso del trattamento dura di solito dieci giorni, a volte di più. Quindi viene eseguita un'analisi ripetuta. Circa un mese dopo vengono esaminati utilizzando la diagnostica PCR. La vita sessuale durante il periodo di trattamento e dopo aver raccolto gli ultimi test dovrebbe essere abbandonata.

In alcuni casi, si osserva resistenza microbica al trattamento. Questo accade raramente, in circa il 10% dei casi. In questa situazione, il medico modifica il regime di trattamento - antibiotici. Il trattamento della micoplasmosi in donne in gravidanza è prescritto solo nel caso in cui vi sia una minaccia per la vita del feto o della madre.

Possibili complicazioni

Micoplasmosi in gravidanza - una malattia pericolosa che può causare conseguenze pericolose e gravi

Se la micoplasmosi non viene trattata, possono verificarsi varie complicanze. Spesso una donna non sospetta nemmeno la presenza di questa malattia. Ecco perché è così importante fare test per la micoplasmosi in tempo. Soprattutto durante la gravidanza.

Se la malattia viene trascurata e non trattata, possono verificarsi le seguenti complicanze:

  • Infiammazione cronica delle vie urinarie o pielonefrite, cistite.
  • Malfunzionamenti del sistema immunitario, con conseguente malattie reumatiche.
  • Infiammazione cronica della vagina e dell'uretra - uretrite, vaginite.
  • Annessite - infezione delle tube di Falloppio e delle ovaie. L'infertilità può derivare da questa malattia.

Quando viene rilevata una malattia, deve essere trattata, anche se la gravidanza non è pianificata. Dalla diagnosi tempestiva e il trattamento adeguato dipenderà dalla salute delle donne, degli uomini e dei loro futuri figli.

La prevenzione della malattia è ridotta alle regole di base dell'igiene personale, del sesso ordinato e della corretta alimentazione.

Ulteriori informazioni sulla micoplasmosi durante la gravidanza possono essere trovate nel video:

Qualsiasi IST può essere prevenuta o evitata del tutto. Le misure di prevenzione includono:

  • Mancanza di sesso casuale e promiscuo.
  • Usare un preservativo durante il rapporto sessuale è un metodo protetto.
  • Rispetto delle regole di igiene personale: utilizzare solo gli asciugamani, non indossare biancheria intima di qualcun altro, assicurarsi di lavarne uno nuovo prima di indossarlo.
  • Condurre uno stile di vita sano - educazione fisica, yoga o semplicemente fare jogging la mattina, non fumare e non bere alcolici.
  • Mangia bene, segui una dieta equilibrata. Non sederti su diete infinite.
  • Visita regolarmente il ginecologo. Esaminare un esame completo pianificando una gravidanza.
  • Quando viene rilevata la micoplasmosi, seguire esattamente le istruzioni e le prescrizioni del medico. Dopo il trattamento, assicurarsi di sottoporsi a un riesame.

Il rispetto di queste semplici misure preventive eliminerà le spiacevoli malattie durante la gravidanza e prima di esso. Non dimenticare, spesso lo stato di salute di una donna dipende da lei. Mantenere uno stile di vita sano e visitare il medico ogni sei mesi. In questo caso, la gravidanza andrà bene.

Conseguenze e trattamento della micoplasmosi nelle donne durante la gravidanza

Un parere comune è che ci sono cose che nella vita di tutti i giorni per una donna sono completamente innocue, mentre durante la gravidanza possono rappresentare una vera minaccia non solo per il bambino, ma anche per la futura mamma.

Questo punto di vista riguarda solo il micoplasma. Questi batteri possono normalmente essere rappresentanti della normale microflora della vagina di una donna sana e non causare patologie o fenomeni infiammatori. Nelle donne in posizione, spesso portano allo sviluppo di complicanze e conseguenze negative sulla salute.

La malattia causata da micoplasma è chiamata micoplasmosi. È molto pericoloso durante la gravidanza, poiché può portare allo sviluppo di malattie del tratto urogenitale di una donna e, in rari casi, può essere in grado di causare danni al feto in tutte le fasi della gravidanza.

Il micoplasma nelle donne in gravidanza oggi si verifica abbastanza spesso, specialmente nelle donne che hanno già avuto a che fare con un aborto spontaneo.

Cosa può aumentare i batteri

La micoplasmosi durante la gravidanza può portare allo sviluppo del processo infiammatorio delle membrane, il risultato - nascita prematura. Allo stesso tempo, il neonato può rivelare i sintomi della lesione da micoplasma, che a volte è molto grave (fino alla sepsi e processi infiammatori nelle meningi). Inoltre, la malattia può causare le seguenti complicanze in un bambino:

  • danno all'apparato respiratorio;
  • disfunzione visiva;
  • danno ai linfonodi;
  • patologia dei reni e del fegato;
  • danno al sistema nervoso centrale;
  • infezione della pelle.

Ci sono anche suggerimenti che il micoplasma nelle donne in gravidanza può portare allo sviluppo di deformità congenite in un bambino, ma questa opinione non ha ancora trovato giustificazione scientifica.

Anche la micoplasmosi nelle donne in gravidanza contribuisce allo sviluppo di polidramnios e anche l'attaccamento improprio della placenta e il suo distacco e anche l'insorgenza di tossicosi tardive.

Se l'infezione non ha portato alla nascita prematura e non ha danneggiato il bambino, la probabilità di infezione del neonato quando passa attraverso il canale del parto non è esclusa. Questa modalità di trasmissione è denominata verticale e può portare a gravi complicazioni postpartum non solo nella madre (ad esempio, endometrite, che è l'infiammazione dell'utero), ma anche nel bambino.

Le conseguenze gravi possono essere solo se l'infezione procede nella fase attiva e il titolo di microrganismi supera il tasso consentito (superiore a 10 nel 4 ° grado).

Se il micoplasma in una donna incinta si trova in una quantità corrispondente al trasporto, il medico raccomanderà semplicemente di essere monitorato e di analizzare costantemente la microflora per la presenza di micoplasma, al fine di escludere la rapida proliferazione di microrganismi. Il trattamento in questo caso non è effettuato.

sintomi

Questa malattia è pericolosa perché in quasi la metà dei casi può verificarsi senza manifestazioni cliniche e pertanto si raccomanda di eseguire un'analisi dei micoplasmi durante la pianificazione della gravidanza per poter effettuare una terapia antibiotica prima del concepimento.

Tuttavia, nel 60% dei casi la micoplasmosi nelle donne infette nella situazione si manifesta ancora ed è caratterizzata dai seguenti sintomi:

  1. l'apparenza di scariche leggere, a volte trasparenti;
  2. prurito genitale;
  3. disagio durante la minzione;
  4. dolore durante il rapporto.

Trattamento dell'infezione

Nel caso della fase attiva dell'infezione, è necessario effettuare il trattamento corretto, che eviterà lo sviluppo di conseguenze negative.

Va aggiunto che il trattamento della micoplasmosi durante la gravidanza viene effettuato dal 2 ° trimestre (dalla 12 ° settimana di gravidanza, preferibilmente dalla 14 ° alla 16 ° settimana), poiché prima di questo momento gli organi si formano nel feto, e quindi -un farmaco antibatterico è molto pericoloso

Vale anche la pena notare che i micoplasmi durante la gravidanza non eliminano gli antibiotici tetraciclini, in quanto possono influenzare negativamente il feto. Oggi, i principali farmaci per il trattamento della micoplasmosi nelle donne incinte sono i macrolidi, che hanno un effetto più lieve sul corpo della madre e del bambino.

Quindi, per il trattamento di questa malattia durante la gravidanza, utilizzare i seguenti farmaci:

Gli antibiotici sono prescritti per un corso fino a 10 giorni.

Tuttavia, il trattamento della micoplasmosi nel periodo di trasporto di un bambino oggi rimane una questione aperta, dal momento che ci sono due punti di vista su questo argomento. Alcuni medici, che chiamano questi batteri patogeni incondizionati, raccomandano un trattamento obbligatorio, mentre altri che ritengono che i micoplasmi siano microrganismi patogeni condizionalmente sono semplicemente consigliati di essere monitorati.

La risposta alla domanda sulla necessità di una terapia antibiotica può essere data solo dopo che è stato possibile dimostrare il ruolo di micoplasma come agente eziologico nello sviluppo di un processo infiammatorio in una donna incinta.

È possibile rimanere incinta con micoplasmosi

Con questa infezione, ovviamente, puoi concepire un bambino, ma la gravidanza può diventare anormale. Pertanto, i batteri possono causare un attaccamento improprio della placenta e quindi diffondersi alle membrane. A causa della distruzione di queste membrane, aumenta il rischio di un aborto non intenzionale in un periodo iniziale. Nei periodi successivi, è possibile la consegna pretermine.

Le statistiche indicano che il parto pretermine è 2-3 volte più frequente. Pertanto, la gravidanza dovrebbe essere pianificata e i partner dovrebbero essere esaminati insieme per il micoplasma, dal momento che l'immunità a questo batterio non è sviluppata e la re-infezione è possibile.

Se una donna ha trovato micoplasma a titolo elevato, allora per qualche tempo è meglio per lei rimandare i pensieri sulla gravidanza a parte, poiché da questo può mettere a repentaglio non solo la salute del bambino, ma anche il suo.

È anche possibile che la gravidanza in una forma trascurata di micoplasmosi non si verifichi. Ciò è dovuto al fatto che i batteri portano allo sviluppo di processi purulenti e infiammatori che impediscono il concepimento.

Mycoplasma durante la gravidanza: quanto è reale la minaccia di infezione?

Durante la gravidanza, una donna è così vulnerabile e suscettibile all'influenza negativa di fattori esterni che anche le malattie più semplici e facilmente curabili possono trasformarsi in un pericolo reale per la sua condizione e il benessere del bambino.

Il fatto è che qualsiasi tipo di malattie infettive e di altro tipo, di norma, richiede misure preventive intensive o terapia medica.

Non sarà difficile da eseguire e raccomandazioni mediche e dimenticare il problema. Tuttavia, essendo incinta, non sarai in grado di combattere completamente la malattia, dal momento che qualsiasi farmaco può influire negativamente sullo sviluppo del bambino.

Tuttavia, la malattia non può essere eseguita anche. Soprattutto se parliamo di un'infezione come il micoplasma. Questi pericolosi microrganismi possono provocare numerose complicazioni e portare a conseguenze disastrose.

Mycoplasma: caratteristiche e tipi di infezione, possibili metodi di infezione

I micoplasmi sono un tipo di microrganismo unicellulare. Hanno in comune batteri, virus e infezioni fungine, ma possono assumere una posizione intermedia.

Con l'ambiente esterno, i micoplasmi sono separati da una membrana, poiché non hanno pareti cellulari.

Tuttavia, i micoplasmi si distinguono per la loro capacità di crescere al di fuori di questo mezzo. I metodi della loro riproduzione sono in erba e divisione.

Ci sono alcune divergenze tra i medici di diversi paesi, che si trovano in che tipo di organismi vengono attribuiti micoplasmi: molti li considerano condizionatamente patogeni, cioè, in modo tale che possano costituire la normale microflora della vagina e diventare attivi solo in determinate condizioni favorevoli. Tuttavia, ci sono altre opinioni che dimostrano che l'infezione dovrebbe essere attribuita a organismi assolutamente patogeni.

Molto spesso, i test possono rivelare micoplasmi in persone perfettamente sane che non hanno lamentele. I medici affermano che è del tutto possibile.

Puoi essere un portatore di infezione per molti anni, e apprenderlo solo quando il sistema immunitario causa un grave fallimento.

La gravidanza è uno dei fattori che provoca l'attivazione di micoplasma e le sue manifestazioni nocive.

Varietà della malattia

Tra i molti tipi di infezioni micoplasmatiche che esistono in natura, solo alcuni di essi sono pericolosi per il corpo umano:

  • Più spesso durante la gravidanza, le donne incontrano Mycoplasma hominis e Mycoplasma genitalium.

Questi tipi di infezioni causano molte malattie urogenitali, contribuendo alla comparsa di vari processi infiammatori: endometrite acuta, adnexite. Spesso questo microrganismo viene rilevato con sterilità tubarica;

  • Molto meno comune è la polmonite da Mycoplasma, i cui microrganismi colpiscono gli organi del sistema genito-urinario causando malattie infiammatorie di gardnelez, pielonefrite, uretrite e malattie respiratorie.

Di norma, l'attività del micoplasma è solitamente accompagnata dalla presenza di altre infezioni urogenitali (Ureaplasma urealiticum e altri).

Durante la gravidanza, se una donna è portatrice dell'infezione, i microrganismi di solito si mostrano drammaticamente, sebbene prima che la malattia possa procedere quasi inosservata e anche senza sintomi.

I micoplasmi sono pericolosi non solo per le donne, ma anche per gli uomini: colpiscono l'uretra e il prepuzio, spesso riducono l'attività degli spermatozoi e talvolta provocano la loro incapacità o morte.

Come entra un'infezione nel corpo?

I micoplasmi genitali sono trasmessi sessualmente.

Naturalmente, le maggiori probabilità di contrarre l'infezione sono a rischio per le persone sessualmente attive che sono sessualmente promiscue.

Scendendo sulle cellule epiteliali della mucosa del tratto urogenitale, i microrganismi si trasformano in intere colonie.

Dal momento che i micoplasmi non hanno la capacità di funzionare per molto tempo al di fuori del corpo umano, l'infezione domestica è raramente il caso.

Tuttavia, si dovrebbe usare cautela in materia di igiene personale e di non usare le cose di un possibile vettore di infezione (stiamo parlando di asciugamani, biancheria intima o biancheria da letto, costume da bagno, ecc.). Le specie respiratorie di micoplasmi sono trasmesse da goccioline trasportate dall'aria.

Molto spesso questo si verifica durante il parto, ma si verificano anche infezioni intrauterine del feto. Una tale svolta di eventi è piena di molte complicazioni e conseguenze disastrose.

Qual è il pericolo della malattia: le conseguenze per la madre e il bambino durante la gravidanza?

Se stavate pianificando una gravidanza, sono stati certamente eseguiti un certo numero di esami e test, tra cui studi volti a identificare tali infezioni.

I medici quindi insistono sulla preparazione per i bambini, perché trovare un problema prima della gravidanza è la chiave per sbarazzarsi con successo di esso, senza danneggiare il bambino.

La gravidanza indebolisce la vostra immunità, provoca una varietà di alterazioni ormonali e di altro tipo nel corpo, che consente alle infezioni nascoste e alle malattie croniche di diventare attive e di agire intensamente. Ma la difficoltà sta nel fatto che rappresentano una vera minaccia per la gravidanza, non essendo così radicalmente pericolosi in generale:

  • molti medici sostengono che i micoplasmi provocano aborti (aborti spontanei) o fermano lo sviluppo di un bambino (mancato aborto);
  • in periodi successivi, l'infezione distrugge le membrane, che spesso portano alla fuoriuscita di liquido amniotico o al travaglio prematuro;
  • con un'eccessiva attività della malattia, le donne possono soffrire di patologie del sistema genito-urinario, polidramnios e altre complicanze;
  • l'infezione intrauterina del bambino è abbastanza rara, tuttavia, in questi casi, il feto si trova di fronte a un danno totale ai principali organi e sistemi (fegato, reni, occhi, TsSN, pelle, linfa e tessuti), che può portare alla sua morte;
  • molto spesso i micoplasmi influenzano negativamente il bambino durante il passaggio attraverso il canale del parto.

L'infezione divampa nel sistema respiratorio del bambino, causando l'infiammazione della faringe, il naso, l'albero bronco-polmonare. Possono anche verificarsi altre complicazioni (polmonite congenita, congiuntivite, sepsi). I genitali sono colpiti solo nelle ragazze;

  • nelle donne, i micoplasmi causano l'infiammazione della vagina e degli organi urinari, contribuiscono allo sviluppo della pielonefrite e di vari altri processi cronici, che spesso portano a aborti ricorrenti del bambino e persino all'infertilità.

Inoltre, l'infezione provoca complicazioni postpartum (come endometrite). Per un bambino, il principale fattore di rischio è un sistema immunitario debole. Cioè, se nasce prematuramente o con una massa corporea gravemente critica, la malattia sarà molto difficile, per lungo tempo non rispondendo al trattamento, manifestandosi continuamente.

Sintomi principali: come riconoscere un'infezione pericolosa?

Il peggiore di tutti, in metà dei casi di infezione o micoplasmosi, l'infezione praticamente non si manifesta.

I primi sintomi possono comparire qualche tempo dopo l'infezione (entro poche settimane), ma non sono molto diversi dai segni di altre malattie urogenitali:

  • scarica leggera o trasparente, abbastanza moderata;
  • bruciore, prurito (genitali);
  • sensazioni dolorose o semplicemente sgradevoli durante la minzione e il contatto sessuale;
  • quando l'utero e le sue appendici sono già soggetti al processo infiammatorio, la donna può avvertire dolore ricorrente nell'addome inferiore.

Di solito, questi sintomi possono essere scambiati per manifestazioni di mughetto e non dare loro molta importanza.

Nel frattempo, l'infezione si diffonderà ulteriormente, causando già erosione, uretrite cronica, endopervicite mucopurulenta, endometrite e aderenze degli organi pelvici.

Tutte queste complicazioni possono portarti gradualmente alla sterilità.

Come diagnosticare una malattia: quali test devono essere superati?

Se trovi un'infezione, sta già aspettando una gravidanza, non fatevi prendere dal panico prima del tempo. Le complicazioni, di regola, si alzano solo durante la sua fase attiva.

Tuttavia, è necessario sottoporsi costantemente ad esami ed essere testati affinché il medico possa capire se esiste una minaccia per la gravidanza e il bambino, oltre a correggere la terapia preventiva o curativa.

Diagnosticare un'infezione è abbastanza difficile. Poiché questi organismi sono parte integrante della microflora naturale degli esseri umani, l'identificazione della loro presenza nelle analisi non è ancora una malattia.

Per capire se sei malato di micoplasmosi, dovrai determinare quanti microrganismi hai. Ci sono diversi metodi diagnostici di base per questo.

Saggio PCR

Questo metodo diagnostico molecolare può rivelare la presenza dell'agente infettivo in un campione di un materiale (striscio urogenitale, urina, ecc.). Il principio dello studio si basa sul fatto che il numero di copie di un'area specifica (specificamente per questo agente patogeno) viene moltiplicato.

Aiuta a distinguere l'infezione da micoplasma da altri simili (ureaplasma, gonorrea, clamidia). L'analisi confermerà la sua presenza o darà un risultato negativo.

Il metodo PCR è considerato molto efficace e affidabile, poiché è in grado di rilevare anche singole cellule di microrganismi. Viene utilizzato se è impossibile confermare la diagnosi con altri tipi di diagnostica (spesso per malattie croniche o asintomatiche).

Tuttavia, anche i più piccoli fattori possono influenzare il risultato, ad esempio sono state violate le regole per l'assunzione, il trasporto e l'esame del materiale, oppure il paziente ha assunto farmaci prima dell'analisi, ecc. In questo caso, sono possibili risultati falsi negativi o falsi positivi.

Ricerca utilizzando la semina batteriologica

Per la coltivazione di micoplasmi crea un ambiente speciale con nutrienti adatti. Anche questo metodo diagnostico è considerato molto accurato, in quanto può non solo rilevare la presenza di un'infezione specifica, ma anche determinare il numero di microrganismi dannosi.

Inoltre, con l'aiuto della semina, il medico stabilisce se i micoplasmi sono sensibili a specifici antibiotici per selezionare il trattamento appropriato.

Come si usa il materiale di prova: urina, striscio urogenitale.

I micoplasmi sono classificati come organismi patogeni e prescrivono il trattamento solo se il loro numero nel materiale analizzato supera la norma 10&sup4;. Di solito ci vogliono diversi giorni per ottenere i risultati dello studio.

ELISA per la determinazione dei microrganismi nel sangue

Un saggio immunoenzimatico è un altro metodo di ricerca efficace in cui è possibile determinare se il sangue contiene anticorpi o antigeni specifici per questa particolare infezione. Secondo i suoi risultati, non solo viene giudicata l'esistenza del problema, ma anche il corso del suo sviluppo o progressione, cioè in quale fase si trova la malattia.

Questa analisi è altamente sensibile e può tracciare l'intera dinamica del processo (confrontare la quantità di un particolare anticorpo in momenti diversi, ad esempio durante il trattamento).

Il materiale più comune per un ELISA è il sangue del paziente. Inoltre, per l'analisi, possono essere presi campioni di organi genitali o campioni di liquido amniotico (se si sospetta un'infezione intrauterina).

Il medico deve spiegarti come prepararti correttamente: fare un'analisi a stomaco vuoto, interrompere l'assunzione di vari farmaci e farmaci 2 settimane prima dello studio, ecc.

Il risultato sarà pronto molto rapidamente (durante il giorno). Se sei infetto, vengono prodotte immunoglobuline di diverse classi nel tuo corpo: IgA, IgM e IgG. La durata della tua infezione sarà indicata dalle didascalie, ovvero il numero di:

  • quando vengono rilevate IgG e IgM nel sangue, i medici considereranno la presenza di infezione come un'infezione primaria;
  • se gli anticorpi vengono presentati solo in una classe di IgG isolata, allora con un titolo ridotto sarà possibile parlare dell'immunità alla malattia e, con le sue dinamiche in evoluzione e di quantità crescenti, dell'infezione cronica;
  • se si aggiunge loro IgA, i medici dichiarano una esacerbazione. La concentrazione di questa classe dipenderà direttamente dalla gravità del processo infiammatorio.

Solo il medico può interpretare il valore dei titoli e decifrare i dati dell'analisi.

  • Se i titoli sono inferiori a 0,9 cu, significa che i microrganismi non sono stati identificati.
  • Con valori da 0,9 a 1,1 cu parlare di infezione dubbia.
  • In presenza di anticorpi superiori a 1.1 - il fatto di infezione.

Tuttavia, come ricordi, questo non significa affatto che tutte le complicazioni ti influenzeranno, o che la malattia si manifesterà del tutto.

Mycoplasma nelle donne durante la gravidanza

Quelle malattie che di solito non sono pericolose e facilmente curabili durante la gravidanza possono minacciare sia la salute della donna che del nascituro. La micoplasmosi, nota anche come micoplasma, è una di queste infezioni.

La micoplasmosi è stata scoperta durante la gravidanza - cosa fare?

Contenuto dell'articolo:

Durante la gravidanza, è stata scoperta la micoplasmosi - cosa fare?

Durante la gravidanza, la micoplasmosi viene rilevata due volte più spesso che senza di essa. E questo fa riflettere molti esperti su questo problema. Alcuni medici ritengono che ciò sia dovuto a cambiamenti ormonali che si verificano durante la gravidanza e lo stato del sistema immunitario.

Non c'è una risposta inequivocabile alla domanda "Quanto male fanno i micoplasmi sull'organismo della madre e del feto?". Nella maggior parte dei paesi europei e americani, il micoplasma è classificato come un organismo condizionatamente patogeno ed è considerato il suo componente normale della microflora vaginale. Di conseguenza, le donne in gravidanza non si sottopongono a test obbligatori per questo tipo di infezione e non la trattano.

Nel nostro paese, i medici attribuiscono il micoplasma più al patogeno e raccomandano vivamente di sottoporre a screening le madri in attesa di infezioni nascoste durante la pianificazione della gravidanza e di ricevere un trattamento appropriato quando vengono rilevate. Questo può essere spiegato dal fatto che la micoplasmosi è piuttosto rara come una malattia indipendente.

Un'azienda con essa può anche rivelare infezioni da ureaplasmosis, clamidia, herpes, che causano complicazioni molto gravi durante la gravidanza.

Possibili rischi di micoplasma per una donna incinta

Il principale pericolo di questa malattia è che ha un periodo di sviluppo nascosto, quasi asintomatico, della durata di circa tre settimane. Pertanto, è abbastanza spesso trovato già nella forma corrente. Questo può portare alla morte del feto o al travaglio pretermine.

I casi in cui il micoplasma non colpisce il bambino sono molto rari. Naturalmente, la placenta protegge il bambino da tali infezioni, tuttavia i processi infiammatori causati dai micoplasmi sono piuttosto pericolosi, dal momento che possono passare dalle pareti della vagina e dell'utero alla membrana amniotica. E questa è una minaccia diretta al lavoro pretermine.

Da tutto quanto sopra, si può fare una sola conclusione: è semplicemente necessario trattare la micoplasmosi gravida. In questo caso, è necessario essere trattati non solo per la futura mamma, ma anche per il suo partner. La diagnosi tempestiva e il trattamento di tali malattie è la chiave per la salute della madre e del futuro bambino.

Complicazioni di micoplasmosi

La morte fetale del feto, lo sbiadimento della gravidanza, la nascita prematura sono le complicazioni più terribili che la micoplasmosi può causare durante la gravidanza.

La ragione di questo sono i processi infiammatori innescati da questi microrganismi. Possono spostarsi dalle pareti della vagina alla cervice e alle membrane amniotiche. Di conseguenza, le membrane infiammate possono rompersi e si verificherà un parto prematuro.

È inoltre necessario ricordare che la micoplasmosi può portare a complicazioni postpartum molto gravi. Il più pericoloso di questi è l'endometrite (infiammazione dell'utero), che è accompagnata da febbre alta, dolore nell'addome inferiore. È questa malattia nei vecchi tempi che ha avuto il più alto numero di morti.

L'effetto del micoplasma sul feto

Fortunatamente, questi microrganismi non possono influenzare il feto in utero perché la placenta lo protegge in modo affidabile. Tuttavia, nella pratica medica, ci sono stati casi in cui i micoplasmi hanno infettato l'embrione - ma questa non è la regola, ma piuttosto l'eccezione.

Ma questa infezione, comunque, è pericolosa per il bambino, perché può ottenerlo durante il passaggio attraverso il canale del parto. Molto spesso durante il travaglio, le ragazze sono infettate da micoplasmosi.

Nei neonati, i micoplasmi non colpiscono i genitali, ma le vie respiratorie. Questi microrganismi penetrano nei polmoni e nei bronchi, causando infiammazione nel rinofaringe del bambino. Il grado di sviluppo della malattia in un bambino dipende direttamente dal suo sistema immunitario. Il compito principale dei medici in questa fase è l'assistenza qualificata al bambino.

Va notato che non tutti i bambini possono essere infettati da una madre infetta. Ma questa infezione può essere nel corpo umano per molti anni e assolutamente non si manifesta.

Tutto sul trattamento della micoplasmosi durante la gravidanza

La possibilità di trattare la micoplasmosi in donne incinte fino ad oggi causa controversie tra gli scienziati. Quei medici che considerano questi microrganismi assolutamente patogeni, consiglio vivamente di seguire un corso terapeutico con antibiotici e coloro che classificano i micoplasmi come commensali delle vie urinarie non lo ritengono necessario.
La domanda "per trattare o non trattare" può essere obiettivamente risolta solo dopo aver superato l'esame completo, superando i test necessari. Questa procedura per scoprire se i micoplasmi hanno un effetto patologico sul corpo della madre e del feto.
Se decidi di sottoporsi a un ciclo di trattamento, ricorda che la scelta del farmaco è piuttosto complicata dalle caratteristiche strutturali dei micoplasmi. Non hanno un muro cellulare. Questi microrganismi sono sensibili ai farmaci che inibiscono la sintesi proteica. Tuttavia, gli antibiotici tetracicline per le donne incinte sono proibiti. Pertanto, in tali situazioni, prescrivere un corso di dieci giorni di trattamento con i seguenti farmaci: eritromicina, azitromicina, clindamicina, rovamicina. Insieme a loro, è imperativo assumere pribiotiki, immunomodulatori e vitamine. Il corso della terapia inizia solo dopo 12 settimane, dal momento che gli organi si formano nel primo trimestre del feto e qualsiasi farmaco è molto pericoloso.