Il tè e il caffè disidratano il corpo?

Ogni giorno, persone in tutto il mondo bevono 1,6 miliardi di tazze di caffè e circa il doppio del tè. Godono il gusto di questi drink divini e si divertono con il pensiero che una dose rinvigorente di caffeina scaccia il sonno per molto tempo. Si ritiene che una persona debba bere 6-8 bicchieri di liquidi al giorno, ma bevande come il tè e il caffè non dovrebbero essere prese in considerazione, poiché disidratano il corpo. È davvero così? Dov'è la prova?

Anche se il tè e il caffè contengono molte sostanze diverse, gli scienziati si sono concentrati su uno di essi, la caffeina, secondo la corrispondente della BBC Claudia Hammond. La proprietà della caffeina di disidratare il corpo non è quasi studiata. Il primo studio, a cui parteciparono solo tre persone, fu condotto nel 1928.

È noto che dosi molto elevate di caffeina aiutano a migliorare il flusso sanguigno nei reni e inibiscono l'assorbimento del sodio, il che spiega il fatto che la caffeina agisca come un diuretico. Ma il meccanismo di un tale impatto deve ancora essere studiato.

Questo è interessante

Perché molti amanti del tè e del caffè credono che queste bevande li facciano usare molto più spesso dell'acqua? Lo studio ha mostrato che il livello di saturazione del corpo con l'acqua nelle persone che bevevano esclusivamente il tè non era diverso da quelli di coloro che bevevano acqua bollita nelle stesse quantità.

Quando il caffè è diventato l'oggetto di studio, è emerso che influenza realmente i partecipanti all'esperimento come un forte diuretico e contribuisce all'escrezione di potassio e sodio. Ma va notato che i soggetti si astenevano dal consumare bevande contenenti caffeina prima dell'inizio dello studio, quindi la domanda sull'effetto del caffè sulle persone che hanno familiarità con esso rimane aperta.

Come risultato di un altro studio, è emerso che i livelli di saturazione corporea con acqua per le persone che bevono caffè e acqua non sono diversi, il che porta a conclusioni contraddittorie.

All'inizio di quest'anno, Sophie Killer dell'Università di Birmingham, nel Regno Unito, ha condotto un altro studio che non solo misurava l'urina dei partecipanti, ma ha anche effettuato uno studio sulla funzione renale degli esami del sangue.

I partecipanti allo studio hanno bevuto quattro tazze di caffè al giorno, che è molto più alta della media. Di conseguenza, non sono stati trovati segni di disidratazione.

Quindi, notiamo che spesso andiamo in bagno quando beviamo caffè, ma l'errore di tali osservazioni è che il confronto si basa sul periodo in cui non bevevamo nulla. Se invece di una tazza di caffè bere un bicchiere d'acqua, il risultato sarà lo stesso.

Perché il tè si disidrata?

Ogni giorno, persone in tutto il mondo bevono 1,6 miliardi di tazze di caffè e circa il doppio del tè. Tuttavia, quando i guru dello stile di vita sano ci spingono a bere sei o otto bicchieri d'acqua al giorno (una raccomandazione piuttosto controversa), di solito sottolineano che il tè e il caffè non vengono presi in considerazione nei liquidi quotidiani, perché apparentemente disidratano il corpo. Ma fino ad oggi i dibattiti scientifici sull'effetto del tè sul corpo umano non si fermano. Ci sono due punti di vista:

  1. Il tè disidrata il corpo.
  2. Il tè è in grado di proteggere le persone dalla disidratazione a livello di acqua potabile normale.

Chi credere? Per iniziare, diamo i segni esatti della disidratazione.

Segni critici di disidratazione:

  • bruciore di stomaco
  • dispepsia (indigestione quando lo stomaco è "in piedi")
  • mal di schiena
  • dolore articolare reumatoide
  • mal di testa
  • dolore alle gambe quando si cammina
  • dolore muscolare
  • dolore nella colite e costipazione
  • dolore al cuore
  • nausea mattutina e vomito durante la gravidanza indicano sete per il feto e la madre
  • alito cattivo
  • parlare in un sogno

Il consumo frequente di tè porta a tali conseguenze?

Il primo studio su questo argomento, che ha lasciato il segno nella storia, è stato condotto nel 1928. Alcuni uomini sotto la supervisione di medici per due anni in volumi diversi e con regolarità diversa bevevano tè, caffè, acqua con l'aggiunta di caffeina pura e acqua normale. A rigor di termini, lo scopo dello studio erano le proprietà diuretiche della caffeina. Le conclusioni si escludono quasi a vicenda: in primo luogo, la caffeina agisce sul corpo come diuretico e, in secondo luogo, la caffeina del tè e del caffè, a causa di altre sostanze contenute in esse, perdono la loro aggressività.

Ulteriori studi hanno dimostrato che la caffeina non ha un effetto speciale sul sistema urinario del corpo. L'effetto osservato è dovuto all'accelerazione della circolazione sanguigna, incluso nei reni e, di conseguenza, al processo metabolico nel corpo nel suo insieme. Dopo un breve periodo, il corpo si adatta e reagisce al tè allo stesso modo dell'acqua, tutti gli indicatori sono allineati ai valori normali.

Una ricerca condotta nel 2007 dal professor Lawrence E. Armstrong dell'Università del Connecticut, specializzata nello studio del "rifornimento idrico del corpo", questo punto di vista, che ha quasi cento anni, è stato confermato con successo. E, come per il tè, nota: solo un forte tè nero o verde fermentato ha un effetto sul corpo. Una foglia di tè che è stata in acqua bollente per meno di 1 minuto influenza il bilancio idrico allo stesso modo della semplice acqua calda.

Sfortunatamente, gli studi russi in questo campo non sono ampiamente disponibili. Più spesso le fonti si riferiscono all'esperienza straniera. Fatto interessante: non ci sono ricerche autorevoli che confermino che il tè o il caffè disidratano il corpo,

Esperienza britannica

Studi britannici condotti da Raxton Kerry (uno scienziato e un nutrizionista) hanno confutato precedenti suggerimenti che l'uso attivo del tè porta alla disidratazione. È stata la caffeina a essere chiamata la colpa, ma un nuovo studio ha dimostrato che anche grandi dosi di tè non danneggiano il bilancio idrico del corpo. 21 soggetti hanno bevuto 3-4 tazze di tè ogni 12 ore, che in totale era un litro di bevanda, e nella seconda fase dello studio questa dose è stata aumentata a un litro e mezzo. Confrontando i risultati ottenuti con un esperimento simile, in cui è stata usata acqua riscaldata al posto del tè, gli scienziati non hanno trovato differenze: entrambi gli esperimenti hanno dimostrato tassi simili di rifornimento di liquidi nel corpo. Ciò, tuttavia, non fornisce motivi per sostituire il tè con l'acqua - tutto è buono con moderazione, gli inglesi sono sicuri.

Studi tedeschi

Indagando sul tema del bilancio idrico, i tedeschi hanno scoperto che gli amanti del caffè e del tè espellevano con l'urina fino all'84% del liquido consumato, e i sostenitori del consumo di acqua ordinaria - fino all'81%. La differenza è quasi impercettibile.

risultati

La bevanda del tè contiene nella sua composizione la caffeina, che ha un effetto diuretico. Bevendo diverse tazze di bevanda al giorno, rischiamo di perdere non solo l'umidità che abbiamo ricevuto durante il consumo del tè, ma anche quella che ha riempito i nostri tessuti e organi. Quindi è la disidratazione. Ma questa evidenza teorica non ha alcun rinforzo pratico. Oggi, gli scienziati basati su ricerche ed esperimenti pratici hanno dimostrato che il tè non disidrata il corpo, ma lo nutre proprio come l'acqua.

Gli scienziati hanno scoperto bevande che disidratano il corpo

Conducendo uno studio sugli effetti di alcune bevande sul corpo, gli scienziati britannici hanno scoperto che l'alcol, il succo, le bevande contenenti caffeina e la soda disidratano il corpo umano.

In effetti, le bevande non sono fatte interamente di acqua, ma ne contengono una certa percentuale. Ad esempio, caffè e tè sono per il 98% di acqua, vino e birra leggera per l'80%, mentre i liquidi gassati contengono il 90% di acqua. Le persone credono erroneamente, sulla base di questi dati, che bevendo da otto a dieci bicchieri di liquidi diversi, mantengono il bilancio idrico in condizioni normali. Durante la sua giornata di lavoro, una persona beve un numero eccessivo di tazze di caffè e tè, un sacco di bottiglie di soda, e divertirsi la sera con gli amici, consuma un'enorme quantità di bevande alcoliche. E quindi spesso sembra alle persone che bevono abbastanza e non vogliono affatto bere.

"Ma il problema principale sta nel fatto che nelle bevande che consumiamo quotidianamente, non c'è un vero H2O - e la gente pensa il contrario. Il corpo inizia a inviare segnali allarmanti di sete, è disidratato, ma una persona spesso ha sete come un segnale di fame e si riempie lo stomaco. Alla fine, non siamo in grado di uscire dal circolo vizioso della disidratazione ", commentano gli autori dello studio.

Liquidi come tè, caffè e soda di solito contengono caffeina. Questo composto è un forte diuretico. La caffeina rimuove l'acqua dalle cellule del corpo e questo disidrata il corpo umano. Come sapete, anche le bevande alcoliche hanno un effetto diuretico, quindi il consumo di vino o birra ci disidrata, così come il consumo di liquidi non alcolici.

"Ogni giorno circa 2,55 chilogrammi di acqua vengono rimossi dal corpo umano in media. E se una persona non beve tanta acqua pura e disseta la sua sete con varie bevande, il bilancio idrico è disturbato. Ciò significa che la nostra componente fisica della salute è seriamente minacciata perché:

  • L'acqua aiuta a trasportare i nutrienti all'interno del corpo.
  • L'acqua rimuove le tossine e i composti chimici nocivi da tutto il corpo, li trasferisce ai reni e al fegato per ulteriore escrezione.
  • L'acqua aumenta notevolmente la resistenza del meccanismo immunitario nel midollo spinale, dove si verifica la formazione del sistema immunitario.
  • L'acqua previene la stitichezza e stabilizza le feci.
  • L'acqua mantiene i tessuti del corpo giovani e migliora la rigenerazione della pelle.
  • L'acqua diluisce il sangue e facilita il lavoro del cuore.
  • L'acqua è un composto chimico necessario per il normale funzionamento di tutte le strutture corporee.
  • L'acqua affronta l'appetito sfrenato e aiuta a perdere peso.
  • L'uomo consiste in acqua dell'80 percento e in caso di grave disidratazione muore dopo 4-5 giorni.

Le persone che hanno consumato una quantità significativa di acqua semplice e strutturata durante lo studio hanno riportato miglioramenti nella loro salute e aspetto fisico ", sottolineano i ricercatori britannici. Ecco perché è così importante mantenere e normalizzare il bilancio idrico. Il corpo umano non può fare a meno dell'acqua, quindi cerca di utilizzare circa due o tre litri di acqua pura ogni giorno, senza contare tutti i tipi di bevande.

È vero che la caffeina porta alla disidratazione

Layfhaker chiarisce se escludere il caffè dalla dieta a coloro che si preoccupano del bilancio idrico.

Effetto diuretico

Un diuretico (diuretico) è un agente che accelera la formazione di urina. Si scopre che l'acqua o qualsiasi bevanda in grandi quantità è un diuretico. Inoltre, la formazione di una maggiore quantità di urina non porta necessariamente alla disidratazione.

La caffeina è un diuretico debole. Il nostro corpo sviluppa rapidamente resistenza a questa sostanza - per 4-5 giorni, se consumato regolarmente. È interessante notare che questo fatto è noto alle persone da quasi un secolo.

Ricerca scientifica

Nel 1928, uno studio sugli effetti della caffeina sul corpo umano fu portato al corpo umano. Erano presenti tre volontari che non avevano consumato caffeina per più di due mesi.

Durante l'esperimento, hanno ricevuto una piccola dose di questa sostanza. Il risultato ha mostrato che consumare anche 0,5 milligrammi di caffeina per chilogrammo di peso corporeo porta ad un marcato aumento della produzione di urina.

Tuttavia, quando la caffeina viene consumata per 4-5 giorni, il corpo diventa resistente ai suoi effetti diuretici. Per ottenere di nuovo lo stesso effetto, è necessario aumentare la dose di caffeina a 1 milligrammo per chilogrammo di peso corporeo al giorno.

Questo suggerisce che il consumo regolare di caffeina non porta a una disidratazione cronica: il corpo si abitua ad esso.

Il campione dell'esperimento del 1928 era piccolo, ma uno studio ripetuto del 2005 con moderni metodi di studio ha confermato solo questi risultati Indici di idratazione liquidi, elettrolitici e renali durante 11 giorni di consumo controllato di caffè.

Lo studio ha coinvolto 59 persone sane, le cui condizioni sono state monitorate per 11 giorni. Durante l'esperimento, gli scienziati hanno voluto determinare se l'assunzione di caffeina porta a perdita di liquidi o disidratazione.

Nei primi sei giorni dell'esperimento, ogni partecipante ha ricevuto la stessa dose di caffeina - 3 milligrammi per chilogrammo di peso corporeo al giorno (circa due o tre tazze di caffè). Dopodiché, in cinque giorni, la dose di caffeina è stata cambiata: era zero, o bassa (una tazza) o media (due tazze).

Gli scienziati hanno osservato tali indicatori di idratazione, come il volume e il colore delle urine. L'esperimento ha mostrato che quasi nessuno dei criteri dipende dal consumo regolare di caffeina.

Indice di idratazione

Nella scienza dell'idratazione, ogni bevanda viene giudicata in base alla quantità di liquido trattenuta nel corpo, a seconda del volume che una persona ha bevuto.

Per descrivere le proprietà di ritenzione di varie bevande, è stato creato un indice di idratazione per influenzare lo sviluppo di un indice di idratazione delle bevande. In esso, i valori per l'acqua non gassata sono stati presi come standard con cui sono state confrontate le proprietà di varie bevande.

È stato scoperto che le bevande contenenti caffeina, come caffè e tè, trattengono il liquido allo stesso modo delle bevande di acqua o sportive.

È importante ricordare che tutte le bevande apportano un certo contributo all'idratazione del corpo. Pertanto, se una persona decide di rinunciare alle sue bevande preferite a causa della caffeina che contiene, sarà difficile per lui sostituirle immediatamente con altre. Ciò può portare a una diminuzione dell'assunzione totale di liquidi.

Il legame tra i bassi livelli di idratazione e lo stato di cattiva salute L'idratazione, la morbilità e la mortalità nelle popolazioni vulnerabili, specialmente nei gruppi vulnerabili, possono essere tracciate molto chiaramente. La disidratazione può portare a sbalzi d'umore, malfunzionamenti del cervello e del cuore e può anche essere un indicatore di previsioni tristi per i pazienti anziani ricoverati in ospedale (studio prospettico di coorte HOOP).

risultati

La caffeina è un diuretico debole e non causa disidratazione. Se ti sforzi di mantenere un equilibrio idrico ottimale nel tuo corpo, non dovresti preoccuparti del consumo di bevande contenenti caffeina. Inoltre contribuiscono all'idratazione.

Il caffè non causa disidratazione

Per molto tempo si è creduto che il caffè fosse un diuretico (diuretico) e molti sono stati costretti ad abbandonare questa bevanda generalmente benefica a causa della paura della disidratazione.

Tuttavia, come scrive theconversation.com, è tutto per niente.

Per definizione, un diuretico può essere considerato qualsiasi cosa che induca il corpo a produrre più urina. Pertanto, l'acqua o qualsiasi bevanda in grandi quantità è anche un diuretico. Inoltre, una grande quantità di urina non si disidrata automaticamente: il corpo si libera semplicemente del liquido in eccesso.

Il liquido che versa costantemente nel corpo è esattamente l'opposto: ti consente di ottenere abbastanza liquido ed evitare la disidratazione, sebbene la quantità di urina aumenti. Pertanto, è necessario confrontare il volume del liquido ottenuto e l'urina rilasciata dopo questo per capire quanto la bevanda provoca la disidratazione.

Il corpo sviluppa una tolleranza contro le proprietà diuretiche del caffè in 4-5 giorni

Sì, la caffeina è un diuretico debole, ma la tolleranza a questo effetto della caffeina è prodotta dal corpo in 4-5 giorni di uso regolare del caffè. E alcune persone esperte qui possono anche esclamare - sì, questo è stato conosciuto per quasi 100 anni!

C'è uno studio "antico" del 1928: 3 persone non consumano caffeina per 2 mesi, poi hanno ricevuto una piccola quantità di caffeina (equivalente a mezza tazza di caffè), e questo è stato espresso con l'effetto diuretico "evidente" in tutti e tre.

Tuttavia, l'assunzione regolare di caffeina (da 4 a 5 giorni) ha creato tolleranza all'effetto diuretico nel corpo. E per notare l'effetto diuretico, era necessario assumere più di 1 milligrammo di caffeina per 1 kg di peso corporeo al giorno (più di 1 tazza di caffè). Questo ci permette di concludere che il consumo regolare di bevande contenenti caffeina non causa un effetto diuretico.

Conferma: la caffeina non causa disidratazione se assunta regolarmente

Sì, certo, un vecchio studio su 3 persone non può convincere una travata grattugiata, quindi eccone un'altra, più recente (condotta nel 2005).

59 persone hanno osservato per 11 giorni per scoprire come la caffeina influisce sulla perdita dei liquidi corporei.

Prima di tutto, ogni soggetto sottoposto a test ha assunto regolarmente 3 mg di caffeina per kg di peso corporeo al giorno (circa 2-3 tazze di caffè). Dopo 5 giorni, una parte del gruppo ha smesso completamente di prendere caffeina, parte - a livello di 1 tazza e parte - a livello di 2 tazze al giorno.

Durante l'esperimento sono stati eseguiti numerosi test e analisi sull'idratazione del corpo e nessuno dei metodi di analisi di idratazione ha mostrato che l'assunzione regolare di caffeina provoca una diminuzione dell'idratazione.

Per inciso, i moderni metodi per determinare l'idratazione dell'organismo hanno permesso di raccogliere il cosiddetto "indice di idratazione delle bevande" - la dipendenza dall'assunzione di liquidi e il suo ritiro dal corpo da bevande diverse rispetto all'acqua.

Come si può vedere dal tavolo, le bevande contenenti caffeina (tè, caffè e coca cola) mostrano un livello simile di idratazione, come acqua normale o anche bevande sportive.

Se costringi le persone a evitare le bevande preferite con pretesti inverosimili (contengono caffeina e disidratazione ti stanno aspettando), allora questo non significa che si berranno bevande "non amate" nello stesso volume, e questo significa che questo metodo porta molto probabilmente alla disidratazione.

Una scarsa idratazione porta a cattive condizioni di salute.

C'è uno studio che collega scarsa idratazione del corpo a problemi di salute. La disidratazione influenza l'umore, la funzione cerebrale e la funzione cardiaca ed è anche un indicatore del deterioramento della condizione dei pazienti di età.

In ogni caso, è molto meglio bere quello che ti piace, con o senza caffeina, piuttosto che evitare le tue bevande preferite. Inoltre, non puoi preoccuparti della caffeina.

A proposito, la caffeina ha molti aspetti positivi - questo è uno dei 4 integratori di cui è responsabile la scienza.

Miti medici. Tè e caffè disidratano i nostri corpi?

Condividi un messaggio in

I collegamenti esterni si apriranno in una finestra separata.

I collegamenti esterni si apriranno in una finestra separata.

Spesso sentiamo che tè e caffè causano la disidratazione del nostro corpo. Sembra un po 'minaccioso, ma c'è qualche prova reale di ciò?

Ogni giorno, persone in tutto il mondo bevono 1,6 miliardi di tazze di caffè e circa il doppio del tè. A qualcuno piace solo il gusto di queste bevande, ma per molti, la cosa principale, forse, è che la caffeina aggiunge vitalità.

Tuttavia, quando i guru dello stile di vita sano ci spingono a bere sei o otto bicchieri d'acqua al giorno (una raccomandazione piuttosto controversa), di solito sottolineano che il tè e il caffè non vengono presi in considerazione nei liquidi quotidiani, perché apparentemente disidratano il corpo. È così?

Tre uomini, due inverni e caffeina

Sebbene il tè e il caffè contengano molte sostanze diverse, tra cui le vitamine, la caffeina è oggetto di molte ricerche. Dopo aver detto "la maggioranza", dobbiamo immediatamente fare una riserva: ci sono pochissimi articoli scientifici su questo argomento che ci interessa.

Uno degli studi più citati condotto quasi 100 anni fa, nel 1928, e nel campione di solo tre persone. Tre uomini erano gli oggetti di studio per due inverni. A volte dovevano bere quattro tazze di caffè al giorno, a volte bevevano principalmente tè, e qualche volta si astenevano da entrambe le bevande o ricevevano acqua con l'aggiunta di caffeina pura. Per tutto questo tempo la quantità di urina espulsa veniva regolarmente monitorata.

Gli autori dello studio hanno concluso che se gli uomini si astenevano da tè e caffè per due mesi e poi cominciavano a bere acqua con caffeina, la quantità di urina aumentava del 50%. Ma quando tornarono al consumo regolare di caffè, l'effetto diuretico (diuretico) scomparve.

È noto che dosi molto elevate di caffeina aumentano il flusso sanguigno ai reni e inibiscono l'assorbimento del sodio. Quindi, l'effetto diuretico - l'eccesso di sodio deve essere rimosso dal corpo. Ma il meccanismo esatto di come funziona è ancora oggetto di dibattito.

Tuttavia, dove si tratta di dosi di caffeina più moderate, l'effetto diuretico non è così chiaramente espresso. Secondo una recensione di dieci studi condotti da Lawrence Armstrong dell'Università del Connecticut (USA), la caffeina è nel migliore dei casi un leggero diuretico. In 12 dei 15 casi, la quantità di urina studiata non dipendeva dall'acqua che bevevano o meno dalla caffeina.

Con lo stesso successo puoi bere acqua bollita?

Quindi perché molte persone pensano che se bevi tè o caffè, devi andare in bagno più spesso?

Come dimostrato nella recensione di Armstrong, la maggior parte dei ricercatori offre alle persone una soluzione acquosa di caffeina pura, e non tè o caffè, che di solito beviamo a casa. Forse la combinazione di sostanze che contengono queste bevande cambia in qualche modo la questione?

Nel raro studio in cui i soggetti non bevevano nulla tranne il tè per 12 ore, non c'era differenza nei livelli di saturazione dell'acqua tra loro e le persone che bevevano la stessa quantità di acqua bollita regolare.

Per quanto riguarda il caffè, uno studio ha effettivamente riscontrato un aumento della quantità di urina del 41% e un aumento dell'escrezione di sodio e potassio. Ma i suoi partecipanti si sono astenuti dalla caffeina prima dell'inizio dello studio, così che con le persone abituate al caffè, la situazione potrebbe essere diversa.

Un altro studio non ha trovato alcuna differenza nell'idratazione tra i consumatori di tè o caffè, quindi qui non possiamo fare una conclusione definitiva.

E la ricerca più recente...

Nel nuovo lavoro, Sophie Killer dell'Università di Birmingham (Regno Unito), pubblicata all'inizio di quest'anno, non solo ha misurato la quantità di urina espulsa, ma ha anche controllato il funzionamento dei loro reni e la loro acqua corporea totale è stata testata sugli esami del sangue dei soggetti.

Durante l'esperimento, gli uomini hanno bevuto quattro tazze di caffè al giorno, che è molto più del consumo medio di bevande. Nessun dato è stato ottenuto confermando che i soggetti erano disidratati rispetto a quelli che hanno bevuto solo acqua.

Sebbene questo studio sia stato finanziato dall'Istituto per le informazioni scientifiche sul caffè, i cui membri sono aziende del caffè, è stato pubblicato in una rivista scientifica peer-reviewed e gli autori confermano che l'Istituto non ha influenzato la raccolta e l'analisi dei dati o la stesura dello studio.

Quindi, se notiamo il bisogno di andare in bagno dopo una tazza di caffè, non confrontarlo con la situazione in cui non beviamo affatto. Perché se invece di una tazza di tè o caffè bere un bicchiere d'acqua, allora l'effetto è probabilmente lo stesso.

Circa l'autore: Claudia Hammond scrive articoli, ospita programmi TV e conferenze sulla psicologia.

Miti e verità sul corretto bere dell'acqua

11 settembre 2010

Quando bevi acqua? In che quantità? L'acqua potabile è una cosa seria. Recentemente, questo argomento è stato discusso in modo così attivo che le conseguenze non sono sorprendenti: le informazioni sul corretto consumo di acqua sono state coperte da miti e scoperte contraddittorie. Proviamo a capire alcuni dei miti più popolari sull'acqua.

Mito numero 1:
Ogni giorno devi bere 8 bicchieri d'acqua.

Fatto: chi e quando si avvicinò con la regola di bere otto bicchieri d'acqua al giorno non può più essere detto con precisione. L'autore non è stato trovato, ma la sua idea è viva e fiorente. Che cosa ci ha promesso il consumo giornaliero di oltre un litro e mezzo di acqua? Liberarsi del corpo dalle tossine, combattere l'obesità, migliorare la carnagione.

Gli scienziati dell'Università della Pennsylvania hanno deciso di testare la validità di tali affermazioni e condotto una serie di esperimenti. Nel corso di lavori scientifici, si è scoperto che la regola di 8 occhiali non funziona. In soggetti sperimentali, nonostante la quantità di acqua bevuta, né il peso né la carnagione sono cambiati... La conclusione raggiunta dagli scienziati è un approccio individuale alle norme quotidiane dell'acqua ubriaca. In media, il corpo umano consuma 1-1,5 litri di acqua al giorno. Quindi è necessario concentrarsi su una figura del genere. Inoltre, meno... Consideriamo allo stesso tempo che durante lo sforzo fisico intenso e ad alta temperatura, la dose di fluido consumata aumenta.

Inoltre, non dimenticare un'altra condizione: il corpo prende l'acqua dal cibo che consumiamo. Gli scienziati hanno confermato che l'acqua in eccesso non giova al corpo. Al contrario, provoca una violazione dell'equilibrio del sale e questo non porta alle conseguenze più piacevoli.

Mito numero 2:
Caffè e tè disidratano il corpo.

Fatto: secondo gli ultimi dati dal dottor Lawrence Armstrong dell'Università del Connecticut, non è del tutto corretto presumere che le bevande contenenti caffeina disidratino il corpo. Con il bilancio idrico, non accadrà nulla se consumi caffè, tè o cola con moderazione. Viene anche decifrata la nozione di "quantità moderata", in questo caso 5 tazze di bevande contenenti caffeina al giorno. I medici tedeschi sono pienamente d'accordo con l'opinione dello scienziato americano. Indagando sul tema del bilancio idrico, i tedeschi hanno scoperto che gli amanti del caffè espellono fino all'84% del liquido consumato con l'urina, e i sostenitori del consumo di acqua ordinaria - fino all'81%. La differenza è quasi impercettibile.

Ma tieni presente che l'acqua non può essere sostituita con caffè o tè. Quindi se vuoi dissetarti, meglio bere un bicchiere d'acqua.

Mito numero 3:
Non è consentito bere acqua durante l'allenamento.

Fatto: noi rappresentiamo come i manifestanti che sono co-manifestanti di addestramento "a secco" protesteranno leggendo quanto segue. Una serie di esperimenti sono stati condotti presso l'Università di Pittsburgh, durante la quale si è scoperto: gli esercizi "a secco" non hanno alcun effetto sulla perdita di peso. È necessario bere durante qualsiasi allenamento. Soprattutto le donne che già perdono più liquidi rispetto agli uomini nello sport.

Gli scienziati raccomandano di non abusare dell'acqua potabile durante lo sforzo fisico attivo, ma circa ogni 20 minuti di allenamento per fare un sorso di liquido vitale.

Forum di H2o

Forum sull'acqua e le sue proprietà.

Il tè nero causa la disidratazione?

Il tè nero causa la disidratazione?

ChuHer »Gio 16 Ott 2014 18:21

Ri: Il tè nero porta alla disidratazione?

Ivan_Dulin »ven 17 ottobre 2014 15:24

Ri: Il tè nero porta alla disidratazione?

Ukrainska »ven 31 ottobre 2014 alle 12:31

Ri: Il tè nero porta alla disidratazione?

MashaWerri »lun 03 nov 2014 11:24 am

Ri: Il tè nero porta alla disidratazione?

MaleNay »lun dom 03, 2014 13:37

Perché la birra e il caffè ci disidratano?

A proposito, cosa pensate sia collegato al fenomeno della grave disidratazione causata dalla costante voglia di urinare, ben nota a tutti gli amanti della birra e del caffè? Perché il corpo reagisce tranquillamente alla stessa quantità di succo o acqua? Il fatto è che il processo di formazione delle urine nel corpo è regolato da un ormone speciale, che è prodotto dall'appendice cerebrale - la ghiandola pituitaria. Se il contenuto di acqua nel sangue di una persona scende al di sotto di un certo valore, allora la ghiandola pituitaria inizia a rilasciare fortemente questo ormone, che, a sua volta, dà l'ordine ai reni: ridurre la produzione di urina. Con il normale contenuto di acqua nel sangue, la secrezione ormonale si riduce e i reni aumentano nuovamente la produzione di urina.

L'ingestione di alcol o caffeina interrompe questo ritmo ben definito, perché entrambe queste sostanze sopprimono la formazione di questo ormone da parte dell'ipofisi ei reni in questa situazione possono essere paragonati a un'auto senza freni - continuano a liberare l'urina anche a basse concentrazioni di acqua nel sangue. E se consideriamo che quando si beve birra e caffè, un sacco di liquido entra nel corpo insieme all'alcol e alla caffeina, diventa chiaro perché la vescica si riempie così rapidamente e così potente da richiedere lo svuotamento indipendentemente dalla situazione in cui si trova il proprietario. Di conseguenza, il corpo è disidratato e l'amante del caffè e dell'alcol sta vivendo il giorno successivo una sete forte. Questa sindrome dei "tubi bruciati" è ben nota a tutti gli amanti delle libagioni pesanti. Pensaci, se la birra e il caffè agiscono sul nostro cervello e sul nostro corpo in un modo simile, cosa succede quando beviamo bevande più forti?

A proposito di caffè. A causa del contenuto della sostanza farmaceutica, la caffeina, è uno dei veleni più potenti, che si indebolisce di generazione in generazione, la razza umana. Naturalmente, l'effetto di una tazza di caffè sullo sfondo di molti altri veleni è a noi a malapena evidente, ma nulla passa per il corpo senza lasciare traccia. A poco a poco accumulando capitale, l'interesse da cui è versato in una malattia, ci farà comunque pagare per la nostra incuria.

Per ridurre la leggerezza in questa materia, conduci un esperimento: smetti di lavare la tazza dalla quale bevi il caffè "legittimo" al mattino, e non solo. Quello che succede alla superficie interna della tazza in una settimana è facile da immaginare senza un esperimento. È difficile guardare dentro di sé, ma credere che le pareti interne dell'esofago, dello stomaco e di tutti i nostri vasi non siano solo lisce, ma anche scivolose a causa della presenza di muco in esse, specialmente al mattino. E tutte le scorie, i coloranti, la polvere presente nel caffè e persino nel tè nero si depositano anche sulla loro superficie, e molto più velocemente e più forte della tazza. Insieme ai resti di grassi non digeriti, questa placca indelebile si accumulerà gradualmente sulle pareti dei vasi sanguigni, distruggendo la permeabilità vascolare e i livelli ormonali, abbassando l'immunità e provocando molte malattie vascolari del corpo. In questa situazione, i vasi della nostra testa, del cervello, degli occhi e dell'intera periferia avranno il tempo più difficile, perché il più difficile da raggiungere è la fornitura di liquidi e sostanze nutritive al nostro sistema circolatorio.

4mama

Hai sentito l'opinione che il caffè e il tè contribuiscono alla disidratazione ed è molto più utile sostituire queste bevande con un bicchiere d'acqua? Si scopre che tutto non è così semplice!

La compiacenza delle persone che bevono quotidianamente grandi quantità di acqua può essere in qualche modo infondata - o almeno. il loro disprezzo per le persone che bevono tè e caffè,

Molti appassionati di cibo sano e atleti bevono pochi litri d'acqua ogni giorno. Alcuni affermano inoltre che le bevande contenenti caffeina, come tè e caffè, non contribuiscono a un normale equilibrio idrico e addirittura a disidratare.

Il caffè disidrata il tuo corpo?

Si scopre che questo è un mito. Business Insider si è rivolto ad Ali Webster, un medico, RD, e assistente alla regia dell'alimentazione presso la Fondazione International Food Information Council (IFIC) per scoprire cosa succede al tuo corpo se bevi solo tè e caffè tutto il giorno - niente acqua.

Quindi, gli aspetti idratanti superano il piccolo effetto diuretico.

Ma se bevi solo tè e caffè tutto il giorno: "probabilmente avrai molta caffeina nel tuo corpo!" Disse Webster.

Ha continuato: "Se assunto in grandi dosi, circa cinque tazze di caffè, la caffeina può causare un leggero effetto diuretico, il che significa che il nostro corpo aumenta la produzione di urina per rimuovere più liquido."

Tuttavia, ha detto che questo non significa necessariamente che queste bevande sono meno idratanti del nostro corpo dall'interno.

"Gli aspetti idratanti del tè e del caffè superano il leggero aumento della manutenzione dei fluidi, quindi queste bevande hanno un effetto positivo sull'idratazione", ha affermato.

"Inoltre, aumentando la tolleranza alla caffeina - per esempio, cosa succede quando la tua tazza di caffè mattutina diventa la tua mattina, tre tazze di caffè ridurranno l'effetto diuretico".

La bocca asciutta non è un segno di disidratazione?

Un altro motivo per cui le bevande contenenti caffeina sono normalmente associate alla disidratazione, secondo Webster, è che alcune persone provano una sensazione di bocca secca dopo una tazza di tè o caffè.

"Ciò è dovuto ai tannini, che sono composti presenti nel tè, nel caffè, in alcuni frutti e persino nel cioccolato fondente", ha affermato. "Quando mangiamo o beviamo questi cibi, i tannini sono associati alla nostra saliva, causando questa sensazione di secchezza e astringenza."

Tuttavia, ha detto che questo non si traduce in disidratazione, dal momento che queste bevande sono per lo più acqua.

Il caffè può avere proprietà idratanti simili.

I ricercatori della Scuola di sport e scienze fisiche dell'Università di Birmingham hanno confrontato direttamente gli effetti del consumo di caffè con il consumo di acqua in vari metodi per valutare l'idratazione.

In uno studio, 50 uomini che bevevano caffè, che di solito bevevano da tre a sei tazze al giorno, hanno partecipato a due prove di tre giorni.

In alcuni casi, ogni partecipante ha consumato quattro tazze di caffè (200 ml) al giorno o la stessa quantità di acqua.

"I nostri dati mostrano che non c'erano differenze significative in una vasta gamma di marcatori ematologici e urinari dello stato di idratazione tra gli studi", hanno detto.

Hanno concluso che ciò suggerisce che il caffè consumato moderatamente ha le stesse proprietà idratanti dell'acqua.

Dovrebbe, tuttavia, essere notato che questo era un piccolo studio. Il Servizio Sanitario Nazionale del Regno Unito (NHS) ha precedentemente pubblicato un commento sui limiti dello studio, sottolineando che il suo breve periodo significa che gli effetti a lungo termine non possono essere analizzati.

È stato inoltre osservato che poiché i partecipanti erano uomini sani, questo potrebbe non essere applicabile alle persone che soffrono di problemi di stomaco o di malattie renali che sono a rischio di disidratazione.

Quanto caffè puoi bere al giorno?

"Bere caffè o tè come bevanda da gustare è possibile, ma con moderazione", continua Webster.

"Per la maggior parte degli adulti sani, è sicuro consumare fino a 400 mg di caffeina al giorno - circa quattro tazze di caffè normale o otto tazze di tè nero. Il tè verde ha una quantità leggermente inferiore di caffeina rispetto al tè nero (circa 25 mg per tazza) e le tisane non sono normalmente esposte alla caffeina. "

Tuttavia, Webster ha avvertito che l'abuso di caffeina può causare altri effetti collaterali indesiderati, come mal di stomaco, bruciore di stomaco, ansia, aumento di ansia o nervosismo, insonnia, tremori muscolari - tremori nella pelle - e un aumento della frequenza cardiaca.

A questo proposito, Webster ha detto: "È anche meglio includere altri liquidi che non contengano caffeina, specialmente acqua".

"In media, circa l'80% della nostra assunzione di acqua viene da bere liquidi, e il restante 20% proviene dal cibo, specialmente con un elevato contenuto di acqua, come molti frutti e verdure."

Ha aggiunto che l'assunzione giornaliera raccomandata di liquidi per le donne è di circa 11 bicchieri d'acqua o 2,2 litri, e per gli uomini è di circa 13 punti o tre litri. Tuttavia, ha affermato che alcune persone potrebbero aver bisogno di più di queste raccomandazioni se affermano di essere molto attive o di vivere in un clima.

"Bere acqua a sufficienza è importante per rimuovere i prodotti di scarto che sono il risultato del normale metabolismo nel corpo", ha continuato. "In una persona con reni correttamente funzionanti, l'eccesso di acqua viene assorbito nel tratto gastrointestinale, filtrato attraverso i reni e rimosso dal corpo attraverso la minzione".

"Le persone con determinate malattie renali o che bevono grandi quantità di acqua in breve tempo potrebbero non essere in grado di filtrare efficacemente l'acqua addizionale, che può portare alla ritenzione idrica".

La ritenzione idrica si riferisce all'eccessivo accumulo di liquidi nel sistema circolatorio, nei tessuti corporei o nelle cavità. Ciò può causare gonfiore e gonfiore nelle mani, nei piedi e in altre parti del corpo.

Come capire se abbastanza liquidi entrano nel tuo corpo?

"Il modo migliore per mantenere l'equilibrio idrico nel corpo è controllare il colore della tua urina - dovrebbe essere giallo pallido come la limonata - e prestare attenzione alla sensazione di sete", ha detto Webster.

"Se hai sete, è probabile che tu sia già un po 'disidratato." Se non vuoi bere, e la tua urina è di un giallo pallido, probabilmente avrai abbastanza acqua. "