Prolasso uterino: sintomi, fasi, trattamento, prevenzione

A volte una donna sente una pesantezza incomprensibile nella regione pubica, dolore nella vagina. Il ginecologo, dopo l'esame, stabilisce che la causa dell'indisponibilità è l'indebolimento del tono muscolare, a seguito del quale l'utero è disceso. La patologia può essere insignificante, ma può anche avere conseguenze spiacevoli. L'omissione si verifica più spesso nelle donne anziane, nei giovani tale condizione è anche possibile. A causa di ciò, ci sono serie complicazioni e conseguenze, quindi è necessario un trattamento.

Prolasso uterino, i suoi stadi

L'utero è trattenuto nella cavità pelvica dai muscoli del pavimento pelvico (un gruppo di muscoli nella regione perineale) e dai suoi stessi legamenti. Normalmente, si trova al centro della cavità pelvica tra il retto e la vescica. La cervice viene deviata leggermente all'indietro, in modo da formare un angolo di circa 100 ° tra il corpo dell'utero e la cervice.

Se il tono muscolare si indebolisce e si estendono i legamenti (si verifica il cosiddetto prolasso genitale), la normale posizione dell'utero viene disturbata, la sua omissione si verifica: la parte superiore, da cui si estendono i tubi (il fondo dell'utero), scende e il collo si avvicina all'apertura vaginale. Un prolasso dell'utero può verificarsi quando esce la cervice. Le violazioni nell'apparato legamentoso provocano la discesa della vagina, così come il retto, la vescica e i reni.

L'omissione si verifica più spesso nelle donne di età superiore ai 55 anni, ma questa condizione si riscontra spesso nei giovani. Ci sono diversi gradi della malattia.

1 grado. C'è un prolasso del corpo dell'utero, mentre il suo collo si sta avvicinando alla bocca della vagina, ma non va oltre, anche se la donna è tesa.

2 gradi. L'utero discende così tanto che il collo si manifesta, se una donna si sforza, tossisce e solleva un oggetto pesante. Questa condizione è chiamata omissione e prolasso incompleto dell'utero.

3 gradi. Perdita incompleta: il collo e parte dell'utero sporgono oltre la vagina.

4 gradi. Il corpo e il fondo dell'utero si estendono oltre la fessura genitale, la cosiddetta perdita completa si verifica.

Questa patologia non rappresenta una minaccia mortale, ma man mano che progredisce, compaiono sempre più spiacevoli sintomi di prolasso uterino e disturbi del suo funzionamento, il che rende una donna disabile.

Cause del prolasso d'organo

La ragione per l'indebolimento dei muscoli e dei legamenti che tengono l'utero e altri organi del bacino sono:

  • rottura dei muscoli del perineo che si verificano durante il parto: durante l'estrazione del bambino con l'aiuto di una pinza ostetrica, l'uso dell'estrazione del vuoto, così come la presentazione pelvica del feto;
  • danno ai legamenti e ai muscoli durante l'intervento sui genitali;
  • lesioni che causano la rottura del perineo;
  • violazione della sensibilità delle terminazioni nervose localizzate negli organi del sistema urogenitale, impossibilità di una normale regolazione della contrattilità muscolare da parte del sistema nervoso centrale;
  • disturbi congeniti della struttura di organi, muscoli e legamenti situati nella pelvi;
  • patologia ereditaria dello sviluppo del tessuto connettivo (disordine genetico della produzione di collagene) - displasia del tessuto connettivo.
  • una diminuzione dell'elasticità dei muscoli e dei legamenti a seguito di cambiamenti legati all'età nel contesto ormonale, una diminuzione del contenuto di estrogeni (nel periodo della menopausa).

Il rischio di sviluppare patologie è aumentato nelle donne coinvolte nel sollevamento pesi, costrette a svolgere lavori fisici pesanti. Spesso il prolasso e il prolasso dell'utero si verificano nelle donne che hanno partorito molte volte, oltre a soffrire di stitichezza.

Lo sviluppo è promosso dalla formazione di tumori nella cavità addominale. L'aumento della pressione intra-addominale, che porta al prolasso di organi, si verifica in donne con malattie croniche che causano tosse grave. Può anche verificarsi con l'obesità.

Video: cause e conseguenze del prolasso uterino

Sintomi e possibili complicanze

La patologia potrebbe non infastidire una donna per anni. I sintomi del prolasso uterino cominciano ad apparire sempre di più quando progredisce. Una donna ha una sensazione di presenza nella vagina o nel perineo di un corpo estraneo, attirando dolore in quest'area, così come nell'addome inferiore, aggravato quando si cammina o si sta seduti. Preoccupato per il dolore al sacro e alla parte bassa della schiena.

Il dolore, il disagio si manifestano durante i rapporti sessuali. Nelle fasi finali di omissione, il rapporto sessuale diventa impossibile.

Quando l'utero discende, esercita una pressione sulla vescica, quindi la minzione diventa frequente, difficile e dolorosa e può verificarsi l'incontinenza urinaria. La stasi delle urine provoca cistite, infiammazione dei reni, urolitiasi.

Il prolasso dell'utero comporta un prolasso intestinale, risultante in una donna con stitichezza e flatulenza. A volte si verifica incontinenza fecale.

Forse l'aumento più bianco, l'aspetto delle perdite sanguinarie vaginali. I mesi diventano profusi e protratti. Con una forte omissione o prolasso dell'utero, una donna non può rimanere incinta.

La parte in caduta dell'utero è costantemente ferita quando si cammina, quindi si formano ulcere sanguinanti e si verifica un'infiammazione. La circolazione sanguigna nella piccola pelvi è disturbata, si manifestano vene varicose degli arti inferiori, si manifesta gonfiore dei tessuti e della mucosa uterina.

Con l'omissione e il prolasso dell'utero, possono comparire complicazioni come piaghe da decubito nella vagina, strangolamento dell'utero in caduta e anse intestinali.

Diagnosi del prolasso uterino

Per rilevare il prolasso e il prolasso più dell'utero, il medico può già durante un esame esterno dei genitali. Il grado di manifestazione a riposo della donna e quando si tenta di allungare è controllato. Al fine di determinare lo stadio di sviluppo della patologia e la diagnosi delle malattie associate, viene effettuato un esame, sulla base del quale il medico determina quale trattamento è richiesto e se deve essere eseguita un'operazione chirurgica.

Sono utilizzati i seguenti metodi diagnostici:

  1. Colposcopia dell'utero. Consente di studiare le condizioni della cervice e dell'utero, rilevare le pieghe, le aree di infiammazione, esplorare le condizioni dell'endometrio e delle mucose della cervice.
  2. Isterosalpingoscopia - esame ecografico delle tube di Falloppio.
  3. Ultrasuono dell'utero e altri organi pelvici.
  4. Pap test. Esame citologico di uno striscio vaginale e cervicale per rilevare cellule anormali.
  5. Esame microscopico dello striscio per determinare la composizione della microflora, nonché seminare il contenuto dello striscio per determinare il tipo di batteri presenti in esso.
  6. Semina l'urina. Condotto per stabilire la presenza di infezione negli organi urinari.
  7. RM o TC degli organi pelvici. Questi metodi consentono di diagnosticare il prolasso o il prolasso dell'utero, che per i segni esterni può essere simile a tali patologie come la "nascita" del nodo miomato, l'inversione uterina, la cisti vaginale.

Si tengono consultazioni del proctologo e dell'urologo per identificare le patologie dell'intestino e degli organi urinari.

trattamento

Ci sono 2 modi per trattare l'omissione e il prolasso dell'utero: conservatore e chirurgico. Quando sceglie la direzione della terapia, il medico prende in considerazione lo stadio di sviluppo della patologia e i sintomi della sua manifestazione.

Trattamento conservativo

È usato nel caso in cui si osservi il primo stadio di omissione, il funzionamento degli organi vicini non sia compromesso. Farmaci usati per la terapia farmacologica che aumentano il contenuto di estrogeni nel sangue. Aiuta a rafforzare i legamenti e migliorare il tono muscolare. Tali farmaci sono anche sotto forma di unguenti vengono introdotti nella vagina.

Il massaggio ginecologico dell'utero viene prescritto per migliorare la circolazione del sangue ed eliminare il ristagno di sangue ed edema. Ai pazienti anziani è richiesto di usare i pessari - speciali anelli elastici di gomma riempiti d'aria. L'anello elastico supporta l'utero, non gli consente di cadere nella vagina. Lo svantaggio è che l'uso a lungo termine del pessario porta alla comparsa di piaghe da decubito nella vagina. Pertanto, vengono utilizzati per 3-4 settimane, poi prendendo una pausa per due settimane. La procedura obbligatoria è giornaliera con soluzioni antisettiche furatsilin, permanganato di potassio o estratto di camomilla.

Avvertenza: all'inizio del trattamento, una donna deve abbandonare uno sforzo fisico intenso, passare a lavori più leggeri, seguire una dieta che consente di eliminare la stitichezza.

Tipi di chirurgia

Se la terapia conservativa era inefficace e il grado di spostamento degli organi è grande, viene applicato un trattamento chirurgico. L'eliminazione della patologia è possibile usando i seguenti metodi:

  1. Vaginoplastica. Sta suturando la parete posteriore della vagina, così come il retto, l'ano muscoli e il perineo. In presenza di incontinenza urinaria, viene eseguita "colporrhaphy anteriore" (eliminazione di un'ernia della vescica derivante dalla sua omissione).
  2. L'accorciamento dei legamenti uterini e il loro fissaggio nella parete anteriore e posteriore dell'utero. Il metodo non è sufficientemente efficace, poiché i legamenti si allungano nel tempo.
  3. Legatura dei legamenti insieme. Dopo una tale operazione, una donna non sarà in grado di dare alla luce un bambino, dal momento che l'utero non è in grado di allungare e contrarsi normalmente.
  4. Fissazione dell'utero alle ossa e ai legamenti del pavimento pelvico. Questa operazione consente alla donna di preservare la capacità di generare figli.
  5. Rafforzamento dei legamenti con materiali plastici. Possibile rifiuto della plastica, recidiva della malattia, comparsa di fistole negli organi pelvici.
  6. Il restringimento del lume della vagina.
  7. Isterectomia: completa rimozione dell'utero. Viene effettuato in caso di prolasso dell'utero in donne che sono uscite dall'età fertile.
  8. Metodo combinato: tenendo contemporaneamente l'utero, rafforzando i legamenti e suturando la vagina.

Le operazioni vengono eseguite attraverso la vagina o usando laparoscopia (attraverso punture nella parete addominale). A volte devi ricorrere alla chirurgia a cavità aperta.

Dopo il trattamento chirurgico del prolasso uterino, vengono prescritti terapia antinfiammatoria e antidolorifici. Se l'utero viene conservato, se necessario, viene eseguita una terapia ormonale sostitutiva con preparati contenenti estrogeni.

Raccomandazione: nel periodo postoperatorio, si raccomanda di seguire una dieta, esercizi di terapia fisica per rafforzare i legamenti e i muscoli del pavimento pelvico.

Video: trattamento chirurgico del prolasso di organi interni

Prevenzione del prolasso uterino

La legislazione prevede la limitazione del peso degli articoli che sono autorizzati a sollevare e trasportare una donna sul posto di lavoro (non più di 20 kg). Deve rispettare rigorosamente il tasso stabilito. Una ragazza fin da giovane dovrebbe essere introdotta per gli effetti del pesante sforzo fisico.

Un'importante misura preventiva è la cura adeguata dei genitali, specialmente dopo il parto. Tale misura è necessaria per prevenire l'infiammazione nella vagina. È anche importante trattare tempestivamente le malattie degli organi genitali e di altri organi della piccola pelvi.

Di grande importanza è la corretta gestione del travaglio, un'attenta lacuna di cucitura. Dopo il parto, i medici raccomandano di fare esercizi per ripristinare l'elasticità dei muscoli e dell'apparato legamentoso dell'utero. In presenza di lesioni alla nascita, viene prescritta la laserterapia o l'elettrostimolazione dei muscoli pelvici.

È necessario mangiare correttamente in modo che la stitichezza non si verifichi.

Esercizi per rafforzare i muscoli pelvici e vaginali

Un buon modo per prevenire il prolasso dell'utero e della vagina è lo yoga usando pose speciali. C'è anche una serie di esercizi speciali per aiutare a rafforzare i muscoli del pavimento pelvico e della vagina.

Alcuni di essi vengono eseguiti in posizione seduta: i muscoli della vagina e il basso ventre vengono tirati dentro, seguiti da "spingere fuori", spremere e rilassare lo sfintere. Altri esercizi sono eseguiti in posizione eretta o sdraiata, ad esempio, come camminare in circolo con una palla schiacciata tra le gambe, strisciare avanti avanti e indietro.

Un esercizio che una donna dovrebbe fare è sdraiarsi sulla schiena con le gambe piegate sulle ginocchia, con i piedi premuti a terra è anche utile: è necessario separare le gambe il più possibile, e poi riunirle, stringendo i muscoli della vagina. Con la stessa posizione iniziale, puoi sollevare il bacino, bloccando i muscoli. Gli esercizi vengono eseguiti 10 volte. L'efficacia di una palestra del genere è garantita.

Prolasso uterino: sintomi e trattamento

Prolasso uterino - sintomi principali:

  • Lombalgia
  • Minzione frequente
  • Dolore addominale inferiore
  • Violazione del ciclo mestruale
  • costipazione
  • Spotting dalla vagina
  • Mestruazioni dolorose
  • Prolasso dell'utero dalla vagina
  • Sensazione di corpo estraneo nella vagina
  • Scarico mucoso dalla vagina
  • Spremitura nella regione pelvica
  • Impossibilità di vivere la vita sessuale

Il prolasso dell'utero è la sua posizione innaturale quando l'organo è al di sotto del suo limite anatomico e fisiologico. Ciò è dovuto alla debolezza dei muscoli pelvici dopo la gravidanza, così come ai legamenti uterini. La maggior parte dei casi clinici è accompagnata da una dislocazione o da una posizione dell'organo molto bassa, quando è il più vicino possibile al fondo della vagina. Tra le complicazioni c'è il principale rischio di prolasso dell'utero dall'apertura vaginale.

La patologia è caratterizzata dalla conservazione della cervice al suo posto. È noto un altro nome per la patologia: prolasso degli organi pelvici. Di norma, le donne in età di prepensionamento sono a rischio di accadimento, così come le ragazze che hanno subito una gravidanza.

Di solito l'organo riproduttivo è fissato nella piccola pelvi con l'aiuto dell'apparato legamentoso, così come i muscoli e le fasce situate nel pavimento pelvico. La ragione per abbassarla è la situazione in cui i muscoli che tengono l'organo perdono il loro tono.

motivi

Il prolasso uterino può essere causato da uno dei seguenti motivi:

  • lesioni dell'utero, che sono causate dalla gravidanza e dal parto. Possono essere causati dall'uso impreciso del forcipe da parte di un ostetrico, di un aspiratore a vuoto o da un parto improprio del feto;
  • precedenti interventi chirurgici nell'area genitale;
  • grandi lacrime della vagina;
  • malattie del sistema nervoso. Questi includono, in particolare, una violazione dell'innervazione del diaframma urogenitale;
  • difetti genitali ereditari.

Tra i motivi che aumentano il rischio di patologia, emetti:

  • età avanzata;
  • la presenza di pesanti sforzi fisici;
  • un gran numero di gravidanze;
  • obesità, accompagnata da un'alta pressione nella regione pelvica;
  • costipazione ricorrente;
  • problemi di tosse;
  • tumori nell'addome.

sintomatologia

Nelle donne di età diverse, il prolasso uterino ha sintomi evidenti:

  • dolori fastidiosi che spesso irradiano alla parte bassa della schiena;
  • spremitura nella regione pelvica;
  • costipazione;
  • minzione frequente;
  • sensazione di avere un oggetto estraneo nella vagina;
  • grandi quantità di muco o sangue. Con una grande perdita di sangue, l'anemia può svilupparsi;
  • patologia del ciclo mestruale (dolore, disturbo della periodicità);
  • l'incapacità di vivere la vita sessuale a causa della sofferenza durante i rapporti sessuali o l'incapacità di impegnarli (nelle fasi successive).

Se il prolasso uterino non viene diagnosticato in tempo e non inizia a guarire, la donna sperimenterà un aumento delle patologie disuriche che si manifesteranno come incontinenza urinaria o, al contrario, difficoltà a urinare. A sua volta, ciò contribuirà al rischio di comparsa di malattie infettive del sistema urinario, che comprendono pielonefrite, uretrite.

Ci sono diverse fasi del prolasso degli organi sessuali:

  • Fase 1 - l'utero discende quasi fino alla fenditura genitale, ma anche con tentativi non ne uscirà. La cervice può scendere fortemente;
  • Fase 2: l'utero o la sua cervice possono parzialmente fuoriuscire dalla fessura genitale durante i tentativi;
  • Fase 3 - una parte dell'organo può essere vista dalla vagina;
  • Fase 4: l'utero è completamente fuori dal buco.

I sintomi del prolasso uterino negli stadi 2, 3 e 4 possono essere determinati dal paziente stesso - è sufficiente sentire i tessuti dell'organo che si proiettano dalla vagina. I segni del prolasso uterino sono spesso caratterizzati da un cambiamento nella posizione della vescica o addirittura nel retto. Un prolasso uterino viene diagnosticato da un ginecologo dopo il parto, che, secondo lo stadio della patologia, può prescrivere sia una terapia conservativa (bendaggio per il prolasso uterino) che un intervento chirurgico.

trattamento

Molte donne sono preoccupate di come trattare il prolasso uterino e se la patologia possa essere curata a casa e senza intervento chirurgico. Se la patologia è nelle fasi finali, il trattamento con una palestra a casa non può essere evitato - dovrai fare un'operazione. Ad oggi, ci sono diverse opzioni di trattamento che utilizzano le operazioni, e il medico le consiglierà a seconda delle condizioni del paziente. Vale la pena notare che qualsiasi trattamento attraverso l'intervento chirurgico porta con sé il rischio di complicanze o ricadute. Il più spesso usato tali tecniche:

  • accorciamento e rafforzamento dei legamenti responsabili del sostegno dell'organo. Successivamente, i muscoli sono fissati alla parete dell'organo riproduttivo o fissati con materiali speciali;
  • fissando l'organo riproduttivo spostato sulla superficie delle pareti del bacino. Ad esempio, la discesa dell'utero dopo il parto può essere corretta attaccandola all'osso sacro o pubico, nonché ai legamenti del bacino. In questo caso, vi è il rischio di esacerbazione della patologia, dal momento che i legamenti che fissano l'organo genitale si estendono nel tempo;
  • utilizzo di reti sintetiche di materiale alloplastico. Questa nuova tecnica, che elimina il prolasso uterino dopo la nascita, ha un rischio minimo di recidiva.

È necessario fare la chirurgia, di regola, insieme con chirurgia plastica vaginale. È possibile effettuare il trattamento (operazioni) per mezzo dell'accesso attraverso la vagina o la parete addominale di fronte.

Il trattamento viene effettuato sulla base di fattori come l'età della donna, la necessità di preservare la funzione di gravidanza (o l'assenza di tale necessità), la gravità dei disturbi nel sistema urogenitale e il grado di rischio medico. In alcuni casi, il trattamento è possibile attraverso la rimozione dell'organo (isterectomia), ma le indicazioni per questo dovrebbero essere comorbidità con l'indicazione della rimozione dell'utero. Va tenuto presente che l'isterectomia può causare l'omissione di altri organi nella regione pelvica, quindi se possibile, l'organo non deve essere rimosso.

prevenzione

Il periodo dopo l'intervento chirurgico per le donne non dovrebbe includere il sollevamento pesi e una varietà di attività fisiche. È anche necessario fare la prevenzione della stitichezza.

La ginnastica con prolasso uterino non è altro che un metodo profilattico. Anche questi metodi includono il massaggio, che aiuta a rafforzare i muscoli del bacino e della zona addominale. Questi due metodi sono usati quando l'organo è già spostato rispetto ai suoi confini anatomici. A casa, è permesso fare i seguenti esercizi quando l'utero è caduto:

  • "Lift". Una donna sottoposta a trattamento dopo la gravidanza e il parto dovrebbe tendere i muscoli un po 'e lasciarli per qualche secondo. Quindi, dopo alcuni secondi, i muscoli devono comprimersi ancora di più. Dopo ciò, dovrebbero essere gradualmente rilassati;
  • compressione. Devono essere eseguiti gradualmente, per 3-5 secondi, il perineo viene bloccato e rilasciato.

L'omissione dell'utero dopo il parto nella prima fase viene trattata con una benda speciale. È una struttura elastica, progettata per sostituire la funzione dei legamenti precedentemente stirati. La benda quando l'utero è abbassato viene indossata fino alle 12 e i medici raccomandano di andare a letto immediatamente dopo la sua rimozione per non causare la progressione della subsidenza dell'organo. La benda uterina è un trattamento più versatile rispetto agli anelli ostetrici o ai pessari portati dopo la gravidanza.

La prevenzione della patologia sgradevole per le ragazze inizia con l'adolescenza rafforzando i muscoli addominali. Inoltre, il lavoro non dovrebbe comportare il sollevamento di pesi superiori a 10 kg.

Se pensi di avere un prolasso dell'utero e i sintomi caratteristici di questa malattia, allora il tuo ginecologo può aiutarti.

Suggeriamo inoltre di utilizzare il nostro servizio di diagnostica online delle malattie, che seleziona le possibili malattie in base ai sintomi inseriti.

Il prolasso dell'utero è un cambiamento nella posizione degli organi interni del sistema riproduttivo femminile con un'uscita parziale o completa dell'utero verso l'esterno attraverso la fenditura genitale. Durante lo sviluppo della patologia, il paziente avverte forti dolori e tensioni nella zona del sacro, sensazione di corpo estraneo nello spazio genitale, alterazione della minzione e movimento intestinale, aumento del dolore durante il sesso e disagio durante il movimento.

I fibromi uterini sono una neoplasia benigna che si verifica nelle donne in età fertile (più spesso da 30 a 45 anni). Allo stesso tempo, le fibre muscolari dell'utero aumentano a caso e si forma un nodo intrecciato da vasi densamente modificati. La particolarità del tumore è che è dipendente dall'ormone: il suo sviluppo e la sua crescita dipendono dal livello degli ormoni sessuali nel corpo femminile.

Il carcinoma cervicale è una malattia grave caratterizzata da una rapida proliferazione delle cellule uterine che non è controllata dal corpo umano. Attualmente, i clinici hanno difficoltà a stabilire le cause di un tumore, ma gli oncologi identificano una serie di fattori predisponenti più probabili: ereditarietà gravata, vita sessuale promiscua e dipendenza da cattive abitudini.

L'endometriosi è una malattia ginecologica non neoplastica, accompagnata dalla proliferazione del rivestimento interno dell'utero (endometrio) al di fuori dei limiti della sua cavità. In parole povere, i tessuti che si trovano nell'utero in donne sane con endometriosi crescono in altri organi. L'endometriosi, i cui sintomi sono vissuti dalle donne, si sviluppa per motivi indeterminati, sebbene vi siano alcuni motivi per isolare il sistema immunitario, ormonale, ereditario e alcuni altri fattori.

La colica renale è un processo patologico nel tratto urinario, che si manifesta sotto forma di dolore acuto e angosciante nella regione lombare. In questo caso, è necessario un intervento medico urgente, poiché vi è un alto rischio di gravi complicazioni. Non ci sono restrizioni per quanto riguarda età e sesso, tuttavia, la patologia colpisce principalmente gli uomini. Nel 95% dei casi, la colica renale è causata dal blocco del tratto urinario superiore o inferiore, tuttavia, non dovrebbero essere esclusi altri processi patologici in quest'area.

Con l'esercizio e la temperanza, la maggior parte delle persone può fare a meno della medicina.

Prolasso uterino

Il prolasso dell'utero - la posizione errata dell'utero, lo spostamento del fondo e del collo dell'utero al di sotto del limite anatomico e fisiologico a causa dell'indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico e dei legamenti dell'utero. Nella maggior parte dei pazienti, il prolasso e il prolasso dell'utero sono generalmente accompagnati da uno spostamento verso il basso della vagina. Il prolasso dell'utero si manifesta con una sensazione di pressione, disagio, dolore nella parte inferiore dell'addome e nella vagina, disturbi urinari (difficoltà, aumento della minzione, incontinenza urinaria) e perdite vaginali anormali. Può essere complicato dalla perdita parziale o completa dell'utero. L'omissione dell'utero viene diagnosticata durante un esame pelvico. A seconda del grado di prolasso dell'utero, le tattiche di trattamento possono essere conservative o chirurgiche.

Prolasso uterino

Il prolasso dell'utero - la posizione errata dell'utero, lo spostamento del fondo e del collo dell'utero al di sotto del limite anatomico e fisiologico a causa dell'indebolimento dei muscoli del pavimento pelvico e dei legamenti dell'utero. Manifestata da una sensazione di pressione, disagio, dolore al basso ventre e nella vagina, disturbi della minzione (difficoltà, aumento della minzione, incontinenza urinaria), scarico anomalo dalla vagina. Può essere complicato dalla perdita parziale o completa dell'utero.

Le opzioni più comuni per la posizione impropria degli organi genitali interni di una donna sono il prolasso dell'utero e il suo prolasso (Uterocele). Quando l'utero si abbassa, la sua cervice e il suo fondo sono spostati sotto il bordo anatomico, ma la cervice non appare dalla fessura genitale anche quando si sforzano. L'uscita dell'utero oltre la fessura genitale è considerata come prolasso. Lo spostamento dell'utero verso il basso precede la sua perdita parziale o totale. Nella maggior parte dei pazienti, il prolasso e il prolasso dell'utero sono generalmente accompagnati da uno spostamento verso il basso della vagina.

Il prolasso dell'utero è una patologia abbastanza comune che si verifica nelle donne di tutte le età: viene diagnosticata nel 10% delle donne sotto i 30 anni, all'età di 30-40 anni rilevate nel 40% delle donne e all'età dopo 50 anni si verifica a metà. Il 15% di tutte le operazioni sui genitali sono effettuate sull'omissione o sul prolasso dell'utero.

Il prolasso dell'utero è più spesso associato a un indebolimento dell'apparato legamentoso dell'utero, così come i muscoli e le fasce del pavimento pelvico, e spesso porta alla dislocazione del retto (rettocele) e della vescica (cistocele), accompagnata da un disturbo delle funzioni di questi organi. Spesso il prolasso dell'utero inizia a svilupparsi già in età fertile e comporta sempre un decorso progressivo. Quando l'utero cade, i disordini funzionali associati diventano più pronunciati, il che porta sofferenza fisica e morale alla donna e spesso porta a una disabilità parziale o completa.

La posizione normale dell'utero è la sua posizione nella pelvi, ad uguale distanza dalle sue pareti, tra il retto e la vescica. L'utero ha un'inclinazione del corpo anteriormente, formando un angolo ottuso tra il collo e il corpo. La cervice è deviata posteriormente, forma un angolo di 70-100 ° rispetto alla vagina, la sua faringe esterna è adiacente alla parete posteriore della vagina. L'utero ha sufficiente mobilità fisiologica e può cambiare la sua posizione a seconda del riempimento del retto e della vescica.

Una tipica posizione normale dell'utero nella cavità pelvica è facilitata dal suo tono, dall'interposizione con gli organi adiacenti, dal sistema legamentoso e muscolare dell'utero e dal pavimento pelvico. Qualsiasi violazione dell'architettura dell'apparato dell'utero contribuisce al prolasso dell'utero o al suo prolasso.

Classificazione di prolasso e prolasso dell'utero

Ci sono le seguenti fasi di prolasso e prolasso dell'utero:

  • prolasso del corpo e della cervice - la cervice è determinata al di sopra del livello dell'ingresso della vagina, ma non protrude oltre i limiti della fenditura genitale;
  • prolasso parziale dell'utero - la cervice viene mostrata dalla fessura genitale durante sforzo, sforzo fisico, starnuti, tosse, sollevamento pesi;
  • prolasso incompleto del corpo e del fondo dell'utero - la cervice e in parte il corpo dell'utero sporgono dalla fessura genitale;
  • completa perdita del corpo e del fondo dell'utero - l'uscita dell'utero oltre la fessura genitale.

Cause di prolasso e prolasso dell'utero

Difetti anatomici del pavimento pelvico, con conseguente risultato di:

  • danno ai muscoli del pavimento pelvico;
  • lesioni alla nascita - quando si applica un forcipe ostetrico, passando l'aspirapolvere sul feto o rimuovendo il feto dai glutei;
  • precedenti interventi genitali (vulvectomia radicale);
  • profonde lacrime perineali;
  • violazioni dell'innervazione del diaframma urogenitale;
  • malformazioni pelviche congenite;
  • carenza di estrogeni, in via di sviluppo in menopausa;
  • displasia del tessuto connettivo, ecc.

I fattori di rischio nello sviluppo del prolasso dell'utero e la sua successiva perdita sono numerosi nascite nella storia, lavoro fisico pesante e sollevamento pesi, anziani e anziani, ereditarietà, aumento della pressione intra-addominale causata dall'obesità, tumori della cavità addominale, costipazione cronica, tosse.

Spesso nello sviluppo del prolasso dell'utero svolge il ruolo dell'interazione di un certo numero di fattori, sotto l'influenza di cui c'è un indebolimento dell'apparato connettivo-muscolare degli organi interni e del pavimento pelvico. Con un aumento della pressione intra-addominale, l'utero viene espulso oltre il pavimento pelvico. La discesa dell'utero comporta lo spostamento di organi anatomicamente strettamente correlati - la vagina, il retto (rettocele) e la vescica (cistocele). Il rettocele e il cistocele aumentano sotto l'azione della pressione interna nel retto e nella vescica, causando un prolasso ancora maggiore dell'utero.

Sintomi di prolasso e prolasso dell'utero

Senza trattamento, il prolasso dell'utero è caratterizzato da una graduale progressione dello spostamento degli organi della piccola pelvi. Nelle fasi iniziali del prolasso uterino, vi è un dolore tirante e una pressione nell'addome inferiore, nell'osso sacro, nella parte bassa della schiena, nella sensazione di corpo estraneo nella vagina, nella dispareunia (rapporto doloroso), nella comparsa di sbiancamento o secrezione sanguinosa dalla vagina. Le manifestazioni caratteristiche del prolasso uterino sono cambiamenti nella funzione mestruale del tipo di iperpolimenorrea e algomenorrea. Spesso, quando l'utero si abbassa, si nota infertilità, sebbene la gravidanza non sia esclusa.

In futuro, i disturbi urologici che si verificano nel 50% dei pazienti si uniscono ai sintomi del prolasso uterino: difficoltà o minzione frequente, sviluppo di un sintomo di urina residua, congestione negli organi urinari e successiva infezione del tratto urinario inferiore e superiore si sviluppa cistite, pielonefrite, urolitiasi. Il prolungato decorso del prolasso e del prolasso dell'utero porta a un allungamento eccessivo degli ureteri e dei reni (idronefrosi). Spesso lo spostamento dell'utero verso il basso è accompagnato da incontinenza.

Complicazioni proctologiche nell'omissione e prolasso dell'utero si trovano in ogni terzo caso. Questi includono costipazione, colite, incontinenza fecale e gas. Spesso, sono le manifestazioni urologiche e proctologiche del prolasso uterino che portano i pazienti a rivolgersi a specialisti adiacenti - l'urologo e il proctologo. Con la progressione del prolasso dell'utero, il sintomo principale è un'educazione auto-rilevabile che sporge dalla fenditura genitale.

La parte sporgente dell'utero ha l'aspetto di una superficie lucida, opaca, incrinata, fradicia. Inoltre, a causa del costante trauma durante la deambulazione, la superficie rigonfia spesso ulcera con la formazione di piaghe da decubito profonde, che possono sanguinare e infettarsi. Con il prolasso dell'utero, alterata circolazione del sangue nella piccola pelvi, si sviluppa la comparsa di ristagno, cianosi della mucosa uterina ed edema dei tessuti adiacenti.

Spesso, quando l'utero si sposta sotto i limiti fisiologici, la vita sessuale diventa impossibile. I pazienti con prolasso uterino spesso sviluppano vene varicose, principalmente degli arti inferiori, a causa di alterazioni del flusso venoso. Complicazioni del prolasso e del prolasso dell'utero possono anche servire come pizzicare l'utero prolasso, piaghe da decubito delle pareti vaginali, pizzicando cappi intestinali.

Diagnosi di prolasso e prolasso dell'utero

L'omissione e il prolasso dell'utero possono essere diagnosticati a una visita da un ginecologo durante un esame ginecologico. Per determinare il grado di prolasso dell'utero, il medico chiede al paziente di stringere, dopo di che, durante un esame vaginale e rettale, determina lo spostamento delle pareti della vagina, della vescica e del retto. Le donne con dislocazione dei genitali sono messe sul conto del dispensario. È obbligatorio per i pazienti con una tale patologia dell'utero sottoporsi a colposcopia.

In caso di omissione e prolasso dell'utero, che richiede chirurgia plastica conservativa per l'organo e con concomitanti malattie dell'utero, nel complesso diagnostico sono inclusi ulteriori metodi di esame:

  • isterosalpingoscopia e curettage diagnostico dell'utero;
  • diagnosi ecografica degli organi pelvici;
  • prendendo macchie sulla flora, il grado di purezza della vagina, bakposev, nonché per determinare le cellule atipiche;
  • urina bakposev per escludere infezioni del tratto urinario;
  • urografia escretoria per eliminare l'ostruzione del tratto urinario;
  • tomografia computerizzata per chiarire lo stato degli organi pelvici.

I pazienti con prolasso uterino sono esaminati da un proctologo e un urologo per determinare la presenza di rettocele e cistocele. Egli valuta lo stato dello sfintere del retto e della vescica per rilevare l'incontinenza di gas e urina durante la tensione. L'omissione e il prolasso dell'utero dovrebbero essere distinti dall'inversione dell'utero, dalla cisti vaginale, dal nodo miomatoide nato e dalla diagnosi differenziale.

Trattamento di prolasso e prolasso dell'utero

Quando si sceglie una strategia di trattamento, vengono presi in considerazione i seguenti fattori:

  1. Il grado di prolasso o prolasso dell'utero.
  2. La presenza e la natura di concomitanti malattie ginecologiche dell'utero.
  3. La necessità e la capacità di ripristinare o preservare le funzioni mestruali e di gravidanza.
  4. L'età del paziente.
  5. La natura della disfunzione dello sfintere della vescica e del retto, colon.
  6. Il grado di rischio anestetico e chirurgico in presenza di malattie concomitanti.

Data la combinazione di questi fattori, viene determinata la tattica del trattamento, che può essere sia conservativa che chirurgica.

Trattamento conservativo del prolasso e prolasso dell'utero

Quando l'utero si abbassa, quando non raggiunge la fenditura genitale e le funzioni degli organi adiacenti non vengono disturbate, viene usato un trattamento conservativo, che può includere:

  • terapia fisica finalizzata al rafforzamento dei muscoli del pavimento pelvico e dei muscoli addominali (esercizi di Kegel, secondo Yunusov);
  • massaggio ginecologico;
  • terapia sostitutiva con estrogeni, che rafforza l'apparato legamentoso;
  • introduzione locale negli unguenti vaginali contenenti metaboliti ed estrogeni;
  • trasferimento di donne a lavori fisici più facili.

Se è impossibile eseguire un trattamento chirurgico per omissione o prolasso dell'utero in pazienti anziani, è indicato l'uso di tamponi vaginali e di peci che rappresentano anelli di gomma spessi di vari diametri. All'interno il pessario contiene aria, dandogli elasticità ed elasticità. Dopo l'inserimento nella vagina, l'anello fornisce supporto per l'utero lussato. Quando viene inserito nella vagina, l'anello poggia contro le volte della vagina e fissa la cervice in un'apposita apertura. Il pessario non può essere lasciato nella vagina per lungo tempo a causa del rischio di sviluppare piaghe da decubito. Quando si utilizzano i pimenti per il trattamento del prolasso uterino, i bendaggi vaginali giornalieri con decotto di camomilla, devono essere eseguite soluzioni di furacilina o permanganato di potassio e il ginecologo deve comparire due volte al mese. I pepsi possono essere lasciati nella vagina per 3-4 settimane, quindi fare una pausa per 2 settimane.

Trattamento chirurgico del prolasso e prolasso dell'utero

Un metodo più efficace e radicale per il trattamento del prolasso o del prolasso dell'utero è un'operazione chirurgica, le cui indicazioni sono l'inefficacia della terapia conservativa e un significativo grado di spostamento degli organi. La moderna ginecologia operativa nel processo di prolasso e prolasso dell'utero offre molti tipi di operazioni chirurgiche che possono essere strutturate secondo una caratteristica principale: l'educazione anatomica, che viene utilizzata per correggere e rafforzare la posizione degli organi.

Il primo gruppo di interventi chirurgici comprende la vaginoplastica - interventi chirurgici di plastica volti a rafforzare i muscoli e le fasce della vagina, della vescica e del pavimento pelvico (ad esempio coloperineolevatoroplasty, colporrhaphy anteriore). Poiché i muscoli e la fascia del pavimento pelvico sono sempre coinvolti nel prolasso dell'utero, la colpoperineo-neuroplastica viene eseguita durante tutti i tipi di operazioni come stadio principale o aggiuntivo.

Il secondo grande gruppo di operazioni comporta l'accorciamento e il rafforzamento dei legamenti rotondi che supportano l'utero e che li fissano alla parete anteriore o posteriore dell'utero. Questo gruppo di operazioni non è così efficace e offre il maggior numero di ricadute. Ciò è dovuto all'uso per la fissazione dei legamenti rotondi dell'utero, avendo la capacità di allungare.

Il terzo gruppo di operazioni per l'omissione e il prolasso dell'utero viene utilizzato per rafforzare la fissazione dell'utero cucendo insieme i legamenti. Alcune operazioni di questo gruppo privano ulteriormente i pazienti della capacità di generare figli. Il quarto gruppo di interventi chirurgici consiste in operazioni di fissazione degli organi spostati alle pareti del pavimento pelvico (sacro, osso pubico, legamenti pelvici, ecc.).

Il quinto gruppo di operazioni include interventi che utilizzano materiali alloplastici utilizzati per rafforzare i legamenti e fissare l'utero. Gli svantaggi delle operazioni di questo tipo comprendono un numero significativo di recidive di prolasso uterino, rigetto dell'alloplasto e sviluppo della fistola. Il sesto gruppo di operazioni per questa patologia include interventi chirurgici che portano a un parziale restringimento del lume della vagina. L'ultimo gruppo di operazioni include la rimozione radicale dell'utero - isterectomia, nei casi in cui non è necessario preservare la funzione genitale.

La preferenza nella fase attuale è data al trattamento chirurgico combinato, che comprende sia la fissazione dell'utero e della plastica della vagina, sia il rafforzamento del sistema muscolare legamentoso del pavimento pelvico in uno dei modi. Tutti i tipi di operazioni utilizzate nel trattamento del prolasso o del prolasso dell'utero vengono eseguite mediante accesso vaginale o attraverso la parete addominale anteriore (accesso addominale o laparoscopico). Dopo l'operazione, è necessario un corso di misure conservative: terapia fisica, dieta per eliminare la stitichezza, l'esclusione dello sforzo fisico.

Prevenzione del prolasso e prolasso dell'utero

Le misure preventive più importanti per l'omissione e il prolasso dell'utero sono l'osservanza di un regime razionale, a partire dall'infanzia della ragazza. In futuro, è necessaria una stretta osservanza della legislazione in materia di protezione del lavoro femminile, prevenzione di lavori fisici pesanti, sollevamento e trasporto di pesi superiori a 10 kg.

Durante la gravidanza e durante il parto, aumenta il rischio di lussazione genitale. Nello sviluppo del prolasso dell'utero, un ruolo importante è giocato non solo dal numero di nascite, ma anche dalla corretta gestione della gravidanza, del travaglio e del periodo postparto. Prestazioni ostetriche fornite con competenza, protezione del perineo, prevenzione del travaglio prolungato, scelta del giusto metodo di consegna - aiuteranno ad evitare ulteriori problemi associati all'omissione dell'utero.

Importanti misure preventive nel periodo postpartum sono il confronto e il restauro accurato dei tessuti perineali, la prevenzione delle complicanze settiche. Dopo il parto, al fine di prevenire il prolasso uterino, è necessario eseguire la ginnastica, rafforzare i muscoli del pavimento pelvico, addominali, legamenti e in caso di parto traumatico, prescrivere la terapia laser e la stimolazione elettrica dei muscoli del pavimento pelvico. Nel primo periodo postpartum, l'esercizio fisico pesante è controindicato. Con una tendenza alla stitichezza, alle donne è raccomandata una dieta mirata alla loro prevenzione, così come una speciale ginnastica medica.

Particolare attenzione alla prevenzione del prolasso e del prolasso dell'utero dovrebbe essere data nel periodo pre-menopausale: limitare lo sforzo fisico eccessivo, impegnarsi in ginnastica e sport terapeutici e preventivi. Un modo efficace per prevenire il prolasso uterino in menopausa è la nomina della terapia ormonale sostitutiva, che migliora il flusso sanguigno e rafforza l'apparato legamentoso degli organi pelvici.

Prolasso uterino, sintomi e trattamento domiciliare

Il prolasso uterino è una diagnosi che non lascia indifferente alcuna donna. Una malattia molto comune tra le donne nella fascia di età da 35 a 60 anni, rilevata, di regola, nelle fasi successive.

La causa principale del prolasso di organi è un pavimento pelvico indebolito. Tipicamente, questo fenomeno è caratteristico delle donne dopo il parto, dopo uno sforzo fisico. L'utero come se parzialmente si abbassa, e spesso completamente con la vagina cade dalla cavità addominale, accompagnata da leggero disagio.

L'omissione dell'utero può essere tra le giovani donne che non hanno partorito, che, mentre praticano sport, interrompono bruscamente la pratica. C'è un indebolimento cronico del tessuto connettivo, dei legamenti, dei muscoli, che porta al prolasso di organi.

Cos'è?

Il prolasso dell'utero è la posizione errata dell'utero, lo spostamento del suo fondo, così come lo spostamento della cervice al di sotto del livello del normale bordo a causa della debolezza delle fibre muscolari del pavimento pelvico e dei legamenti.

La patologia è accompagnata da una serie di sintomi caratteristici: una sensazione di pressione, una sensazione di disagio, i pazienti sono infastiditi da fastidiosi dolori all'addome e alla vagina. I pazienti possono avere difficoltà a urinare, perdite vaginali. La malattia è complicata in alcuni casi dalla perdita parziale o completa dell'organo.

Cause dello sviluppo

La debolezza dell'apparato muscolo-legamentoso dell'utero può essere dovuta a una serie di fattori.

Le ragioni che portano al prolasso dell'utero includono:

  • interventi chirurgici sugli organi riproduttivi;
  • indebolimento legato all'età dei muscoli;
  • disordini di innervazione muscolare del pavimento pelvico;
  • esercizio fisico sostanziale e regolare (sollevamento pesi);
  • patologia dei legamenti del tessuto connettivo;
  • malformazioni congenite nella zona pelvica;
  • predisposizione familiare (geneticamente determinata);
  • lesioni alla nascita;
  • squilibrio ormonale durante la menopausa;
  • neoplasie (cisti, fibromi, fibroidi).

Durante il parto, in alcuni casi gravi rotture del perineo (in particolare nella presentazione podologica del feto) portano a gravi danni muscolari. Le lesioni possono anche essere causate da una donna partoriente quando usano ostetrici con un aspiratore a vuoto e una pinza ostetrica. Le neoplasie benigne aumentano il carico sui legamenti della regione pelvica, che può scatenare il prolasso dell'utero. Uno dei fattori predisponenti può essere una forte tosse cronica, in cui i muscoli del diaframma sono costantemente tesi.

Di solito nello sviluppo della malattia si verifica una combinazione di due o più fattori.

sintomi

Nelle donne di età diverse, il prolasso uterino ha sintomi evidenti:

  • dolori fastidiosi che spesso irradiano alla parte bassa della schiena;
  • spremitura nella regione pelvica;
  • costipazione;
  • minzione frequente;
  • sensazione di avere un oggetto estraneo nella vagina;
  • grandi quantità di muco o sangue. Con una grande perdita di sangue, l'anemia può svilupparsi;
  • patologia del ciclo mestruale (dolore, disturbo della periodicità);
  • l'incapacità di vivere la vita sessuale a causa della sofferenza durante i rapporti sessuali o l'incapacità di impegnarli (nelle fasi successive).

Se il prolasso uterino non viene diagnosticato in tempo e non inizia a guarire, la donna sperimenterà un aumento delle patologie disuriche che si manifesteranno come incontinenza urinaria o, al contrario, difficoltà a urinare. A sua volta, ciò contribuirà al rischio di comparsa di malattie infettive del sistema urinario, che comprendono pielonefrite, uretrite.

palcoscenico

A seconda del grado di perdita, ci sono 4 gradi della malattia:

  • Il grado 1 è caratterizzato da una leggera sporgenza dell'organo nella vagina;
  • 2 gradi - lo spostamento dell'organo all'entrata della vagina;
  • Il grado 3 viene diagnosticato dopo che l'utero fuoriesce oltre la vagina;
  • 4 gradi - quando l'utero cade completamente dal peritoneo.

I sintomi del prolasso uterino negli stadi 2, 3 e 4 possono essere determinati dal paziente stesso - è sufficiente sentire i tessuti dell'organo che si proiettano dalla vagina. I segni del prolasso uterino sono spesso caratterizzati da un cambiamento nella posizione della vescica o addirittura nel retto. Un prolasso uterino viene diagnosticato da un ginecologo dopo il parto, che, secondo lo stadio della patologia, può prescrivere sia una terapia conservativa (bendaggio per il prolasso uterino) che un intervento chirurgico.

diagnostica

Al fine di stabilire la diagnosi, i reclami vengono raccolti, la storia viene studiata e viene effettuato un esame ginecologico. Studio rettovaginale obbligatorio. Durante l'ispezione, viene stabilito il grado di prolasso, la presenza o l'assenza di rettocele e cistocele.

La colposcopia viene eseguita per ciascun paziente. Inoltre, vengono assegnati i seguenti test:

  • spalmare sulla microflora della vagina;
  • striscio di citologia;
  • determinazione dello stato ormonale;
  • analisi generali e batteriologiche delle urine.

È anche necessario condurre un'ecografia ginecologica con un sensore vaginale (se ci sono cambiamenti patologici negli organi pelvici, viene deciso il problema della loro rimozione). L'urografia escretoria è prescritta in presenza di un cistocele, ecografia dei reni secondo le indicazioni. Se viene rilevata una patologia su ecografia ginecologica, viene prescritta l'isteroscopia con un curettage diagnostico dell'utero.

Come trattare il prolasso uterino?

Lo specialista prescrive il trattamento, avendo determinato il grado di prolasso dell'utero. Dipende dalla misura in cui l'utero è disceso, da quanti altri organi hanno sofferto, se la donna partorirà in futuro. Il metodo di trattamento riconosciuto dal medico può essere conservativo e chirurgico.

Trattamento conservativo

Questo metodo è utilizzato nelle fasi iniziali della malattia. Il medico prescrive farmaci a casa, cioè farmaci con estrogeni. Inoltre unguento prescritto con metaboliti.

Quando l'utero viene omesso, viene eseguito un set speciale di esercizi e un massaggio. Se l'operazione non è possibile (ci sono controindicazioni), il medico prescrive una donna pessimista. Questi sono gli anelli delle diverse dimensioni realizzati in gomma di alta qualità. Con la loro introduzione nella vagina, una sorta di supporto appare nell'utero, impedendo il suo ulteriore spostamento. Per normalizzare la funzione dell'intestino, gli esperti raccomandano una dieta speciale.

Attualmente, è anche molto comune indossare una benda per mantenere i genitali nella posizione desiderata. Indossare una benda nel periodo di trasporto di un bambino porterà al fatto che gli organi non cadranno. Se il corso del trattamento non ha portato alcun risultato, procedere all'intervento chirurgico.

Esercizi nell'omissione dell'utero

Ridurre il tono e l'elasticità dei muscoli del pavimento pelvico crea le condizioni per il possibile spostamento dei genitali. La ginnastica appositamente studiata per questo gruppo di muscoli può prevenire processi indesiderati di prolasso dell'utero e di altri organi genitali, e nei pazienti con prolasso dell'utero, è inclusa nelle misure terapeutiche.

La ginnastica terapeutica in caso di prolasso uterino ha lo scopo di aumentare il tono muscolare, migliorare la circolazione sanguigna e prevenire i processi infiammatori.

  1. Il più popolare tra medici e pazienti è la tecnica di Kegel - una serie di esercizi per i muscoli del bacino, dal nome del suo sviluppatore. L'essenza del metodo consiste nell'addestrare i muscoli che circondano la vagina, il retto e l'uretra (uretra) mediante riduzione massima per 3 secondi e successivo rilassamento. Per eseguire questi esercizi terapeutici, non è necessario andare in palestra o in palestra, sono eseguiti in qualsiasi posizione, possono essere ripetuti nella doccia o prima di andare a letto nel letto.
  2. Un altro esercizio popolare di Kegel è legato alla capacità di autoipnosi di una donna: al paziente viene chiesto di presentare il pavimento pelvico muscolare sotto forma di una sorta di "ascensore" sul quale si alza in cima e risale verso il basso. L'ascesa inizia dal "seminterrato" (completo rilassamento), gradualmente la donna strappa leggermente i muscoli pelvici, sale al "primo piano" e indugia per un paio di secondi in questa posizione (l'ascensore si ferma), quindi continua verso l'alto, fermandosi ad ogni "pavimento" improvvisato. Più è alto, più forte è la tensione muscolare. Al quinto "piano" raggiunge il massimo. Il movimento verso il basso è accompagnato da un rilassamento graduale dei muscoli.
  3. Ogni esercizio di Kegel viene ripetuto più volte durante il giorno, per un totale di 50 - 100 tagli al giorno.

Di tutta la serie di esercizi per ogni particolare paziente, vengono selezionati alcuni tra i più adatti, oppure si raccomanda di eseguire il complesso per intero. La popolarità del sistema Kegel è spiegata dal fatto che esercizi semplici possono essere eseguiti in qualsiasi momento e in qualsiasi condizione, ad esempio, seduti al lavoro o nel trasporto pubblico.

Il complesso di ginnastica medica in caso di prolasso uterino comprende il rafforzamento dei muscoli addominali (parete addominale anteriore). La buona condizione dei muscoli addominali aiuta a mantenere la normale pressione intra-addominale, che impedisce lo spostamento degli organi.

Un altro metodo popolare è la fisioterapia secondo il metodo Yunusov. Include le contrazioni volontarie dei muscoli pelvici durante la minzione, fino a quando il flusso di urina si arresta. Nelle donne con una predisposizione al prolasso dell'utero, gli esercizi terapeutici agiscono come un'efficace profilassi e, in presenza dello stadio iniziale del processo, può diventare l'unica misura terapeutica.

Le visite regolari alla piscina, il ciclismo e l'allenamento con misuratore possono sostituire una parte significativa dell'esercizio.

operazione

Questo problema viene spesso risolto con l'aiuto della chirurgia. Questo metodo è stato usato per un po 'di tempo. Ma prima che i medici eseguissero la chirurgia addominale. L'intervento chirurgico è stato eseguito se la donna voleva preservare la funzione di fertilità. Al giorno d'oggi, la chirurgia viene eseguita con il metodo laparoscopico. Già il terzo giorno dopo l'intervento, la donna è dimessa. Circa un mese continua il periodo di recupero.

Dopo la laparoscopia, non rimangono cicatrici. Ciò nega la probabilità di aderenze. L'operazione non ha alcun effetto sullo stato della vagina. Pertanto, una donna può avere una vita sessuale normale dopo il recupero. L'essenza dell'operazione è che l'utero è supportato sotto forma di una maglia. Le ultime tecnologie e materiali consentono di lasciare la griglia all'interno del corpo.

In questo caso, la salute di una donna non è in pericolo. Il materiale è elastico In gravidanza, la griglia è semplicemente allungata. L'operazione consente di ottenere buoni risultati nel minor tempo possibile. Una donna non ha bisogno di allenare i muscoli o usare altri metodi di terapia conservativa.

Le ricorrenze sono escluse qui. Durante l'operazione, il chirurgo, se necessario, corregge la posizione dell'intestino, della vescica e della vagina.

Recensioni dei pazienti

Recensioni di donne che hanno subito varie procedure per il trattamento del prolasso dell'utero, confermano la necessità di un complesso di varie misure.

  1. Galina: Dopo l'intervento chirurgico, stavo preparando una tintura di guscio d'uovo. La miscela consisteva di guscio e limone, insisteva sulla vodka ordinaria. La ricezione quotidiana ha preso tutti i sintomi spiacevoli postin vigore.
  2. Marina: è stata necessaria un'operazione per il trattamento. Ma nel periodo postoperatorio ha aiutato bagni alle erbe, decotti e tasse.
  3. Olga: il prolasso uterino è una malattia insidiosa. Poche persone riescono a identificarlo nelle fasi iniziali. Si scopre che ce l'ho, ma non lo sapevo nemmeno perché non c'erano manifestazioni. Il medico diagnosticato durante l'esame. Ha fatto esercizi di Kegel. Credo che questo sia il modo più efficace per curare una malattia. Questo, ovviamente, solo con un leggero prolasso.
  4. Lyudmila: Con il trattamento ha eseguito solo due esercizi. Li hanno fatti prima di andare a letto, a letto. Prima degli esercizi eseguiva la macinatura, composta da varie erbe medicinali, miele e corteccia di querce.

prevenzione

Le misure preventive sono semplici e comprensibili per qualsiasi donna, indipendentemente dalla sua età e dallo stadio di sviluppo della malattia

  1. In tempo per rivolgersi agli specialisti. Qualsiasi consiglio non sarà superfluo per una donna.
  2. Considerare la possibilità di sostituire il parto, che può portare a lesioni, a un taglio cesareo.
  3. Applicare la terapia ormonale sostitutiva per la menopausa o la carenza di estrogeni.
  4. Eseguire esercizi speciali per rafforzare i muscoli pelvici.
  5. Se l'integrità del perineo viene violata, prova a recuperare completamente, e non solo il tegumento esterno.