Kit di primo soccorso per shock anafilattico e nuovo ordine

Il kit di primo soccorso per lo shock anafilattico deve essere completamente attrezzato in conformità con il nuovo ordine del Ministero della Sanità della Federazione Russa. Un kit di pronto soccorso di emergenza deve essere sempre disponibile liberamente per l'uso previsto.

Lo shock anafilattico è un grado estremo di un processo allergico (versione immediata). Quando un allergene viene introdotto nel corpo umano, inizia la sintesi di prodotti proteici - anticorpi. In caso di reintroduzione dello stesso allergene, viene combinato con anticorpi già sintetizzati e un rapido aumento del livello di mediatori di allergia. Questi composti causano lo sviluppo di sintomi di shock anafilattico.

C'è un intenso spasmo muscolare dell'albero broncopolmonare. Eccessiva permeabilità di tutte le navi di piccolo calibro provoca lo sviluppo di edema dei tessuti. Spesso, in caso di shock anafilattico, le violazioni del cuore e dei vasi sanguigni vengono alla ribalta. Le cure di emergenza devono bloccare queste reazioni fisiopatologiche.

Le cause più comuni che portano allo shock anafilattico sono droghe, insetti, ingredienti alimentari e prodotti chimici domestici.

Dovrebbe essere compreso che lo shock anafilattico si verifica e si sviluppa abbastanza rapidamente. In alcuni casi, c'è uno sviluppo fulminante di shock anafilattico - i sintomi si manifestano entro pochi secondi dopo la penetrazione dell'allergene. Questa è la cosiddetta morte sulla punta dell'ago, le cure di emergenza saranno efficaci solo se ci sarà un kit di pronto soccorso completo e azioni rapide e qualificate dello staff medico.

Ordine n. 291 del 23/11/2000

L'ordine n. 291 illustra in dettaglio tutte le fasi dell'assistenza medica: dalla fase pre-medica alla fase di fornitura di assistenza medica qualificata in un ospedale. L'algoritmo per la diagnosi di shock anafilattico e, ancora più importante, le misure per la sua prevenzione sono descritti in dettaglio. L'ordine n. 291 descrive le azioni passo-passo di una persona, senza particolari competenze mediche, nel processo di cura delle cure a livello pre-medico.

Quando uno stato anafilattico è importante non solo la velocità, ma anche la procedura. Questo è il motivo per cui l'ordine numero 291 distingue chiaramente tra l'algoritmo delle azioni primarie e secondarie di un operatore medico. Viene anche indicata la composizione indicativa del kit di pronto soccorso, che dovrebbe essere disponibile in tutte le istituzioni mediche.

Leggi il testo completo dell'ordine qui.

Ordinanza n. 626 del 09/04/2006

L'ordine n. 626 regola chiaramente le manipolazioni mediche e la frequenza del loro uso nello shock anafilattico. In questo caso, il numero di ordine 626 non indica quali momenti il ​​medico dovrebbe eseguire e quali, ad esempio, un paramedico. Ciò può portare a un'incoerenza delle azioni e complicare la fornitura di assistenza di emergenza. Le informazioni dichiarate sono un certo standard di azioni, create sulla base di tendenze straniere. La composizione del kit di pronto soccorso con l'ordine n. 291 è molto approssimativa e imprecisa.

Leggi il testo completo dell'ordine qui.

Componenti di kit di primo soccorso per shock anafilattico

Nel 2014 si è cercato di migliorare, in misura maggiore, il processo preparatorio per la fornitura di misure urgenti nello shock anafilattico. La composizione del kit di pronto soccorso è descritta dettagliatamente, indicando non solo le medicine, ma anche i materiali di consumo. La presenza di tali componenti è prevista:

  • adrenalina - per iniezione locale e iniezione intramuscolare per fornire un effetto vasocostrittore quasi istantaneo;
  • glucocorticosteroidi (prednisone) - per creare un potente anti-edema sistemico, azione antiallergica e immunosoppressiva;
  • antistaminici sotto forma di soluzione per somministrazione endovenosa (prima generazione, come tavegil o suprastin) - per il più rapido effetto antiallergico;
  • il secondo farmaco antistaminico (difenidramina) - per migliorare l'azione di tavegil e suprastin, così come per la sedazione (calmante) di una persona;
  • aminofillina (broncodilatatore) - per eliminare il broncospasmo;
  • materiali di consumo: siringhe, il cui volume deve corrispondere alle soluzioni disponibili; ovatta e garza; alcool etilico;
  • catetere venoso (solitamente cubitale o succlavia) - per accesso continuo alla vena;
  • soluzione salina per l'applicazione di soluzioni nella fase di assistenza secondaria.

La composizione del kit di pronto soccorso del 2014 non prevede la presenza (e il successivo utilizzo) di diazepam (un mezzo per sopprimere il sistema nervoso) e una maschera di ossigeno. Il nuovo ordine non regola i farmaci nelle fasi di assistenza di emergenza.

In caso di shock anafilattico, i suddetti medicinali devono essere utilizzati immediatamente. Pertanto, in ogni ufficio dovrebbe essere equipaggiato con un kit di pronto soccorso, quindi lo shock anafilattico, improvvisamente derivante da una persona, verrà fermato con successo.

Shock anafilattico, kit di primo soccorso

Lo shock anafilattico è una brusca diminuzione della pressione sanguigna e una violazione della microcircolazione, che è associata con l'ingestione di allergeni nel corpo umano.

L'aiuto con questa condizione dovrebbe essere rapido e corretto, quindi lo shock anafilattico, il kit di pronto soccorso dovrebbe essere sempre a portata di mano. Gli allergeni possono essere varie sostanze:

  • polvere di casa;
  • acari;
  • peli di animali;
  • polline delle piante;
  • prodotti chimici domestici;
  • prodotti alimentari, ecc.

Manifestazioni di shock anafilattico

I principali sintomi di questo tipo di shock sono:

  • una forte diminuzione della pressione sanguigna;
  • mancanza di respiro;
  • mancanza di aria;
  • aumento della frequenza cardiaca;
  • pallore della pelle, ecc.

Nella diagnosi di questa condizione, è importante prendere in considerazione la connessione dell'occorrenza dei sintomi di cui sopra con l'assunzione dell'allergene nel corpo umano.

Ti consigliamo inoltre di familiarizzare con le informazioni sulla pagina dello stadio di sviluppo e i principali tipi di shock anafilattico.

Assistenza di emergenza

Le terapie anafilattiche dovrebbero sempre essere disponibili in qualsiasi istituto medico, così come a casa per coloro che soffrono di qualsiasi reazione allergica e sono gravati da anafilassi ereditaria.

Di norma, la fornitura di assistenza medica inizia con la cessazione dell'allergene nel corpo. Con lo stesso scopo, l'adrenalina viene iniettata intorno all'iniezione, se un'allergia si è sviluppata per un qualche tipo di farmaco. L'adrenalina provoca uno spasmo dei vasi sanguigni e quindi riduce l'assorbimento delle sostanze nel sangue.

Per sopprimere la reazione allergica, viene somministrato prednisone e per migliorare la microcircolazione e l'ingrandimento dei bronchi, è indicato l'uso di aminofillina. Nei casi più gravi, è necessario reintegrare rapidamente il letto vascolare e, a tale scopo, l'infusione endovenosa di soluzione fisiologica di sodio viene avviata a un ritmo rapido. Questo è un kit anti-shock obbligatorio per lo shock anafilattico. In parallelo, organizza la consegna del paziente all'istituzione specializzata.

Avendo una tale composizione di un kit di pronto soccorso in caso di shock anafilattico, si può tempestivamente e adeguatamente fornire il primo soccorso nello sviluppo di questa complicanza.

Per ulteriori informazioni sull'assistenza allo shock anafilattico, è possibile trovare sulla pagina la sequenza di azioni per lo shock anafilattico.

La composizione del kit anti-shock

La composizione del kit di primo soccorso per lo shock anafilattico è la seguente:

  • prednisolone;
  • Sovrastin o un altro farmaco antistaminico (il farmaco di ultima generazione è tavegil); adrenalina;
  • aminofillina (dilata i bronchi);
  • difenidramina;
  • siringhe;
  • alcool etilico;
  • ovatta
  • garza;
  • laccio emostatico;
  • catetere venoso;
  • salino - 400 ml.

Shock anafilattico: cure di emergenza, kit di primo soccorso e algoritmo di azioni

anafilassi

17 febbraio 2017. Prima di analizzare la sequenza di azioni per fornire assistenza medica di emergenza per lo shock anafilattico negli adulti e nei bambini, prendere in considerazione una cosa come "anafilassi". L'anafilassi è un processo patologico che si sviluppa con l'introduzione di un antigene (proteina estranea) e si manifesta sotto forma di ipersensibilità al contatto ripetuto con questo allergene. Questa condizione è una manifestazione di ipersensibilità di tipo immediato, in cui la reazione tra l'antigene e gli anticorpi si verifica sulla superficie cellulare.

motivi

La condizione più importante per il verificarsi di anafilassi: lo stato di ipersensibilità del corpo (sensibilizzazione) alla reintroduzione di proteine ​​estranee.

L'eziologia. In ogni organismo vivente, quando viene introdotto nella proteina estranea (antigene), gli anticorpi iniziano a essere prodotti. Sono formazioni strettamente specifiche e agiscono solo contro un singolo antigene.

Quando si verifica una reazione tra l'antigene e gli anticorpi in un organismo vivente, viene rilasciata una grande quantità di istamina e serotonina, questo spiega la reazione attiva che si sta verificando.

Reazioni di shock anafilattico

Le reazioni anafilattiche si verificano rapidamente, con il coinvolgimento dell'apparato vascolare e degli organi muscolari lisci. Sono divisi in due tipi:

  1. generalizzato (shock anafilattico);
  2. localizzato (edema, orticaria, asma bronchiale).

Una forma speciale è la cosiddetta malattia da siero, gradualmente - nel momento in cui inizia la produzione di anticorpi contro l'antigene introdotto (da uno a diversi giorni) - che si sviluppa dopo una singola iniezione di una grande dose di siero estraneo.

Shock anafilattico

La reintroduzione di una proteina estranea in un organismo sensibilizzato può portare a una condizione grave: shock anafilattico.

clinica

Il quadro clinico dello shock anafilattico varia a seconda delle persone e può variare ampiamente. Lo shock anafilattico può manifestarsi in forma lieve e manifestarsi come sintomi generali lievemente espressi (orticaria, broncospasmo, mancanza di respiro).

Più spesso, l'immagine dello shock sembra più minacciosa e, se l'assistenza non viene fornita in modo tempestivo, può portare alla morte del paziente.

Nei primi minuti di shock anafilattico, la pressione sanguigna aumenta bruscamente, quindi inizia a diminuire e alla fine scende a zero. Ci può essere un forte prurito seguito da orticaria, gonfiore del viso e delle estremità superiori. Ci sono dolore addominale parossistico, nausea, vomito, diarrea. La coscienza del paziente confusa, ci sono convulsioni, un brusco aumento della temperatura corporea, ci possono essere defecazione involontaria e minzione.

In assenza di assistenza urgente, la morte viene dal soffocamento e alterata funzione cardiaca.

Sintomi principali

Lo shock anafilattico è caratterizzato dai seguenti sintomi principali: subito dopo il contatto con l'allergene (a volte dopo pochi secondi), il paziente diventa irrequieto, pallido, si lamenta di un mal di testa pulsante, vertigini e tinnito. Il suo corpo è coperto di sudore freddo, sente la paura della morte.

Primo soccorso per shock anafilattico

  • Stop all'introduzione di droghe.
  • Intorno al sito di iniezione di adrenalina 0,15-0,75 ml di una soluzione allo 0,1% in 2-3 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico.
  • Posizione orizzontale, bottiglie di acqua calda alle gambe, testa su un lato, estendere la mascella inferiore, fissare la lingua, se possibile, avviare la fornitura di ossigeno.
  • Inserisci immediatamente:
  1. Epinefrina 0,1% - 5 ml di bolo endovenoso;
  2. Prednisolone 0,5-1 ml per 1 kg di peso, 40-60 ml di idrocortisone o 2,5 ml di dexometasone (i corticosteroidi bloccano l'antigene - reazione di anticorpi);
  3. Cordiamina 2,5% - 2 ml;
  4. Caffeina 10% - 2,0 (iniezione di adrenalina e caffeina, ripetere ogni 10 minuti per aumentare la pressione sanguigna);
  5. tachicardia con una soluzione allo 0,05% di Strofantina o soluzione allo 0,06% di Korglukon;
  6. antistaminici: Suprastin 2% - 20 ml, difenidramina 1% - 5,0 ml, Pipolfen 2,5% - 2,0 ml. Dopo 20 minuti, ripetere l'iniezione.
  • Con broncospasmo e dolore ischemico - 2,4% - 10,0 ml di Eufillina con 10-20 ml di glucosio al 40% o per via intramuscolare 2,4% - 3 ml;
  • con una diminuzione significativa della pressione sanguigna con attenzione, lentamente - Mezaton 1% - 1,0 ml;
  • per i fenomeni CLO e l'edema polmonare - per via intramuscolare 0,5% - 0,5 ml di Strofantin con 10 ml di glucosio 40% o 10 ml di soluzione salina 2,4-10,0 ml, lasix per via endovenosa può essere somministrato 1% - 4,8 fiale;
  • in caso di edema, quando non vi è insufficienza cardiovascolare, vengono utilizzati diuretici ad azione rapida: una soluzione al 2% di Furasemide per via endovenosa a 0,03-0,05 ml per 1 kg di peso;
  • con convulsioni e grave agitazione: Droperidolo 2% - 2,0 ml o Seduxen 0,5-3,5 ml;
  • in caso di insufficienza respiratoria - Lobelin per via endovenosa 1% - 0,5-1 ml;
  • durante l'arresto cardiaco, adrenalina 0,1% -1,0 ml o calcio cloruro 10% -1,0 ml viene iniettato per via intracardiaca. Effettuare un massaggio cardiaco al coperto e la respirazione artificiale.

Se un bambino è allergico a qualsiasi sostanza che è stata contattata per inalazione, ingestione, contatto o penetrazione nella pelle, provoca una reazione insolita. Le allergie da bambini di solito non sono pericolose e, di regola, sono limitate a manifestazioni di diatesi, ma a volte possono causare malattie e persino rappresentare una minaccia per la vita di un bambino.

Shock anafilattico nei bambini

Lo shock anafilattico in un bambino può svilupparsi con un pasto a cui è allergico, quando è immunizzato, con una puntura d'insetto. Questa potente reazione allergica a una proteina aliena può svilupparsi in pochi secondi ed è una condizione grave che richiede cure mediche di emergenza. Se si verificano i primi sintomi sospetti, interrompere immediatamente l'assunzione del farmaco e consultare un medico.

I segni principali di un bambino

  1. un bambino può essere irrequieto e spaventato;
  2. diventa difficile per lui respirare, comincia a soffocare;
  3. può comparire prurito, la pelle diventa rosso vivo;
  4. Il viso di un bambino può diventare gonfio (specialmente sotto gli occhi), possono comparire sulla pelle grandi macchie rosse chiamate orticaria;
  5. potrebbe avere un attacco di starnuti;
  6. il volto del bambino può diventare molto pallido o grigio cenere;
  7. il polso di un bambino può diventare debole e frequente;
  8. può apparire forte sete;
  9. il bambino può lamentarsi di vertigini, sbadigliando e senza fiato;
  10. la sua pelle può sembrare appiccicosa e umida;
  11. potrebbe svenire.

Prima assistenza di emergenza per shock anafilattico nei bambini

  1. il bambino deve essere preso il prima possibile in ospedale o chiamare un'ambulanza;
  2. è necessario calmare il bambino, dire che un medico sta andando da lui, per convincerlo che sta mentendo tranquillamente;
  3. se è difficile per il bambino respirare, mettilo a sedere, entra nell'aria fresca;
  4. se perdi conoscenza, controlla le vie aeree del bambino e controlla il respiro. Quando smetti di respirare, inizia immediatamente la rianimazione.

raccomandazioni

Se il tuo bambino non respira: respira per lui. Copriti la bocca o il naso e la bocca con la bocca. Fai cinque respiri separati. Assicurarsi che il suo petto si alzi ad ogni respiro. Va ricordato che i bambini dovrebbero respirare aria con meno forza.

Se non trovi il polso del bambino: massaggia il torace. Trova il posto giusto: lo spessore di un dito sotto la linea immaginaria che collega i capezzoli. Premere sul petto ad una velocità di cento pressioni al minuto.

  1. Nei bambini di età superiore ad un anno: utilizzare solo la parte morbida del palmo, tenendo il braccio dritto. Premi 15 volte per ogni due respiri (la tua mano dovrebbe essere premuta 2,5-3 cm).
  2. Nei neonati: usa due dita e premi cinque volte per ogni respiro (in modo che le dita vengano premute nel corpo del bambino per circa 2 cm).

Se non hai chiamato un'ambulanza, fallo immediatamente.

Le rianimazioni continuano fino all'arrivo dell'ambulanza.

Pronto soccorso per shock e altre condizioni acute

Dovresti essere consapevole che la prima assistenza pre-medica è un complesso di azioni e attività urgenti, più semplici che devono essere svolte sulla scena. Questa assistenza può essere fornita sia da estranei che dalle vittime stesse (auto-aiuto).

Spesso, il pronto soccorso aiuta a salvare la vita del paziente. Questo vale soprattutto per le situazioni in cui è necessaria un'azione immediata (sanguinamento, annegamento, soffocamento, avvelenamento da monossido di carbonio, ecc.).

Il primo soccorso comprende tre gruppi di attività.

  1. Il primo gruppo include l'immediata cessazione di fattori esterni dannosi (corrente elettrica, acqua, fuoco, sostanze chimiche).
  2. Il secondo gruppo: primo soccorso.
  3. Il terzo gruppo è un appello per l'aiuto alla struttura medica più vicina.

Per fornire auto-aiuto e assistenza reciproca, non è necessario avere un kit di pronto soccorso o farmaci, l'importante è essere in grado di fornire questa assistenza. È necessario utilizzare gli strumenti disponibili e sapere cosa fare in ciascun caso. Questo è insegnato e televisione, e giornali e buoni libri. Quindi, se c'è l'opportunità di imparare qualcosa di utile, impara - non sarà mai superfluo. Scopri anche i materiali aggiuntivi sul pronto soccorso per lo shock.

Il trattamento dell'asma bronchiale nei bambini deve essere completo. La prima cosa che il medico curante dovrebbe raggiungere è il ripristino della pervietà bronchiale.

Algoritmo di risposta alle emergenze per shock anafilattico

Eliseev O.M. (Compiler). Manuale di emergenza e assistenza di emergenza. - SPB.: Ed. Leila LLP, 1996

Lo shock anafilattico si sviluppa più spesso:

  1. in risposta alla somministrazione parenterale di farmaci, come penicillina, sulfonamidi, sieri, vaccini, farmaci proteici, sostanze radiopachi e simili;
  2. quando si eseguono test provocatori con pollini e meno comunemente allergeni alimentari;
  3. Lo shock anafilattico può verificarsi con punture di insetti.

Sintomi di shock anafilassi

Il quadro clinico dello shock anafilattico si sviluppa sempre rapidamente. Tempo di sviluppo: pochi secondi o minuti dopo il contatto con l'allergene:

  1. depressione della coscienza
  2. caduta della pressione sanguigna
  3. appaiono le convulsioni,
  4. minzione involontaria.

Fulminante per lo shock anafilattico è fatale. Nella maggior parte dei pazienti, la malattia inizia con la comparsa di una sensazione di calore, arrossamento della pelle, paura della morte, eccitazione o, al contrario, depressione, mal di testa, dolore toracico, soffocamento. A volte l'edema laringeo si sviluppa in base al tipo di angioedema con respiro sibilante, prurito, orticaria, rinorrea e tosse secca. La pressione sanguigna cala bruscamente, il polso diventa filiforme, può essere pronunciata sindrome emorragica con rash petecchiale. La morte può verificarsi a causa di insufficienza respiratoria acuta dovuta a broncospasmo ed edema polmonare, insufficienza cardiovascolare acuta con sviluppo di ipovolemia o edema cerebrale.

L'algoritmo delle cure d'emergenza e le prime azioni dell'infermiera!

1) la cessazione dell'introduzione di farmaci o altri allergeni, l'imposizione dell'imbracatura prossimale al sito di introduzione dell'allergene;

2) l'assistenza dovrebbe essere fornita sul posto: a questo scopo è necessario deporre il paziente e fissare la lingua per prevenire l'asfissia;

3) iniettare 0,5 ml di soluzione di adrenalina allo 0,1% per via sottocutanea nel sito dell'iniezione di allergene (o nella sede del morso) e 1 ml endovenoso di soluzione allo 0,1% di adrenalina. Se la pressione arteriosa rimane bassa, dopo 10-15 minuti deve essere ripetuta l'introduzione della soluzione di adrenalina;

4) i corticosteroidi sono di grande importanza per la rimozione dei pazienti dallo shock anafilattico. Il prednisolone deve essere iniettato in una vena con una dose di 75-150 mg o più; desametasone: 4-20 mg; idrocortisone - 150-300 mg; se è impossibile introdurre corticosteroidi nella vena, possono essere iniettati per via intramuscolare;

5) per entrare in antistaminici: pipolfen - 2-4 millilitri di una soluzione del 2,5% ipodermicamente, suprastin - 2-4 millilitri di una soluzione del 2% o difenidramina - 5 millilitri di una soluzione del 1%;

6) per asfissia e asfissia, iniettare 10-20 ml di una soluzione al 2,4% di aminofillina per via endovenosa, alupente - 1-2 ml di una soluzione allo 0,05%, izadrina - 2 ml di una soluzione allo 0,5% per via sottocutanea;

7) con l'apparizione di segni di insufficienza cardiaca, entri Korglikon - 1 millilitro di soluzione 0,06 in una soluzione isotonic di cloruro di sodio, lasix (furosemide) 40-60 mg endovenosamente in una corrente rapidamente in una soluzione isotonic di cloruro di sodio;

8) se si è sviluppata una reazione allergica per introdurre penicillina, iniettare 1.000.000 U di penicillinasi in 2 ml di soluzione di cloruro di sodio isotonico;

9) l'introduzione di bicarbonato di sodio - 200 ml di soluzione al 4% e liquidi antiurto.

Se necessario, condurre misure di rianimazione, incluso un massaggio cardiaco chiuso, respirazione artificiale, intubazione bronchiale. Con edema della laringe - tracheotomia.

Dopo aver rimosso il paziente dallo shock anafilattico, l'introduzione di farmaci desensibilizzanti, i corticosteroidi devono essere proseguiti. disintossicazione, agenti di disidratazione per 7-10 giorni.

Algoritmo e standard di cure di emergenza per shock anafilattico con una descrizione passo passo

Una persona normale, senza istruzione medica e senza la disponibilità di medicine speciali, non sarà in grado di fornire assistenza completa. Ciò è dovuto al fatto che l'assistenza di emergenza prevede una chiara sequenza di azioni e una chiara sequenza di somministrazione di alcuni farmaci. Questa sequenza completa di azioni può essere eseguita solo da un medico rianimatore o da un ufficiale dell'ambulanza.

Pronto soccorso

Il primo soccorso, che può essere eseguito da una persona senza una formazione adeguata, dovrebbe iniziare con una chiamata al medico per fornire assistenza qualificata.

In caso di shock anafilattico, deve essere eseguita anche la solita serie di misure di primo soccorso, che mirano a verificare la pervietà delle vie aeree ea fornire aria fresca A (via aerea) e B (Respirazione). Puoi, ad esempio, posare una persona dalla sua parte, girare la testa di lato, rimuovere le protesi per evitare il vomito e la lingua. In caso di crampi è necessario tenere la testa e prevenire lesioni alla lingua. Le fasi rimanenti (C - Circolazione e sanguinamento, D - Disabilità, E - Esposizione / ambiente) senza istruzione medica sono difficili da eseguire.

Algoritmo delle cure mediche

L'algoritmo di azione coinvolge non solo un certo insieme di farmaci, ma la loro sequenza rigorosa. In qualsiasi condizione critica, la somministrazione arbitraria, prematura o impropria di farmaci può peggiorare le condizioni di una persona. Prima di tutto, dovrebbero essere usate medicine che ripristinano le funzioni vitali del corpo, come la respirazione, la pressione sanguigna e il battito cardiaco.

In caso di shock anafilattico, la somministrazione di farmaci inizia per via endovenosa, quindi per via intramuscolare e solo per via orale. La somministrazione endovenosa di farmaci consente di ottenere risultati rapidi.

Iniezione di adrenalina

Le cure di emergenza dovrebbero iniziare con l'iniezione intramuscolare della soluzione di adrenalina. Va ricordato che è consigliabile introdurre piccole quantità di adrenalina per un effetto di rendering più veloce in diverse parti del corpo. È questa sostanza medicinale che ha un potente effetto vasocostrittore, la sua iniezione previene un ulteriore deterioramento del cuore e dell'attività respiratoria. Dopo l'introduzione dell'adrenalina, la pressione sanguigna si normalizza, la respirazione e il polso migliorano.

Un ulteriore effetto stimolante può essere ottenuto introducendo una soluzione di caffeina o cordiamina.

Introduzione di aminofillina

Una soluzione di aminofillina viene utilizzata per ripristinare le vie aeree ed eliminare lo spasmo. Questo farmaco è rapidamente eliminato lo spasmo della muscolatura liscia dell'albero bronchiale. Quando viene ripristinata la via respiratoria, la persona si sente un po 'migliorata.

Amministrazione degli ormoni steroidei

Nel caso dello shock anafilattico, un componente necessario è la somministrazione di ormoni steroidei (prednisone, desametasone). Questi farmaci riducono il gonfiore dei tessuti, il numero di secrezioni polmonari e le manifestazioni di carenza di ossigeno nei tessuti di tutto il corpo. Inoltre, gli ormoni steroidei hanno una spiccata capacità di inibire le reazioni immunitarie, compresa quella allergica. Per migliorare l'effettivo effetto antiallergico, vengono iniettate soluzioni antistaminiche (tavegil, suprastin, tavegil).

Eliminazione degli allergeni

La successiva fase necessaria di assistenza di emergenza dopo la normalizzazione della pressione e della respirazione è l'eliminazione dell'azione dell'allergene. In caso di shock anafilattico, può essere un prodotto alimentare, un aerosol inalato di una sostanza, una puntura di insetto o la somministrazione di un farmaco. Per interrompere lo sviluppo ulteriore di shock anafilattico, è necessario rimuovere la puntura di un insetto dalla pelle, irrigare lo stomaco, se l'allergene va d'accordo con il prodotto alimentare, utilizzare una maschera di ossigeno se la situazione è innescata da un aerosol.

Assistenza ospedaliera

Dovrebbe essere compreso che dopo le prime misure urgenti nello shock anafilattico, l'assistenza non finisce. Per ulteriori trattamenti, è necessario ricoverare una persona in ospedale per continuare il trattamento.

In un contesto ospedaliero, il trattamento può essere prescritto:

  1. massiccia terapia infusionale con soluzioni cristalloide e colloide;
  2. farmaci che stabilizzano il cuore e l'attività respiratoria;
  3. e anche senza fallo - un corso di agenti antiallergici compressi (fexofenadine, desloratadine).

Le cure d'emergenza possono terminare solo quando i sistemi respiratorio e cardiaco sono completamente ripristinati. L'algoritmo per ulteriori trattamenti fornisce inoltre un'approfondita delucidazione della causa (di un allergene specifico) che ha causato lo sviluppo di una situazione di emergenza, al fine di prevenire il ripetersi di shock anafilattico.

Kit di primo soccorso per shock anafilattico e nuovo ordine

Il kit di primo soccorso per lo shock anafilattico deve essere completamente attrezzato in conformità con il nuovo ordine del Ministero della Sanità della Federazione Russa. Un kit di pronto soccorso di emergenza deve essere sempre disponibile liberamente per l'uso previsto.

Ordine n. 291 del 23/11/2000

L'ordine n. 291 illustra in dettaglio tutte le fasi dell'assistenza medica: dalla fase pre-medica alla fase di fornitura di assistenza medica qualificata in un ospedale. L'algoritmo per la diagnosi di shock anafilattico e, ancora più importante, le misure per la sua prevenzione sono descritti in dettaglio. L'ordine n. 291 descrive le azioni passo-passo di una persona, senza particolari competenze mediche, nel processo di cura delle cure a livello pre-medico.

Quando uno stato anafilattico è importante non solo la velocità, ma anche la procedura. Questo è il motivo per cui l'ordine numero 291 distingue chiaramente tra l'algoritmo delle azioni primarie e secondarie di un operatore medico. Viene anche indicata la composizione indicativa del kit di pronto soccorso, che dovrebbe essere disponibile in tutte le istituzioni mediche.

Ordinanza n. 626 del 09/04/2006

L'ordine n. 626 regola chiaramente le manipolazioni mediche e la frequenza del loro uso nello shock anafilattico. In questo caso, il numero di ordine 626 non indica quali momenti il ​​medico dovrebbe eseguire e quali, ad esempio, un paramedico. Ciò può portare a un'incoerenza delle azioni e complicare la fornitura di assistenza di emergenza. Le informazioni dichiarate sono un certo standard di azioni, create sulla base di tendenze straniere. La composizione del kit di pronto soccorso con l'ordine n. 291 è molto approssimativa e imprecisa.

La composizione, il set e la posa di kit di pronto soccorso per lo shock anafilattico

Nel 2014 si è cercato di migliorare, in misura maggiore, il processo preparatorio per la fornitura di misure urgenti nello shock anafilattico. La composizione del kit di pronto soccorso è descritta in dettaglio, indicando non solo i farmaci, ma anche i materiali di consumo. La presenza di tali componenti è prevista:

  1. adrenalina - per iniezione locale e iniezione intramuscolare per fornire un effetto vasocostrittore quasi istantaneo;
  2. glucocorticosteroidi (prednisone) - per creare un potente anti-edema sistemico, azione antiallergica e immunosoppressiva;
  3. antistaminici sotto forma di soluzione per somministrazione endovenosa (prima generazione, come tavegil o suprastin) - per il più rapido effetto antiallergico;
  4. il secondo farmaco antistaminico (difenidramina) - per migliorare l'azione di tavegil e suprastin, così come per la sedazione (calmante) di una persona;
  5. aminofillina (broncodilatatore) - per eliminare il broncospasmo;
  6. materiali di consumo: siringhe, il cui volume deve corrispondere alle soluzioni disponibili; ovatta e garza; alcool etilico;
  7. catetere venoso (solitamente cubitale o succlavia) - per accesso continuo alla vena;
  8. soluzione salina per l'applicazione di soluzioni nella fase di assistenza secondaria.
  9. farmaci.

La composizione del kit di pronto soccorso del 2014 non prevede la presenza (e il successivo utilizzo) di diazepam (un mezzo per sopprimere il sistema nervoso) e una maschera di ossigeno. Il nuovo ordine non regola i farmaci nelle fasi di assistenza di emergenza.

In caso di shock anafilattico, i suddetti medicinali devono essere utilizzati immediatamente. Pertanto, in ogni ufficio dovrebbe essere equipaggiato con un kit di pronto soccorso, quindi lo shock anafilattico, improvvisamente derivante da una persona, verrà fermato con successo.

video

Pronto soccorso per shock anafilattico

Fonte di

Le raccomandazioni in questo articolo sono basate su fonti autorevoli ufficiali:

La composizione del kit di pronto soccorso anti-shock per anafilassi e i principi del pronto soccorso

Lo shock anafilattico è una reazione allergica atipica, che è caratterizzata da uno sviluppo immediato dopo che l'allergene ripetuto è entrato nel corpo umano. Questa condizione richiede la fornitura di cure mediche urgenti e il conseguente ricovero in ospedale, perché minaccia la vita di una persona. In ogni stanza di manipolazione, dove vengono eseguite le iniezioni, dovrebbe esserci un kit di pronto soccorso completo antishock.

Il ripetuto contatto con l'allergene provoca questa reazione patologica, anche nelle più piccole dosi. Molto spesso ciò si verifica nei seguenti casi:

  • Morsi di vespe, api, formiche.
  • L'introduzione di droghe. I farmaci più "aggressivi" sono gli antibiotici a base di penicillina, anestetici locali, sieri, agenti di contrasto contenenti iodio.
  • Meno comunemente, l'uso di allergeni alimentari o l'inalazione di antigeni.

Lo sviluppo dell'anafilassi è abbastanza veloce, in pochi minuti. Lo shock anafilattico può essere sospettato dai seguenti sintomi:

  • Perdita di coscienza a causa di una forte diminuzione della pressione.
  • La sensazione di soffocamento e la comparsa di mancanza di respiro, che sono causati da uno spasmo di muscoli bronchiali.
  • Edema di Quincke, che è caratterizzato da un aumento delle labbra, degli occhi, della lingua, della mucosa laringea. Ciò porta alla chiusura delle vie aeree e, di conseguenza, alla cessazione della respirazione in caso di mancata prestazione di assistenza medica.
  • Nausea, vomito, minzione involontaria e defecazione, orticaria, secrezione nasale.
  • Paura della morte

Gli insiemi completi dovrebbero essere collocati in ogni istituto medico (comprese le sale dentistiche e di allergia, asili, scuole, case di cura, ecc.) Dove vengono somministrate iniezioni, vaccinazioni profilattiche e immunoterapia specifica.

La posa e la composizione del kit di pronto soccorso anti-shock sono presentate nella tabella:

Pronto soccorso per shock anafilattico

L'anafilassi si sviluppa improvvisamente e molto rapidamente, quindi il compito principale in caso di reazione è quello di fornire il primo soccorso il più presto possibile, dal momento che è il primo soccorso che aiuta a salvare la vita di una persona.

Per aiutare, è necessario conoscere la procedura per quando si verifica una reazione e quali farmaci vengono utilizzati per alleviare un attacco. Esiste una lista approvata di prodotti che fanno parte del kit anti-shock, che dovrebbe essere presente in ogni istituzione medica, impresa e, se possibile, nella casa.

Anafilassi è diventato sempre più comune nella pratica medica. Secondo le statistiche, negli ultimi dieci anni il numero di casi di shock anafilattico è aumentato di 2,5 volte. I medici associano una tale intensa crescita di reazioni con la comparsa regolare di nuovi alimenti inorganici che possono portare a allergie alimentari.

In connessione con la situazione attuale, il Ministero della Salute ha sviluppato e approvato un certo numero di documenti normativi (ordini), regolando chiaramente la procedura per fornire assistenza medica primaria e secondaria per l'anafilassi, l'algoritmo delle azioni, nonché la composizione del kit di pronto soccorso.

Fai attenzione! I documenti descrivono tutte le fasi del sollievo della reazione d'urto, descrivono passo a passo le azioni di una persona ordinaria che non ha competenze mediche per fornire il primo soccorso di primo soccorso e presenta una lista di farmaci necessari in caso di reazione.

Un kit di pronto soccorso con una lista completa di farmaci usati per l'anafilassi dovrebbe essere presente in ogni procedura, in ufficio chirurgico, dentistico, così come negli uffici medici delle imprese, ed essere aggiornato regolarmente in conformità con i requisiti del Ministero della Salute.

Cosa dovrebbe essere nel kit di primo soccorso?

In conformità con gli standard sviluppati dal Ministero della salute, un kit di pronto soccorso per aiutare con anafilassi deve essere equipaggiato con i seguenti medicinali e materiali di consumo:

  • adrenalina 0,1% (10 fiale) - ha un effetto immediato sul cuore e sui vasi sanguigni - iniettato per via intramuscolare o usato per perforare il punto di ingresso dell'allergene;
  • cloruro di sodio, soluzione da 400 ml (2 pz.) - ripristina il bilancio idrico, allevia l'intossicazione - viene somministrato per via endovenosa tramite flebo;
  • Prednisolone in fiale (10 pezzi) - farmaco antishock, allevia rapidamente i sintomi della reazione;
  • Dimedrol (10 fiale) - neutralizza la produzione di istamina, sopprime l'eccessiva attività del sistema nervoso;
  • antistaminici (Tavegil, Suprastin) - bloccano i recettori dell'istamina, che provocano una reazione allergica;
  • aminofillina (10 fiale) - allevia gli spasmi dei bronchi, è usata per il supporto vitale degli organi respiratori;
  • alcool medico - 1 bottiglia;
  • siringhe (per 2 e 10 ml) - 10 ciascuno;
  • catetere (1 pz.) - consente l'accesso alla vena, è utilizzato per misure anti-shock;
  • cablaggio medico - 1 pezzo;
  • cotone idrofilo sterile;
  • bendaggio sterile o garza;
  • cerotto adesivo

Nel kit di pronto soccorso deve contenere le istruzioni.

Fondi aggiuntivi:

A seconda della complessità del corso dell'attacco, potrebbero essere necessari ulteriori farmaci e strumenti. Di norma sono a disposizione del medico dell'ambulanza che è arrivata, ma dato che l'anafilassi è un fenomeno improvviso, non sarà superfluo contenere alcuni di questi fondi in ufficio.

  • In caso di gonfiore degli organi respiratori, in particolare della laringe, non è sempre possibile gestire con le iniezioni da sole. In casi particolarmente difficili, il medico deve utilizzare un tubo di respirazione, che viene installato direttamente nella trachea stessa. Questa è un'operazione chirurgica e viene eseguita in clinica. Tuttavia, è possibile acquistare un tubo in farmacia e sono necessari anche farmaci anestetici per la procedura.
  • Se l'attacco è complicato da perdita di coscienza, vengono utilizzati farmaci anti-shock e una maschera di ossigeno, che vengono venduti anche in farmacia.
  • Per rimuovere la puntura dell'insetto è più comodo usare le pinzette. In questo modo, la puntura viene facilmente rimossa e il sacchetto contenente il veleno non viene compresso.
  • L'aiuto antishock comporta l'introduzione continua di cloruro di sodio nella vena principalmente da goccioline e per questo è necessario disporre di sistemi trasfusionali (per contagocce).

Questi strumenti ausiliari dovrebbero essere tenuti a casa se lo shock anafilattico si è già verificato prima, con una tendenza a gravi reazioni allergiche, nonché durante la partenza, quando la fornitura tempestiva di cure mediche qualificate non è sempre disponibile.

AZIONE:

  1. Interrompere la somministrazione del farmaco o del cocktail che ha causato lo shock anafilattico e iniettare prontamente prednisone al dosaggio di 1-2 mg / kg di peso del paziente, o desametasone 4-20 mg o idrocortisone 100-300 mg per via endovenosa o intramuscolare.
  2. Chiama un'ambulanza, metti il ​​paziente in posizione orizzontale, gira la testa di lato (prevenzione dell'aspirazione con il vomito).
  3. Introdurre adrenalina 0,5 ml - 1 ml di una soluzione allo 0,1% per via sottocutanea, in assenza di segni di aumento della pressione arteriosa dopo 10-15 minuti per rientrare.
  4. Immettere Dimedrol 5 ml - soluzione 1% o suprastin 2 ml - soluzione 2% per via intramuscolare.
  5. In caso di broncospasmo e difficoltà respiratoria, immettere anfilina 1-2 ml - soluzione al 24% per via intramuscolare o endovenosa al 2,4% - 10 ml (diluita con soluzione fisica).
  6. In presenza di insufficienza cardiaca, immettere per via endovenosa glicosidi cardiaci (Korglion 0,06% - 1 ml o strophanthin 0,05% - 1 ml).
  7. Quando si somministra un farmaco allergenico nella zona degli arti, applicare un laccio emostatico sopra il sito di iniezione e tagliare il sito con adrenalina diluita con NaCl 1:10.
  8. Attaccare un impacco di ghiaccio al sito dell'iniezione di allergene.

La composizione del kit di pronto soccorso anti-shock

Primo soccorso per shock anafilattico

Lo shock anafilattico (allergico) è considerato la manifestazione più terribile di allergia. Ogni persona, anche senza una laurea in medicina, è consigliabile sapere cosa fare in caso di shock anafilattico, in quanto può svolgere un ruolo cruciale nel salvare la vita di qualcuno o la vita di qualcuno intorno.

Lo shock allergico si riferisce alle cosiddette reazioni di ipersensibilità di tipo immediato e si sviluppa nelle persone allergiche quando rientrano nel loro corpo con qualsiasi sostanza che è diventata un allergene per quella persona. Anche conoscendo e attuando chiaramente l'algoritmo delle azioni per lo shock anafilattico, non è sempre possibile salvare la vita del paziente, poiché nel suo corpo si sviluppano processi patologici estremamente difficili.

contenuto

Cause e forme di shock anafilattico

Si ritiene che lo shock anafilattico si sviluppi più spesso in risposta a ripetuti ingestione dei seguenti tipi di allergeni:

  • Farmaci a base di molecole proteiche (farmaci per desensibilizzazione con allergie, antidoti sierici, alcuni vaccini, preparati insulinici, ecc.);
  • Antibiotici, in particolare penicillina e altri che hanno una struttura simile. Sfortunatamente, la cosiddetta "allergia crociata" si verifica quando gli anticorpi di una sostanza riconoscono un altro, simile nella struttura, come un allergene e scatenano una reazione di ipersensibilità.
  • Antidolorifici, in particolare la novocaina e i suoi analoghi;
  • Veleni di insetti hymenoptera pungenti (api, vespe);
  • Raramente: allergeni alimentari.

Questo è desiderabile conoscere e ricordare, perché a volte è possibile raccogliere anamnesi e ottenere informazioni sia sulla presenza di un'allergia in un paziente, sia sull'episodio di un potenziale allergene nel suo corpo.

Il tasso di sviluppo di una reazione anafilattica dipende in gran parte da come l'allergene è penetrato nel corpo umano.

  • Con la via di somministrazione parenterale (per via endovenosa e intramuscolare) si osserva lo sviluppo più rapido di anafilassi;
  • Quando una molecola di allergene attraversa la pelle (puntura d'insetto, iniezioni intradermiche e sottocutanee, graffi), così come attraverso il tratto respiratorio (inalazione di vapori o polvere contenente molecole di allergeni), lo shock non si sviluppa così rapidamente;
  • Quando un allergene penetra nel corpo attraverso il tratto digestivo (se ingerito), le reazioni anafilattiche si verificano raramente e non si sviluppano immediatamente, a volte entro mezz'ora dopo aver mangiato.

Esiste una relazione lineare tra il tasso di sviluppo dello shock allergico e la sua gravità. Si distinguono le seguenti forme di shock anafilattico:

  1. Fulminante (fulminante) shock - si sviluppa all'istante, in pochi secondi dopo che l'allergene entra nel corpo del paziente. Questa forma di shock porta più spesso alla morte, poiché è la più difficile e lascia poco tempo agli altri per aiutare il paziente, specialmente se lo shock si è sviluppato fuori dalle mura di un'istituzione medica.
  2. Una forma acuta di shock anafilattico si sviluppa nell'arco di diversi minuti fino a mezz'ora, il che dà al paziente il tempo di cercare aiuto e persino ottenerlo. Pertanto, la mortalità in questa forma di anafilassi è significativamente inferiore.
  3. La forma subacuta di shock anafilattico si sviluppa gradualmente, entro mezz'ora o più, il paziente ha il tempo di provare alcuni dei sintomi di una catastrofe imminente, e talvolta è possibile iniziare a fornire cure prima che si verifichi.

Quindi, nel caso dello sviluppo di una forma acuta e subacuta di shock anafilattico, un paziente può sperimentare alcuni dei sintomi dei precursori.

Segni di shock anafilattico

Quindi, quali sono questi segni di shock anafilattico? Elenchiamo in ordine.

  • Sintomi della pelle: prurito, orticaria da eruzione cutanea a rapida diffusione o eruzione cutanea, o arrossamento violento della pelle.
  • Edema di Quincke: il rapido sviluppo del gonfiore delle labbra, orecchie, lingua, mani, gambe e viso.
  • Sentirsi caldo;
  • Arrossamento degli occhi e delle mucose del naso e del rinofaringe, lacrimazione e fuoriuscita di liquido dalle narici, secchezza delle fauci, spasmo della glottide e dei bronchi, tosse spastica o abbaiante;
  • Cambiamenti dell'umore: depressione o, al contrario, eccitazione inquietante, a volte accompagnata dalla paura della morte;
  • Dolore: può essere un dolore cramping all'addome, un mal di testa palpitante, un dolore spremitura nella regione del cuore.

Come puoi vedere, anche queste manifestazioni sono sufficienti a mettere a rischio la vita del paziente.

In futuro, con forma acuta e subaffilata di anafilassi, e istantaneamente - con un fulmine, si sviluppano i seguenti sintomi:

  1. Un forte calo della pressione sanguigna (a volte non può essere determinato);
  2. Impulso rapido e debole (la frequenza cardiaca può aumentare di oltre 160 battiti al minuto);
  3. Oppressione della coscienza fino alla sua completa assenza;
  4. A volte - crampi;
  5. Grave pallore della pelle, sudore freddo, cianosi delle labbra, unghie, lingua.

Se in questo stadio non vengono fornite cure mediche di emergenza al paziente, la probabilità di morte aumenterà molte volte.

Meccanismi di sviluppo dello shock anafilattico

Per capire a cosa si basa l'algoritmo nell'aiutare lo shock allergico, è importante sapere qualcosa su come si sviluppa. Tutto inizia con il fatto che per la prima volta una sostanza riconosciuta dal sistema immunitario come estraneo viene rilasciata nel corpo di una persona incline all'allergia. A questa sostanza vengono prodotte immunoglobuline speciali - anticorpi della classe E. In futuro, anche dopo aver rimosso questa sostanza dal corpo, questi anticorpi continuano a essere prodotti e presenti nel sangue umano.

Quando rientrano nel sangue della stessa sostanza, questi anticorpi si legano alle sue molecole e formano immunocomplessi. La loro formazione funge da segnale per l'intero sistema protettivo del corpo e avvia una cascata di reazioni che portano al rilascio nel sangue di sostanze biologicamente attive - mediatori di allergia. Queste sostanze includono principalmente istamina, serotonina e alcune altre.

Queste sostanze biologicamente attive provocano le seguenti modifiche:

  1. Forte rilassamento dei muscoli lisci dei piccoli vasi sanguigni periferici;
  2. Un forte aumento della permeabilità delle pareti dei vasi sanguigni.

Il primo effetto porta ad un significativo aumento della capacità dei vasi sanguigni. Il secondo effetto porta al fatto che la parte liquida del sangue lascia il letto vascolare negli spazi intercellulari (nel tessuto sottocutaneo, nelle mucose degli organi respiratori e digestivi, dove si sviluppa l'edema, ecc.).

Quindi, c'è una ridistribuzione molto rapida della parte liquida del sangue: nei vasi sanguigni diventa molto piccola, il che porta ad una brusca riduzione della pressione sanguigna, all'ispessimento del sangue, alla distruzione dell'afflusso di sangue a tutti gli organi interni e ai tessuti, cioè allo shock. Pertanto, shock allergico e chiamato ridistributivo.

Ora, sapendo cosa succede nel corpo umano durante lo sviluppo dello shock, possiamo parlare di quali dovrebbero essere le cure d'emergenza per lo shock anafilattico.

Aiuto con shock anafilattico

È necessario sapere che le azioni durante lo shock anafilattico sono suddivise in pronto soccorso, primo soccorso e trattamento ospedaliero.

Il primo soccorso deve essere fornito da persone vicine al paziente al momento dell'inizio delle reazioni allergiche. La prima e principale azione sarà, naturalmente, il richiamo della brigata di ambulanze.

Il primo soccorso per lo shock allergico è il seguente:

  1. È necessario posare il paziente sulla sua schiena su una superficie piana orizzontale, mettere un rullo o un altro oggetto sotto i suoi piedi in modo che siano sopra il livello del corpo. Ciò promuoverà il flusso di sangue al cuore;
  2. Fornire aria fresca al paziente - aprire una finestra o uno sfiato;
  3. Rilassati, stendi vestiti sul paziente, per dare libertà ai movimenti respiratori;
  4. Se possibile, assicurarsi che nulla nella bocca del paziente impedisca la respirazione (rimuovere le protesi rimovibili, se si sono mossi, girare la testa a sinistra o destra, o sollevare, se il paziente ha una lingua, se si hanno delle convulsioni, provare a posizionare un oggetto duro tra i denti).
  5. Se è noto che un allergene è entrato nel corpo a causa dell'iniezione di un preparato medico o di una puntura d'insetto, è possibile applicare un laccio emostatico al di sopra del sito di iniezione o mordere o ghiaccio su questa area per ridurre la velocità di ingresso di allergeni nel sangue.

Se il paziente è in una struttura medica ambulatoriale, o se è arrivato un team SMP, è possibile passare alla fase di pronto soccorso, che prevede i seguenti punti:

  1. L'introduzione di una soluzione allo 0,1% di adrenalina - per via sottocutanea, intramuscolare o endovenosa, a seconda delle circostanze. Quindi, quando l'anafilassi si verifica in risposta ad iniezioni sottocutanee e intramuscolari, così come in risposta a punture di insetti, il posto di ingresso dell'allergene viene eliminato con una soluzione di adrenalina (1 ml di 0,1% di adrenalina per 10 ml di soluzione salina) in un cerchio - 4-6 punti, 0,2 ml per punto;
  2. Se l'allergene entra nel corpo in un modo diverso, è comunque necessaria l'introduzione di adrenalina nella quantità di 0,5-1 ml, poiché questo farmaco è per sua azione un antagonista dell'istamina. L'adrenalina contribuisce al restringimento dei vasi sanguigni, riduce la permeabilità delle pareti vascolari, aiuta ad aumentare la pressione sanguigna. Gli analoghi dell'adrenalina sono la noradrenalina, il mezaton. Questi farmaci possono essere utilizzati in assenza di adrenalina per aiutare con anafilassi. La dose massima ammissibile di adrenalina è 2 ml. È auspicabile frazionare, in più fasi, l'introduzione di questa dose, che fornirà un effetto più uniforme.
  3. Oltre all'adrenalina, il paziente deve entrare negli ormoni glucocorticoidi - prednisone 60-100 mg o idrocortisone 125 mg o desametasone 8-16 mg, preferibilmente per via endovenosa, può essere gocciolato o gocciolare, diluendo in 100-200 ml di cloruro di sodio allo 0,9% (NaCl).
  4. Poiché lo shock anafilattico acuto si basa su una carenza acuta di fluido nel sangue, è indispensabile iniettare un grande volume di liquido. Gli adulti possono rapidamente, con una velocità di 100-120 gocce al minuto, immettere fino a 1000 ml di NaCl allo 0,9%. Per i bambini, il primo volume iniettato di una soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% deve essere di 20 ml per 1 kg di peso corporeo (ovvero 200 ml per un bambino di 10 kg).
  5. Il team SMP dovrebbe fornire al paziente una respirazione libera e l'inalazione di ossigeno attraverso una maschera, in caso di edema laringeo, è necessaria una tracheotomia di emergenza.

Quindi, se è stato possibile stabilire un accesso endovenoso, il paziente viene avviato con l'introduzione di fluido già nella fase di primo soccorso e viene continuato durante il trasporto all'ospedale più vicino, che ha una unità di rianimazione e terapia intensiva.

Nella fase di trattamento ospedaliero, la somministrazione endovenosa del liquido inizia o continua, il tipo e la composizione delle soluzioni sono determinate dal medico curante. La terapia ormonale dovrebbe continuare per 5-7 giorni, seguita da un ritiro graduale. Gli antistaminici sono introdotti per ultimi e con molta cautela, poiché essi stessi possono innescare un rilascio di istamina.

Il paziente deve essere ricoverato in ospedale per almeno sette giorni dopo lo shock, perché a volte dopo 2-4 giorni si verifica un episodio ripetuto di una reazione anafilattica, a volte con lo sviluppo di uno shock.

Cosa dovrebbe essere nel kit medico in caso di shock anafilattico

In tutte le istituzioni mediche sono istituiti kit di pronto soccorso obbligatori per la fornitura di cure mediche di emergenza. In conformità con gli standard sviluppati dal Ministero della Salute, i seguenti medicinali e materiali di consumo devono essere inclusi nel kit di pronto soccorso per lo shock anafilattico:

  1. Soluzione allo 0,1% di adrenalina 10 flaconcini da 1 ml;
  2. Soluzione di cloruro di sodio allo 0,9% - 2 contenitori da 400 ml;
  3. Reopoliglyukin - 2 bottiglie da 400 ml;
  4. Prednisolone - 10 fiale da 30 mg ciascuna;
  5. Difenolo 1% - 10 fiale da 1 ml;
  6. Euphyllinum 2,4% - 10 fiale da 5 ml ciascuna;
  7. Alcool medico 70% - flacone da 30 ml;
  8. Siringhe sterili monouso con una capacità di 2 ml e 10 ml - 10 ciascuna;
  9. Sistemi per infusioni endovenose (gocciolamento) - 2 pezzi;
  10. Catetere periferico per infusioni endovenose - 1 pezzo;
  11. Cotone medico sterile - 1 confezione;
  12. Cablaggio - 1 pezzo