Aconito di lupo (wrestler): proprietà utili e uso di piante velenose in medicina

L'articolo discute l'aconito di Jungar. Imparerai come usarlo per scopi medicinali, come raccogliere e raccogliere una pianta, nonché quali precauzioni devono essere prese quando si usa l'aconito e quali sono le controindicazioni ad esso.

Aconito Jungar

Jungar Aconite o Dzungar Wrestler è un arbusto erbaceo perenne della famiglia Buttercup. A causa dell'alto contenuto di alcaloidi, è una pianta velenosa. I residenti del Kirghizistan, dove è comune l'aconito selvatico, lo chiamano "radice di Issyk-Kul". Il popolo di aconito è anche chiamato il re-erba, radice di lupo, radice di wrestler, fibra di vetro, ecc. Il nome latino per l'aconito di Jungar è Aconitum soongaricum.

Che aspetto ha

Aspetto dell'aconito di Jungar (aconito di lupo). L'aconito è un arbusto erbaceo che raggiunge un'altezza di 1,5 metri. Il rizoma è un cono a forma di cono di colore scuro, lungo fino a 2,5 cm e largo fino a 1 cm, il fusto è diritto, nudo o pesantemente pubescente, con un diametro di 6 mm.

Le foglie verde scuro si trovano nella parte inferiore e centrale della pianta. Situato su lunghi piccioli. Foglie alterne, arrotondate a forma di cuore, sezionate in cinque segmenti a forma di cuneo. Ogni foglia a sua volta è divisa in 2-3 lobi lanceolati con una punta acuminata. Dimensione foglia da 5 × 8 a 9 × 12 cm.

Grandi fiori blu-viola sono raccolti nei pennelli apicali e terminali. Dimensione dei fiori fino a 4 cm di lunghezza. I fiori hanno sepali coronoidi blu-viola. Sepale superiore con una lunga bocca, arcuato e allontanato dai lobi laterali. Sotto di esso ci sono due nettari nudi o leggermente pubescenti con uno sperone. Il perianzio ha lobi laterali di forma ovoidale arrotondata. Il fiore ha un'ovaia nuda superiore con uno stigma piccolo a doppia spaccatura, tre pistilli e circa 40 stami con due chiodi di garofano.

Il frutto di aconito è un secco trehlistka multi-piantina. Ogni foglietto con una punta curva e disegnata all'estremità. Il più delle volte si sviluppa un volantino. Semi fino a 5 mm.

L'aconito fiorisce nella seconda metà dell'estate. La maturazione dei semi inizia all'inizio di settembre.

Dove cresce

Nella sua forma selvatica, l'aconito cresce principalmente in Kazakistan, in Kirghizistan, in Cina e nel Kashmir. Nel nostro paese, il combattente Dzhungar può essere trovato nel territorio di Altai.

Radici e foglie

Nel trattamento della pratica popolare usando i tuberi e le foglie della pianta.

Composizione chimica

L'aconito di Korneklubni ha la seguente composizione chimica:

  • alcaloidi;
  • daukosterin;
  • carboidrati;
  • mezoinozidol;
  • acido citrico;
  • acido fumarico;
  • acido benzoico;
  • acido miristico;
  • acido oleico;
  • acido linoleico;
  • acido stearico;
  • acido palmitico;
  • flavoni;
  • resine;
  • saponine;
  • amido;
  • cumarina.

Il contenuto di alcaloidi nei tuberi della pianta raggiunge il 4%. Tra questi, l'aconitina è la più abbondante (fino allo 0,60%). Inoltre, l'aconito contiene anche altri alconoidi del gruppo aconitina, nonché efedrina, spartein, navelonina e neopellina.

La parte verde della pianta - foglie e steli, oltre agli alcaloidi, contengono acido ascorbico, flavonoidi, tannini, oligoelementi e altri elementi biologicamente attivi. La composizione di aconito non è stata ancora studiata, pertanto, dovrebbe essere usata con cautela per scopi medicinali.

Proprietà medicinali

Il lottatore di Dzungar ha le seguenti proprietà medicinali:

  • ha un effetto irritante e distraente locale;
  • allevia e allevia lo spasmo;
  • allevia l'infiammazione;
  • ha un effetto antimicrobico nelle ferite purulente;
  • ha un effetto antitumorale.

L'azione dell'aconito di Jungar sul corpo è causata dalla presenza di alcaloidi, in particolare dell'acido aconitico, che, a contatto con la pelle, provoca prurito e irritazione, seguita da anestesia della zona interessata. Quando ingerito, il veleno della pianta innesca specifiche reazioni corporee che, a loro volta, aiutano non solo a metabolizzare il veleno, ma anche a varie malattie.

Nell'omeopatia moderna, l'aconito è usato per trattare le seguenti malattie:

  • oncologia;
  • lesioni benigne;
  • nevralgie;
  • sciatica;
  • reumatismi;
  • gotta;
  • malattie infettive;
  • malattie cardiovascolari;
  • l'emicrania;
  • disturbi mentali;
  • malattie del tratto respiratorio superiore e polmoni;
  • ferite, fratture e lividi;
  • malattie gastrointestinali.

Come raccogliere

La raccolta delle radici si inizia da metà agosto e continua fino ai primi di ottobre. Inoltre, l'aconito viene raccolto in primavera. Il wrestler montato nella palude è meno tossico. I tuberi vengono accuratamente scavati, puliti e lavati in acqua corrente.

Successivamente, vengono essiccati al forno o in un essiccatoio automatico a una temperatura di 50-70 gradi. Dopo l'essiccazione, si ottengono circa 500 g di materia prima secca da 2 kg di radici fresche. Conservare la radice di aconito in sacchi di lino ben chiusi in un luogo buio e fresco.

Periodo di validità delle materie prime medicinali - 2 anni.

Le foglie del lottatore di Dzhungar vengono tagliate prima della fioritura per evitare l'inalazione dei vapori tossici della pianta in fiore. Le materie prime vengono lavate, asciugate e poi lasciate asciugare alla luce del sole.

Quindi le foglie sono disposte su un giornale pulito e lasciate in una stanza buia e ben ventilata fino a completa asciugatura. Le condizioni e la durata di conservazione delle foglie secche di aconito sono le stesse dei tuberi essiccati.

Come applicare

Radice di aconito (wrestler) è usato nella medicina tradizionale per il cancro. Per la prima volta l'aconito come pianta medicinale cominciò ad essere usato in Tibet. È stato usato per trattare vari tumori e malattie infettive. Nell'antica Roma, l'aconito veniva coltivato per scopi decorativi, ma a causa della sua elevata tossicità e di molti incidenti, fu rifiutato di riprodursi.

Oggi, il wrestler Jungar è utilizzato principalmente nella medicina alternativa. Sulla base delle radici e delle foglie della pianta, vengono fatti i preparativi per il trattamento delle malattie neurologiche e in oncologia. In omeopatia, l'aconito è usato per trattare emicranie e mal di testa.

Per uso domestico, l'aconito Dzhungar è usato come insetticida contro gli scarafaggi e le mosche. Nella produzione agricola l'aconito è soggetto a completa distruzione a causa dell'elevato grado di tossicità per le api da allevamento e da miele.

Per scopi terapeutici, le radici e le foglie di aconito sono utilizzate come antispasmodico, irritante locale e agente antibatterico. Inoltre, l'aconito è usato nel trattamento dell'oncologia nelle fasi successive. Per la preparazione di medicinali che utilizzano materie prime in forma fresca o essiccata.

Nel cancro

Il trattamento con potenti veleni di malattie oncologiche viene praticato nelle fasi successive, quando la medicina ufficiale non ha portato risultati. È importante ricordare che senza il consenso del proprio medico l'uso di aconito Jungar è inaccettabile.

L'aconito è usato in qualsiasi tipo di oncologia, incluso il cancro alle ossa. Si ritiene che il veleno della pianta inibisca la crescita delle cellule tumorali e blocchi lo sviluppo delle metastasi. Accetta l'infusione di aconito Jungar secondo uno schema specifico. Il veleno di aconito ha un effetto cumulativo. Nel trattamento del cancro, il dosaggio della tintura viene gradualmente aumentato. Piccole dosi innescano le proprietà protettive del corpo, e comincia a lottare non solo con l'intossicazione, ma anche con un tumore.

Tintura per il cancro

ingredienti:

  1. Tuberi di aconite secca tritata - 1 cucchiaino.
  2. Alcol alimentare

Come cucinare: diluire l'alcool commestibile con acqua pulita a 40 gradi. Riempire l'aconito secco con 500 ml di alcool diluito. Lasciare l'agente in infusione per 2 settimane in un luogo buio e fresco. Agitare periodicamente la tintura. Dopo la data di scadenza, filtrare con un tovagliolo di garza.

Come prendere: Inizia a prendere la tintura 1 goccia 2 volte al giorno. Prima di prendere, diluire la tintura in una piccola quantità di acqua potabile. Il giorno dopo, aumentare la dose di 1 goccia. Portare l'assunzione giornaliera a 10 gocce al giorno. Continua a prendere 10 gocce per 10 giorni. Quindi iniziare a prendere la tintura nel modo opposto, riducendo la dose giornaliera di 1 goccia. Prenditi una pausa per 1 mese. Spenda su questo schema 7 corsi di trattamento.

Per il dolore

La tintura di aconito viene anche utilizzata per vari tipi di dolore: mal di denti, emicrania, reumatismi, radicoliti e nevralgie.

Tintura con dolore

ingredienti:

  1. Tuberi di aconite secca triturata - 20 g.
  2. Alcol alimentare

Come cucinare: Versare alcol aconito (500 ml), diluito a 35-40 gradi. Consentire all'agente di infondere per 1 settimana in un luogo buio e fresco. Agitare periodicamente la tintura. Dopo la data di scadenza, filtrare con un tovagliolo di garza.

Come prendere: per i reumatismi e la radicolite, strofinare una piccola quantità di prodotto in un punto dolente e avvolgere con una benda di stoffa di cotone e poi con una sciarpa calda.

Per nevralgie e frequenti emicranie, prendere la tintura all'interno per 1 mese. Inizia con 1 cucchiaino. un giorno e gradualmente portare il dosaggio a 1 cucchiaio. al giorno

Per il mal di denti, strofinare 1 goccia di tintura nella gomma o applicare su un dente cattivo. Puoi anche strofinare una piccola quantità sulla guancia sulla parte del dente del paziente.

Quando ferite

Per il trattamento di ferite e bolle purulente e difficili da guarire, viene preparato un decotto di tuberi di aconite.

Brodo per ferite

ingredienti:

  1. Tuberi di aconite secca triturata - 20 g.
  2. Acqua limpida - 250 ml.

Come cucinare: Far bollire l'acqua. Versare acqua bollente sui tuberi essiccati. Metti il ​​brodo a fuoco lento e fai bollire i tuberi di aconito per 20 minuti. Raffreddare e filtrare il decotto con un tovagliolo di garza.

Come prendere: lavare delicatamente il sito di infiammazione con il decotto risultante. Eseguire la procedura fino a 3 volte al giorno.

Imparerai di più sull'uso dell'aconito di Jungar nel seguente video:

Tintura di aconito Jungar

La tintura finita di aconito Jungar può essere acquistata presso i negozi online specializzati nella vendita di preparati a base di erbe e omeopatici. Costo medio - 900 rubli. per 100 ml.

La tintura viene utilizzata per il trattamento di neoplasie maligne di qualsiasi tipo, formazioni cistiche, malattie infettive e cardiovascolari, ed è anche utilizzata per nevralgie, paralisi e dolore.

La tintura ha la seguente composizione:

  • radice di aconito (10%);
  • alcol alimentare (40%);
  • acqua purificata.

Precauzioni di sicurezza

Il lottatore di Dzungar è una pianta velenosa. Osservare le seguenti precauzioni quando lo si utilizza:

  1. Quando si raccolgono e si raccolgono aconiti usare guanti monouso.
  2. Non toccare la pelle aperta e la mucosa durante la preparazione e l'uso di materie prime per scopi medici.
  3. Mentre si asciugano le radici nel forno, coprire la teglia con carta da forno e, dopo l'asciugatura, lavarlo accuratamente con detersivo per piatti.
  4. Dopo aver lavorato con le materie prime, lavarsi accuratamente le mani con sapone e acqua corrente.
  5. Conservare le materie prime medicinali finite separatamente da qualsiasi prodotto alimentare e medicinale.
  6. Tenere le materie prime fuori dalla portata di bambini e animali domestici. Assicurati di etichettare le materie prime con l'etichetta "Attenzione! Veleno! "
  7. Non superare il dosaggio consentito del farmaco.
  8. Prima dell'uso di tintura alcolica di aconito all'interno, assicurarsi di dissolverlo in una piccola quantità di acqua potabile per evitare l'avvelenamento.
  9. Prima di utilizzare Jungar aconite, assicurarsi di consultare il proprio medico.
  10. In caso di grave malessere dopo l'assunzione di aconito, chiamare immediatamente un medico.

Controindicazioni

L'aconito ha le seguenti controindicazioni:

  • intolleranza individuale;
  • suscettibilità alle allergie;
  • età da bambini;
  • la gravidanza;
  • periodo di allattamento;
  • ipotensione arteriosa.

classificazione

Jungar Aconite ha la seguente descrizione tassonomica:

  • dipartimento: fioritura;
  • classe: bicromatica;
  • ordine: colore del burro;
  • famiglia: ranuncoli;
  • gara: combattente;
  • vista: lottatore Dzhungarsky.

specie

Il genere Borets ha circa 300 specie di piante, di cui oltre 50 specie crescono in Russia. I seguenti tipi di aconito sono i più comuni:

  • Jungar;
  • il curling;
  • la barba;
  • a nord;
  • Amur;
  • Baikal;
  • arcuato;
  • ombra;
  • aconito Fisher;
  • aconito Schukin;
  • aconito Chekanovsky.

Infographics di aconito jungar

Foto dell'aconite di Dzhungar, delle sue proprietà utili e dell'uso di infographics di Aconite Jungar

Cosa ricordare

  1. Jungar Aconite è una pianta velenosa con un alto contenuto di alcaloidi.
  2. Non è usato nella medicina ufficiale.
  3. Prima di usare la tintura di aconito, consultare il medico.
  4. Non automedicare.

Osservare le precauzioni durante la raccolta e la raccolta di una pianta.

Supporta il progetto - racconta di noi

Aconito Jungar

L'aconito di Jungar è una pianta erbacea velenosa perenne, altrimenti chiamata radice di lupo, ranuncolo blu, lombaggine, occhi azzurri, erba del re, zucchetto, ecc. Ha un gambo dritto (può essere nuda o pubescente nella parte superiore), che può raggiungere 1,8 metri di altezza. Le foglie dell'aconita di Dzhungar sono alterne, arrotondate nel contorno, picciolate, di colore grigio scuro dissecato da cinque a cinque.

I germogli apicali di infiorescenze sono costituiti da fiori di forma irregolare, che possono essere di una tonalità diversa, in particolare viola, blu, lilla, giallo, crema e persino bianco. I sepali della pianta in questione sono grandi e bizzarri contorni. Sono a cinque foglie, corolla. Quello superiore ricorda un elmo o un berretto sotto il quale sono nascosti gli altri elementi floreali (alone ridotto, trasformato in diversi nettari blu). Fiori nella seconda parte dell'estate. L'aconito di Jungar cresce in Europa, Asia e Nord America. Puoi incontrarlo nell'Himalaya orientale, in Nepal, in Birmania, in Cina, nelle foreste di montagna, situate a un'altitudine di 3-4 mila metri sul livello del mare.

I frutti di aconito di Jungar sono foglietti a tre foglietti secchi. Tuberi, in cima a cui si trovano i boccioli, hanno una forma conica allungata. Sono rugose longitudinalmente, contengono tracce di radici lontane. La lunghezza media di un tubero è di 3-8 cm, lo spessore della parte più larga è di 1-2 cm. Dentro, il suo colore è giallastro, e all'esterno è nero-marrone.

Raccolta e conservazione di aconito di Jungar

Nella medicina popolare vengono utilizzati tuberi secchi e foglie di aconito di Jungar. Le radici vengono raccolte in autunno, a partire dal 15 agosto e il 1 ottobre. Dopo che i tuberi sono stati scavati, devono essere puliti dal suolo e dallo sporco, lavati accuratamente in acqua fredda e asciugati a una temperatura di 50-70 gradi Celsius. Da 4 chilogrammi di radici fresche, si ottiene circa un chilogrammo di mezzi secchi.

Le foglie di aconite di Djungar vengono raccolte prima della fioritura o durante la fioritura. Dopo di ciò, vengono essiccati al sole per un breve periodo di tempo, quindi asciugati sotto una tettoia ben ventilata. Dopo l'essiccazione, le materie prime dovrebbero rimanere verde scuro.

A causa del fatto che il tipo di aconito è velenoso, dovrebbe essere raccolto con guanti o guanti. In questo caso, a contatto con la pianta, non puoi toccare gli occhi. Lavati accuratamente le mani con il sapone dopo il lavoro.

È necessario tenere asciutto l'aconito di Jungar in sacchetti di tessuto o contenitori chiusi per due anni in un luogo buio. Se la materia prima ottiene costantemente i raggi del sole, perderà le sue qualità curative. La pianta dovrebbe essere localizzata separatamente dalle erbe non velenose.

Applicazione nella vita quotidiana

Con l'aiuto dell'erba di aconite Dzhungar, che è il più forte insetticida, puoi distruggere le mosche e proteggere la casa dalle zanzare - basta mettere 1-2 steli di aconito sulla finestra. Tintura ottenuta dai fiori di questa pianta, ti permette di sbarazzarti degli scarafaggi.

La composizione e le proprietà terapeutiche dell'aconito

  • L'aconito di Jungar comprende glicosidi, alcaloidi, oli essenziali, saponine, flavonoidi, phytoncides, acidi organici, che determinano le principali proprietà curative della pianta specificata.
  • Attualmente, è usato come antisettico, anestetico, nel trattamento delle ferite purulente che non guariscono da molto tempo.
  • A causa del fatto che l'aconito Jungar contiene sostanze che hanno un forte effetto irritante, che aumenta il flusso di sangue nella zona di influenza, l'infusione di questa pianta viene utilizzata per liberarsi dalla radicolite e alleviare le condizioni generali del paziente con osteocondrosi.
  • L'Aconite Dzhungar influenza positivamente il trattamento dell'ulcera gastrica e dell'ulcera duodenale 12. Inoltre, gli esperti raccomandano l'uso della pianta nei seguenti casi:
  1. persone con fratture, lussazioni di ossa, lividi;
  2. persone che soffrono di artrite, reumatismi articolari, gotta, sciatica;
  3. quelli che hanno l'epilessia, disturbi nervosi (depressione, malinconia, isteria, pianto) e altre malattie mentali;
  4. con neurite del nervo uditivo, forti mal di testa, emicranie, vertigini;

    L'uso di aconito Jungar nella medicina tradizionale

    Considera le ricette collaudate per la preparazione di composizioni curative basate sull'aconite di Jungar.

    Tintura di aconito Jungar, usato nelle malattie del cancro

    Un cucchiaino di polvere, costituito da tuberi secchi di una pianta, è necessario versare 500 ml di vodka. La composizione deve essere infusa per due settimane in un luogo buio. Allo stesso tempo, si consiglia di scuotere il contenitore con il prodotto ogni giorno. Dopo la scadenza del periodo specificato, la tintura viene filtrata attraverso diversi strati di garza. È necessario prendere questo rimedio 3 volte al giorno, iniziando con una goccia, diluito in 50 ml di acqua. Ogni giorno dovresti aggiungere una goccia a ciascuno dei metodi. Quando aumenti la dose a 10 gocce, prendi questa quantità di tintura per 10 giorni. Quindi il dosaggio viene gradualmente ridotto e portato a una goccia. Dopo ciò dovrebbe esserci una interruzione di trattamento per un mese. Sette cicli di trattamento sono condotti allo stesso modo.

    Tintura di aconito Jungar per eliminare emicrania, mal di denti, dolori derivanti da reumatismi e nevralgie

    20 grammi di radice di pianta secca devono essere versati 500 ml di vodka e infusi per una settimana. Dopo il periodo specificato, la composizione dovrebbe acquisire il colore del tè preparato.

    Le persone con reumatismi hanno bisogno di strofinare il prodotto in un'area problematica, che dovrebbe poi essere avvolto in un panno caldo, ad esempio, la flanella.

    Le persone che soffrono di emicrania, nevralgia, tintura dovrebbero essere utilizzate, a partire da un cucchiaio (cucchiaino), aumentando gradualmente il dosaggio giornaliero a un cucchiaio. Il corso del trattamento è di un mese.

    Per il mal di denti, una goccia di tintura dovrebbe essere posta su un dente che disturba. Gli esperti consigliano anche di strofinare sulla guancia un cucchiaio di composizione curativa.

    Acetite di brodo Dzhungarsky da vecchie ferite e bolle

    I tuberi secchi tritati della pianta in esame devono essere riempiti con acqua bollente (250 ml) e messi su un fuoco piccolo per circa 20 minuti. Quindi lo strumento dovrebbe essere fresco e drenare delicatamente. Vengono lavati con ferite e bolle diverse volte al giorno.

    Tintura con aconito nella malattia di Parkinson, paralisi

    Schiacciare e mescolare la radice di aconito (2 g) con la radice della radice nera medicinale (30 g), la peonia bianca (30 g) e la radice della noricite nodosa (20 g). La miscela secca risultante deve essere versata con un litro di vodka e infusa per 28 giorni. Per usare la composizione finita dovrebbe essere a stomaco vuoto secondo lo schema seguente: iniziando da uno e portando fino a 35 gocce (il dosaggio giornaliero è aumentato di una goccia) e viceversa. Si noti che lo strumento deve essere diluito con acqua in un volume di 100 ml. Se la tintura è scarsamente tollerata, la dose può essere aumentata più lentamente - di una goccia in due giorni.

    Tintura di aconito per i pazienti con cancro del cavo orale, del tratto gastrointestinale, della vescica

    Mescolare radice di aconito (2 g), radice di calamo (30 g), assenzio (20 g), tuberi di radice nera (10 g), radice di celidonia (10 g), radice di geranio rosso sangue (30 g), versare la miscela secca risultante vodka (1 l). È necessario insistere sulla composizione tra 4 settimane. Dopo il filtraggio, è necessario bere il rimedio, iniziando con una goccia e portandolo a 45 (una tintura di tintura dovrebbe essere aggiunta al giorno). Quindi in ordine inverso (riducendo gradualmente il numero di gocce). La tintura prima dell'uso deve essere diluita in 150 ml di acqua.

    È vero che l'aconito jungar guarisce il cancro?

    Le informazioni sul fatto che il cancro possa essere curato con l'aconito è molto controverso. L'uso dell'aconita di Jungar per il trattamento del cancro è registrato negli scritti medici dell'antico Tibet. Per cominciare, ci sono diverse forme e localizzazioni di questa malattia. Ci sono stati casi di effetti terapeutici della tintura alcolica di aconito su alcune forme di cancro e tumori benigni.

    Storia di uso di aconito in medicina

    Verso la metà del XIX secolo apparve la prima menzione dell'uso dell'aconito per il trattamento del cancro (rivista Lancet, Inghilterra). Allo stesso tempo sono state selezionate le dosi omeopatiche. Nel 20 ° secolo, la tintura di aconito è stata utilizzata da oncologi di diversi paesi.

    La tintura di aconito nella medicina tradizionale e l'omeopatia è tradizionalmente usata per combattere il cancro. È considerato sia come un aiuto che come il principale. Ci sono riferimenti ai risultati positivi dell'uso di estratti di aconito nel complesso trattamento del melanoma e di altre lesioni tumorali delle mucose, della pelle.

    Dal momento che l'aconito è molto velenoso, si possono prendere solo micro dosi della sua tintura. Il regime di trattamento viene selezionato individualmente da un omeopata. È importante monitorare costantemente la risposta e il benessere del corpo. Con una pronunciata reazione negativa del corpo, il farmaco viene immediatamente cancellato.

    1. Solzhenitsyn ha una menzione che l'aconito è stato usato con successo per curare il cancro ("Cancer Corps"). Scrive che è stata la radice di Issyk-Kul (aconito) a salvarlo dal cancro.
    2. Insieme all'aconite, la cicuta è usata per curare il cancro. È stato osservato un modello - la cicuta può supportare nella lotta contro il cancro dell'intestino, gli organi urinari e il lottatore può sostenere il cancro di tutti gli organi che si trovano al di sopra della cintura. Allo stesso tempo, l'aconito è considerato il più velenoso e pericoloso. Non affronterà il cancro da solo, ma è possibile che svolgerà un ruolo nel trattamento complesso.
    3. In oncologia, è consigliabile utilizzare l'aconito per ridurre il dolore e guarire i tessuti danneggiati, nonché per rallentare la crescita di un tumore e combattere le metastasi.

    Quali forme di cancro sono raccomandate per l'uso

    In omeopatia, la tintura di un wrestler viene utilizzata per vari tipi di cancro, incluse le metastasi. L'aconitina è in grado di penetrare in profondità nei tessuti e influire negativamente sulle cellule tumorali. È anche indicato per neoplasie benigne.

    Affinché la tintura ne tragga beneficio, è importante prepararla adeguatamente e selezionare la dose ottimale. Tuttavia, in omeopatia questo rimedio è ampiamente utilizzato nella lotta integrata contro il cancro. Se decidi di usare l'aconito di Jungar nel trattamento del cancro, un esperto omeopata o erborista può dirti come prenderlo. Nella medicina ufficiale, questa pianta non è attualmente utilizzata.

    Veleno o medicina utili

    L'aconito appartiene alle piante velenose. Contiene alcaloidi - aconitine, che in una dose letale possono causare arresto respiratorio. Nel Tibet antico, ha cominciato ad essere utilizzato a scopi terapeutici, anche per il trattamento del cancro.

    Le Aconitine possono facilmente penetrare nella pelle! Non è necessario preparare lo strumento da soli. Acquista tintura di aconito Dzhungarsky può essere nei negozi di omeopati o ordinato online. Quest'ultimo metodo è più rischioso, poiché non vi è alcuna garanzia che vi venga inviato un farmaco di qualità e non un falso.

    Le sostanze molto aggressive sono sempre usate per curare il cancro. Hanno molti effetti collaterali. Tintura alcolica di aconito di Jungar può influenzare negativamente le cellule tumorali, ma ha lo stesso effetto sui tessuti sani.

    Gli effetti dei farmaci che sono ufficialmente approvati per il controllo del cancro possono essere controllati. Agiscono in modo selettivo. L'uso della tintura di aconito è piuttosto rischioso. Per ottenere un effetto terapeutico duraturo, è necessario aumentare la dose in modo incrementale.

    La tintura di acunite di Jungar è utilizzata in omeopatia per il trattamento di numerose malattie, incluso il controllo del cancro. In questo caso, gli omeopati sottolineano che è necessario raggiungere una concentrazione del farmaco nel sangue, che raggiungerebbe la soglia massima consentita. È individuale in diversi pazienti. Perché il dosaggio deve essere selezionato con molta attenzione. Se decidi di prendere Jungar Aconite per il trattamento del cancro, dovresti iniziare con le dosi microscopiche.

    L'aconito di Jungar, il cui trattamento non è approvato dall'OMS, non fa parte del regime di trattamento tradizionale del cancro. Non è usato affatto nella medicina ufficiale.

    In Bulgaria, Cina, India, la tintura di aconito è ufficialmente approvata per l'uso. Nell'URSS, il farmaco veniva anche usato per il trattamento complesso del cancro.

    Il chirurgo oncologo T. Zakaurtseva ha condotto una ricerca approfondita e sviluppato la sua tecnica per il trattamento delle malattie oncologiche. Prima di rimuovere il tumore, ha subito un trattamento di tintura con aconito. L'operazione è stata eseguita dopo aconitina ha rallentato la crescita e l'attività del tumore. Il corso del trattamento con aconitina è stato ripetuto dopo l'intervento chirurgico. È stato osservato che l'aconitina inibisce la crescita del cancro, elimina le metastasi.

    Caratteristiche del trattamento del cancro con aconito

    Poiché l'aconito non è usato nella medicina ufficiale, l'oncologo non si assumerà la responsabilità di tale trattamento.

    Con il complesso trattamento del cancro con l'aconito, a volte c'è una tendenza positiva:

    • la metastasi rallenta, il loro numero diminuisce;
    • se usato correttamente, quasi nessun processo irreversibile si sviluppa nei tessuti e negli organi;
    • con il giusto dosaggio, c'è un minimo di effetti collaterali;
    • l'aconitina è in grado di rallentare lo sviluppo di un tumore e anche di ridurlo un po ';
    • depressione ridotta, dolore, intossicazione.

    Schemi per l'uso di aconito in oncologia alternativa

    Il più delle volte il farmaco è usato in omeopatia. Viene utilizzato un estratto di alcool al 10% da tuberi, foglie di rapo o aconito rosso. Queste sono le specie più tossiche. Per ottenere la massima precisione di dosaggio, è meglio usare una siringa per insulina. Contiene 1 ml, che corrisponde a 40 gocce.

    È impossibile usare una pipetta per il dosaggio. Dà un alto margine di errore che può causare un sovradosaggio.

    Prendete la tintura è meglio a stomaco vuoto o un paio d'ore dopo un pasto. Gocce diluite in un quarto di tazza di acqua bollita raffreddata. La dose giornaliera è gradualmente aumentata. Se inizialmente è 1 goccia, allora entro il 20 ° giorno saranno 60 gocce. Quindi il numero di gocce viene ridotto utilizzando l'ordine inverso. Il ciclo di trattamento sarà di 39 giorni. Questo è uno schema approssimativo. Deve essere selezionato individualmente.

    Il trattamento standard è di tre portate. Tra ogni interruzione in due settimane. Se si ottiene un effetto positivo prolungato, il trattamento viene interrotto. Quando la terapia recidiva può essere ripetuta.

    Se si usa una pianta dall'aspetto debole per fare una tintura, la dose sarà misurata in ml e non in gocce.

    Metodo di trattamento "Tsar" con aconito tumorale

    È stata sviluppata da un omeopata praticante Tishchenko V.V. Secondo questo metodo, viene anche usata la tintura, ma si raccomanda di bere solo una goccia del farmaco al giorno. È diluito in 100 ml di acqua. Ogni giorno, solo una volta, a stomaco vuoto, è necessario bere una goccia del farmaco. Il corso del trattamento è fino alla guarigione.

    Non prendere una tintura di aconito con decotto di erbe!

    Rischi di utilizzo

    Se usi la tintura di aconito, è importante ricordare i segni di avvelenamento di questa pianta:

    • voglia di vomitare;
    • intorpidimento, guance, labbra, polpastrelli;
    • c'è la sensazione che la pelle d'oca stia correndo per il corpo;
    • appare la sete;
    • la temperatura precipita;
    • con grave avvelenamento, i muscoli delle gambe, delle braccia, del viso, della contrazione, della vista si deteriorano, la respirazione è difficile.

    È severamente vietato provare anche una piccola parte del tuberito di aconito! La radice di aconito Dzhungarskogo estremamente velenoso. Anche 1 grammo può contenere una dose letale di aconitina.

    Come potete vedere, l'aconito di Jungar nel trattamento del cancro può essere usato solo in modo informale. È importante prendere in considerazione il tipo di tumore, le sue dimensioni, la localizzazione, la presenza di metastasi, le dinamiche del trattamento. Certo, non puoi usare solo una tintura. Il trattamento dovrebbe essere completo. È accuratamente selezionato dall'oncologo. Chiedi al tuo medico se è possibile integrare il trattamento complesso con la tintura di aconito.

    Aconito Jungar

    Trattamento dell'aconito, preparazione e uso della tintura

    Descrizione botanica dell'aconito di Jungar

    L'aconito, o un wrestler diverso, appartiene alla famiglia dei ranuncoli. Si tratta di un cespuglio perenne alto (fino a 2 m) che fiorisce con bellissimi fiori viola dalla forma elegante. I biologi chiamano questi fiori "zigomorfi", perché l'aconito non è simile alla maggior parte dei ranuncoli, sembra più un lupino, riferendosi ai legumi.

    L'aconito cresce allo stato selvatico in tutto l'emisfero settentrionale. La scienza conosce circa trecento specie di questa pianta velenosa, di cui 75 specie crescono solo in Russia. Nonostante l'uso diffuso, alcuni tipi di aconito sono considerati rari e protetti. Ad esempio, la specie Aconitum noveboracense è elencata nel Libro rosso. L'habitat preferito di aconito è il terreno ricco di coste fluviali, bordi delle strade di campagna e prati di alta quota.

    Fatti interessanti su aconito

    L'aconite è una delle piante più mistiche e ventilate. Il suo nome può essere trovato sulle pagine di antiche leggende, epopee scandinave e folio magici.

    Ci sono fatti storici interessanti su questa pianta:

    Negli antichi giardini romani, l'aconito veniva coltivato con uno scopo decorativo: lussureggianti macchie viola decoravano persino il palazzo imperiale. Ma nel 117, Traian sospettava una connessione tra numerosi casi di avvelenamento dei suoi servi e cespugli di aconito, e proibiva di coltivare questa pianta;

    L'aconito era usato dagli antichi greci come veleno per uccidere i criminali condannati a morte. Pertanto, la pianta ha una triste gloria, simile alla gloria della cicuta (hemlock), con cui il filosofo Socrate, che fu accusato di cospirazione politica, fu avvelenato;

    Sull'isola di Chio, nel Mar Ionio, c'era un'usanza crudele, secondo la quale i membri della società, non beneficiando in virtù della loro malattia o della vecchiaia, erano obbligati a bere il veleno di aconito e ad andare in un altro mondo;

    Plutarco descrisse nei suoi scritti un episodio di avvelenamento aconito di soldati dell'imperatore Marco Antonio. Secondo l'uomo saggio, i disgraziati guerrieri cadevano nell'incoscienza e vagavano in tondo, sollevando ogni pietra sul loro cammino, come se stessero cercando qualcosa di estremamente importante. Allora hanno vomitato la bile e la morte dolorosa è venuta;

    A est dell'India, è noto il bic velenoso, che i locali hanno usato per secoli per inumidire le punte di freccia e le lance prima di cercare un grosso animale. Le tribù del Digaroh stanno ancora sfregando le radici di aconito per questo scopo;

    Al tempo della santa inquisizione nell'Europa medievale, la presenza di aconito in casa era la ragione per accusare le donne di stregoneria. La strega fu processata e bruciata sul rogo proprio sulla piazza della città.

    Storia di uso di aconito in medicina

    Le prime informazioni scientifiche sull'aconite, come su una pianta medicinale, possono essere raccolte dal trattato "Quattro libri" di Tetbat. Ciò che è particolarmente degno di nota, i monaci che scrissero "Zhudshi" nel settimo secolo d.C., usavano l'aconito principalmente per il trattamento dei tumori e, in misura minore, per l'eradicazione delle infezioni.

    Plinio il Vecchio, autore di Storia naturale, cita l'aconito come rimedio per le malattie degli occhi. Lo scienziato cita numerosi fatti di pazienti guaritori con glaucoma e cecità con l'aiuto di succo di aconito, ma avverte della velenosità di questa pianta e la chiama "arsenico vegetale".

    Il medico viennese Anton Sterk (1731-1803) prestò maggiore attenzione all'aconite, come agente antitumorale. Questo è il primo medico che ha condotto studi scientifici documentati sulla pianta velenosa. Sterk ha cercato di determinare sperimentalmente la dose di aconito, ottimale per il trattamento dei tumori maligni, e il massimo consentito per l'uomo.

    Nel 1869, nell'autorevole edizione londinese di The Lancet, apparve un ampio articolo sul trattamento omeopatico del cancro. L'eroe principale della pubblicazione medica era proprio l'aconito, che era considerato lo strumento più potente contro le neoplasie maligne di qualsiasi localizzazione. Gli autori hanno citato diversi casi di recupero di pazienti affetti da cancro che hanno assunto la tintura di aconito.

    Poco prima, nel 1838, la rivista russa Sovremennik pubblicò una lettera di Vladimir Dal a un amico, il dottor Odoevskij, che si chiamava "On Homeopathy". Il famoso autore del dizionario esplicativo e il ricercatore della vita rurale Dahl racconta come sia riuscito a curare il Bashkir da una grave polmonite con l'aiuto di aconito. Secondo l'autore, il terzo giorno il paziente si alzò in piedi, si sedette in sella e cantò canzoni. È anche noto che Vladimir Dal, che si fidava esclusivamente delle proprietà curative dell'aconito, trattava suo figlio con la groppa con questa pianta.

    Il primo medico sovietico che prestò molta attenzione all'aconita fu la televisione. Zakaurtseva, oncologo con 35 anni di esperienza. Dal 1953 al 1988, ha condotto uno studio sulle proprietà terapeutiche dell'aconito e il risultato è stato una tecnica unica di trattamento del cancro. Inizialmente, Zakaurtseva sottopose il paziente a terapia a lungo termine con tintura di aconito, e poi, quando il tumore si ridusse di dimensioni e fu localizzato, eseguì la rimozione chirurgica. Per consolidare l'effetto e l'assicurazione contro le metastasi, il trattamento di tintura è stato ripetuto. In questo modo riuscì a curare diverse dozzine di pazienti, compresi quelli che erano nel secondo e terzo stadio del cancro.

    Nel 1946, due tipi di aconito furono ufficialmente inclusi nella farmacopea statale sovietica: Karakol e Jungar. Anche se attualmente l'aconito non ha uno status di medicinale ufficiale in Russia, il suo tipo "pallido vuoto" è usato nella produzione del farmaco allapinina, che viene trattato per l'aritmia. E l'aconito Dzhungar viene utilizzato attivamente dagli erboristi per il trattamento del cancro e di molte altre malattie.

    Altri usi per l'aconito

    Coltivatori di fiori dell'Europa occidentale e specialisti del paesaggio coltivano diverse specie di aconito leggermente velenoso a scopo decorativo: Aconitum variegatum, Aconitum lycoctonum, Aconitum napellus, Aconitum stoerckeanum e Aconitum cammarum, meglio conosciuto come "bicolore". Tutti questi sono graziosi arbusti bassi (1-1,2 m) con lussureggianti infiorescenze piramidali costituiti da molti bellissimi fiori viola, blu, bianchi, blu e gialli. Le specie di giardino di aconito, come quelle a crescita spontanea, sono molto modeste nella cura e non sono soggette agli effetti distruttivi degli insetti nocivi, poiché sono velenosi, anche se un po '.

    L'aconito che cresce nei prati può agire come una pianta di miele, ma le api siedono con riluttanza su di esso, e solo se non ci sono altre piante da fiore nelle vicinanze. Gli apicoltori raccomandano di estirpare i boschetti di aconiti vicino agli apiari, poiché vi sono numerosi casi di avvelenamento e morte di api che raccolgono nettare e polline da aconito.

    La composizione chimica dell'aconito

    Due tipi di alcaloidi sono contenuti negli steli, foglie, fiori e radici di aconito:

    Il primo tipo di alcaloidi volatili non è velenoso: è una struttura molecolare a 5-7 anelli, che si decompone in arucanina e un acido organico a seguito dell'idrolisi. Essenzialmente, gli alcaloidi di atsina sono i mono- e di-esteri degli acidi benzoico e acetico. Sono contenuti in aconito in piccolissime quantità e causano i suoi effetti benefici sul sistema cardiovascolare dell'uomo.

    Il secondo tipo di alcaloidi, che prende il nome dalla pianta stessa, è molto più interessante. Questi alcaloidi sono rappresentati da ipoaconitina, mezaconitina, isaconitina e aconitina stessa. Non si dissolvono affatto nell'acqua, leggermente - nell'etere, eccellente - nel cloroformio. Durante l'idrolisi, si scompongono in acido benzoico e acetico, ipoaconina, mezaconina o aconina, rispettivamente. La più alta concentrazione di alcaloidi dell'aconitina nei tuberi di una pianta: per esempio, nell'aconite di Jungar, può raggiungere il 4%.

    Oltre al velenoso alcaloide, le radici dell'aconito contengono:

    monkshood

    Descrizione al 31 maggio 2015

    • Nome latino: Aconite
    • Ingrediente attivo: Kornnekorni o erba di una pianta del genere Aconitum.
    • Produttore: raccolta a mano e mano (Repubblica del Kazakistan, Russia, Ucraina)

    struttura

    La preparazione, prodotta sotto forma di granuli omeopatici, include la tintura di aconito diluito secondo i metodi adottati in omeopatia.

    Per la produzione di compresse con estratto di aconito evaporato. Ogni compressa corrisponde a 0,02 residui secchi di tintura della pianta.

    La composizione della tintura include estratto di tuberi di aconite (per il 10% di tintura in un rapporto di 1:10). Come estrattore si usa etanolo al 40%.

    Modulo di rilascio

    • Granuli di zucchero
    • Tintura omeopatica.
    • Compresse standard alcaloidi.
    • Tintura di alcol
    • Materie prime medicinali da tuberi.

    Azione farmacologica

    Medicina omeopatica con proprietà antinfiammatorie, antimicrobiche, anestetiche, antispasmodiche e narcotiche.

    Farmacodinamica e farmacocinetica

    Lo strumento ha un effetto combinato, che è principalmente finalizzato alla normalizzazione dei processi di autoregolamentazione. Agendo sul sistema nervoso centrale e stimolando il centro responsabile dell'inibizione del NS parasimpatico, l'aconito mostra un'elevata attività analgesica, allevia la febbre e l'infiammazione, riduce la funzione secretoria delle ghiandole, bronchi e polmoni, riduce la forza e la frequenza delle contrazioni del muscolo cardiaco, favorisce l'espansione dei vasi coronarici (quindi pressione del sangue), inibisce la peristalsi, allevia l'ansia.

    Indicazioni per l'uso

    Nella medicina ufficiale, l'uso della tintura di aconito può essere raccomandato come analgesico esterno per la nevralgia (in particolare, per la nevralgia del trigemino), dolori articolari, reumatismi e raffreddori.

    Si consiglia l'assunzione di Aconite in omeopatia con quasi tutte le infezioni durante la sua esacerbazione.

    Esteriormente e localmente, il farmaco è prescritto per lividi, lussazioni e fratture di ossa, sciatica, erisipela, ferite e ulcere, psoriasi, pidocchi e scabbia.

    L'uso di aconito è indicato anche per le invasioni elmintiche, la ritenzione urinaria e l'avvelenamento (come antidoto).

    Le istruzioni per l'uso di Aconite Dzhungarsky (materie prime medicinali dalla radice Aconitum soongaricum Stap. E tintura 10%) indicano che l'agente può essere usato per alleviare l'infiammazione in infezioni acute, difterite, sepsi, scarlattina, crampi intestinali, renali, epatici e di stomaco, pleurite, nevralgia, diabete, tubercolosi polmonare, malattie del cuore e dei vasi sanguigni.

    Tuttavia, le proprietà della pianta sono più pronunciate quando usate per trattare tumori maligni (localizzati nella ghiandola tiroidea, nello stomaco, nei polmoni, nelle ghiandole mammarie, nel cervello, nella colonna vertebrale, nella pelle), angina maligna, anemia perniciosa, gozzo.

    L'alcaloide zonghorin, che fa parte dell'aconito dello Dzungariano, ha una spiccata attività antidepressiva, che, secondo numerosi ricercatori, consente di prendere posto tra gli psicostimolanti e gli antidepressivi.

    Controindicazioni

    Controindicazioni all'uso di intolleranza alle piante sono l'aconito, l'ipotensione, la febbre tifoide, che sono il risultato delle maree asistole.

    L'aconito è molto tossico. Dovrebbe essere maneggiato con grande cura, perché le sostanze tossiche possono penetrare nella pelle anche a contatto con la pianta.

    Effetti collaterali

    Nelle fasi iniziali del trattamento, i sintomi della malattia possono peggiorare. Con lo sviluppo di questo effetto, non è richiesta l'abolizione del farmaco.

    Istruzioni su Aconite

    Krupka ha usato sublingualmente. Quando febbrile nei primi giorni dei granuli assumere 5 volte al giorno, 8 pezzi per ricevimento, circa 20-30 minuti prima o un'ora dopo i pasti.

    Dopo la fine della fase acuta della malattia, la frequenza delle dosi è ridotta a 3 volte al giorno e dopo 2 settimane a 2 volte al giorno.

    A seconda delle caratteristiche della situazione clinica, il medico può raccomandare un diverso numero di granuli per ciascun appuntamento.

    L'aconito omeopatico è usato così ampiamente che è abbastanza difficile chiamare il livello esatto di dosaggio. Tutto dipende dalla gravità dei sintomi e dalla gravità del processo patologico. In generale, in omeopatia si usano diluizioni piuttosto deboli.

    Tintura per via orale per mezz'ora prima dei pasti, diluendo il numero richiesto di gocce in 50-100 ml di acqua potabile tiepida. Bere il rimedio dovrebbe essere lento, a piccoli sorsi.

    Per preparare la tintura per il trattamento della nevralgia, mal di denti, reumatismi, 20 grammi delle radici della pianta versare 0,5 litri di vodka e insistere in un luogo buio per una settimana. La tintura finita ha il colore del tè preparato.

    Il medicinale viene strofinato con una garza nella pelle nella sede della proiezione del dolore. La molteplicità di applicazioni - 2 volte al giorno. Durata del corso - un mese.

    Per l'emicrania e la nevralgia, l'infusione è assunta per via orale. Il trattamento inizia con l'assunzione di 1 cucchiaino di agente e gradualmente porta la dose a 1 cucchiaio per ogni somministrazione. Durata del corso - un mese.

    Quando un mal di denti in una cavità di un dente malato, viene instillata 1 goccia di medicinale e un altro cucchiaio di prodotto viene sfregato sulla guancia dal lato dove si trova il dente.

    Come trattare il cancro con l'aconito?

    Medicina omeopatica L'aconito è considerato un efficace rimedio adiuvante per alleviare il dolore nei pazienti oncologici nella fase IV del processo tumorale.

    Lo strumento ha un'attività antimetastica pronunciata e ha un effetto analgesico non specifico. Allo stesso tempo, il tasso di insorgenza dell'effetto analgesico è influenzato dall'intensità iniziale del dolore. Non ci sono state differenze nell'efficacia del farmaco in diversi tipi di dolore (in particolare, nei pazienti con dolore neuropatico e nocicettivo).

    Nel corso della ricerca è stato riscontrato che l'effetto del farmaco sta aumentando nel tempo. Inoltre, nel corso del trattamento con aconito, in alcuni pazienti oncologici sono stati osservati inibizione della crescita e regressione parziale del tumore (anche in assenza del trattamento principale). Molto spesso, questi fenomeni sono stati registrati in pazienti con melanoma, carcinoma mammario e cancro ai polmoni.

    In alcuni pazienti è stato osservato un significativo miglioramento del flusso sanguigno coronarico durante il trattamento, che è stato confermato dall'eco e dall'elettrocardiografia.

    Test su animali hanno dimostrato che l'uso dell'aconite di Baikal ha permesso di ottenere una inibizione della crescita delle metastasi del 73-94% (a seconda del tipo di tumore). La crescita dei tumori trapiantabili è stata inibita in media del 56-78%.

    Il trattamento del cancro viene eseguito secondo lo schema "slide". La dose iniziale è di 3 gocce al giorno per 3 dosi. Il numero di gocce al giorno è aumentato di uno (con la stessa molteplicità di applicazioni), portando una singola dose di 10 e talvolta di 20-30 (a seconda della risposta del paziente alla terapia) gocce. Quindi, allo stesso modo, effettuano una diminuzione ogni giorno, portando la dose a quella iniziale.

    Lo schema standard di applicazione consiste di 3 cicli di 39 giorni ciascuno ("collina" 1-20-1) con intervalli di 14 giorni tra di loro. Durante la prima pausa, si consiglia di prendere la tintura di celidonia, dopo il secondo ciclo di 39 giorni, la tintura di cicuta viene presa per 14 giorni, quindi la tintura di aconito viene nuovamente bevuta per 39 giorni.

    Dopo di ciò, si interrompe o si interrompe il trattamento. La durata della terapia e il numero di corsi sono determinati individualmente per ciascun paziente in base ai risultati del trattamento.

    Per preparare da soli la tintura, 100 grammi di radici di aconito in polvere versano 0,5 litri di vodka e, agitando ogni giorno, insistono in un luogo buio per 14 giorni. La medicina finita viene filtrata attraverso un taglio a due garze piegate.

    Quando i sintomi di alcaloidi di glut appaiono in una pianta, si raccomanda di abbassare la dose per ciascuna dose di 3 gocce. Per mantenerlo è necessario fino alla completa scomparsa degli effetti collaterali. Allora la dose quotidiana è sistematicamente aumentata e ridotta secondo lo schema di cui sopra.

    Un'altra opzione di trattamento prevede un aumento della dose giornaliera non fino a 20 gocce fisse, ma fino alla prima manifestazione dei sintomi di sovrasaturazione. In questo caso, non è necessario resistere a un plateau della dose fino a quando gli effetti collaterali non scompaiono: una singola dose viene immediatamente ridotta a 1 goccia o il farmaco viene prelevato. Il ricevimento della tintura viene ripreso dopo un'interruzione, che in durata (in giorni) deve essere uguale al numero di gocce al momento del verificarsi dei sintomi di sovrasaturazione.

    In pratica, al paziente viene spesso prescritto di iniziare il trattamento secondo il primo schema, e in futuro, a seconda della sensibilità al farmaco, è possibile passare al trattamento secondo il secondo schema. Questo può essere necessario se gli effetti della sovrasaturazione (in particolare, vomito ripetuto) non scompaiono dopo che la dose giornaliera è stata ridotta di 9 gocce.

    Entrambi gli schemi sono uniti da un dettaglio importante: in uno e nel secondo caso è severamente vietato prendere una pausa nel prendere la tintura fino alla fine del ciclo, poiché questo elimina l'effetto terapeutico.

    Alla fine di tre cicli di 39 giorni, ogni ulteriore tattica è determinata dai risultati ottenuti.

    overdose

    Aconitina contenuta in aconito è considerata la più tossica degli alcaloidi noti. La sostanza ha un effetto neuro - e cardiotossico.

    La saturazione del corpo con l'aconito si manifesta:

    • sentirsi deboli in tutto il corpo;
    • sensazione di bruciore, sensazione di formicolio, bruciore alla bocca e alla gola;
    • abbondante salivazione;
    • flusso e minzione aumentati;
    • vomito;
    • diarrea;
    • dolore addominale;
    • intorpidimento e formicolio della pelle, della lingua e delle labbra;
    • dolore e bruciore al petto;
    • menomazione della vista;
    • stato di stupore.

    In caso di avvelenamento grave, una persona può morire entro 3-4 ore. I sintomi di avvelenamento grave sono:

    • forte agitazione psicomotoria;
    • completo disorientamento;
    • convulsioni (a volte);
    • grave ipertermia;
    • violazione del ritmo e della frequenza del polso;
    • mancanza di respiro.

    In casi particolarmente gravi, è possibile la morte per paralisi del cuore e della respirazione. La morte è preceduta da delirio, convulsioni, sincope, defecazione involontaria.

    Le cure di emergenza comprendono lo svolgimento di attività mirate alla disintossicazione e al trattamento sintomatico. Vengono somministrati lassativi e enterosorbenti salini al paziente, lavanda gastrica, sierosorbimento detossificante e diuresi forzata.

    Secondo Wikipedia, in caso di avvelenamento da aconito, a un paziente dovrebbe essere dato del vino o dell'aceto prima che arrivi il medico.

    Inoltre, viene mostrata la somministrazione endovenosa di una soluzione all'1% di novocaina (da 20 a 50 ml) e del 5% di glucosio (500 ml). 10 ml di soluzione al 25% di solfato di magnesio vengono iniettati nel muscolo.

    In caso di convulsioni, al paziente vengono prescritti 5-10 mg di Diazepam (Seduxena) e se il ritmo cardiaco viene disturbato sullo sfondo della pressione sanguigna normale, 10 mg di Novocainamide sotto forma di una soluzione al 10% o 1-2 ml di soluzione di Obzidan 0,1%, 1 ml di Korglikon 0, 6% con 20 ml di soluzione di glucosio 40%.

    Nella bradicardia, viene mostrata un'iniezione sottocutanea di soluzione di atropina allo 0,1%; somministrazione intramuscolare: 100 mg di Cocarboxylase, 2 ml di soluzione di ATP 1%, 5 ml di soluzione di acido ascorbico al 5%, 4 ml di vitamina B1 e vitamina B6 soluzione al 5% ciascuno.

    interazione

    Gli antagonisti dell'aconito sono antistaminici, glucocorticosteroidi, farmaci contenenti caffeina.

    Permesso di usare in parallelo con antibiotici.

    Condizioni di vendita

    Condizioni di conservazione

    Tenere fuori dalla portata dei bambini. Una bottiglia di tintura aperta deve essere conservata in frigorifero. Conservare granuli e compresse nel luogo protetto da umidità e luce a una temperatura compresa tra 15 e 25 gradi Celsius.

    Periodo di validità

    Istruzioni speciali

    Descrizione botanica della pianta

    Aconitum o wrestler (lat Aconitum L.) è un genere di erbacee perenni velenose della famiglia Ranunculaceae (ranuncolo). Ha più di 300 rappresentanti, tra cui il lupo aconito (A. lycoctonum L.), l'aconito klobuchkovy (A. napellus L.), l'aconito Karmichel (A. carmichaelii Deb.), L'avvolgimento (A. volubile Pall.), L'arcuato ( A. arcuatum), Dzungarian (A. soongaricum Stap.), Shaggy (A. villosum Rchb.) E altri.

    In omeopatia vengono utilizzati: aconito farmaceutico (A. napellus L.), Altai (A. altaicum Steinb.), Baikal (A. baicalense Turcz. Ex Rapaics), bianco-ricoperto (A. leucostomum Worosch).

    Il wrestler è distribuito nelle latitudini temperate dell'Asia, del Nord America e dell'Europa. La pianta ha uno stelo eretto (talvolta riccio o sinuoso) da 50 cm a un metro e mezzo di altezza. Le piante rampicanti possono raggiungere una lunghezza di 4 metri.

    La radice del combattente, di regola, consiste di 2-3 tuberi marrone-neri di forma oblunga-ovale. La profondità della loro penetrazione nel terreno varia dai 5 ai 30 cm. Le foglie della pianta sono palmate separate, lobate o sezionate, di colore verde scuro, disposte in modo regolare.

    I fiori sono viola, blu, a volte giallo, bianco o variegato; forma irregolare; raccolti in infiorescenze racemose o piramidali semplici o ramificate lunghe fino a 50 cm. Ogni fiore ha un calice a forma di corolla composto da cinque sepali (quello superiore ha la forma di un elmo).

    Piantare e curare l'aconito

    Va ricordato che una tale pianta come un lottatore è molto velenosa. Pertanto, piantandolo vicino alla casa, è necessario prendere tutte le precauzioni possibili per proteggere i bambini piccoli da esso.

    Quando si lavora con l'aconito dovrebbe prestare attenzione alla propria sicurezza. Il raccolto, l'infestante e il reimpianto della pianta sono raccomandati nei guanti.

    I fiori sono piantati in luoghi caldi e elevati, in modo ottimale all'inizio della primavera o nel tardo autunno.

    L'abbandono comporta la pulizia dell'area di semina delle infestanti, l'allentamento del terreno, l'irrigazione con tempo asciutto e l'alimentazione periodica con fertilizzanti minerali.

    Aconito di piante da fiore, foto:

    Foto di aconito curling:

    Foto aconito Jungar:

    Wikipedia afferma che gli antichi tedeschi e galli usavano il veleno di aconito per strofinare lance e frecce destinate alla caccia ai predatori: lupi, leopardi e pantere. Pertanto, tra la gente, la pianta è ancora spesso chiamata "lupo mannaro". Gli slavi lo chiamavano pozioni nere o pex.

    Gli antichi romani e greci uccisero il condannato a morte con il veleno di aconito.

    Gli antichi greci, e successivamente Teofrasto e Plinio, credevano che il fiore ricevesse il suo nome dal nome della città di Akon. Come dice la leggenda del lupo aconito, non lontano da questa città c'era l'ingresso al Regno dei Morti, custodito dal cane a tre teste, Cerbero.

    E quando Eracle, trascinato per la prima volta dal Cane di Dio, vide il sole, la saliva velenosa uscì dalle tre bocche dall'orrore. Gocce di esso, cadendo a terra, si trasformarono immediatamente in bellissimi fiori. Così, il wrestler ha preso il nome da una città vicina, e la sua velenosità è dovuta alla saliva di un mostro a tre teste.

    L'omeopata Farrington ha suggerito che in greco "aconite" significa "senza polvere" o "senza polvere", che riflette la peculiarità della crescita di alcuni tipi di combattenti sulle pendici della montagna.

    Le leggende scandinave dicono che l'aconito crebbe sul luogo in cui il dio Thor morì dai morsi di un serpente velenoso sconfitto da lui. I tedeschi chiamavano il lottatore la radice del lupo e l'elmo del dio Thor, perché era con questa pianta che il figlio di Odino combatteva il lupo.

    In omeopatia, la pianta di aconito è considerata un rimedio sinistro. L'efficacia dell'uso di droghe dall'erba e dalle radici di un wrestler in oncologia è dovuta alla combinazione degli effetti analgesici e antidepressivi dell'aconito.

    Precauzioni di sicurezza

    Durante il trattamento con Aconite, le inalazioni con canfora o farmaci contenenti mentolo sono controindicate.

    Nel diabete, i granuli di zucchero dovrebbero essere presi in considerazione nella quantità totale di glucosio consumata.

    Durante il periodo di terapia, si raccomanda di escludere dalla dieta cibi, bevande e medicinali contenenti acidi (limoni, lamponi, acido ascorbico e acetilsalicilico, ecc.).

    La manifestazione dell'azione di aconito interferisce con l'alcol, la nicotina, il caffè.

    analoghi

    Tintura di aconito Dzhungar 10%, integratore alimentare Donit-BC2, Akonit-Plus, tintura di Akonit (Onkolan), Akofit.

    Per i bambini

    È severamente controindicato dare preparazioni di aconito ai bambini. Sul serbatoio in cui è conservata la tintura o la tintura, deve essere applicata l'etichetta "Poison".

    Durante la gravidanza

    L'uso durante la gravidanza è permesso solo in consultazione con il medico.

    Opinioni su Akonite

    La tintura del combattente è uno dei principali mezzi di oncologia alternativa. Lo strumento ha un'elevata attività antimetastatica, allevia efficacemente il dolore, fornendo un effetto terapeutico anche nella patologia cronica con sintomi di scompenso degli organi colpiti.

    I risultati della ricerca e le revisioni del trattamento del cancro con l'aconito suggeriscono che, nella maggior parte dei casi, l'uso della tintura può rallentare significativamente la crescita e le metastasi del tumore. Tuttavia, l'inclusione del farmaco nello schema di trattamento non esclude la necessità di un intervento chirurgico, dal momento che i tumori di grandi dimensioni continueranno a disturbare l'equilibrio dei processi immunitari, metabolici ed endocrini nel corpo.

    Tuttavia, non è possibile confrontare la sua efficacia con l'efficacia della chemioterapia, poiché la maggior parte degli studi erano preclinici e i preparati farmacopea dell'aconito non sono disponibili sul mercato.

    Solo una cosa è indiscutibile, gli agenti basati su un wrestler sono caratterizzati da meno e meno gravi effetti collaterali, incluso l'uso prolungato.

    Teoricamente, nelle fasi I-II del processo tumorale, quando il corpo è ancora abbastanza forte, esiste la possibilità di una cura completa usando la tintura del combattente come supplemento alle misure di medicina conservativa.

    Nei pazienti con stadio III e IV di cancro, l'uso di aconito consente di ridurre al minimo l'uso di antidolorifici narcotici e, talvolta, addirittura di abbandonarli.

    Tuttavia, se l'effetto dei farmaci ufficiali nel caso travolgente può essere monitorato e previsto, quindi l'uso di alcaloidi velenosi (anche nelle diluizioni omeopatiche) è associato ad un alto rischio. A questo proposito, il wrestler non è incluso nei regimi terapeutici approvati per cancro e altre malattie gravi.

    Prezzo Aconito

    È possibile acquistare l'aconito sotto forma di materie prime medicinali per una media di 350 rubli per un pacchetto di 20 tigram. Acquista la tintura di aconite Dzhungarsky 100 ml può essere di circa 850 rubli.

    In Ucraina, un pacchetto di 30 grammi di materie prime medicinali da tuberi di Aconite avrà un costo di circa 45 UAH e 50 ml di tintura - 220 UAH.