Adenocarcinoma intestinale

Un tumore che si forma nelle cellule epiteliali ghiandolari del rivestimento dell'intestino crasso è chiamato adenocarcinoma. Contiene tumore mucinoso: incapacità di diagnosticare nelle fasi iniziali, grave, una grande percentuale di morte.

L'adenocarcinoma del colon è una neoplasia alle pareti, a cui le persone in età pre-pensionamento sono più sensibili.

Chi è malato?

L'adenocarcinoma del colon colpisce spesso persone con più di 50 anni. Chiare cause di cancro non sono ancora note. È chiaro che negli ultimi 20 anni il tasso di incidenza è aumentato più volte.

motivi

L'adenocarcinoma del colon appartiene al gruppo del cancro del colon-retto. Esistono numerosi fattori scatenanti per il cancro:

Stili di vita non salutari, stress, esposizione a sostanze chimiche, scarsa ereditarietà sono le cause dell'adenocarcinoma del colon.

  • tumori benigni o poliposi dell'intestino;
  • dieta malsana (mancanza di fibre, predominanza di cibi grassi, piccanti, fast food);
  • fumo, alcolismo;
  • frequente contatto con prodotti chimici domestici;
  • lavorare presso l'impresa chimica;
  • ereditarietà;
  • stress costante;
  • pietre fecali, stitichezza;
  • caratteristiche etniche (appartenenti al gruppo degli europei orientali e degli asiatici centrali);
  • scarsa mobilità durante il giorno.

Malignità causata da una mutazione nelle cellule intestinali può essere scatenata da qualsiasi fattore associato a disfunzione motoria di questo dipartimento, alterata circolazione sanguigna. Come risultato di questi processi, si verifica la stagnazione delle masse alimentari, che crea condizioni favorevoli per la malignità. Malattie provocatori che causano una condizione precancerosa:

classificazione

L'adenocarcinoma del colon è di diversi tipi:

  1. Forma mucinosa, quando il tumore include cellule di muco ed epitelio. Il tumore mucinoso è caratterizzato da:
Gli adenocarcinomi del colon sono di vari gradi di danno a tessuti, cellule, sistemi vicini.
  • confini sfocati;
  • metastasi nei linfonodi più vicini;
  • aumento della ricorrenza;
  • resistenza alle radiazioni.
  1. Forma ad anello Appartiene ai tipi più aggressivi, poiché si trova quando ci sono metastasi nel fegato e nei linfonodi. Caratterizzato da:
  • germinazione nell'intestino;
  • stupisce i giovani.
  1. Forma planocellulare, formata da cellule piatte del canale anale. Caratterizzato da:
  • alto grado di malignità;
  • germinazione nell'urea, prostata, vagina;
  • basso tasso di sopravvivenza;
  • alta ricorrenza.

La mortalità è superiore al 50% dei pazienti entro 3 anni. C'è una classificazione tipica, secondo la quale distinguere:

  • altamente differenziato;
  • moderatamente differenziato;
  • scarsamente differenziato;
  • indifferenziata;
  • cancro tubulare.
Torna al sommario

Altamente differenziato

L'adenocarcinoma altamente differenziato del colon è caratterizzato da invarianza nella struttura cellulare, ma con allungamento dei nuclei. Le cellule sono simili a quelle sane, poiché non cambiano la loro composizione e soddisfano il loro scopo. Il risultato è generalmente favorevole.

Se l'adenocarcinoma viene diagnosticato in un paziente anziano, le metastasi si trovano raramente negli organi regionali. Nei giovani, le recidive si verificano più spesso, quindi, dopo l'intervento chirurgico per rimuovere il tumore mucinoso, la sopravvivenza a 5 anni è del 50%.

La difficoltà della diagnosi sta nel decorso lento, nella somiglianza tra cancro e cellule sane.

Moderatamente differenziato

L'adenocarcinoma moderatamente differenziato del colon è caratterizzato da gravi conseguenze dovute alla rapida proliferazione delle cellule epiteliali maligne, provocando un'ostruzione intestinale. Grandi tumori lacerano la parete intestinale, causando gravi emorragie. Il decorso del cancro aumenta il rischio di formazione di fistola con peritonite.

Il trattamento è efficace solo nelle prime fasi. In questo caso, un buon risultato dà l'operazione in combinazione con radiazioni e chemioterapia. Grave cancro mucinoso colpisce sempre gli organi più vicini.

Scarsamente differenziato

L'adenocarcinoma del colon di basso grado è aggressivo, caratterizzato da un forte polimorfismo cellulare con diffusione precoce agli organi più vicini. Il cancro delle cellule è caratterizzato da:

  • mancanza di confini;
  • risultato sfavorevole.

In una fase iniziale, la chirurgia per rimuovere il tumore con la terapia successiva può ottenere una remissione a lungo termine. Un tipo scarsamente differenziato si verifica nel 20% dei pazienti oncologici.

indifferenziato

La forma anaplastica o indifferenziata è caratterizzata da cellule atipiche per il cancro che sono difficili da attribuire alle specie istologiche esistenti. Il cancro è caratterizzato da:

  • crescita infiltrativa;
  • metastasi molto precoci ai linfonodi regionali;
  • prognosi estremamente deludente con una minima probabilità di successo del trattamento.

tubolare

Questa forma di adenocarcinoma non viene diagnosticata, che è associata all'assenza di sintomi nelle fasi iniziali, ma può essere rilevata per caso. Il tumore è caratterizzato da:

  • impianto nello stroma fibroso;
  • struttura ramificata;
  • celle cilindriche o cubiche.

Con la progressione si sviluppa un sanguinamento latente con segni di anemia. Quando le condizioni si incontrano, il tumore mucinoso inizia a produrre una grande quantità di muco, arricchito con proteine ​​del cancro e potassio, che causa l'ipocalismo e l'ipoproteinemia. Il cancro è difficile da trattare e la prognosi è scarsa.

Sintomi in diverse fasi

La fase iniziale dell'adenocarcinoma non è specifica e indefinita. Frequenti reclami dei pazienti:

  • dolore addominale ricorrente;
  • stitichezza alternata con diarrea;
  • rifiuto di mangiare;
  • nausea.

Forse la comparsa di cerotti sanguinolenti e mucosi nelle feci, che con la progressione della malattia sono sostituiti da purulenta.

Immediatamente i sintomi sono permanenti, ma non pronunciati. Con l'aumentare della progressione dei segni. Un tumore in crescita può essere sentito attraverso la parete addominale. Prenderà la forma di un sigillo denso e collinoso con elevata mobilità. Quadro clinico generale:

  • dolore parossistico doloroso all'addome;
  • scarso appetito a causa della costante nausea;
  • rapida perdita di peso;
  • debolezza, calore;
  • sgabelli mutevoli;
  • flatulenza, difficoltà con la defecazione;
  • pelle pallida;
  • sangue, muco e pus nelle feci.

Mentre il tumore mucinoso cresce, i disturbi gastrici appaiono sotto forma di sensazione di pesantezza, bruciore di stomaco costante e vomito. Aumenta il dolore A causa della costante irritazione del tumore da parte delle masse fecali, è ulcerato, provocando un'infezione. Di conseguenza, compaiono i sintomi di intossicazione:

  • febbre;
  • cambiamenti quantitativi e qualitativi nel sangue;
  • dolore nella parte bassa della schiena a causa della diffusione dell'infezione nella fibra retroperitoneale.

Segni di peritonite appaiono.

Diagnosi di adenocarcinoma del colon

Rilevamento di adenocarcinoma si verifica in più fasi utilizzando un gran numero di metodi:

  1. Esame, raccolta dell'anamnesi, analisi dei reclami dei pazienti, palpazione esterna.
  2. Sangue generale, urina, feci.
  3. Esame rettale per dito ed endoscopia (rectoromanoscopia) che danno risultati nelle prime fasi del rilevamento del cancro.
  4. Raggi X con contrasto. Il metodo consente di determinare:
  • cambiamenti di rilievo nella mucosa intestinale;
  • riempimento inadeguato;
  • espansione del muro sopra la protrusione patologica;
  • aumento della motilità.
  1. Ultrasuoni endorettali o percutanei. Gli ultrasuoni sono in grado di rilevare le oncocresis e le metastasi a distanza.
  2. Biopsia endoscopica con campionamento del biomateriale dai tessuti interessati per l'analisi. Viene determinato il tipo, grado, stadio, differenziazione del cancro nei campioni istologici.
  3. Colonscopia. Il metodo consente di visualizzare il tumore, indipendentemente dalla sua posizione nel colon.
  4. La RM, CT consente di determinare la struttura e la localizzazione dell'oncogenesi, per valutare il livello di danno agli organi vicini, per vedere le metastasi a distanza.

L'adenocarcinoma richiede una diagnosi differenziale con polipi, malattie dei reni, fegato, ovaie, milza, uretere.

trattamento

Lo schema terapeutico dell'adenocarcinoma dell'intestino crasso è determinato dallo stadio e dalla forma. Solitamente usato una tecnica combinata:

  1. La radioterapia viene utilizzata per ridurre le dimensioni del tumore e migliorare la qualità dell'operazione riducendo il rischio di infiammazione dei tessuti e l'ingresso di cellule tumorali nel sangue.
  2. La chemioterapia. Farmaci usati come:
Gli adenocarcinomi del colon sono eliminati dalla terapia complessa con pillole, cura, rimedi popolari, dieta.
  • 5-fluorouracile, Leucovorin, Irinotecan;
  • "Capecitabina", "Ftorafur", "Raltitreksid".
  1. Terapia dietetica basata sull'arricchimento del menu con frutta e verdura fresca, vitamine, molte bevande.
  2. Il trattamento dei rimedi popolari è necessario come misura ausiliaria, ma richiede la consultazione con un medico. Ricette popolari:
  • Una miscela di 25 g di radice di calamo, 90 g di fiori di patate, 35 g di calendula, 100 g di radice di assenzio in 500 ml di acqua bollente. Mezzi infusi per 6 ore. Bevi 100 ml prima dei pasti.
  • Ritaglio medico con acqua con solfato di rame (100 ml di concentrato in 2 l di acqua). Corso - 2 settimane.
  • 25 g di celidonia in 250 ml di acqua bollente. Mezzi infusi mezz'ora. Bere 25 ml tre volte al giorno prima dei pasti.
  • Gopher grasso. Ci sono 100 g distribuiti durante il giorno. Su di esso puoi cucinare il cibo.
Torna al sommario

metastasi

Gli adenocarcinomi si metastatizzano nei tessuti, organi e linfonodi più vicini e distanti nelle fasi iniziali. Esistono tre modi per diffondere il cancro:

  • linfogeno (attraverso i linfonodi, si verifica nel 60% dei casi);
  • ematogena (attraverso il sangue, si verifica nel 10% dei casi);
  • impianto (quando un tumore entra in contatto con tessuti sani, si verifica nel 30% dei casi).

Se l'adenocarcinoma si è diffuso al tessuto più vicino, potrebbero non esserci metastasi separate. Più spesso le cellule cancerose colpiscono il fegato, i linfonodi regionali, meno spesso - i polmoni, le ossa pelviche.

Gli adenocarcinomi del colon possono essere complicati a fistole, peritonite, ostruzione, rottura dei tessuti, infezione degli organi vicini. Torna al sommario

complicazioni

Il risultato di adenocarcinoma del retto sono conseguenze così gravi come:

  • chiusura del lume intestinale e completa ostruzione;
  • sfondamento della parete intestinale e forti emorragie;
  • danno agli organi vicini;
  • peritonite, fistola.

Ogni complicazione è caratterizzata da un decorso grave e può essere fatale.

prospettiva

L'esito dell'adenocarcinoma del colon dipende da:

  • stadio e tipo di malattia;
  • profondità di germinazione della neoplasia;
  • prevalenza;
  • la presenza e il numero di metastasi.
Circa la metà delle persone ha un esito favorevole dopo il trattamento per adenocarcinoma del colon.

I prossimi 5 anni dopo l'intervento sono fondamentali a causa della possibilità di una ricaduta. La sopravvivenza di oltre il 90% è consentita con una rimozione radicale della maggior parte del retto. Con metastasi linfonodali, il tasso di sopravvivenza è del 50%. Il risultato, a seconda del tipo di differenziazione, è il seguente:

  1. La forma altamente differenziata è caratterizzata da una prognosi favorevole con un tasso di sopravvivenza a 5 anni superiore al 50% nei pazienti anziani, il 40% nei giovani pazienti.
  2. La forma moderatamente differenziata è praticamente incurabile a causa della difficoltà nella scelta di chemioterapici efficaci. L'operazione è efficace con un trattamento concomitante adeguato.
  3. La forma scarsamente differenziata è più pericolosa a causa dell'aggressività e dell'elevato tasso di germinazione. Il risultato è meno favorevole.
Torna al sommario

cibo

Il successo della riabilitazione dipende dalla corretta organizzazione della nutrizione postoperatoria. Le regole di base della dietoterapia sono le seguenti:

  1. Il cibo deve essere fresco, facilmente digeribile, arricchito con vitamine, fibre vegetali, micronutrienti.
  2. Il cibo non deve provocare nausea e flatulenza.
  3. La composizione dei piatti dovrebbe contribuire alla facilità di escrezione delle feci. Si consiglia un tavolo vegetariano. Forse l'uso di piccole quantità di coniglio, tacchino.
  4. I pasti dovrebbero essere frazionari e porzioni - piccoli.
  5. È necessario consumare i piatti in un aspetto caldo.
  6. Trattamento culinario preferito: cucinare, cuocere a vapore.
  7. Ci dovrebbe essere lentamente con una masticazione approfondita, che aumenta la salivazione e migliora la digestione.
  8. Le bevande dovrebbero essere abbondanti.
  9. Esclusione dal menu di prodotti che contribuiscono alla fermentazione, come legumi, latticini, pane di lievito, alcol.

Menu approssimativo

  1. A stomaco vuoto:
  • acqua minerale non gassata con succo di limone.
  1. prima colazione:
  • frutta e verdura (da sole o in combinazione);
  • noci;
  • 100 ml di kefir a basso contenuto di grassi.
  1. pranzo:
  • zuppa di pollo debole;
  • insalata di verdure fresche;
  • pesce bollito
  1. Ora del tè:
  • succo di frutta non concentrato;
  • pan di spagna integrale.
  1. cena:
  • verdure al vapore;
  • chicchi vegetali germogliati;
  • pasta.
  1. Spuntino di notte:
  • succo di frutta o verdura.
Torna al sommario

prevenzione

Le misure preventive sono le seguenti:

  • rimozione puntuale dei polipi;
  • trattamento dell'infiammazione;
  • rifiuto di cibi grassi e piccanti;
  • arricchimento della dieta con prodotti con fibra;
  • stile di vita attivo;
  • esami regolari da un coloproctologo di persone nella fascia di età di 50 anni.

Adenocarcinoma del colon: sintomi, diagnosi, trattamento e prognosi

L'adenocarcinoma del colon, spesso chiamato cancro ghiandolare, è il tipo più comune di neoplasia maligna di questo organo.

I segni caratteristici dell'adenocarcinoma del colon sono un decorso estremamente grave e una diagnosi troppo tardiva, che è il colpevole di un alto tasso di mortalità per questa malattia.

Cos'è l'adenocarcinoma del colon?

L'adenocarcinoma del colon è un tumore maligno formato da cellule ghiandolari epiteliali, che fanno parte della membrana mucosa del rivestimento intestinale.

Nella massa totale dei tumori del cancro del colon, gli adenocarcinomi costituiscono l'80% e metà di essi interessa la mucosa del cieco.

Il decorso clinico asintomatico o aspecifico della malattia nelle fasi iniziali dello sviluppo è la causa della sua diagnosi tardiva e della bassa percentuale di sopravvivenza del paziente.

classificazione

Esistono diversi modi per classificare gli adenocarcinomi. Uno di questi è basato sul livello di differenza tra le cellule normali e quelle cancerose.

L'esame istologico dei tessuti tumorali prelevati durante la biopsia consente di suddividere gli adenocarcinomi in:

  • Altamente differenziato.
  • Moderatamente differenziato
  • Basso differenziato.

Il cancro ghiandolare può essere diviso in quattro tipi. Potrebbe essere presentato:

  • Adenocarcinomi mucinosi. Un tumore di questo tipo (costituito da componenti mucose e strutture epiteliali) non ha confini delineati. Metastasi delle mucose con adenocarcinoma si verifica attraverso la via linfogena. L'alto rischio di ricorrenza è dovuto all'insensibilità alla radioterapia.
  • Adenocarcinomi a cellule ad anello con sigillo caratterizzati da elevata aggressività del decorso clinico. La maggior parte dei pazienti con tumori di questo tipo che hanno fatto domanda per la prima assistenza medica hanno già metastasi nei linfonodi e nel fegato. La germinazione negli strati interni della parete intestinale è caratteristica degli adenocarcinomi cellulari ad anello. Questa malattia è più spesso notata in pazienti giovani.
  • Adenocarcinomi squamosi che si formano nella zona del canale anale e sono costituiti da cellule epiteliali piatte. Il decorso clinico degli adenocarcinomi squamosi, che spesso germinano nel tessuto degli ureteri, della vescica, della vagina e della prostata, è caratterizzato da un alto livello di malignità, così come da elevata mortalità e recidiva. Più della metà dei pazienti muoiono entro tre anni dall'individuazione della malattia. La soglia di sopravvivenza a cinque anni per gli adenocarcinomi squamosi non supera il 30%.
  • Adenocarcinomi tubulari costituiti da strutture tubulari. Tumori di questo tipo, con contorni sfumati e piccole dimensioni, si trovano in più del 50% dei pazienti con cancro ghiandolare.

motivi

L'adenocarcinoma del colon, che è una malattia polietiologica, può svilupparsi a causa di:

  • predisposizione genetica;
  • malignità delle neoplasie benigne;
  • malattie del colon;
  • infezioni da papillomavirus umano;
  • costipazione lunga regolare;
  • stress nervoso;
  • lavoro sedentario;
  • sesso anale;
  • appartenente alla categoria di età avanzata;
  • stile di vita sedentario;
  • esposizione prolungata all'amianto;
  • effetti tossici di alcuni farmaci e agenti cancerogeni contenuti nei prodotti chimici domestici;
  • malnutrizione abbondante in prodotti a base di farina, carne e cibi grassi e quasi priva di frutta e verdura fresca.

Manifestazioni cliniche

L'adenocarcinoma del colon, che si sviluppa piuttosto lentamente, è inizialmente accompagnato da sintomi sottili.

Poiché la formazione di un tumore maligno si verifica, di regola, sullo sfondo di un'infiammazione cronica già sviluppata dell'intestino crasso, i suoi primi segni sono accettati dai pazienti per l'esacerbazione di questo disturbo.

La sintomatologia delle prime fasi del cancro ghiandolare consiste in un intero complesso di manifestazioni, nessuna delle quali è un'indicazione diretta della presenza di un tumore maligno.

Un paziente può lamentarsi di:

  • dolore doloroso intermittente nell'addome;
  • mancanza di appetito;
  • nausea persistente;
  • debolezza immotivata;
  • stipsi e diarrea alternati;
  • aumento della flatulenza;
  • l'aspetto di sangue e muco nelle feci (osservato nel 90% dei pazienti);
  • perdita di peso (derivante da una violazione dell'assorbimento di sostanze nutritive) con una buona alimentazione;
  • aumento irragionevole della temperatura corporea a 37 gradi (quindi, il sistema immunitario sta cercando di combattere un cancro).

Tutti i suddetti sintomi, essendo permanenti, non raggiungono la loro massima manifestazione. Durante l'esame fisico di un paziente, uno specialista che esegue la palpazione dell'addome può palpare una neoplasia maligna (collinosa, mobile e densa) attraverso la parete addominale.

Il sanguinamento intestinale persistente diventa il colpevole dello sviluppo dell'anemia e del pallore della pelle.

Mentre il processo tumorale si sviluppa, i sintomi aumentano:

  • i dolori addominali diventano più intensi (la loro intensificazione è associata al processo di splicing di un tumore al cancro con organi e tessuti adiacenti);
  • le manifestazioni di disagio gastrico si intensificano: una sensazione di pesantezza sotto il cucchiaio, bruciore di stomaco debilitante, attacchi di vomito si uniscono a nausea;
  • a seguito dell'ulcerazione di un tumore che sta vivendo effetti meccanici e chimici costanti delle feci, le impurità sanguinanti e mucose presenti in esse sono sostituite da secrezioni purulente;
  • la disintegrazione dei tessuti tumorali provoca lo sviluppo di un processo infettivo, che è accompagnato da un ulteriore aumento della temperatura corporea fino a 38 gradi, intossicazione del corpo e cambiamenti nella composizione del sangue;
  • la diffusione dell'infezione nell'area della fibra retroperitoneale porta alla comparsa di sintomi peritoneali e sensazioni dolorose nella regione lombare;
  • la natura delle feci è irregolare: la stitichezza continua ad alternarsi con la diarrea (le feci dopo la stitichezza producono un odore fetido);
  • Le manifestazioni più dolorose del processo oncologico sono tenesmo: la falsa urgenza di defecare, che si verifica fino a venti volte al giorno e non dà alcun sollievo al paziente, perché dopo di loro si ha la sensazione di un intestino non completamente vuoto;
  • un tumore che ha metastatizzato nel fegato e nella cistifellea porta allo sviluppo dell'ittero;
  • il processo oncologico dell'ultimo stadio porta allo sviluppo di ascite (accumulo di liquido nella cavità addominale) e ingrossamento del fegato.

Altamente differenziato

Il decorso e la prognosi degli adenocarcinomi del colon altamente differenziati sono i più favorevoli, poiché il numero di cellule tumorali nei tumori di questo tipo è minimo.

Le cellule che compongono questo tipo di tumore differiscono dal normale solo nella dimensione dei nuclei leggermente ingrossati. Essendo esteriormente simili alle cellule sane, continuano a svolgere le loro funzioni originali.

Adenocarcinomi altamente differenziati sono caratterizzati da un esito favorevole. Nei pazienti anziani non si osserva né la loro proliferazione né la metastasi ad altri organi. Il tasso di sopravvivenza a cinque anni delle persone nella fascia di età più avanzata è del 50%.

Nei pazienti giovani, al contrario, i casi di recidiva del cancro ghiandolare con la formazione di focolai tumorali secondari entro un anno dall'intervento sono estremamente alti. La tempestività della diagnosi interferisce con la somiglianza delle cellule normali e tumorali, così come la crescita lenta di un tumore maligno.

La sopravvivenza a cinque anni e la possibilità di un completo recupero di tali pazienti è solo del 40%.

Moderatamente differenziato

Neoplasie di questo tipo, che occupano la quarta posizione tra tutti i tumori del cancro del corpo umano, hanno conseguenze più gravi. La crescita dei tessuti tumorali porta al riempimento dell'intero lume intestinale e allo sviluppo dell'ostruzione intestinale.

Un grande tumore può portare alla rottura della parete intestinale e provocare un sanguinamento interno molto forte. Il processo tumorale può innescare la formazione di fistole interorganiche e lo sviluppo di peritonite, peggiorando significativamente il decorso clinico della malattia e la sua prognosi.

Poiché l'adenocarcinoma moderatamente differenziato del colon può rapidamente entrare nella fase a basso differenziato, dovrebbe essere avviato immediatamente. La remissione a lungo termine è possibile solo con la terapia complessa iniziata nelle prime fasi del processo tumorale.

Scarsamente differenziato

L'adenocarcinoma del colon di questo tipo, rilevato in un quinto dei pazienti, è caratterizzato dal più alto grado di aggressività e dal polimorfismo cellulare pronunciato. Rapida crescita e metastasi delle cellule tumorali si osserva nelle primissime fasi del processo oncologico.

Rispetto ai tumori ben differenziati, i tumori scarsamente differenziati che non hanno contorni chiari metastatizzano tre volte più spesso.

Poiché la prognosi del trattamento è estremamente sfavorevole, solo il trattamento sintomatico volto a ridurre la sindrome del dolore viene utilizzato per alleviare la condizione dei pazienti.

metastasi

Gli adenocarcinomi del colon possono metastatizzare sia negli organi adiacenti che in quelli distanti, così come nei linfonodi.

Esistono tre modi per metastatizzarli:

  • linfogeno (osservato nel 60% dei pazienti);
  • ematogena (caratteristica del 10% dei pazienti);
  • impianto (tramite il contatto diretto di una neoplasia maligna con i tessuti della superficie interessata, questo metodo di metastasi rappresenta il restante 30% dei casi).

Quando metastasi di adenocarcinoma del colon nel tessuto degli organi vicini, metastasi a distanza potrebbero non verificarsi. Molto spesso, il fegato e i linfonodi regionali sono interessati, sebbene sia possibile un danno ai tessuti dei polmoni e delle ossa pelviche.

complicazioni

Essendo una malattia estremamente grave, l'adenocarcinoma può portare a una serie di complicazioni estremamente gravi:

  • ostruzione intestinale (osservata nel 40% dei pazienti) a causa della completa sovrapposizione del lume intestinale da parte dei tessuti di un tumore troppo cresciuto;
  • rottura (perforazione) della parete intestinale e grave emorragia interna;
  • germinazione del tumore nel tessuto degli organi adiacenti;
  • la formazione di fistole interorganiche (tra l'intestino crasso e la vescica, la prostata, la vagina, gli ureteri) e l'insorgenza di peritonite;
  • ulcerazione del cancro stesso;
  • invaginazioni (introduzione di una parte dell'intestino in un'altra) dell'intestino;
  • con la sconfitta della metà sinistra dell'intestino crasso, può verificarsi un cambiamento nella forma delle feci (si osservano le cosiddette "feci di pecora" o feci a forma di nastro).

diagnostica

Per identificare i tumori maligni nel colon, viene utilizzata un'intera gamma di procedure diagnostiche e test di laboratorio.

L'inizio della diagnosi è la raccolta di anamnesi. Durante il sondaggio del paziente, il medico riceve informazioni sui reclami esistenti, quindi procede all'esame fisico e alla palpazione dell'addome.

Per chiarire la diagnosi preliminare del paziente è diretto a una radiografia a contrasto e un numero di esami rettali endoscopici.

Foto di colon adenocarcinoma con colonscopia

Il paziente dà:

  • urina (per analisi generale);
  • sangue (per eseguire un'analisi generale, biochimica e test per la presenza di marker tumorali);
  • feci (test per sangue nascosto).

Ecco una breve descrizione dei principali metodi diagnostici:

  • Utilizzando un esame digitale, esaminano la porzione terminale dell'intestino crasso, poiché l'area intorno al canale anale non è molto visibile durante l'esame strumentale. La palpazione rivela la presenza di neoplasie localizzate sulla superficie posteriore della parete dell'intestino affetto.
  • La procedura di sigmoidoscopia consente di esaminare l'area, distante dall'ano di tre decine di centimetri.
  • Uno studio più ampio - la colonscopia - è il metodo più informativo, che consente di considerare tutte le parti del colon.
  • Biopsia: campionamento dei tessuti tumorali (biopsia) per il successivo studio citologico. La biopsia può essere assunta con qualsiasi esame endoscopico. Con l'aiuto di studi di laboratorio di biopsia ottenere le informazioni più importanti per determinare il tipo, lo stadio e il grado di differenziazione di un cancro.
  • Per confermare la diagnosi e chiarire la posizione del tumore, viene eseguita l'irrigoscopia - un esame a raggi X utilizzando una sostanza radiopaca (sospensione di solfato di bario).
  • La risonanza magnetica o la tomografia computerizzata, un metodo diagnostico completamente sicuro, viene utilizzata nei casi in cui l'endoscopia è impossibile (controindicazioni per endoscopia è il sanguinamento intestinale o diverticolosi dell'intestino crasso).
  • L'esame ecografico viene eseguito per identificare la localizzazione del focus del tumore e la presenza di metastasi a distanza. L'ecografia può essere endorettale o percutanea.

trattamento

Quando si sceglie la tattica del trattamento di adenocarcinoma del colon prendere in considerazione la fase e la forma del cancro. Data la sensibilità dell'adenocarcinoma alle radiazioni e l'azione dei farmaci citotossici, il più delle volte ricorre alla terapia di combinazione.

  • L'intervento chirurgico è il metodo principale per trattare l'adenocarcinoma del colon, consistente nella rimozione non solo di un tumore, ma anche dei tessuti metastatici. La preparazione preoperatoria del paziente (3-5 giorni prima dell'operazione) consiste in una dieta priva di scorie, prendendo lassativi ed eseguendo clisteri di pulizia. A volte il lavaggio supplementare del tratto digestivo del paziente viene eseguito con un farmaco speciale Fortrans o lavanda.

In caso di metastasi a distanza, l'operazione viene eseguita per eliminare l'ostruzione intestinale rimuovendo la colostomia.

  • La chemioterapia è utilizzata come metodo terapeutico ausiliario. Per combattere l'adenocarcinoma vengono utilizzate diverse combinazioni di farmaci citostatici: fluorouracile, irinotecan, leucovorin, fluorafur, capecitabina, raltitrexide.
  • L'esposizione alle radiazioni viene spesso utilizzata prima o dopo l'operazione: riduce le dimensioni del tumore e interrompe il processo di metastasi. È usato raramente per il trattamento del cancro ghiandolare, poiché tutte le parti dell'intestino crasso, che sono caratterizzate da un'estrema mobilità, cambiano facilmente la loro posizione ad ogni cambio di postura del paziente.
  • In rari casi, la chemioterapia può essere utilizzata come trattamento indipendente per l'adenocarcinoma non funzionante. Questo per un po 'di tempo ti permette di appianare le manifestazioni di intossicazione da cancro e migliorare le condizioni del paziente gravemente malato.

dieta

Una corretta alimentazione del paziente operato è uno dei fattori per il successo della riabilitazione.

I pazienti con cancro ghiandolare dovrebbero ricevere alimenti freschi e digeribili ricchi di vitamine, sostanze nutritive e minerali.

Tutto il cibo dovrebbe essere leggero, non indugiare nello stomaco, non provocare nausea e flatulenza. La struttura dei piatti preparati dovrebbe contribuire alla rimozione delle feci dal paziente.

Ciò non significa che la dieta del paziente debba essere esclusivamente vegetariana. I nutrizionisti insistono anche sulla necessità di includere piatti a base di carne a basso contenuto di grassi (la carne di coniglio e di pollame è l'ideale).

Principi di una dieta corretta per adenocarcinoma del colon:

  • Mangiare dovrebbe spesso, ma a poco a poco.
  • I pasti dovrebbero essere caldi.
  • Il modo migliore per cucinare il cibo è bollire e cuocere al vapore.
  • Il processo di alimentazione dovrebbe essere senza fretta, coinvolgendo l'accurata masticazione di ogni pezzo: questo faciliterà il processo digestivo.
  • Bere eccessivo è la migliore prevenzione della stitichezza.
  • Dalla dieta del paziente dovrebbero essere esclusi tutti i prodotti che contribuiscono alla fermentazione del coma alimentare (legumi, latticini, pane di lievito, bevande alcoliche).

prevenzione

Considerando che le vere cause del cancro ghiandolare sono ancora sconosciute, è impossibile prevenirne l'insorgenza, tuttavia, la diagnosi precoce di questa malattia e il suo trattamento tempestivo possono salvare la vita del paziente.

Per ridurre il rischio di sviluppare adenocarcinoma del colon, è necessario:

  • Le persone con parenti di sangue affetti da poliposi familiare adenomatosa dovrebbero essere sottoposte a screening (a partire da vent'anni) e indagini annuali.
  • Dopo aver raggiunto i cinquant'anni, sottoporsi a un esame profilattico da parte di un coloproctologo (anche in completa assenza di sintomi allarmanti) almeno una volta all'anno.
  • Trattare tempestivamente tutte le malattie infiammatorie intestinali e rimuovere i polipi.
  • Mangia cibi sani, eliminando completamente gli alimenti grassi e piccanti dalla dieta (mangiando verdure fresche e frutta ricca di fibre, aiuta a normalizzare le feci e previene la stitichezza).
  • I pazienti che hanno subito un intervento chirurgico per rimuovere l'adenocarcinoma dell'intestino crasso devono visitare regolarmente il medico curante: endoscopico (una volta ogni tre mesi viene prescritta una colonscopia o una rectoromanoscopia) e un esame digitale della restante parte dell'intestino crasso, così come l'ecografia degli organi interni (almeno due volte l'anno) aiuterà nel tempo. rilevare un tumore ricorrente e prescrivere un trattamento adeguato.

Adenocarcinoma del colon

Neoplasma che colpisce il colon

L'adenocarcinoma moderatamente differenziato del colon. Pertanto, il trattamento dovrebbe iniziare in tutte le fasi di esso. Sotto questa malattia capiamo il tumore maligno, che va al quarto posto nella prevalenza. In questo caso, si formano nuovi tessuti, utilizzando il riempimento sieroso delle cellule ghiandolari. Ci sono casi in cui un tumore passa nella cavità addominale, passando attraverso l'intestino.

Un segno caratteristico di come l'adenocarcinoma differenziato dei proventi del colon è causa di alta mortalità per questa malattia, poiché è probabile che sia possibile una diagnosi tardiva.

Un tale tumore costituisce l'ottanta percento delle lesioni intestinali, il più delle volte il cieco è interessato. Gli uomini si ammalano più spesso delle donne, con quest'ultima che ha una malattia particolare dopo lo stomaco, il polmone e il cancro al seno. Se hai più di cinquant'anni, dovresti fare il test e preferibilmente farlo regolarmente.

Poiché la malattia ha pochi sintomi, spesso non presta attenzione a tali problemi, ed è difficile identificare una tale malattia, perché il paziente praticamente non sente alcun problema nel corpo.

La classificazione della malattia - le principali differenze

Ci sono varie possibilità per la distribuzione della malattia. Prestare attenzione a come le cellule normali e malate si differenziano. Sono stati rilevati tre tipi di adenocarcinoma del colon. Si tratta di:

  • altamente differenziato;
  • moderatamente differenziato;
  • scarsamente differenziato.

Il cancro si sviluppa su una piccola superficie, ci sono pochissime cellule, quindi il processo della malattia procede tranquillamente e senza il rischio di morte. Si può affermare che l'adenocarcinoma del colon altamente differenziato abbia una prognosi molto favorevole.

Adenocarcinoma altamente differenziato del colon passa senza complicazioni, i tumori sono leggermente ingrossati. A prima vista, sembrano cellule non affette, quindi possono funzionare eseguendo la funzione di questo organo.

Di solito il risultato è sempre favorevole, anche le persone anziane vivono a lungo, perché nessuna cellula cancerosa si forma in altri organi. Le persone vivono almeno 5 anni nel 50% dei casi, se la loro età supera i cinquanta.

Se un giovane si ammala, allora il riemergere delle cellule è alto. Pertanto, se le cellule tumorali sono state trovate in lui, allora è sotto osservazione seria. Dal momento che solo il 5% delle persone può sopravvivere a 5 anni in giovane età o recuperare completamente.

Questo tipo di tumore è al quarto posto nei tumori del cancro, che hanno gravi conseguenze. Le neoplasie riempiono l'organo in modo tale che inizia l'ostruzione intestinale, che di solito induce il paziente a consultare uno specialista.

Esiste il pericolo che grossi blocchi di tumore possano lacerare le pareti dell'organo e questo causa emorragie interne, riempiendo la cavità dello stomaco con i rifiuti corporei. C'è un pericolo nell'aspetto dei buchi. La peritonite si sviluppa, come già accennato, che peggiora la prognosi della malattia.

Pertanto, l'adenocarcinoma moderatamente differenziato del colon ha una prognosi sfavorevole per i pazienti con questa malattia, poiché l'adenocarcinoma moderatamente differenziato del colon cambia facilmente lo stadio e può raggiungere rapidamente l'ultimo stadio. È per questo motivo che la malattia deve essere trattata urgentemente. La remissione è possibile solo con il trattamento di un approccio integrato, quando il tumore è ancora in una fase precoce.

Cinque anni possono vivere con un tumore solo del trenta percento, e se il terzo stadio, quindici, si distendono appena. Pertanto, tutto è collegato a quanto tempo è iniziato il trattamento, a quanto velocemente sono stati rilevati i tumori e, se possibile, sono stati rimossi.

L'adenocarcinoma a basso grado del colon è rilevato nel 20% dei pazienti, in quanto è in grado di comportarsi in modo aggressivo e ha un epitelio brillantemente infetto. Crescono ad un ritmo elevato, hanno un alto grado di metastasi, anche se l'oncologia è stata scoperta.

L'adenocarcinoma del colon di basso grado ha una prognosi che, rispetto al primo tipo, non è molto specifico, dal momento che queste cellule mancano di contorni chiari, sono difficili da rimuovere, danno molto spesso metastasi. Poiché il metodo chirurgico è inutile, il paziente viene trattato sintomaticamente, soprattutto perché l'esito è predeterminato.

Corso di malattia e danni agli organi

L'adenocarcinoma del colon può dare metastasi negli organi più vicini, è possibile anche metastasi ai linfonodi lontani e linfatici. Esistono tre modi per metastasi:

  • linfogenicità, che si verifica nel 60% dei casi;
  • ematogeneità, che caratterizza il dieci percento di chi arriva;
  • impianto, quando l'area interessata entra in contatto con cellule sane, il trenta percento della parte rimanente cade su questi pazienti.

Di solito, il fegato e i linfonodi regionali sono affetti, meno spesso raggiungono i polmoni e le ossa pelviche, poiché le metastasi possono diffondersi a tessuti distanti e non passare.

Complicazioni: come manifestarsi

Poiché questa è una malattia complessa, porta a molte complicazioni gravi. Possiamo parlare di quanto segue:

  • ostruzione - soffre il quaranta percento, poiché il tumore si sovrappone all'intestino;
  • rottura o perforazione della membrana, che porta a sanguinamento all'interno della cavità addominale;
  • le cellule tumorali si formano lì, con le quali entrano in contatto;
  • l'emergere di fori interorganici, per esempio, compaiono nel sistema urogenitale o nella prostata, versando anche nella cavità addominale;
  • le stesse cellule tumorali diventano ulcerate;
  • ristrutturazione del corpo quando una parte del corpo è incorporata nell'altra;
  • cambiamenti nella parte sinistra quando le masse fecali si accumulano formando una sedia sotto forma di nastri.

Diagnosi di disturbo

C'è una sorta di adenocarcinoma chiamato mucinoso. Questo è un tipo di cancro che si manifesta nella fistola rettovaginale e adrettale. Adenocarcinoma mucinoso del colon, la prognosi dopo l'intervento chirurgico di solito mostra uno positivo. L'intervento chirurgico viene eseguito dopo l'esecuzione di una biopsia, estraendo un'intera gamma di muco.

I tumori in questo caso sono piccoli, quindi l'operazione è necessariamente indicata ai pazienti. Dopo l'intervento, l'intestino ritorna normale. Di solito, tutto è rappresentato principalmente dal muco. La prognosi in questo caso è meno favorevole, quindi l'operazione è indicata, altrimenti sono possibili ricadute e la formazione di cellule tumorali in altre parti del corpo.

Si scopre che l'adenocarcinoma mucinoso del colon è l'adenocarcinoma differenziato più pericoloso del colon. Dopo tutto, quindi il muco copre l'intero spazio intestinale, che porta alla stitichezza. Inoltre, esiste ancora il pericolo di una forte metastatizzazione.

Per identificare la malattia utilizzando vari metodi

L'adenocarcinoma mucinoso o anche l'adenocarcinoma delle cellule scure dell'intestino crasso è rappresentato da singole fibre sotto forma di muco, che si formano in piccole sfere e galleggiano lungo il canale, incontrando altre sfere simili e connettendosi con esse. Questo è molto pericoloso, in quanto può rompere il corpo. In questo caso, la previsione non è confortante.

Cancro alla ghiandola

Dividi questo tipo di cancro in quattro tipi. Ecco come è rappresentato:

Adenocarcinoma del colon

L'adenocarcinoma (o carcinoma ghiandolare) del colon è un tumore derivante dalle cellule ghiandolari epiteliali che costituiscono la mucosa intestinale.

Questo è un tipo abbastanza comune di cancro, caratterizzato da un decorso grave e da una diagnosi tardiva. Quest'ultima circostanza è causa di alta mortalità per questa malattia.

motivi

I medici non hanno un'opinione inequivocabile sulle cause del cancro del colon-retto in generale (come tutti i tumori del colon, incluso il cancro del retto) e in particolare l'adenocarcinoma.

  • Tutte le informazioni sul sito sono solo a scopo informativo e NON SONO A manuale per l'azione!
  • Solo il MEDICO può fornirti la DIAGNOSI ESATTA!
  • Ti invitiamo a non fare auto-guarigione, ma a registrarti con uno specialista!
  • Salute a te e alla tua famiglia! Non perdere il cuore

Ci sono una serie di fattori che aumentano il rischio di malattia:

  • tumori benigni (polipi) dell'intestino crasso;
  • carenza di fibre vegetali nella dieta sullo sfondo dell'abuso di carni grasse, piatti speziati, fast food e altri alimenti cancerogeni;
  • fumo e consumo eccessivo di alcol;
  • abuso di prodotti chimici domestici;
  • lavorare nell'industria chimica;
  • predisposizione genetica;
  • lo stress;
  • costipazione cronica;
  • pietre fecali negli intestini;
  • fattori etnici (si stabilisce che, viste le peculiarità dell'alimentazione, gli abitanti dell'Europa orientale e dell'Asia centrale sono particolarmente sensibili ai tumori intestinali
  • ipodynamia (stile di vita sedentario), lavoro sedentario.

Tutti i fattori che violano la peristalsi intestinale e influenzano negativamente la circolazione del sangue nelle sue parti, portano al ristagno delle masse alimentari e alla formazione di condizioni favorevoli per le mutazioni maligne nelle cellule.

Varie lesioni delle mucose dell'intestino causate da malattie come la colite ulcerosa o il morbo di Crohn (infiammazione del tratto digestivo) possono innescare la degenerazione di cellule e tessuti.

sintomi

Come altri tipi di adenocarcinomi, il cancro del colon ghiandolare si sviluppa principalmente negli anziani. Il tipo più comune di patologia maligna di questo tipo è un tumore del colon sigmoideo (la sezione finale dell'intestino crasso).

Il principale pericolo degli adenocarcinomi è che nelle fasi iniziali sono asintomatici nella maggior parte dei casi clinici. Anche nelle fasi di progressione del processo maligno, i sintomi stessi non sono caratteristici dei tumori oncologici. Manifestazioni simili possono causare ulcera peptica e colite e infiammazione cronica delle mucose intestinali.

Le manifestazioni primarie di patologia raramente allarmano i pazienti, specialmente quelli che hanno già avuto problemi con il tratto digestivo. Questo è il motivo per cui uno dei criteri principali per il successo del trattamento dell'Adenocarcinoma del colon è il rilevamento tempestivo dei primi segni di un tumore.

L'attenzione dovrebbe essere rivolta a sintomi quali:

  • debolezza generale, affaticamento, basse prestazioni;
  • dolore addominale ricorrente;
  • violazione della sedia sotto forma di stitichezza o diarrea;
  • riduzione del peso;
  • mancanza di appetito;
  • cambiamento delle abitudini di gusto (potrebbe esserci un'avversione per gli alimenti a base di carne o proteine ​​in generale).

Ad uno stadio tardivo della malattia possono comparire sintomi che già indicano la localizzazione del focus del tumore: sono la presenza di sangue e muco nelle feci, intossicazione generale causata dalla disintegrazione del neoplasma.

A causa dell'avvelenamento da parte di un paziente, il fegato aumenta, la pelle e la sclera degli occhi acquisiscono una colorazione itterica, si osserva gonfiore, nei casi gravi si sviluppa un'ostruzione intestinale e si verifica un sanguinamento intestinale massiccio. Questi segni possono indicare la presenza di metastasi.

diagnostica

Per identificare la malattia, vengono utilizzati metodi diagnostici di laboratorio e hardware. Poiché i sintomi del cancro ghiandolare sono altamente non specifici, un gastroenterologo o un proctologo dovrebbe essere riferito al minimo sospetto di un tumore del tratto digestivo.

Dopo una conversazione preliminare, durante la quale il medico fa una storia dettagliata della malattia, la palpazione rettale dell'intestino viene effettuata ad una certa profondità.

In futuro, è possibile assegnare le seguenti procedure:

  • rectoromanoscopy - una tecnica di diagnostica hardware, che consente di eseguire un'ispezione visiva della parte inferiore del colon. Il dispositivo è un tubo con una fonte di luce. Puoi anche biopsia di tessuto sospetto usando un sigmoidoscopio;
  • la colonscopia è un altro metodo di visualizzazione delle aree remote dell'intestino crasso, più informativo. Una colonscopia può anche prelevare un campione del tumore;
  • irrigoscopia: il metodo è una radiografia dell'intestino con un agente di contrasto. Il metodo permette di studiare i contorni del colon e quando viene rilevato un tumore - la sua forma, dimensione e grado di distribuzione;
  • Ultrasuoni dell'intestino, RM e TC: queste misure diagnostiche consentono di determinare il tipo di neoplasma, per rilevare la presenza di metastasi.
  • esami di laboratorio di sangue, feci, esame di un campione di tessuto (biopsia) ottenuto mediante biopsia.

Qual è la prognosi per un adenocarcinoma altamente differenziato del colon è qui scritto.

trattamento

Il metodo più popolare ed efficace per il trattamento del cancro del colon ghiandolare è la chirurgia.

La radioterapia e il trattamento con farmaci chemioterapici sono usati come tecniche ausiliarie. L'irradiazione e l'uso di farmaci aggressivi possono essere applicati come terapia adiuvante prima dell'intervento chirurgico. Questi metodi sono usati dopo la terapia radicale.

Una varietà di effetti chirurgici dipende dalla posizione del tumore, dal suo diametro, dallo stadio di distribuzione. Se il tumore è piccolo e non si è diffuso oltre l'obiettivo primario, viene eseguita la sua completa eliminazione: allo stesso tempo vengono preservate le capacità funzionali dell'intestino.

Se i tumori raggiungono grandi dimensioni e penetrano nello spessore intestinale, viene praticata la colectomia - la rimozione di una parte significativa del tubo digerente. In alcuni casi, non è possibile mantenere la continuità intestinale: i medici sono costretti a creare una colostomia - un foro di uscita artificiale a cui sono attaccati.

Il tipo più sicuro di operazione è la laparoscopia - eliminazione dei tumori intestinali senza aprire la cavità. L'intervento viene eseguito con alcune forature nella cavità addominale. Dopo una tale operazione, il periodo di recupero è più veloce, inoltre non ci sono quasi cicatrici.

Prognosi per adenocarcinoma del colon

Se la terapia viene avviata immediatamente nella prima fase di adenocarcinoma, la prognosi per la sopravvivenza è relativamente favorevole ed è del 90%. Con il trattamento nel secondo stadio, la probabilità di superare la soglia di sopravvivenza a cinque anni è del 50%. Allo stadio 3, il tasso di sopravvivenza è del 20-30%: solo un terzo dei pazienti supera una pietra miliare indicativa di 5 anni.

Senza trattamento o con trattamento iniziato nella fase di metastasi, la prognosi della malattia è sfavorevole. La morte di solito si verifica entro un anno dall'esordio della malattia.

Nutrizione (dieta)

La terapia dietetica per l'adenocarcinoma del colon è una delle condizioni per il recupero di successo. Spesso, i pazienti che sono sopravvissuti alla rimozione di parte dell'intestino dovrebbero seguire una dieta speciale per tutta la vita.

I principi di base della nutrizione clinica:

  • eliminazione di lunghe pause tra un pasto e l'altro;
  • cibo in piccole porzioni;
  • esclusione dalla dieta di qualsiasi sostanza irritante;
  • valore nutrizionale e contenuto calorico del cibo.

Prodotti utili per qualsiasi tipo di cancro al tratto digerente sono:

  • ortaggi;
  • frutti (specialmente radici gialle, verdi e rosse);
  • verdi;
  • succhi di carote e barbabietole;
  • minestre passate;
  • cereali bolliti di cereali e zucche;
  • carne dietetica bollita;
  • omelette al vapore;
  • ricotta;
  • pane (ma non premium);
  • olio vegetale;
  • tè verde.

I prodotti proibiti sono:

  • zucchero;
  • tè forte;
  • caffè;
  • alcol;
  • cibi fritti;
  • carne rossa;
  • carne affumicata;
  • salsa di pomodoro;
  • condimenti piccanti;
  • funghi;
  • cibo in scatola;
  • grassi animali

Cause, sintomi, diagnosi, trattamento e prognosi per l'adenocarcinoma pancreatico - qui.

Puoi scoprire come trattare l'adenocarcinoma dello stomaco in questo articolo.

Menu di esempio:

Prima colazione: acqua minerale senza gas con succo di limone.
La seconda colazione: frutta e verdura, combinati tra loro, noci, mezza tazza di yogurt.
Pranzo: zuppa di carne in brodo di pollo, insalata di verdure, pesce bollito o piatti a base di carne dietetica.
Pranzo: succo di frutta diluito, pan di spagna integrale.
Cena: verdure al forno, insalata di cereali vegetali germogliati, pasta.
Ora di andare a letto: verdura fresca o succo di frutta.

Video: sul cancro del colon

prevenzione

Purtroppo, non ci sono misure preventive speciali per eliminare completamente la probabilità di sviluppare adenocarcinoma del colon. La nutrizione razionale, il trattamento tempestivo e adeguato di qualsiasi malattia gastrointestinale (soprattutto infettiva e infiammatoria), l'eliminazione di situazioni stressanti, uno stile di vita attivo, la visita di un proctologo e di un gastroenterologo da parte delle persone a rischio contribuiranno a ridurre il rischio di malattia.